Connect with us
Pubblicità

Il Punto da Bruxelles

Herbert Dorfmann:«La difesa comune europea non può più attendere»

Pubblicato

-

Con la vittoria di Donald Trump alle elezioni statunitensi, l’Unione europea si trova, per la prima volta dalla fine della seconda guerra mondiale, di fronte al dilemma di come provvedere alla propria sicurezza. 

Dal 1949 ad oggi, gli Stati Uniti, attraverso l’ombrello della NATO, sono stati corresponsabili per la sicurezza in Europa. Resta, però, ancora da vedere se la nuova amministrazione continuerà in questa direzione.

Già durante la campagna elettorale, Trump ha messo abbondantemente in chiaro che la sicurezza europea non è tra le sue priorità di politica estera. Ha più volte minimizzato l’importanza strategica della NATO, accusando i paesi europei di non avere contribuito sufficientemente all’alleanza, e ha fatto intendere che, con lui presidente, gli Stati Uniti valuteranno di volta in volta se intervenire in difesa degli alleati.

Pubblicità
Pubblicità

Non ha tutti i torti. Negli anni passati, gli stati europei hanno ridotto di anno in anno il loro budget per la difesa, affidandosi, forse troppo, all’impegno economico e organizzativo degli americani all’interno della NATO.

Per l’Europa, l’elezione di Trump rappresenta una chiamata forte e chiara a prendere in mano le redini della propria politica di difesa. Il progetto di una difesa comune europea aveva già ripreso vigore dopo il referendum sulla Brexit. Lo scorso 28 giugno, infatti, l’Alto rappresentante dell’Unione, Federica Mogherini, aveva presentato al Consiglio europeo la “Strategia globale dell’Unione europea per la politica estera e di sicurezza”, un documento programmatico che prevede, tra le altre cose, una maggior integrazione dei paesi europei nel settore della sicurezza e della difesa.

Lunedì, in un incontro con i ministri degli Esteri e della Difesa dell’Unione europea, Mogherini ha presentato le prime proposte concrete per mettere in atto la strategia globale dell’Unione. Un piccolo passo in avanti verso una difesa comune europea, dopo anni di discussioni e tentativi a vuoto, a causa dell’opposizione del Regno Unito, che si è sempre rifiutato di avallare l’istituzione di un organismo parallelo alla NATO.

Pubblicità
Pubblicità

L’obiettivo è, per ora, limitato: non si tratta di creare un esercito comune, che, peraltro, non ha neanche la NATO, e neppure di difendere il territorio europeo. Con le nuove proposte si punta, piuttosto, a sfruttare appieno tutti gli strumenti previsti dai trattati e a sviluppare nuove capacità europee, per far fronte alla rinnovata minaccia del terrorismo e per intervenire nelle guerre in corso nei paesi vicini.

Mogherini avrà tempo fino alla prossima primavera per presentare un piano dettagliato. Nel documento di lunedì, si fa riferimento a una collaborazione tra gli Stati membri nell’industria della difesa, all’impiego dei cosiddetti “battlegroups”, i gruppi di combattimento multinazionali pronti a partire in una decina di giorni per i luoghi dove c’è una situazione di crisi, e, più in generale, a un maggiore sforzo finanziario da parte dei governi e allo sviluppo di una cooperazione rafforzata in materia di difesa, che permetta di decidere a maggioranza qualificata, liberandosi così dal freno dell’unanimità, che ancora vige in questo settore.

In particolare, per quanto riguarda i “battlegroups” europei, va notato che ne esiste già uno, l’Eurocorps, che ha sede a Strasburgo. Potremmo cominciare proprio da qui, dando a questa forza di intervento un ruolo maggiore rispetto a quello attuale.

Il clima è maturo per questi sviluppi. Lo spettro della fine della protezione americana dovrebbe convincere anche gli Stati membri finora contrari a una maggiore integrazione, come la Polonia, a rivedere le loro posizioni e a sostenere uno sforzo comune in ambito militare.

Paradossalmente, in un momento in cui l’esistenza stessa dell’Unione europea è messa in discussione, i cittadini europei necessitano più che mai di un’Unione forte. Nessuno Stato membro dispone, infatti, né della forza né delle risorse necessarie per affrontare da solo le minacce all’interno e all’esterno delle proprie frontiere.

