Connect with us
Pubblicità

Il Punto da Bruxelles

Herbert Dorfmann:«La difesa comune europea non può più attendere»

Pubblicato

-

Con la vittoria di Donald Trump alle elezioni statunitensi, l’Unione europea si trova, per la prima volta dalla fine della seconda guerra mondiale, di fronte al dilemma di come provvedere alla propria sicurezza. 

Dal 1949 ad oggi, gli Stati Uniti, attraverso l’ombrello della NATO, sono stati corresponsabili per la sicurezza in Europa. Resta, però, ancora da vedere se la nuova amministrazione continuerà in questa direzione.

Già durante la campagna elettorale, Trump ha messo abbondantemente in chiaro che la sicurezza europea non è tra le sue priorità di politica estera. Ha più volte minimizzato l’importanza strategica della NATO, accusando i paesi europei di non avere contribuito sufficientemente all’alleanza, e ha fatto intendere che, con lui presidente, gli Stati Uniti valuteranno di volta in volta se intervenire in difesa degli alleati.

Pubblicità
Pubblicità

Non ha tutti i torti. Negli anni passati, gli stati europei hanno ridotto di anno in anno il loro budget per la difesa, affidandosi, forse troppo, all’impegno economico e organizzativo degli americani all’interno della NATO.

Per l’Europa, l’elezione di Trump rappresenta una chiamata forte e chiara a prendere in mano le redini della propria politica di difesa. Il progetto di una difesa comune europea aveva già ripreso vigore dopo il referendum sulla Brexit. Lo scorso 28 giugno, infatti, l’Alto rappresentante dell’Unione, Federica Mogherini, aveva presentato al Consiglio europeo la “Strategia globale dell’Unione europea per la politica estera e di sicurezza”, un documento programmatico che prevede, tra le altre cose, una maggior integrazione dei paesi europei nel settore della sicurezza e della difesa.

Lunedì, in un incontro con i ministri degli Esteri e della Difesa dell’Unione europea, Mogherini ha presentato le prime proposte concrete per mettere in atto la strategia globale dell’Unione. Un piccolo passo in avanti verso una difesa comune europea, dopo anni di discussioni e tentativi a vuoto, a causa dell’opposizione del Regno Unito, che si è sempre rifiutato di avallare l’istituzione di un organismo parallelo alla NATO.

L’obiettivo è, per ora, limitato: non si tratta di creare un esercito comune, che, peraltro, non ha neanche la NATO, e neppure di difendere il territorio europeo. Con le nuove proposte si punta, piuttosto, a sfruttare appieno tutti gli strumenti previsti dai trattati e a sviluppare nuove capacità europee, per far fronte alla rinnovata minaccia del terrorismo e per intervenire nelle guerre in corso nei paesi vicini.

Mogherini avrà tempo fino alla prossima primavera per presentare un piano dettagliato. Nel documento di lunedì, si fa riferimento a una collaborazione tra gli Stati membri nell’industria della difesa, all’impiego dei cosiddetti “battlegroups”, i gruppi di combattimento multinazionali pronti a partire in una decina di giorni per i luoghi dove c’è una situazione di crisi, e, più in generale, a un maggiore sforzo finanziario da parte dei governi e allo sviluppo di una cooperazione rafforzata in materia di difesa, che permetta di decidere a maggioranza qualificata, liberandosi così dal freno dell’unanimità, che ancora vige in questo settore.

In particolare, per quanto riguarda i “battlegroups” europei, va notato che ne esiste già uno, l’Eurocorps, che ha sede a Strasburgo. Potremmo cominciare proprio da qui, dando a questa forza di intervento un ruolo maggiore rispetto a quello attuale.

Il clima è maturo per questi sviluppi. Lo spettro della fine della protezione americana dovrebbe convincere anche gli Stati membri finora contrari a una maggiore integrazione, come la Polonia, a rivedere le loro posizioni e a sostenere uno sforzo comune in ambito militare.

Paradossalmente, in un momento in cui l’esistenza stessa dell’Unione europea è messa in discussione, i cittadini europei necessitano più che mai di un’Unione forte. Nessuno Stato membro dispone, infatti, né della forza né delle risorse necessarie per affrontare da solo le minacce all’interno e all’esterno delle proprie frontiere.

