Connect with us
Pubblicità

Trento

Una vita in marcia per i diritti umani

Pubblicato

-

John Mpaliza (nella foto di Milena Battisti) è un ingegnere informatico, di origini congolesi, che vive in Italia da 23 anni.

Due anni fa ha lasciato il suo lavoro in Comune a Reggio Emilia perché riteneva indispensabile portare “la voce di chi non ha voce”, la voce di migliaia di persone che sono morte e che continuano a morire per lo sfruttamento in atto nel loro Paese.

In collaborazione con il CAVA (Coordinamento delle Associazioni della Vallagarina per l’Africa) e con il “Peace Walking Man Foundation” ha promosso una marcia per la pace che è partita da Reggio Emilia il 23 ottobre, con la presenza dell’On. Cécile Kyenge, europarlamentare, e che arriverà a Bruxelles l’8 dicembre. John, insieme ad altri compagni di viaggio e ad alcuni rappresentanti delle Associazioni, sarà ricevuto dal Parlamento Europeo per chiedere alla comunità ed alle istituzioni internazionali di intervenire subito per fermare i massacri a Beni nel nord-est della Repubblica Democratica del Congo.

Pubblicità
Pubblicità

Intervenire subito per fermare i massacri a Beni” è il titolo dell’appello, poi trasformatosi in petizione, che John ha lanciato e promosso insieme a Padre Alex Zanotelli.

Marciare vuol dire incontrare, condividere, comunicare il proprio messaggio alla gente in modo diretto, senza intermediari. Questo cammino per i diritti umani e per la pace farà tappa in Trentino da oggi al 5 novembre ed il 3 si fermerà a Rovereto. Al Brione in piazza della Pace alle 16.30 John incontrerà le autorità, i cittadini e poi proseguirà la sua marcia verso Volano con chi lo vorrà seguire almeno per un tratto.

Il 4 mattina alle 9.00 ripartirà da Volano verso Trento, dove sabato mattina, al Liceo Galilei, incontrerà alcuni studenti trentini provenienti da diversi istituti. John, lei è un cittadino italiano di origini congolesi, perché ha lasciato la sua patria 23 anni fa?

“Ho dovuto lasciare il Congo per questioni politiche.

Tra gli anni ’88 e ’89 ero all’università e con la caduta del muro di Berlino noi studenti cercavamo di capire cosa stesse accadendo nel mondo. Abbiamo iniziato a manifestare e subito mi sono trovato arruolato in un partito clandestino, l’UDPS, Unione per la Democrazia e il Progresso Sociale, oggi il maggiore partito di opposizione nel Congo.

Dopo molte peripezie, nel ’91 i miei hanno deciso che fosse arrivato il momento di farmi uscire da quel Paese per paura che perdessi la vita, come era successo a molti miei amici e colleghi di università.

Dopo aver girato alcuni paesi africani, mi sono fermato un anno accademico a studiare a Orano in Algeria e, come un appuntamento a cui non potevo mancare, durante una visita turistica in Europa, ho perso l’aereo a Roma e la sera stessa c’è stato un attentato all’aeroporto di Algeri. Così sono rimasto in Europa, in Italia, chiedendo asilo politico.

Cosa hanno visto i suoi occhi di ragazzo nella Repubblica Democratica del Congo?

“I miei occhi hanno visto tante cose, belle e brutte.

Belle quando ero giovane, quando studiavo in un college di gesuiti; dall’80 all’88 il Paese non era il paradiso ma si viveva bene, il tasso di alfabetizzazione era accettabile. Sono cresciuto da mia sorella e da piccolo non mi è mai mancato nulla.

Le cose brutte partono dagli anni ‘88-’89, quando ho visto la morte in faccia: tanti miei colleghi di università, tanti miei amici non ce l’hanno fatta, la situazione era davvero drammatica.

Durante le manifestazioni ho rischiato più volte la morte, ne ho viste di tutti i colori: quando i militari arrivavano nel campus universitario commettevano tanti crimini e al mattino spesso non si trovavano neanche i corpi. Sono cose che vorrei dimenticare ma non è facile”.

Cosa vede ora che vive in Italia?

Vedo l’Italia, l’Europa dei diritti, il mondo ma anche il Congo dove viene violato ogni diritto fondamentale. Io vivo in una situazione tranquilla, di privilegio dove è possibile fare domande e ricevere risposte. Da osservatore esterno vedo le persone che, in Congo, subiscono la dittatura, la repressione, lo sfruttamento da parte delle multinazionali e dei dirigenti locali, la guerra, la violenza sulle donne.

