Connect with us
Pubblicità

Trento

Traffico di droga da Trento a Rimini. Arrestati 3 trentini

Pubblicato

-

Nel corso della mattinata odierna militari del Nucleo Investigativo del Reparto Operativo del Comando Provinciale Carabinieri di Rimini, in collaborazione con i colleghi del Reparto Operativo e della Compagnia carabinieri di Trento hanno dato esecuzione a 3 ordinanze di applicazione di misure cautelari nei confronti delle sotto elencate persone, ritenute responsabili, in concorso fra loro, del reato di spaccio continuato di sostanze stupefacenti, prevalentemente hashish, e cocaina e marijuana.

Le misure riguardano Federico Patrizio, nato a Napoli il 01.05.1967, già ristretto per altra causa presso la casa circondariale di Rimini, pluripregiudicato vissuto a Gardolo di Trento dagli anni 70 fino alla fine degli anni 90. Troccoli Fernanda, nata a Bari il 25.10.1981 residente a Trento e Bertini Adriano, nato a Rovereto (TN) il 06.07.1957

L’articolata manovra investigativa, avviata nell’ottobre 2015 e conclusasi nel mese di agosto 2016, ha permesso ai carabinieri di documentare, mediante attività di captazione audio-video e servizi dinamici, l’operatività di un sodalizio criminoso con interessi nella provincie di Rimini, Trento e Pesaro, dedito prevalentemente allo spaccio di sostanze stupefacenti.

PubblicitàPubblicità

In tale contesto emergeva la figura di Federico Patrizio, pluri pregiudicato per reati di stupefacenti, il quale deteneva il controllo di una importante filiera di acquirenti, rifornendosi da canali esteri e nazionali in particolare da Trento.

L’uomo infatti si avvaleva della collaborazione di Troccoli Fernanda e Bertini Adriano per far giungere alcuni ordinativi di stupefacenti dal capoluogo trentino, per poi rivenderlo principalmente sulla piazza riminese e quella pesarese, anche nei confronti di minorenni e nei pressi dei centri di recupero per tossicodipendenti. In un frangente Federico Patrizio minacciava di morte, millantando il possesso di una pistola,  alcuni clienti in debito per l’acquisto di alcune dosi di droga.

Nel corso dell’attività d’indagine e riscontro, a seguito dell’arresto, in flagranza di reato, dell’indagato principale Federico Patrizio da parte del personale della Questura, in accordo con il Dott. Marino Cerioni sostituto Procuratore presso la locale Procura della Repubblica e coordinatore delle attività investigative, al fine di preservare la segretezza dell’indagine tecnica in corso, si procedeva a far recuperare a quell’organo di polizia grammi 4380,2 di sostanza stupefacente di tipo marijuana, grammi 4839,5 di sostanza stupefacente di tipo hashish e grammi 232,6 di sostanza stupefacente di tipo cocaina, che il Federico custodiva all’interno di un garage già attenzionato dai detective dell’Arma.

Parallelamente si procedeva altresì a recuperare e sequestrare la somma di euro 56.600 in contanti custoditi in una bolgetta affidata da Federico Patrizio a terza persona ignara del contenuto.

Pubblicità
Pubblicità

Nel corso della fase esecutiva dei provvedimenti, presso l’abitazione dei due arrestati a Trento, sono stati rinvenuti e sequestrati:

  • grammi 50 (cinquanta) di hashish;

  • grammi 1 (uno) di marijuana;

  • involucro contenente semi di canapa indiana;

  • somma di euro 2590,00 (duemilacinquecentonovanta/00);

  • nr. 8 telefoni cellulari con relative schede telefoniche;

  • documentazione attestante le cessioni di stupefacente ed i crediti pendenti con gli acquirenti.

I provvedimenti cautelari sono stati emessi dall’Ufficio del G.I.P. presso il Tribunale di Rimini, a firma della Dott.ssa Sonia Pasini.

[adrotate group="20"]

dsc_0161 dsc_0239 dsc_0238

]]>

Pubblicità
Pubblicità

Trento

Paura in via Trieste, autovettura prende fuoco. Il Video

Pubblicato

-

Grande paura stamane verso le 11.00 in viale Trieste, la strada che costeggia il torrente Fersina fino a congiungersi con via Grazioli.

Dopo un’esplosione un’autovettura è stata avvolta improvvisamente dalle fiamme creando il panico fra i residenti della via.

Sono subito intervenuti i vigili del fuoco e la polizia municipale. 

Pubblicità
Pubblicità

I vigili muniti di estintori hanno subito limitato le fiamme spegnendo dopo pochi minuti l’incendio.

Il pronto intervento dei soccorsi ha evitato che le fiamme si propagassero alle automobili parcheggiate vicino. 

Pare che le fiamme siano partite per un problema elettrico. Gli agenti municipali stanno cercando di capire le motivazioni dopo aver allertato il proprietario. Non viene segnalato nessun ferito.

Pubblicità
Pubblicità

Pubblicità
Pubblicità

Continua a leggere

Trento

Fugatti: Medicina a Trento, una sfida che l’Autonomia può vincere. Dalzocchio: «Vittoria di tutti i trentini»

Pubblicato

-

È arrivato il via libera nella giornata d ieri da parte del Comitato provinciale di coordinamento al progetto di un corso di studi Medicina e Chirurgia a Trento.

Si tratta di un risultato importante per il quale la Provincia autonoma di Trento, per voce del suo assessore all’Università Mirko Bisesti, e l’Università di Trento, con il rettore Paolo Collini esprimono forte apprezzamento, dopo settimane di confronto serrato, intenso ma sempre leale, tenuto conto dell’importanza della posta in gioco.

