Connect with us
Pubblicità

Lo sport in provincia

Volley: Diatec Trento a Ravenna dove esordì Giannelli

Pubblicato

-

SuperLega UnipolSai 2016/17 di nuovo in campo oggi, martedì 1 novembre, per la settima giornata di regular season. Dopo due partite in casa, per la Diatec Trentino arriva il momento della terza trasferta stagionale di campionato: i gialloblù saranno infatti di scena sul campo della Bunge Ravenna. Fischio d’inizio programmato al Pala De André per le ore 18, con cronaca diretta su Radio Dolomiti e live streaming su Lega Volley Channel all’indirizzo www.sportube.tv.

QUI DIATEC TRENTINO Archiviata con il sorriso e sei pesantissimi punti per la classifica la settimana successiva al ritorno dal Brasile, la formazione gialloblù si presenta in Romagna con l’obiettivo di proseguire la propria corsa spedita verso le zone alte della classifica, che ora la vede in ritardo rispetto alle prime Civitanova e Modena di tre punti ma anche con una partita giocata in meno.

Dopo lo splendido successo su Perugia di sabato sera, l’allenatore Angelo Lorenzetti chiede ancora massima attenzione, presentando così le tante insidie offerte dall’impegno di martedì sera: “I cinque set giocati a Padova un paio di settimane fa hanno dimostrato come in questa SuperLega partite semplici non ce ne siano, a maggior ragione in trasferta – puntualizza – . Dovremo porre quindi la massima concentrazione per questo incontro se vorremo aggiungere ulteriori punti alla nostra graduatoria. Ravenna è una squadra in salute, che gioca una pallavolo bella, veloce ed efficace e che ha tratto sicuramente giovamento dall’arrivo dello schiacciatore Lyneel e del palleggiatore Spirito,  due giocatori che stanno sfruttando al massimo l’occasione per dimostrare il loro valore”.

Pubblicità
Pubblicità

Per non lasciare nulla al caso, la squadra ha iniziato a preparare la partita già domenica sera in sala pesi e prima della partenza ha svolto un allenamento con palla al PalaTrento anche nel primo pomeriggio odierno. Trentino Volley si presenterà al Pala De André (dove non gioca una partita ufficiale da quasi tre anni) al gran completo, permettendo al tecnico marchigiano di godere di ampia scelta per la composizione dello starting six.

Il confronto sarà il 672° assoluto della storia del Club di Via Trener, il 410° di sempre in regular season e la vedrà andare alla ricerca della 7^ vittoria esterna della stagione. Per Filippo Lanza, grande protagonista contro Perugia, si tratterà della 60^ gara da capitano di Trentino Volley.

TRE ANNI FA, PROPRIO AL PALA DE ANDRE’, L’ESORDIO IN PRIMA SQUADRA DI GIANNELLI A poco più di tre anni di distanza dall’ultima volta, Trentino Volley domani farà ritorno al Pala De Andrè di Ravenna. Il precedente più recente è infatti datato 27 ottobre 2013; in quell’occasione la Diatec Trentino vinse per 3-0 e fece debuttare in prima squadra Simone Giannelli, che subentrò a Sintini nel corso del terzo set per un paio di scambi. Il match in terra ravennate avrà sicuramente un gusto molto particolare per il regista altoatesino che nel frattempo, 111 partite dopo, è diventato un leader assoluto del Club in cui è cresciuto.

