Connect with us
Pubblicità

Io la penso così…

Riforma Costituzionale, l’autonomia trentina è in pericolo – di Sandro Bordignon

Pubblicato

-

Egregio Direttore,

Il 4 novembre ci sarà un incontro aperto alla cittadinanza con la presenza del Senatore, già Ministro delle Riforme e presidente di Idea, Gaetano Quagliariello. Saranno inoltre presenti come relatori: Rodolfo Borga, avvocato e consigliere provinciale e il sottoscritto.

L’argomento non è tra i più facili da trattare: analizzando nel dettaglio la riforma costituzionale e le motivazioni del “” non sono riuscito a scorgere un interesse nazionale per la riforma, figuriamoci regionale.

Pubblicità
Pubblicità

Prendiamo ad esempio gli articoli che illustrano l’iter di formazioni delle leggi: art. 70, 71, 72. Il primo ora conta 9 parole, mentre quello nuovo ne conta 439. L’art. 71 passa da 44 a 171, e il 72 da 190 a 431. Altro che semplificazione!

Il mio intervento sarà focalizzato su un argomento al quale tengo moltissimo: la “nostra Autonomia“. Nella riforma costituzionale, l’art. 117 comma 2 viene integrato con una “clausola di supremazia statale” che recita così: “su proposta del Governo, la legge dello Stato può intervenire in materie o funzioni non riservate alla legislazione esclusiva quando lo richieda la tutela dell’unità giuridica o dell’unità economica della Repubblica o lo renda necessario la realizzazione di programmi o di riforme economico-sociali di interesse nazionale”.

Cosa significa tutto ciò in termini pratici? Significa principalmente pericolo. È per questa modifica che il “nostro” presidente della Provincia è andato a Roma da Matteo Renzi a chiedere garanzie, poi ottenute tramite accordo meramente privato. Ci possiamo fidare o sarebbe meglio che all’interno della riforma ci siano già le garanzie che tutelino l’autonomia trentina?

Pubblicità
Pubblicità

Sono io l’ingenuo? Come mai (quasi) tutto il Patt dopo la visita al “Messia” ha scelto di votare compatto per il “”? Quindi rivolgendomi a loro vorrei chieder: Cosa vi ha detto il vostro presidente? Mi piacerebbe saperlo, magari persuadete pure me. O forse – chiamatela presunzione – riesco io a far votare qualcuno di voi con un deciso “NO”.

Sandro Bordignon – Agire

 

Pubblicità
Pubblicità

  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

  • Pubblicità
    Pubblicità

Categorie

di tendenza