Connect with us
Pubblicità

Trento

Ugo Rossi salvato dalla polizia antisommossa, al grido «vergognati».

Pubblicato

-

MORI – Alla fine l’incontro con i cittadini è finito con Ugo Rossi e Tiziano Mellarini scortati dagli agenti anti sommossa che hanno avuto il loro bel da fare per farli uscire incolumi dal municipio di Mori, dove erano entrati di soppiatto dal retro.

La vettura dei due esponenti politici trentini è stata letteralmente assalita e circondata dai manifestanti, che hanno cominciato a gridare slogan di disappunto e un coro di «vergogna» specialmente all’indirizzo del governatore del Trentino Ugo Rossi.

Regista della protesta il comitato «Tribù delle Fratte», fatto da residenti di Mori, che ha alzato gli scudi in modo pacifico contro la costruzione di un opera che «non preserva l’ambiente che la fatica degli uomini hanno edificato nell’ultimo secolo».

Pubblicità
Pubblicità

I lavori, iniziati per mettere in sicurezza la zona, sono stati subito bloccati grazie al presidio del comitato guidato da Rosanna Bazzanella, presidente del comitato che partito in sordina ed è via via cresciuto di forza e come numero.

Sul progetto «vallo tomo» presentato dalla Provincia Autonoma di Trento il comitato ricorda che «aveva avanzato proposte alternative firmate da professionisti validi quanto quelli della protezione civile in quanto anch’essi iscritti agli albi nazionali di categoria e che non sono mai state prese in considerazione perché la posizione dell’amministrazione pubblica è trincerarsi dietro una somma urgenza che di fatto elimina il contraddittorio con il cittadino».

Durante l’incontro non si è assistito ad un vero confronto ma solo ad un monologo di Rossi che ha molto innervosito i presenti. Alla fine, incurante della protesta, Rossi ha affermato che comunque l’opera si farà, lasciando intendere che chi continuerà a intralciare il cantiere verrà fatto sgombrare “dagli organi preposti”.

Pubblicità
Pubblicità

Si profila l’ennesima grave rottura con il Patt del comune di Mori, Cristiano Moiola infatti si è «completamente dissociato» dalle scelte di Ugo Rossi che ha criticato per essersi presentato due mesi in ritardo a Mori, con l’unico scopo di salvare l’assessore Mellarini a cui la cosa è sfuggita di mano.

«Un presidente – dichiara Moiola – che durante l’incontro è stato incapace di comprendere le ragioni della cittadinanza di Mori e che si è comportato con arroganza e presunzione a tal punto da  far innervosire i presenti. Ci vergogniamo profondamente dell’atteggiamento dei nostri amministratori provinciali e comunali».

Per l’anima del partito autonomista guidata dal tandem Rossi Panizza un altro duro colpo che conferma dei sinistri scricchiolii che dopo il tonfo del SI al referendum sanno di crepe ormai insanabili.

Arriva anche la solidarietà dei sindacati di base, «L’Associazione Inquilini e Abitanti e l’Unione Sindacale di Base del Trentino solidarizza e appoggia pienamente la lotta della Tribù delle Fratte, – si legge in un nota –  un gruppo apolitico e apartitico di Mori che sta da oltre dieci giorni lottando e resistendo al freddo e alle minacce politiche di sgombero e di denunce, per salvaguardare un bene architettonico non che culturale locale, i terrazzamenti di muro a secco (tra l’altro arte quella della muratura a secco ormai dimenticata e attualmente incentivata dalla stessa PAT)».

«La lotta della tribù delle Fratte di Mori ha permesso la sospensione dei lavori della costruzione di un costoso vallo tomo (una specie di pattumiera che raccoglie sassi frananti) inefficace come progettato, distruttivo ma di certo utile nell’ingrassare il solito giro di amici di qualche politico. La tribù condanna la Provincia di non aver colto altre idee o finanziato la ricerca di altri validi progetti risolutivi, la quale dichiara sempre che il progetto ultimo è solo quello provinciale e che la ricerca di altri progetti deve essere economicamente coperta (parliamo di probabili 150000 euro) dai cittadini individualmente e non dalle istituzioni»conclude la nota dei sindacati di base.

Il video della contestazione

Pubblicità
Pubblicità
Pubblicità
Pubblicità

  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Affitto con riscatto, un’ottima opportunità per acquistare casa
    Una possibile alternativa per acquistare casa potrebbe essere l’affitto con riscatto. Negli ultimi anni, la mancanza di liquidità, le garanzie delle banche sempre più stringenti e gli alti tassi di intesse, incidono negativamente sull’acquisto di... The post Affitto con riscatto, un’ottima opportunità per acquistare casa appeared first on Benessere Economico.
  • Attivata la seconda sessione di contributi a fondo perduto per Associazioni sportive, come funziona
    Dopo i danni subiti dalle associazioni sportive a causa delle restrizioni dovute all’emergenza covid, il Dipartimento per lo Sport della Presidenza del CdM ha destinato un fondo di 50 milioni per Ssd e Asd. Contributi... The post Attivata la seconda sessione di contributi a fondo perduto per Associazioni sportive, come funziona appeared first on Benessere […]
  • Reddito di libertà, attivata la procedura per l’invio delle domande
    Dopo l’annuncio di qualche mese fa, il reddito di libertà ora è pronto per essere erogato a tutte le donne in difficoltà e vittime di violenza. Reddito di libertà, cos’è La misura che prevede un... The post Reddito di libertà, attivata la procedura per l’invio delle domande appeared first on Benessere Economico.
  • Bonus idrico pronto, ma sito offline: le domande al via dal 2022
    Manca poco all’arrivo del Bonus idrico che permette di ricevere un rimborso di 1000 euro per chi sostituisce rubinetti di bagno e cucina. Ad oggi anche se sembra tutto pronto per l’avvio della nuova agevolazione,... The post Bonus idrico pronto, ma sito offline: le domande al via dal 2022 appeared first on Benessere Economico.
  • Il futuro corre verso un’economia circolare: nuovi modelli di rigenerazione e sviluppo
    Il futuro dell’economia, dovrà evolversi tenendo conto della missione che ormai accomuna tutti gli stati del mondo, la sostenibilità. Di fatto, per avvicinarsi verso un’economia circolare che riduca la produzione dei rifiuti, garantisca uno sviluppo... The post Il futuro corre verso un’economia circolare: nuovi modelli di rigenerazione e sviluppo appeared first on Benessere Economico.
  • Boom di adesioni per il Bonus Terme, cosa possono fare gli esclusi
    Dopo le difficoltà iniziali, il Bonus terme ha riscontrato un a grande affluenza, tanto da esaurire i fondi nel giro di poche ore. Un boom di adesioni che però ha lasciato milioni di italiani esclusi... The post Boom di adesioni per il Bonus Terme, cosa possono fare gli esclusi appeared first on Benessere Economico.

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

  • Pubblicità
    Pubblicità

Necrologi

Categorie

di tendenza