Connect with us
Pubblicità

Trento

Urban Center Rovereto: In 150 per gridare NO alla riforma Renzi

Pubblicato

-

Quasi in centocinquanta ieri sera all’Urban Center di Rovereto si sono ritrovati per urlare il proprio NO alla riforma Renzi.

Per combinazione solo qualche minuto prima nella stessa sala si erano ritrovati gli esponenti del PD Trentino per approfondire le ragioni del SI.

La sala però nonostante la presenza dell’assessore Olivi, del senatore Tonini e di Elisa Fillippi è risultata desolatamente vuota, una ventina infatti i presenti. Chi ha partecipato ha parlato anche di timori e preoccupazioni per il possibile risultato del referendum del 4 di dicembre da parte dei vertici del PD.

Pubblicità
Pubblicità

Relatori della serata per il NO alla riforma Claudio Taverna, Marika Poletti, Maurizio Fugatti e Claudio Cia. È stato l’editore della Voce del Trentino Roberto Conci ad introdurre la serata mostrando attraverso alcune slide quanto fatto dal governo Renzi in questi 3 anni di legislatura e sottolineando le numerose contraddizioni della coppia Renzi&Boschi che in tempi non sospetti ha dichiarato più di una volta di voler cancellare le regioni a statuto speciale.

Job Acts, Pil fermo, crescita zero, il salvataggio di 4 banche a discapito di 100 mila risparmiatori finiti sul lastrico, gli 80 euro, l’aumento delle tasse e la gestione allucinante dell’immigrazione. Questi i punti toccati dal nostro editore durante l’apertura dell’incontro definiti per il governo Renzi fallimentari. «Accogliere milioni di persone in modo rapito e incontrollato non significa condividere la nostra ricchezza ma la loro povertà, l’italia ormai è destinata a diventare il più grande campo profughi della storia del mondo» 

A spiegare in modo più approfondito il grande pericolo che la nostra regione corre in caso di vittoria dei SI è stato Maurizio Fugatti che ha ricordato la clausola di salvaguardia delle riforma che però non è riportata in modo chiaro e che può essere interpretata a seconda delle opportunità politiche del governo della sinistra.

«Una riforma scritta male, – ha ribadito ancora Fugatti – lacunosa e soprattutto interpretabile a seconda dei casi con degli articoli che annullano i precedenti».

Uno di questi è l’articolo numero 117 che Matteo Renzi si è guardato bene dal nominare durante le comparsate nei programmi televisivi e negli incontri sul territorio.

Superamento del bicameralismo perfetto, dimezzamento dei Senatori e taglio dei costi della politica: sono questi i cavalli di battaglia portati avanti dagli esponenti del governo in televisione per convincere gli elettori a votare SI al referendum sulla riforma costituzionale. Qualcosa, però, non quadra.

Infatti, all’interno del testo della riforma c’è un articolo che i renziani tendono a tenere nascosto, ad ignorare, a far finta che non esista: è il numero 117. Dalle parti del PD si tende a minimizzare l’importanza di questo passaggio della riforma, perché ciò che c’è scritto potrebbe significare la definitiva perdita della nostra sovranità nazionale: “La potestà legislativa è esercitata dallo Stato e dalle Regioni nel rispetto della Costituzione, nonché dei vincoli derivanti dall’ordinamento dell’Unione  Europea e dagli obblighi internazionali.”. – cita l’articolo in questione, in pratica, se passano i SI al referendum, all’indomani del voto dentro la nostra Costituzione ci sarà scritto che l’Italia dovrà eseguire gli ordini di Bruxelles e sottostare a qualsiasi decisione dell’Europa.

L’ex parlamentare Claudio Taverna, presidente del «comitato per la buona costituzione: no alle riforme Renzi» ha invece spiegato il perché la riforma scritta così non semplifica certamente i procedimenti legislativi. «Se il governo vuole, oggi può approvare una legge in tempi brevissimi» – ha ricordato Taverna.

Anche l’eliminazione del Cnel all’interno della riforma  – secondo Taverna – fa discutere, «È un organo consultivo che ha diritto all’iniziativa legislativa, limitatamente alle materie di propria competenza ma non è stato volutamente fatto funzionare in questi anni» – ha detto l’ex parlamentare 

Marika Poletti presidente provinciale di Fratelli d’Italia è entrata nel merito proponendo una nuova proposta di riforma costituzionale, «Questa riforma crea solo ulteriori problemi burocratici ed è pasticciata, se si voleva riformare davvero bisognava eliminare completamente il Senato»

