Connect with us
Pubblicità

Trento

Stravince il popolo dei NO, Renzi annuncia le dimissioni

Pubblicato

-

l premier Matteo Renzi annuncia le dimissioni dopo la sconfitta nel referendum costituzionale: «Ho perso e a saltare è la mia poltrona. L’esperienza del governo è finita e nel pomeriggio salgo al Colle per dimettermi».

«Volevo tagliare le poltrone della politica e alla fine è saltata la mia» – ha aggiunto e naturalmente «Mi assumo tutte le responsabilità»

 «Si può perdere un referendum, ma non si perde il buon umore. Io ho perso e lo dico a voce alta, nella politica italiana non perde mai nessuno. Io credo nella democrazia, andiamo via senza rimorsi- ha aggiunto-. Mi assumo tutte le responsabilità della sconfitta e dico agli amici del Sì che ho perso io, non voi. Tutto il Paese sa di poter contare su un guida autorevole e salda come quella del presidente Mattarella. Il governo – ha assicurato il premier – sarà al lavoro nei prossimi giorni per assicurare l’iter della legge di bilancio e seguire i provvedimenti sul post sisma. Qui in questa sala saluterò il mio successore, chiunque egli sarà, e gli consegnerò la campanella e il dossier delle cose che restano da fare». 

Pubblicità
Pubblicità

Queste le prime parole pronunciate verso mezzanotte dal premier Renzi dopo che ormai la sconfitta era quasi sicura. Vincono i NO con il 59,50% i SI si fermano solo al 40,05%. Un scarto questo che nessuno avrebbe potuto immaginare. Anche se i primi dati dell’affluenza davano il NO al massimo dell’ottimismo.

Poche le piazze dove si è festeggiato, ma quella dei NO è una lunga marcia degli invisibili che non credono più ai leader. È un’Italia che boccia la riforma della Costituzione proposta da Matteo Renzi con il No che sfiora il 60%. Ma è un voto che svela nel nostro Paese l’esistenza di un popolo della rivolta che ha bocciato la riforma e l’establishment di governo. È un popolo della rivolta espressione dello stesso disagio che in Gran Bretagna ha prodotto la Brexit, negli Stati Uniti ha portato alla Casa Bianca Donald J. Trump ed ora coglie un successo nell’Europa continentale che fa cadere il governo di uno Stato fondatore dell’Ue.

Matteo Renzi ha confidato, «non credevo che in così tanti mi odiassero», ma crediamo che non si tratti di odio, ma bensì della consapevolezza da parte degli italiani che il suo governo ha fallito su tutto e che soprattutto si è insediato senza essere votato da nessuno. Questo forse ha fatto la differenza. 

Pubblicità
Pubblicità

Una tornata elettorale che ha avvicinato nuovamente i cittadini alla politica con un’affluenza del 68,48% e che ha visto in tutte le regioni del nord superare il 73% con il Veneto regione record con il 76,66%. Al sud si è votato meno con una media fra le regioni che ha superato la media del 60%. La Calabria è risultata essere il fanalino di coda con il 54,43%.

Sorpresa anche nella nostra regione dove hanno vinto i NO con il 54% e dove i SI si sono fermati al 45,70%. La vittoria dei NO in Trentino lancia un nuovo scenario politico dimostrando la debolezza della maggioranza di centro sinistra autonomista.

Infatti gli elettori del Trentino (76,83% quelli che si sono recati alle urne) non hanno seguito le indicazioni dei propri partiti che sono quindi andati in minoranza. A Castel Condino con l’84,44% è stato il paese dove si è votato di più, maglia nera a Daiano con il 63,13% di votanti. A Trento ha votato il 77,06% a Rovereto il 75,58%. Per PATT – UPT e PD, i tre partiti che hanno sostenuto il SI, una sconfitta cocente che apre nuovi orizzonti nella nostra regione. Con questo risultato si va avanti come prima, cioè con la nostra autonomia che rimane blindata.

Mattarella riceverà Matteo Renzi già oggi per valutare con lui i passi da compiere. Dopo la riunione del Consiglio dei ministri, il premier salirà al Colle e a quel punto due saranno le strade possibili. Se Renzi, nonostante la ferma volontà annunciata, ascolterà l’invito del presidente a rifletterci e a verificare l’esistenza di una maggioranza, almeno per completare l’iter della legge di bilancio e riformare la legge elettorale, il premier sarà rinviato alle Camere per chiedere una nuova fiducia.

Mattarella infatti non ritiene che una bocciatura a una consultazione referendaria comporti la caduta del governo. Ma tale ipotesi sembrerebbe a questo punto da escludere. Se Renzi intende confermare, come ha detto chiaramente stanotte dopo il voto, le sue dimissioni irrevocabili, a quel punto il Capo dello Stato non potrà che prenderne atto e si aprirà ufficialmente una crisi di governo.

Matteo Salvini, il primo a parlare già dopo il primo exit pool, ha confermato di voler subito andare al voto, «è la vittoria del popolo contro i poteri forti – ha detto – ora Renzi deve dimettersi». Sulla stessa linea Giorgia Meloni, più cauti invece i vertici di Forza Italia.