A cura di Herbert Dorfmann, Europarlamentare eletto nel collegio del Trentino Alto-Adige

PubblicitàPubblicità

Pubblicità
Pubblicità
  • PubblicitàPubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

  • Beer SPA, una tappa imperdibile nella splendida Praga
    Ti piacciono la birra e le belle città d’Europa? Allora una tappa alla Beer SPA delle capitale Ceca è d’obbligo. Aperta nel 2013, la Original Beer SPA, negli anni, ha riscosso un grande successo soprattutto tra coloro che amano il connubio tra belle città, relax e attrazioni peculiari o comunque diverse dal solito. Ma cos’è […]
  • Covid19: L’isola di Cipro paga le vacanze ai turisti contagiati e ai loro famigliari
    Nonostante Cipro abbia avuto poco meno di 1.000 casi di contagi e 17 vittime da Coronavirus, non vuole rinunciare all’attesissimo nonché molto importante traffico turistico estivo dando così il benvenuto a qualsiasi viaggiatore. A differenza di altri Stati, Cipro si sta infatti attrezzando per non ostacolare gli arrivi nei luoghi di villeggiatura sull’isola mediterranea attraverso […]
  • Giappone propone vacanze quasi gratis per rilanciare il turismo
    Negli ultimi mesi, il Giappone come tutti gli altri Stati del mondo, ha subito un forte rallentamento dal punto di vista turistico a causa dell’emergenza sanitaria da Covid – 19, arrivando ad un calo del 99.9% del turismo locale con neanche 3 mila arrivi durante il mese di aprile. Inoltre, considerando che il 2020 avrebbe […]
  • Coronavirus: distributori automatici di mascherine gratuite
    Nel periodo in cui la massima attenzione all’igiene e al distanziamento sociale sono la priorità principale per ogni Governo del mondo, la città di Singapore in stato di lockdown fino a giugno, ha deciso di contenere la diffusione da Covid – 19, garantendo a tutti i cittadini mascherine gratuite attraverso particolari distributori automatici. La caratteristica […]
  • NASA, progetta il sistema per prevedere alluvioni e siccità fino a 60 giorni prima
    Vista dallo spazio la Terra appare come un Pianeta Blu grazie alle grandi distese di acqua in continuo movimento che ricoprono il 70% dell’intera superficie. Da quando evapora, fino a quando cade pioggia alimentando le falde acquifere, l’intero ciclo dell’acqua dolce è così importante da essere al centro di alcuni programmi di ricerca internazionali volti […]
  • Borghi italiani dimenticati: incentivi, bonus e aste a partire da 1 euro per ripopolarli
    Da nord a sud l’Italia intera è costellata di Borghi che conservano, identità, mestieri e saperi di un patrimonio immateriale e materiale di una storia unica al mondo certificata dall’Unesco. Alcuni di questi, vengono chiamati “comuni a rischio scomparsa” a causa delle loro ridottissime dimensioni, eppure fanno parte del patrimonio storico e artistico italiano, rappresentando […]
  • Covid, oltre 60.000 perdono il lavoro: lo Stato li assume per un importante progetto
    L’emergenza sanitaria da Coronavirus con le misure preventive, indubbiamente necessarie al fine di contrastare la pandemia, hanno gravemente frenato i consumi mondiali, con pensanti ripercussioni sull’intero tessuto imprenditoriale. Tutto questo, ha portato inevitabili e devastanti conseguenze non solo per le abitudini sociali, ma anche e sopratutto per il settore produttivo ed economico. Nel mondo infatti, […]
  • Coronavirus: da nord a sud l’Italia ringrazia con vacanze gratis ai sanitari impegnati nella battaglia
    Nonostante l’emergenza sanitaria, lo abbia pesantemente logorato, esiste un pezzo del settore turistico italiano che vuole ringraziare tutti i medici, operatori sanitari e ausiliari che, durante questi mesi sono stati impegnati, spesso senza tregua per salvare le vite di moltissime persone affette da Coronavirus dedicando loro una splendida ed esclusiva vacanza gratuita. Infatti, in vista […]
  • Civita Bagnoregio: l’incredibile borgo sospeso sulla Valle dei Calanchi
    Tra il lago Bolsena e la Valle del Tevere, nel Comune di Bagnoregio in provincia di Viterbo, si estende un’ immensa area lunare che regala un paesaggio davvero particolare caratterizzato da una successione di rocce argillose in erosione per effetto degli agenti atmosferici detti “calanchi”. Quello dei calanchi è un ambiente decisamente unico che offre […]

Categorie

di tendenza