Vedo un Congo malato, un gigante ferito che sta soffrendo, vedo tanti parenti morti, mio padre, mia sorella dispersa, vedo una guerra economica che dal ‘96 è ancora in atto, una guerra che ha fatto 8 milioni di vittime, mentre sono circa 2 milioni le donne che in 20 anni hanno subito violenze sessuali usati come arma di guerra. Il dottor Denis Mukwege , un medico ginecologo, viene chiamato ‘il dottore che ripara le donne’ perché cura i corpi delle donne violentate e segnate a vita.

Cosa le manca della sua terra?

“Tutto, gli odori, i profumi, il fiume, i laghi, la natura, ma i parenti come prima cosa”.

Si sente solo?

“Direi di sì perché qui non ho una famiglia. Ho tanti amici che sono diventati una famiglia, però è dal 91 che giro (in Congo sono tornato due volte, una nel 2009 e poi nel 2014). È una solitudine che si combatte in vari modi, ma mi preme sottolineare che nulla a che vedere con ciò che vivono i migranti oggi. Io non ho subìto il trauma del viaggio. Non posso paragonarmi a loro, se non per i momenti in cui ho perso i colleghi universitari e tante altri cari nella guerra. Per questo penso comunque di essere fortunato, anche perché stare soli a volte può essere anche una fortuna nella sfortuna”. 

Come è riuscito a studiare e a diventare un ingegnere informatico?

“Come fanno tanti altri ragazzi e ragazze, con impegno e voglia di fare. Quando sono andato via dal Congo il mio obiettivo era sempre quello di poter riprendere gli studi.

Certo, se qualcuno mi avesse aiutato avrei potuto fare un’altra facoltà, come medicina, che poteva essere molto più utile in Congo, mentre sono stato costretto a fare la cosa più facile che comunque mi piaceva molto”.

Cos’è il coltan?

“Vuol dire columbite tantalite, col-tan, è una lega formata da due minerali, considerata come il migliore semiconduttore in uso oggi. Le sue caratteristiche chimico-fisiche consentono di utilizzarlo nella tecnologia (Pc, airbag, cellulari, fibra ottica, dispositivi degli ospedali, ecc…) permettendone la miniaturizzazione. Il coltan usato nei dispositivi elettronici permette di aumentare la potenza diminuendo il consumo di energia: più potenza consumando pochissimo. A che prezzo? 

“C’è una percentuale molto alta di lavoro minorile nell’estrazione del coltan, i bambini dopo anni e anni di esposizione si ammalano di cancro o di leucemie, essendo questo minerale leggermente radioattivo: sono minori dai 6-7 anni fino ai 17-18 anni, che non hanno nessun diritto e alcuna protezione. Si tratta di una gravissima violazione dei diritti umani e dei diritti dell’infanzia.

Certo, in alcuni paesi africani i bambini partecipano alla vita sociale, ma questo non vuol dire lavorare in questo modo.

Amnesty International nel rapporto pubblicato a gennaio ha denunciato che nella filiera di estrazione di un altro minerale, il cobalto, utilizzato per le batterie dei cellulari e delle macchine elettriche ed “ecologiche”, ci sarebbero circa 40 mila bambini sfruttati. È un grosso problema, ben conosciuto dalle multinazionali, che ben conoscono il prezzo economico e umano del loro agire. Anni fa si diceva che dietro ad ogni cellulare ci fosse la vita di un bimbo in Congo.

Foto di Stefano Stranges 

Quindi per non supportare lo sfruttamento dei bambini e la violazione dei diritti umani dobbiamo abbandonare la tecnologia?

No. La tecnologia non va demonizzata. Anche nella marcia che stiamo affrontando ricorriamo al navigatore, al gps, mentre prima si usavano le cartine geografiche. Negli ospedali siamo aiutati dalla tecnologia.

Occorre spostare l’attenzione sulla filiera, così come avviene nella produzione di altri beni di consumo come il cibo, il legno, i vestiti, ecc… Se la filiera della tecnologia fosse etica, nel rispetto dei diritti dei lavoratori e dei consumatori dall’estrazione fino all’utilizzo e allo smaltimento la situazione cambierebbe notevolmente.