«Gli Italiani, – ha commentato Claudio Taverna presidente del comitato del NO – con il voto di ieri, hanno riaffermato,  accorrendo molto numerosi ai seggi (in percentuale da nessuno pronosticata) la loro sovranita’ sia interna che esterna.
Interna perche’ hanno impedito la sottrazione del loro diritto al voto per un senato nominato , esterna perché hanno evitato ulteriore cessione di sovranita’ alla UE. É la vittoria del popolo contro i poteri forti della finanza internazionale e delle banche. L’alta affluenza alle urne é la dimostrazione che in gioco c’era qualcosa di piu’ importante che il successo di un partito, ma la difesa della sovranita’ nazionale. In Trentino, la vittoria del No é la sconfessione del centrosinistra autonomista, di Dellai, del Patt e del PD tutti schierati per il SI. Per noi impegnati per il NO la soddisfazione di aver interpretato la mente e la “pancia” della gente».

Pubblicità
Pubblicità
Pubblicità
Pubblicità

  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

  • L’idea di rifugio si evolve in sostenibilità, design e tradizione
    Il giusto equilibrio tra sostenibilità, design e tradizione prende forma grazie all’innovativo progetto di due architetti italiani che, reinterpretando l’idea tradizionale di rifugio hanno progettato e realizzato “ The Mountain Refuge”. Si tratta di una piccola capanna modulare dalla forma semplice e minimale che vuole rievocare l’archetipo tradizionale mediante composizioni innovative e contemporanee. La struttura […]
  • Lindt realizza il sogno di ogni bambino: apre in Svizzera la Home of Chocolate
    La Lindt Home of Chocolate, in italiano “Casa del Cioccolato“, avrebbe dovuto aprire le porte al pubblico lo scorso maggio ma, a causa della pandemia di Covid-19 che sta ancora affliggendo la popolazione mondiale, Lindt ha dovuto rimandare questo dolce e atteso appuntamento al 10 settembre 2020. Questa Casa del Cioccolato, situata nella sede di Lindt& Sprüngli […]
  • Internet supera i confini del deserto con 30 palloni aerostatici
    Dal mondo della tecnologia arriva il primo passo verso una società più equa. Il 4G supera i confini del deserto e arriva in Kenya grazie a 30 palloni aerostatici alimentati ad energia solare per garantire una copertura di rete a 14 contee keniote altrimenti isolate. L’iniziativa è frutto di un accordo tra la compagnia telefonica […]
  • Percorso Kneipp: concludere le vacanze in Trentino in totale relax
    La strana e tanto discussa estate 2020 sta per giungere al termine. E, se ci si trova in Trentino Alto-Adige, cosa si può fare per concludere al meglio la propria vacanza? Una delle tappe da non perdere è sicuramente il Percorso Kneipp, Centro situato in Val di Rabbi, per la precisione nella Frazione S. Bernardo. Il […]
  • In Giappone trionfano le vacanze covid – Free, di girare il mondo su un aereo ma con la realtà virtuale
    Per ottemperare alle rigide restrizioni imposte per abbattere la pandemia da Coronavirus garantendo contemporaneamente l’emozione del viaggio in aereo, una compagnia aerea giapponese ha riconvertito la propria offerta proponendo ai clienti  eccentriche vacanze virtuali a bordo di aerei finti con occhiali per la realtà virtuale. L’ideatrice di questo stravagante progetto è la Tokyo First Airlines, che permette […]
  • Si viaggerà ad idrogeno anche in Italia: dal 2021 al via i nuovi treni
    Negli ultimi anni, le soluzioni green per il trasporto pubblico si sono moltiplicate e concretizzate sempre di più attraverso la produzione di treni riciclabili a basse emissione oppure con l’entrata in servizio di Bus ibridi. A questo si aggiunge l’ultimissimo accordo siglato tra uno dei maggiori colossi di infrastrutture energetiche, Slam e una delle più […]
  • La Nasa riprogramma la strada verso la Luna testando “il razzo più potente di sempre”
    Dopo l’ultima missione di Apollo del 1972, l’agenzia aerospaziale americana Nasa si prepara a riportare l’uomo sulla Luna, testando nel deserto di Utah quello che ha definito “ il razzo più potente di sempre”, lo Space Launch System. Questo razzo farà parte della missione Artemide che in un solo lancio riuscirà a portare l’equipaggio insieme […]
  • Petit Pli: il vestito che cresce insieme ai bambini
    I bambini crescono rapidamente e spesso i loro vestitini hanno vita molto breve diventando stretti o troppo piccoli. Un’ulteriore costo che incide sulle tasche delle famiglie e dell’ambiente. A risolvere questo problema ci ha pensato il designer Ryan Yasin attraverso dei tessuti elastici che adattandosi perfettamente al corpo riescono a coprire ben 6 differenti taglie. […]
  • Scuole sanificate con robot a raggi UV: in Gran Bretagna le scuole sono a prova di virus
    Mentre in Italia ci si interroga ancora su come e quando aprire le scuole in vista dei rientri in classe degli studenti, in alcuni Istituti della Gran Bretagna anche la robotica entra in servizio per accelerare e favorire il rientro in sicurezza di bambini e ragazzi. Infatti, nelle ultime settimane per rendere tutte le superfici […]

Categorie

di tendenza