A cura di Herbert Dorfmann, Europarlamentare eletto nel collegio del Trentino Alto-Adige

Pubblicità
Pubblicità

Pubblicità
Pubblicità

  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

  • Una Borsa Nazionale del Legno per sopperire la mancanza di materie prime
    Quella del legno è una filiera in affanno, alla costante ricerca di materie prime che scarseggiano o costano troppo per fronteggiare una domanda in costante ascesa. Carenza di materie prime La domanda supera l’offerta a... The post Una Borsa Nazionale del Legno per sopperire la mancanza di materie prime appeared first on Benessere Economico.
  • Contratto di rioccupazione e sgravi contributivi: le novità proposte dal Decreto Sostegni Bis
    In attesa della prima scadenza a fine giugno del blocco dei licenziamenti, per dare una spinta all’occupazione e scongiurare un boom di licenziamenti, il Governo sta pensando ad un “contratto rioccupazione”. Contratto di rioccupazione, cos’è... The post Contratto di rioccupazione e sgravi contributivi: le novità proposte dal Decreto Sostegni Bis appeared first on Benessere Economico.
  • Il turismo enogastronomico cresce anche in pandemia : le tendenze e i cambiamenti del prossimo futuro
    Le esperienze enogastronomiche sono ormai parte integrante dell’esperienza turistica offerta dal nostro Paese, tanto che il covid non è riuscito a fermare la sua potenza economica e il suo appeal commerciale. Rapporto sul Turismo Enogastronomico... The post Il turismo enogastronomico cresce anche in pandemia : le tendenze e i cambiamenti del prossimo futuro appeared first […]
  • Recuperare e riconvertire gli edifici dismessi: un’opportunità per il turismo
    Sicuramente, uno dei settori più colpiti dalla pandemia è stato quello del turismo. Per questo motivo sono stati stanziati 130 milioni di euro da investire nel settore, valorizzando i servizi di ospitalità collegati alla trasformazione... The post Recuperare e riconvertire gli edifici dismessi: un’opportunità per il turismo appeared first on Benessere Economico.
  • Dichiarazione redditi precompilata: quando scattano i controlli e come evitarli
    Dal 10 maggio l’Agenzia delle Entrate ha reso disponibile, nella sezione dedicata del sito internet, la dichiarazione dei redditi precompilata. Solo dal 19 maggio sarà invece possibile modificare, integrare ed inviare la Dichiarazione. In alcuni... The post Dichiarazione redditi precompilata: quando scattano i controlli e come evitarli appeared first on Benessere Economico.
  • Nasce Open-Es: la piattaforma per lo sviluppo sostenibile aperta a tutte le imprese
    Il tema del cambiamento climatico, obiettivo mondiale per i prossimi anni ha ribaltato l’intera economia compresa di piccoli investitori costretti ad organizzarsi verso il nuovo cambiamento. Questo è il motivo che ha spinto Boston Consulting... The post Nasce Open-Es: la piattaforma per lo sviluppo sostenibile aperta a tutte le imprese appeared first on Benessere Economico.
  • Hotel Sonnenhof: un’oasi di wellness in una location strategica
    Hotel Sonnenhof si trova sulla strada del sole della Val Pusteria e spicca per un design alpino-moderno, un’oasi del wellness semplicemente stupenda e un panorama che non ha eguali. Il nome di questo hotel di Brunico è tutto un programma: soleggiata, infatti, non è solo la posizione del Hotel Sonnenhof – wellness hotel in Alto […]
  • Al Hotel Winkler al Plan de Corones il concetto di vacanza trova un altro livello
    L’Hotel Winkler al Plan de Corones non è un hotel qualsiasi, si tratta infatti di un hotel benessere in Alto Adige con 5 stelle, ma anche uno sport hotel nelle leggendarie Dolomiti, un family resort che propone tanto spazio per grandi e piccoli, un design hotel nel cuore della natura. La particolarità di questo hotel […]
  • Purmontes: uno chalet di lusso in Alto Adige
    Naturale. Autentica. Contemporanea. Senza tempo. Pregiata. Questi sono gli aggettivi che definiscono il nuovo modo d’intendere un’esperienza di villeggiatura esclusiva, nello chalet Purmontes, uno chalet di lusso in Alto Adige. Purmontes spicca per un concetto unico che fonde l’uomo e la natura in un Tutto armonioso. La modernità è sapientemente combinata al passato, le tradizioni […]
  • Hotel Lanerhof, in Val Pusteria per rilassarsi con ogni comfort
    “Sempre sorprendente, sempre diverso, sempre unico e assolutamente indimenticabile. Questa è la vera vacanza all’Hotel Lanerhof, alle porte delle Dolomiti!” Situato nel pittoresco paesino di Mantana, un luogo delizioso dove è possibile ritirarsi in totale distensione per godersi al meglio la magia della varietà. In questo hotel in Val Pusteria è possibile fare esperienze esclusive […]

Categorie

di tendenza