I consumatori vanno responsabilizzati perché siamo noi a chiedere la tecnologia: per esempio se ogni 6 mesi vengono prodotti modelli nuovi di cellulari, non tanto diversi l’uno dall’altro e noi li compriamo! Se la gente iniziasse a chiedersi da dove arrivano i nostri telefonini? Da dove arrivino i minerali che sono nei nostri tablet? Questo vuol dire tracciabilità ed è ciò che stiamo chiedendo alle autorità internazionali. Una legge sulla tracciabilità aiuterebbe a togliere i minerali insanguinati dalla filiera dei nostri telefoni. Così come lavorare per la stabilità dei paesi sfruttati, per governi legittimi, eletti e non imposti al popolo, responsabili che lavorino per il popolo e non per le multinazionali, come la responsabilizzazione dei consumatori e la responsabilità sociale delle imprese. Queste cose piano piano aiuterebbero a modificare la cultura per cui prima di acquistare io devo informarmi, soprattutto rispetto al telefono, che è diventato un appendice del corpo che noi diamo in mano anche ai nostri figli”.

Leggenda narra che il Creatore mentre distribuiva le ricchezze avesse un secchio tra le mani e giunto sul Congo è inciampato e tutto è caduto lì: oro, diamanti, cobalto, zinco, stagno, coltan, petrolio. Cosa vuol dire questo per i congolesi?

Quasi una maledizione, siamo ricchi ‘da morire’.

Significa vivere in un paradiso che è anche un inferno, perché essere così ricchi vuol dire poi che tutti vogliono prendere questa ricchezza. Le guerre presenti sono economiche, organizzate a tavolino, le multinazionali finanziano ribelli, milizie e mercenari per creare situazioni di instabilità nel Paese. Vuol dire sofferenza.

Suo padre è una delle vittime, insieme ad altri suo parenti, della guerra in Congo… Una guerra infinita?

“Infinita perché dopo 20 anni non c’è giustizia e non vediamo alcun processo di pace, che invece è tentato per altri popoli, perché è una guerra volutamente dimenticata. Il Papa nell’Angelus del 15 agosto scorso, in occasione della festa dell’Assunzione di Maria, ha chiesto di pregare per Beni e rompere questo silenzio che il Congo subisce da prima del ‘96: “Il mio pensiero va agli abitanti del Nord Kivu, nella Repubblica Democratica del Congo, recentemente colpiti da nuovi massacri che da tempo vengono perpetrati nel silenzio vergognoso, senza attirare neanche la nostra attenzione. Queste vittime fanno parte, purtroppo, dei tanti innocenti che non hanno peso sull’opinione mondiale”.

David Van Reybrouck nel suo libro Congo parla di un genocidio di 10 milioni di persone uccise dal 1885 al 1908 per mano di Leopoldo II, re del Belgio. La comunità internazionale non ha mostrato nessun interesse”.

La Repubblica Democratica del Congo è un ‘Gigante’ date le dimensioni e soprattutto le ricchezze minerarie presenti, ma soprattutto ‘ferito’, perché queste ricchezze hanno portato milioni di morti in questi ultimi anni.

Cosa vede nel futuro di questo Stato?

“Un futuro molto difficile. Il dittatore Joseph Kabila ha preso il potere nel 2001 e il 19 dicembre prossimo scade il termine del suo secondo e ultimo mandato, secondo quanto prevede la Costituzione.

Entro il 19 settembre avrebbe dovuto pubblicare il calendario elettorale, ma non lo ha fatto, violando le norme. La comunità internazionale non ha detto nulla e magari lo farà quando sarà tardi, dovrebbe sanzionare e parlare ora affinché questo dittatore il 19 dicembre lasci il potere, dando ai cittadini la possibilità di votare una persona non imposta.

Vedo buio nel futuro per queste premesse nefaste ‘le porte dell’inferno si sono di nuovo aperte sul Congo’ ma la speranza c’è comunque: l’Africa è formata da giovani, il Congo è formato da molti giovani. La speranza è di poter arrivare ad un cambiamento, non con la bacchetta magica ma con impegno e lavoro, giorno per giorno”.

[adrotate group="20"]

]]>

Pubblicità
Pubblicità

Trento

La Giunta a Levico per visitare il camping più grande della regione

Pubblicato

-

A Levico è presente il più grande camping dell’intera regione, in grado di accogliere oltre 2.000 turisti.