Infine Claudio Cia ha spiegato perché questa riforma non farà risparmiare nulla ai cittadini italiani, «Renzi dice che risparmieremo 500 milioni ogni anno, ma non è così, infatti la tesoreria dello Stato ha confermato solo un risparmio di circa 50 milioni di euro, il resto è solo fumo negli occhi». Ma poi Claudio Cia ha osservato anche che non sono le riforme che devono far risparmiare lo Stato ma bensì i parlamentari tagliandosi indennità e stipendi.
«Quando una squadra continua a perdere si devono cambiare i giocatori, e non le regole come sta facendo il governo Renzi» – ha terminato poi l’esponente di Agire.
Alla fine dopo gli interventi, via al dibattito e al confronto con i cittadini presenti in sala.  Una platea, sempre concentrate a molto interessata, che in alcuni momenti si è riscaldata applaudendo lungamente i relatori. Roberto Conci durante i saluti finali ha mostrato alcuni sondaggi dove il NO è in netto vantaggio, in alcuni di questi anche di 10 punti. «Rimane la solita grande incognita del 25% di indecisi, che però tradizionalmente si dividono

ritosa rit

 

Pubblicità
Pubblicità

  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

  • Plasma dei pazienti guariti per guarire dal Coronavirus: la prima sperimentazione a Pavia
    Ogni giorno da settimane ormai, la Protezione Civile oltre a citare i nuovi casi positivi da Coronavirus, comunica anche il numero ultimamente sempre più crescente delle persone guarite dal Covid- 19. Avendo la consapevolezza che il vaccino è ancora lontano e in fase di sperimentazione, fino ad ora le cure adottate negli ospedali italiani, si […]
  • Coronavirus: gli italiani si aiutano con la “spesa sospesa”
    Le giornate difficili che l’Italia sta percorrendo, vengono straordinariamente vissute e affrontate con spirito di comunità da tutto il Paese, sia attraverso donazioni di privati ed aziende per alleggerire il carico economico della sanità, sia attraverso particolari iniziative solidali per aiutare le famiglie che si trovano in maggiore difficoltà. La nuova frontiera della solidarietà fonda le […]
  • Da Valentino ad Armani: la moda italiana unita contro il Coronavirus
    In un momento in cui tutte le attività commerciali ed economiche del Paese risultano paralizzate, sono molte le iniziative solidali per fronteggiare la difficile situazione causata dall’epidemia sanitaria. Da Valentino a Gucci fino ad Armani: ora, anche i grandi nomi del mondo della moda, uniti da obbiettivi comuni, hanno deciso di reagire mobilitandosi per lavorare […]
  • Ricette di Pasqua: golosità per grandi e piccini
    Per non passare le giornate nella noia, lavorando o cercando di far passare il tempo ai bambini, sul web sono presenti moltissime ricette adatte a chiunque abbia voglia di passare un pomeriggio in cucina, divertendosi e magari senza dimenticare di mostrare un pizzico di spirito pasquale! ARANCINI PROSCIUTTO E MOZZARELLA Con il fritto sta bene […]
  • Torino: l’evento è annullato, ma la primavera regala i 100 mila protagonisti
    Da nord a sud l‘effetto del Coronavirus in Italia e, quindi, delle misure restrittive adottate dal Governo per contenere la pandemia, mostrano intere città, strade, paesi e stazioni completamente deserte, costringendo a casa milioni di persone e lasciando la primavera l’unica ad essere libera di proseguire indisturbata il suo naturale percorso. Come molte attività commerciali, […]
  • Ricette di Pasqua semplici e veloci, da fare in compagnia!
    Pasqua si avvicina e, molto probabilmente, in questo 2020 non ci saranno grandi ritrovi tra amici e parenti. Tuttavia, questo non è un valido motivo per impigrirsi e non cucinare niente di particolare. Soprattutto in queste giornate, per chi ha dei figli piccoli la vita non è proprio semplice: come far passare, quindi, il tempo […]
  • Coronavirus e stampanti 3D: Mercedes Benz pronta alla produzione di dispositivi medici
    Un periodo così instabile ed incerto come quello del recente allarme sanitario da Covid- 19, costringe ad una stretta coalizione internazionale che riesca a coinvolgere ed unire il maggior numero di forze e di aiuti possibili per riuscire contenere l’emergenza. Per questo, la nota casa automobilistica tedesca Mercedes Benz scende da protagonista in campo, mettendo […]
  • Fratellini soli a casa in quarantena: il Paese li aiuta “adottandoli”
    L’allarme sanitario che da settimane sta lasciando dolorose ferite, obbligando l’isolamento e la distanza dalle persone care, sta facendo riscoprire all’Italia un senso di vicinanza ed un’insaziabile bisogno di aiutarsi per riuscire ad arrivare il più velocemente possibile alla fine di un’emergenza che sta attraversando senza freni l’intero territorio nazionale. A confermare e dimostrare l’estrema […]
  • Dalle piume d’oca ai petali di fiori: La prima produzione di giacconi 100% naturali
    Esisteranno sempre alcuni capi di cui non se ne potrà mai fare a meno, e come non non si può affrontare il caldo estivo senza occhiali da sole e bermuda, così non si può superare il freddo invernale senza, il protagonista indiscusso dei mesi più gelidi: il piumino. Dalle classiche piume d’oca, alla più recente […]

Categorie

di tendenza