Connect with us
Pubblicità

Trento

L' articolo 117 della riforma costituzionale che smaschera Matteo Renzi

Pubblicato

-

Una riforma scritta male, lacunosa e soprattutto interpretabile a seconda dei casi con degli articoli che annullano i precedenti.

Uno di questi è l’articolo numero 117 che Matteo Renzi si è guardato bene dal nominare durante le comparsate nei programmi televisivi e negli incontri sul territorio.

Superamento del bicameralismo perfetto, dimezzamento dei Senatori e taglio dei costi della politica: sono questi i cavalli di battaglia portati avanti dagli esponenti del governo in televisione per convincere gli elettori a votare SI al referendum sulla riforma costituzionale. Qualcosa, però, non quadra.

Pubblicità
Pubblicità

Infatti, all’interno del testo della riforma c’è un articolo che i renziani tendono a tenere nascosto, ad ignorare, a far finta che non esista: è il numero 117. Dalle parti del PD si tende a minimizzare l’importanza di questo passaggio della riforma, perché ciò che c’è scritto potrebbe significare la definitiva perdita della nostra sovranità nazionale: “La potestà legislativa è esercitata dallo Stato e dalle Regioni nel rispetto della Costituzione, nonché dei vincoli derivanti dall’ordinamento dell’Unione  Europea e dagli obblighi internazionali.”. – cita l’articolo in questione, in pratica, se passano i SI al referendum, all’indomani del voto dentro la nostra Costituzione ci sarà scritto che l’Italia dovrà eseguire gli ordini di Bruxelles e sottostare a qualsiasi decisione dell’Europa.

Questo particolare, che non emerge quasi mai in tv o sui giornali, è stato denunciato proprio l’11 Ottobre scorso, nel corso del confronto con la Boschi a Otto e mezzo dove la ministra ha abilmente glissato.

[adrotate group="20"]

Pubblicità
Pubblicità
]]>

Pubblicità
Pubblicità

  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

  • Pubblicità
    Pubblicità

Categorie

di tendenza