Si tratta del Camping Village Lago di Levico, una realtà imprenditoriale importante per l’economia della Valsugana, tanto che al suo interno operano in maniera diretta e indiretta circa 350 persone.

“E’ compito della politica sostenere le imprese che con impegno valorizzano il territorio nel quale si inseriscono e fanno crescere l’economia locale anche attraverso l’indotto.” Ha evidenziato il presidente della Provincia autonoma di Trento, Maurizio Fugatti, al termine della visita compiuta con l’assessore all’agricoltura, foreste, caccia e pesca Giulia Zanotelli, la collega di Giunta con delega alla salute, politiche sociali, disabilità e famiglia Stefania Segnana e il consigliere provinciale della Valsugana, nonché presidente del Consiglio regionale Roberto Paccher.

Pubblicità
Pubblicità
Pubblicità
Pubblicità

Continua a leggere

Trento

Vita Trentina contro Matteo Salvini: la faziosità del settimanale cattolico che non rappresenta i valori della chiesa

Pubblicato

-

Il direttore di Vita Trentina, Diego Andreatta, dovrebbe essere molto molto prudente quando parla di politica.

Per almeno due motivi.

Il primo e più importante è che dirige un settimanale cattolico, che, come tale, dovrebbe entrare nella faziosità della politica il meno possibile; o meglio, dovrebbe farlo solo quando sono in gioco valori fondamentali, che precedono la politica stessa.

Pubblicità
Pubblicità

Il secondo, meno importante, è che Andreatta è pur sempre il fratello dell’attuale sindaco della città, Alessandro, con tessera PD: mostrare pubblicamente una smaccata predilezione per il partito in cui milita il fratello non è segno di quell’imparzialità che sarebbe richiesta da un certo ruolo.

Ebbene, anche l’ultimo editoriale di Diego Andreatta, “Non è solo crisi di governo”, entra a gamba tesa nell’attualità politica, lasciando ancora una volta l’amaro in bocca al lettore cattolico meno politicizzato, o a quello che vorrebbe trovare, sul settimanale diocesano, altro rispetto a Repubblica o ai media evidentemente schierati.

Infatti il direttore di Vita Trentina approfitta della crisi di governo per una intemerata contro Matteo Salvini e la Lega: nessuna lucidità, nessuna concessione all’ “avversario”, solo una denigrazione sistematica verso le leggi sull’immigrazione, il sovranismo, l’uso del rosario ecc…

Un solo colpevole da additare come male assoluto dell’Italia: Matteo Salvini.

Ora verrebbe da chiedere a Diego Andretta, evidentemente fan di un nuovo governo giallo rosso: e le posizioni morali dei 5S e del Pd?

Per la Chiesa cattolica il sostegno all’aborto, all’utero in affitto, all’eutanasia, alla droga libera, ai cosiddetti “matrimoni” gay (propri di gran parte di questi due partiti e non della Lega!), sono peccati davvero gravi! E non solo peccati personali, ma anche sociali!

Infatti mentre le leggi sulla sicurezza possono essere opinabili (ma quelle leghiste non sono più dure di quelle tedesche o francesi), e non esiste alcun divieto morale a difendere i propri confini, la propria casa, la propria famiglia, le leggi che permettono l’uccisione di una vita innocente o la disgregazione della famiglia sono, per un credente, sempre e soltanto inique.

Come mai Vita Trentina appare tanto perentoria quando deve attaccare Salvini, ma tanto afona quando in gioco sono questi principi non negoziabili?

Perchè Andreatta condanna il rosario di Salvini, ma non ricorda i gesti blasfemi di Beppe Grillo, che arrivò a dare ai suoi adepti, in pasto, il “corpo di Grillo”?

Come mai dimentica l’uso strumentale dei segni religiosi fatto da molti deputati eletti come “cattolici”, ma non certo esemplari, come Pierferdinando Casini?

Come mai dimentica i continui riferimenti strumentali al Vangelo fatti da Maria Elena Boschi e da Matteo Renzi, in un recente passato?

Perchè tace quando il rosario, il crocifisso o statue della Vergine vengono trattati in modo sacrilego, con offse indicibili, in quei Gay pride così spesso promossi e sostenuti da PD e 5S?

Inevitabile notare che il direttore Andreatta ricorda e nota solo ciò che serve a giustificare la sua visione partitica.

