Connect with us
Pubblicità

Italia ed estero

Rivolta degli immigrati a Torino, situazione critica: «Allah ci guiderà nella vendetta»

Pubblicato

-

Mercoledì sera era scoppiata la rivolta dopo lo scoppio di tre bombe molotov lanciate da ignoti all’interno del «Moi», il villaggio olimpico di Torino che doveva essere il fiore all’occhiello della città della Mole e che invece è diventato covo di spacciatori, di droga, prostituzione e che conta circa 1.600 clandestini abusivi che ormai stazionano da anni dentro la struttura bandita alle forze dell’ordine.

Ma la rivolta  non accenna a spegnersi, anche per l’intervento dei residenti del quartiere che ormai sono all’estremo della sopportazione.

Ieri sera durante il servizio del programma «dalla vostra parte» alcune immagini girate all’interno del villaggio sono raccapriccianti in termini di degrado.  Le forze dell’ordine hanno detto chiaramente che è impossibile sgombrare la struttura visto l’alto numero di clandestini presente al suo interno. La situazione è ormai fuori controllo 

Pubblicità
Pubblicità

Contraddizione e incongruenza, tutti gli oltre 1.500 «abusivi» sono vestiti con capi di marca e possiedono cellulari molto costosi, questo è emerso ieri sera nel servizio della giornalista di rete 4 Silvia Vada. 

Anche l’Italia ha la sua banlieue pronta ad esplodere quindi ed è l’ex villaggio olimpico di Torino, dove si è scatenata una guerra civile tra residenti e immigrati al grido «Allah ci guiderà nella vendetta».

Centinaia di africani sono scesi in strada per protestare contro le condizioni in cui si trovano a vivere: “Gli italiani sono razzisti, la polizia ci controlla e non ci difende”. A scatenare la rabbia dei quasi 1.500 migranti, di cui molti clandestini, sono state tre bombe – carta lanciate contro le palazzine del Moi in cui abitano. “Ci insultavano: venite giù scimmie, venite giù bastardi – accusano gli immigrati, secondo quanto riferisce La Stampa -. E poi ci sono stati gli scoppi e noi abbiamo pensato che stavamo per morire tra le fiamme e le bombe. Ma qualcuno è sceso lo stesso. E quelli hanno continuato ad insultarci”“Siamo nulla per questa città – spiega un ragazzo del Camerun -. Siamo nel mirino di gente che non capisce che anche noi siamo ragazzi e vorremmo una vita decente”.

Pubblicità
Pubblicità

Povertà, emarginazione, razzismo, violenza: un mix esplosivo che rischia di regalare un pezzo di città all’Islam radicale, quello che occhieggia all’Isis e al fondamentalismo jihadista. Tra i ragazzi, molti ventenni, c’è chi lavora in nero, chi si arrangia, chi spaccia, chi semplicemente non fa nulla, per tutto il giorno. “Voi italiani adesso dite ai vostri figli che non siamo cani. Teneteli tranquilli, perché la nostra pazienza prima o poi finirà. E allora anche noi andremo a prendere latte di benzina da lanciare contro le vetrine”, è la minaccia di un giovane africano.

Si fa strada la legge del taglione: “Un morto nostro, un morto degli altri”, grida chi pensa alla strage di Parigi al Bataclan come “la vendetta degli esclusi”.