Resta ferma la volontà di attivare un progetto comune che preveda una effettiva e rilevante cooperazione accademica che possa ricomprendere gli atenei di Trento, Verona e Padova.

Pubblicità
Pubblicità

Tenuto conto delle modalità e dei tempi di accreditamento del nuovo corso di Medicina – che per l’anno accademico 2020/21 può essere ottenuta dal corso interateneo UniTrento/UniVerona approvato dai rispettivi organi di Ateneo – le tre università e la Provincia autonoma di Trento hanno concordato di attivare sin d’ora un tavolo di lavoro per definire ruoli, modalità e tempi per il coinvolgimento di UniPadova nel rispetto delle reciproche competenze, a partire dall’anno accademico successivo (2021-2022).

Grazie al coinvolgimento degli atenei di Padova e di Verona che si sono resi disponibili, è stato peraltro confermato il comune obiettivo di anticipare la presenza – su base volontaria – degli studenti e delle studentesse trentini/e frequentanti tali università nella fase finale dei corsi di studi presso le strutture della APSS di Trento già a partire dal prossimo anno accademico, ampliando quanto già previsto dalla convenzione dell’Università di Verona per la medicina generale.

“E’ una sfida importante per le tre università coinvolte, quelle di Trento, di Verona e di Padova, chiamate a collaborare, nel rispetto delle rispettive autonomie, per la creazione di un corso di Medicina e Chirurgia a Trento. Ma è anche una sfida per l’Autonomia del Trentino, che ha di fronte un obiettivo nuovo e ambizioso. Siamo convinti che ancora una volta la nostra terra sarà all’altezza dell’obiettivo che si è posta“: così il presidente della Provincia autonoma di Trento Maurizio Fugatti, nel commentare la concreta disponibilità espressa dalle tre università al progetto che le vedrà -in tempi diversi- coinvolte, con l’obiettivo di dare al territorio le risposte che si attende sul piano della formazione di nuovo personale medico-sanitario.

“E’ un passaggio importante – sottolinea Fugatti – che mette il Trentino nella condizione di aggiornare e rafforzare la propria competitività in un settore dell’alta formazione che non aveva mai esplorato prima, con possibili ricadute positive anche sui territori vicini, a partire dalla provincia di Bolzano. Al tempo stesso si tratta di una sfida che dobbiamo affrontare, per dare risposte concrete ad un territorio di montagna come il nostro, che presenta delle peculiarità anche sul piano dell’assistenza sanitaria e ospedaliera, un elemento centrale per la qualità della vita delle popolazioni residenti, e anche per i tanti turisti e visitatori. Apprezziamo l’atteggiamento manifestato dagli atenei coinvolti, che hanno raccolto la nostra proposta, ed in particolare la disponibilità al dialogo manifestata dai tre rettori. Il Trentino dell’Autonomia saprà dimostrare ancora una volta di essere all’altezza della  scommessa”.

Pubblicità
Pubblicità

Parla invece di «Vittoria non della Lega ma di tutti i Trentini» la capogruppo della Lega in consiglio provinciale Mara Dalzocchio che si ritiene molto soddisfatta per come si sta concludendo la vicenda riguardante la scuola di medicina.

«Quello firmato ieri in rettorato è un accordo storico non solo per la città di Trento – riporta una nota di Mara Dalzocchio –  ma anche per tutto il Trentino. Si tratta di una collaborazione a tre tra le università di Trento, Padova e Verona: una mediazione, dunque, tra il progetto presentato dalla Giunta e quello proposto da UniTn. È il frutto di un duro lavoro svolto dal Presidente Fugatti e dall’Assessore all’Università Mirko Bisesti, che sono riusciti a gettare le basi su un progetto in tempi rapidi e ciò dimostra ancora una volta come questa Giunta punti a rilanciare il territorio, migliorando e ottimizzando le sue eccellenze con celerità. Un grazie ovviamente va detto anche al rettore Collini e a tutta l’Università di Trento. Con l’accordo di oggi viene altresì smentito quel clima di angoscia sociale che qualcuno aveva descritto fino a pochi giorni fa. Quella della Scuola di Medicina comunque non deve essere vista come una vittoria solo della Lega, ma dei trentini che sicuramente beneficeranno di una simile struttura che avrà come obiettivo quello di migliorare sempre di più il nostro Ateneo e non solo».

Pubblicità
Pubblicità

Continua a leggere

Trento

Trento: uomo con problemi psichici «sequestra» l’assistente sociale

Pubblicato

-

Momenti di tensione ieri mattina a Trento Nord in uno degli appartamenti di Palazzo Onda.

Un uomo affetto da problemi psichici dopo aver accolto l’assistente sociale  l’ha di fatto sequestrata impedendole di uscire dall’appartamento.

Dopo la chiamata al 112 sono accorsi sul posto i carabinieri, i vigili del fuoco e gli agenti della polizia locale.

Pubblicità
Pubblicità

Il soggetto che è monitorato costantemente dai servizi sociali non è mai stato pericoloso per se e per gli altri.

Temendo però per l’incolumità dell’assistente sociale e preoccupati per le possibili armi in possesso dell’uomo i soccorsi hanno tentato un blitz salendo con le scale fino al suo appartamento.

Alla fine la situazione è stata risolta ed è tornata alla normalità.

L’uomo è stato trasferito in ospedale e sottoposto a trattamento sanitario obbligatorio.

Pubblicità
Pubblicità

Pubblicità
Pubblicità
Continua a leggere
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

  • Pubblicità
    Pubblicità

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Categorie

di tendenza