Lui vota Pd, e vuole l’alleanza con 5 stelle: buon per lui, ma il settimanale di una diocesi non è il luogo più opportuno per dirlo, cercando pseudo giustificazioni religiose. Forse anche il suo vescovo dovrebbe accorgersene

Pubblicità
Pubblicità
Continua a leggere

Trento

Nei «Lea» aggiunti i dispositivi flash per il controllo del diabete

Pubblicato

-

Entra a regime come prestazione aggiuntiva l’erogazione dei dispositivi flash per la registrazione e il monitoraggio del glucosio.

Con una deliberazione proposta dall’assessore alla salute, politiche sociali, disabilità e famiglia, Stefania Segnana, la Giunta provinciale ha infatti inserito nei Lea aggiuntivi – Livelli essenziali di assistenza aggiuntivi – l’erogazione di questi dispositivi che consentono, ai pazienti diabetici impegnati nell’autogestione della propria patologia, di controllare il diabete non più solo con il pungidito, ma anche tramite contatto dermico.

“Il nostro obiettivo è sicuramente quello di migliorare la qualità di vita per i pazienti – commenta l’assessore Segnana – durante la fase di sperimentazione, durata due anni, si è potuto notare un buon livello di soddisfazione da parte delle oltre 450 persone coinvolte, soprattutto abbiamo riscontrato benefici nella fascia pediatrica”.

Pubblicità
Pubblicità

E proprio martedì 27 agosto, presso il Dipartimento salute, l’assessore Segnana incontrerà la Commissione provinciale per le attività diabetologiche, formata dalle Associazioni più rappresentative dei pazienti diabetici, alle quali lo scorso luglio erano stati presentati i primi risultati positivi del progetto sperimentale.

In base alle nuove disposizione, le persone iscritte all’anagrafe sanitaria provinciale, residenti in Trentino e affetti da diabete mellito di tipo 1 e 2 in trattamento insulinico intensivo (ovvero definito come almeno 3 iniezioni al giorno e che necessiti di almeno 4 controlli al giorno) hanno diritto gratuitamente ai nuovi dispositivi medici per la misurazione del glucosio tramite sensore e lettore, previa verifica della presenza dei requisiti di appropriatezza.

Per riceverlo non è necessaria alcune domanda, poiché la prescrizione è effettuata a cura del Centro di diabetologia pediatrica e dai Centri/Ambulatori diabetologici dell’Azienda Provinciale per i servizi sanitari che si occupano anche di erogare il dispositivo e di illustrare al paziente l’utilizzo al momento della prima applicazione.

La sperimentazione era iniziata nel 2017, con l’autorizzazione all’Azienda sanitaria da parte della Giunta provinciale: nel corso del tempo sono stati coinvolti pazienti diabetici, a partire dai 4 anni di età, in trattamento insulinico intensivo.

La sperimentazione è proseguita per quasi due anni su 455 persone con diabete mellito di tipo 1 e 2 (294 adulti e 161 bambini e ragazzi).

L’età media dei pazienti arruolati dai Centri diabetologici di riferimento è stata di 46,8 anni per gli adulti e di 16 anni per i minori.

Lo strumento utilizzato per la sperimentazione è costituito da un sensore che misura glucosio e glicemia; non si tratta di un tecnologia sostitutiva della metodologia tradizionale, ma integrativa che consente di ridurre la frequenza dei controlli quotidiani.

Nei pazienti, adulti e minori, seguiti dai Centri diabetologici di riferimento, il numero medio dei prelievi capillari è passato da un 4,9 a 1,7 al giorno.

Tra i benefici riscontrati in particolare nella fascia di età pediatrica, sicuramente vi sono il controllo glicemico effettuato durante l’orario scolastico e la permanenza a scuola dei bambini e dei ragazzi: l’utilizzo del sensore abbassa infatti il livello di ansia nei bambini, aumenta il senso di responsabilità e di autonomia richiedendo minor coinvolgimento da parte dell’insegnante. Strategica risulta anche la possibilità di trasmissione dei dati rilevati ai genitori attraverso l’apposita App che consente loro di modificare l’eventuale dosaggio corretto dell’insulina da somministrare.

Lo studio condotto ha evidenziato una buona accettabilità del dispositivo, tanto che solo il 4,4% dei pazienti coinvolti (pari a 20 unità) ha interrotto l’utilizzo del sensore.

Pubblicità
Pubblicità

Continua a leggere
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Categorie

di tendenza