Pubblicità
Pubblicità

Pubblicità
Pubblicità

  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

  • Come cambia il lavoro post-covid, le tendenze secondo il report McKinsey
    L’anno del Covid è stato anche l’anno dello smart working, un’autentica rivoluzione per molti lavoratori e l’Istituto Mckinsey fa luce sulle trasformazioni a cui il mondo del lavoro dovrà adeguarsi. Il report Mckinsey Alla crisi... The post Come cambia il lavoro post-covid, le tendenze secondo il report McKinsey appeared first on Benessere Economico.
  • Il Revenue management per il turismo, una soluzione di successo
    Le dinamiche di internet hanno ormai cambiato le logiche di progettazione e di prenotazione della vacanza. A questo, si aggiungono gli sconvolgimenti finanziari che sono alla base delle crisi economiche innescando meccanismo viziosi. Il mercato... The post Il Revenue management per il turismo, una soluzione di successo appeared first on Benessere Economico.
  • Verso la YOLO Economy, rischiare per cambiare lavoro: i motivi e i settori emergenti
    Il mondo cambia in fretta, a volte più velocemente di quanto previsto. In questo senso l’arrivo del Covid ha straordinariamente accelerato tutti i processi: da quelli economici, ai naturali fino a quelli lavorativi. Il lavoro... The post Verso la YOLO Economy, rischiare per cambiare lavoro: i motivi e i settori emergenti appeared first on Benessere […]
  • Il ritorno alla terra: ISMEA, un bando per agevolare i giovani imprenditori agricoli
    Negli ultimi anni gli imprenditori agricoli under 35 sono aumentati del 12%. Per facilitare questa transizione verso la terra esistono possibilità come ISMEA che permette di aiutare, anche economicamente i giovani che scelgono questa strada.... The post Il ritorno alla terra: ISMEA, un bando per agevolare i giovani imprenditori agricoli appeared first on Benessere Economico.
  • Addio alle buste delle bollette: un trucco per risparmiare
    La svolta crescente dell’online parla anche di risparmio e sostenibilità ecco perché le bollette cartacee sono ormai superate. L’arrivo del digitale ha convertito molti utenti ad entrare nel circuito delle bollette online, pagabili su rete... The post Addio alle buste delle bollette: un trucco per risparmiare appeared first on Benessere Economico.
  • Lotta all’evasione: arrivano gli “agenti 007” del fisco
    L’Agenzia delle Entrate rinforza l’organico e assume due mila “ agenti segreti” per potenziare la lotta all’evasione. Con i fondi del Recovery Fund arriveranno anche nuove assunzioni mirate proprio a rinforzare il campo della lotta... The post Lotta all’evasione: arrivano gli “agenti 007” del fisco appeared first on Benessere Economico.
  • Un ponte sottomarino galleggiante: l’incredibile scommessa della Norvegia
    Un tunnel che galleggia a mezz’acqua nel mezzo di un fiordo, con macchine che sfrecciano su entrambe le direzioni e poco sotto un abisso blu profondo oltre mille metri. Si tratta della scommessa della Norvegia, un progetto avveniristico essenziale per superare il principale problema di trasporto nel Paese. Lo studio realizzato da un team di […]
  • E’ consigliabile scegliere letture rilassanti, leggere brutte notizie fa male
    Leggere cattive notizie fa male. L’espressione che descrive la tendenza di continuare a guardare e navigare ossessivamente tra le notizie cattive anche se risultano tristi scoraggianti o deprimenti è stata rinominata dall’inglesismo: Doomscrolling. Il termine è composto da due parole: “doom” che riporta a tutto ciò che è catastrofico e, “ scrolling” si riferisce al […]
  • Le foreste rinascono dai fondi del caffè
    Troppe volte siamo stati abituati a gettare cose che, a differenza dall’aspetto, possono essere davvero utili per le persone, la natura e la vita. Così come risveglia milioni di persone in tutto il mondo, esattamente lo stesso può fare con le foreste: Il caffè o meglio il suo scarto può infatti essere davvero utile per […]
  • Vigilius Mountain Resort, dove purificarsi dallo stress della vita quotidiana
    Niente automobili, nessun rumore, niente stress. Solo natura e pace. Non ci sono strade che portano al Monte San Vigilio, si arriva solo dopo una breve salita in funivia. Qui l’aria sa di larice e di libertà. L’hotel a 5 stelle vigilius mountain resort si accoccola nella natura, diviene tutt’uno con essa, così semplice e […]

Categorie

di tendenza