GLI AVVERSARI Con sette punti raccolti nelle prime sei gare, fra cui quelli sorprendentemente conquistati con Modena e Perugia, la Bunge Ravenna si è già proposta come una delle principali sorprese di questo inizio di campionato. Tornata a Ravenna dopo due stagioni di esilio forzato a Forlì, la rinnovata formazione romagnola affidata quest’anno all’ex allenatore di Sora Fabio Soli, ha infatti trovato subito una bella spinta propulsiva dal proprio pubblico (che l’ha vista vincere con Latina e arrivare sino al tie break coi Campioni d’Italia) ma al tempo stesso ha raccolto anche qualche risultato di livello pure in trasferta. Sabato sera i giallorossi hanno fra l’altro ottenuto l’intera posta in palio a Molfetta, nello scontro diretto fra due compagini che puntano all’accesso ai play off. Il buon avvio di campionato della Bunge si spiega grazie all’ottimo apporto fornito dal muro (il secondo del torneo dietro Verona grazie ad ottimi interpreti del fondamentale come Ricci) e all’incoraggiante impatto avuto dai nuovi acquisti Spirito, regista subito in feeling con gli attaccanti, e Lyneel. Proprio il posto 4 francese è, assieme alla certezza rappresentata da Torres (terzo bomber della SuperLega), il punto di riferimento principale del palleggiatore ex Verona e Molfetta per l’attacco di palla alta; anche l’olandese Van Garderen, alla sua seconda stagione italiana, sta dimostrando numeri interessanti come conferma la seconda posizione nella classifica di Lega riservata ai giocatori del suo ruolo. Nel sestetto spicca anche la presenza del centrale Bossi (scudettato a Modena nello scorso maggio) e del libero Goi, cresciuto negli ultimi tre anni dietro Andrea Bari.

I PRECEDENTI Quello di domani sarà l’undicesimo confronto assoluto fra le due Società, che hanno iniziato a sfidarsi con continuità a partire dalla stagione 2011/12. Il bilancio è nettamente favorevole ai gialloblù per 9-1, ma l’incontro più recente è stato vinto proprio dai romagnoli: 3 febbraio 2016, successo al tie break al PalaTrento nel segno di Torres (25 punti col 59%). Prima di quella data, il Club romagnolo non era mai riuscito a vincere nemmeno un set contro Trentino Volley, che perciò in passato ha espugnato il Pala De Andrè sempre per 3-0, a partire dalla prima volta (26 febbraio 2012), proseguendo per la seconda (10 marzo 2013) ed infine per la terza (27 ottobre 2013). Le ultime due sfide in casa dei giallorossi si sono giocate a Forlì (16 novembre 2014 e 15 novembre 2015). Trentino Volley ha origini ravennate: nel maggio del 2000 il Presidente Diego Mosna acquistò i diritti di Serie A1 proprio dalla Valleverde Porto, già vincitrice di uno scudetto e tre Coppe Campioni negli anni novanta.

GLI ARBITRI L’incontro sarà diretto da Umberto Zanussi (di Treviso, in Serie A dal 2006) e Fabrizio Saltalippi di Perugia – in massima categoria dal 1995 ed internazionale dal 2001. I due fischietti sono alla quarta direzione in SuperLega UnipolSai 2016/17, la prima congiunta. L’incrocio più recente con Trentino Volley per Zanussi è relativo allo scorso 17 gennaio (vittoria per 3-2 a Padova), mentre per Saltalippi arbitrò Trento l’ultima volta il 21 aprile (vittoria a Modena per 3-1 in gara 3 di semifinale scudetto).

Pubblicità
Pubblicità

Lo sport in provincia

Buon compleanno Jannik Sinner

Pubblicato

-

Oggi Jannik Sinner compie 18 anni, ma festeggia con un palmares di successi sportivi praticamente unico tra i suoi coetanei.

Battezzato” sportivamente con lo sci, Sinner si trova però decisamente più a suo agio col tennis dove inizia un percorso di crescita tecnica decisamente particolare: nessun torneo Junior, ma un lavoro di costruzione tecnica e fisica.

Sinner quando arriva alla ribalta delle cronache, lo fa praticamente da sconosciuto; ma è già numero 135 del ranking mondiale.

Pubblicità
Pubblicità

Il suo compleanno, Sinner lo festeggia negli Stati Uniti in attesa di giocare le qualificazioni per gli Us Open.

Ma Jannik Sinner non l’unico “ Millenial” che sta contribuendo al ricambio generazione dello sport non solo italiano.

Con lui anche Benedetta Pilato quattordici anni, ma già medaglia d’argento nei mondiali nei 50 rana per lei un’ipotesi accattivante.

Se la sua attività agonistica di livello durasse come quella della Pellegrini nuovamente iridata a 31 anni, potrebbe partecipare al minimo a 5 Olimpiadi: dal 2020 al 2036! Davvero non male.

Nel ciclismo abbiamo un diciannovenne, Remco Evenpoel; un classe 2000 che una volta che ha deciso di pedalare a livello agonistico, è entrato nel gruppo degli imprendibili.

In Spagna ha vinto la “ Clasica di San Sebastian” con lo stesso stile perentorio che ricorda un altro ciclista belga: Eddy Merckx.

Certo tutti talenti da confermare, ma l’inizio dell’avventura è davvero promettente.

L’essere campioni in età giovanile è già successo a molti: Pelè lo fu a 16 anni, poi Nadia Comaneci e Jennifer Capriati, senza tralasciare Rivera, Mazzola e Mancini per citare solo alcuni di una lunga lista.

Quando si emerge a questi livelli, arriva anche la fase più difficile: quella della conferma.

Non è facile restare umili e concentrati, sotto i riflettori, ma Jannik Sinner sta dimostrando notevole maturità indipendentemente dall’essere molto giovane.

Pubblicità
Pubblicità
Continua a leggere

Lo sport in provincia

Maronato trionfa su Manica nella Coppa “Città della Pace”

Pubblicato

-

Alessandro Maronato trionfando in finale su Marco Manica conquista l’edizione 2019 della Coppa “Città della Pace” andata in scena martedì sera sui campi da tennis della Baldresca a Rovereto.

Il tradizionale appuntamento estivo organizzato dal Tennis Club C10, ha visto darsi battaglia gli atleti protagonisti del positivo campionato di serie D1 disputato dal club.

I due gironi preliminari hanno promosso alla fase finale ad eliminazione diretta Alessandro Maronato, Gianluca Caputo, Franco Rizzi e Marco Manica.

Pubblicità
Pubblicità

Nella prima semifinale Maronato prevaleva abbastanza agevolmente su Caputo per 4-1 4-0, mentre nella parte bassa del tabellone Manica e Rizzi davano vita ad un incontro spettacolare in cui Manica si imponeva solamente al tie-break della terza frazione di gioco.

Dopo aver vinto il primo set per 4-3 e perso il secondo per 4-0, Manica riusciva a contenere Rizzi nel finale aggiudicandosi il tie-break per 8-6. La finale, dopo un avvio equilibrato, evidenziava tutto il valore di Maronato, che nonostante le buone soluzioni di gioco di Manica, si imponeva col punteggio di 4-1 4-0, bissando il successo dello scorso.

Pubblicità
Pubblicità

Continua a leggere

Lo sport in provincia

Su channel Valsugana on line la sesta puntata di «Atletica Magazine»

Pubblicato

-

Non solo Atletica in questa sesta puntata di «Atletica Magazine» su Channel Valsugana

La nostra redazione è andata infatti a trovare la nazionale di Rugby che si sta preparando nella struttura di Pergine Valsugana per i mondiali che si disputeranno in Giappone.

Ma i ritiri delle squadre blasonate hanno poi delle vere ricadute sul territorio?

Pubblicità
Pubblicità

A questa domanda risponderà l’amministratore delegato dell’APT Valsugana Stefano Ravelli che è stato ospite in studio.

In questa puntata vedremo anche il servizio dedicato alla finale oro a squadre disputata a Firenze il 15 e 16 giugno che ha visto protagonista anche l’unica squadra trentina; il G.S. Valsugana.

A seguire i risultati della Caldonazzo Lake Running, l’affascinante gara giunta alla sua seconda edizione e una breve telefonata con Aldo Andrei che sta preparando i campionati europei juniores in sardegna

Non mancherà il momento nostalgia che riguarda una clamorosa tripletta che tre grandissimi atleti italiani hanno portato a termine in un’Europeo che per l’Italia ha dato grandi soddisfazioni.

Qui puoi vedere la playlist con tutte le puntate

Pubblicità
Pubblicità

Continua a leggere
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

  • Pubblicità
    Pubblicità

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Categorie

di tendenza