Connect with us
Pubblicità

La parola al direttore

Ripartitori di calore e lo sconcertante Carlo Daldoss

Pubblicato

-

Torniamo a battere il chiodo sulla questione dei ripartitori di calore di cui diffusamente ci siamo occupati nei mesi scorsi.

Malgrado i nostri tentativi di fare chiarezza, sollecitando gli enti pubblici competenti, siamo ancora in mezzo al guado.

Non sappiamo come la vicenda, che noi per primi abbiamo denunciato, si potrà concludere, nell’osservanza delle disposizioni vigenti.

Pubblicità
Pubblicità

Riassumiamo i termini della questione.

Per effetto del combinato disposto della normativa europea e nazionale e nel quadro dei trattati internazionali per il contenimento dell’immissione di calore nell’atmosfera, sono stati decisi interventi sugli impianti di riscaldamento centralizzato.

Mentre, negli impianti ad anello, la misurazione del consumo di calore può essere attendibile perché certificata da strumenti omologati MID, negli impianti a colonna, i ripartitori di calore in commercio non posseggono quella omologazione, tanto che studi scientifici di livello universitario concludono che l’approssimazione delle misurazioni, in questi casi, oscilla tra un minimo del 10% e un massimo del 40%, ben al di sopra della soglia del 5% normativamente prevista.

Pubblicità
Pubblicità

Inoltre, la norma (D.Lgs. 102/2014) che obbliga all’installazione della nuova strumentazione dipende dell’entità della spesa e dell’efficacia dell’innovazione in termini di risparmio energetico, altrimenti le sanzioni previste, che scatteranno a partire dal 1 gennaio 2017, potranno essere evitate sulla base di un’apposita certificazione peritale rilasciata da un termotecnico abilitato.

Quindi non sarà affatto peregrina l’ipotesi che nei vecchi impianti centralizzati di riscaldamento le innovazioni non siano obbligatorie e quindi agli impianti non adeguati (per l’entità della spesa e per l’efficacia) non ci saranno sanzioni.

Chi sarà l’ente che dovrà provvedere all’attività di controllo e sanzionatoria? Nella fattispecie, in Trentino – come del resto per moltissimi altri campi – le attività di controllo e di sanzione sono affidate alla Provincia.

A quanto ammontano le sanzioni? Il il già citato D.Lgs 4 luglio 2014, n. 102 (allegati)prevede, in caso di omissione, multe da 500 euro a 2.500 euro.

Sono circa 4.800 gli alloggi l’ITEA sprovvisti dei nuovi dispositivi ( è previsto un finanziamento di ca 10 milioni di € per il loro adeguamento) ma quanti sono gli alloggi privati serviti da impianti centralizzati di riscaldamento? Non ci è dato di sapere.

Si sa, invece, che ben difficilmente i proprietari privati e l’Itea potranno essere a norma entro il 1 gennaio 2017. Di questo è convinto anche l’assessore all’edilizia abitativa Carlo Daldoss che azzarda la previsione di una proroga.

All’incalzare dell’intervistatore che chiede come si comporterà la Provincia nel caso di mancata proroga, il pacioso assessore risponde «se non ci sarà la proroga vedremo ….., certo la sanzione è un obbligo di legge, ma una proroga di sei mesi, un anno dovrà esserci».

E ancora l’intervistatore al serafico Daldoss «avete avuto contatti con il Ministero per capire se ci sarà una proroga?»

Sconcertante la sua risposta «no, non abbiamo ancora approfondito la cosa….» ( sic!!!!! quando aspetta? Natale?). Lui affidandosi alla divina provvidenza tranquillizza tutti e seraficamente impartisce l’assoluzione «è una questione di buon senso!»

Altri articoli sull’argomento:

Misuratori di calore: quali garanzie di legalità e di affidabilità?

«Contabilizzazione calore»? Norme confuse e lacunose, soprusi e arbitrii dietro l’angolo

Pubblicità
Pubblicità

  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

  • Il rosmarino e le sue innumerevoli caratteristiche che fanno bene alla salute
    Il rosmarino è un arbusto perenne e sempreverde del genere della Salvia, originario dell’area mediterranea. Questa pianta, infatti, cresce nelle zone litoranee, macchia mediterranea, dirupi sassosi e assolati dell’entroterra, dal livello del mare fino alla zona collinare, ma si può trovare e coltivare anche nella zona dei laghi prealpini e nella Pianura Padana. Sin dall’antichità, […]
  • Il messaggio di Banksy colpisce con un video anche la metropolitana londinese
    La decisione tardiva del Governo inglese nel procedere con il Lockdown in Inghilterra, accompagnata dal disappunto di molti cittadini britannici, è stata presa di mira dall’artista britannico Banksy. Lo steet artist britannico dopo aver coperto di divertenti topi il suo bagno mesi fa, torna a colpire facendo della tesa situazione inglese la sua musa ispiratrice, […]
  • Ferrarelle punta sulla sostenibilità ambientale: bottiglie in plastica riciclata ad impatto zero
    Dai sacchetti per gli alimenti, alle bottiglie fino ai più comuni oggetti per la casa: l‘utilizzo incontrollato della plastica a livello globale, ha portato verso lo studio di specifiche procedure per il riciclo, utili a recuperare un materiale praticamente indistruttibile ma altamente inquinante. Questo, è uno dei motivi che ha spinto Ferrarelle, unica azienda di acqua […]
  • Dai semi di mela un olio “green” per uso alimentare e cosmetico
    Da assaggiare cruda nell’insalata o cotta nella torta, fino alle bevande con succhi, centrifugati e la versione alcolica, il sidro: le mele sono in assoluto uno dei frutti più versatili nonché sani da utilizzare in cucina. Nonostante la mela sia un frutto quasi completamente commestibile, il residuo di una lavorazione ad uso industriale è il […]
  • Lago Nero e Cornisello: luoghi mozzafiato incastonati tra le Dolomiti di Brenta
    Tra le spettacolari Dolomiti di Brenta è possibile trovare dei paesaggi davvero mozzafiato. Alcuni di questi è possibile immortalarli in Val Nambrone, una diramazione della Valle di Campiglio, che porta alle cime del gruppo della Presanella. Questa zona è famosa soprattutto per i suoi laghi alpini tra cui il Lago Nero ed i laghi di […]
  • Vestiti digitali: l’abito che compri, indossi ma non esiste
    Dietro al glamour e allo scintillio dei vestiti nuovi, appena usciti dai negozi, il mondo della moda si ritrova in una fase epocale di cambiamento trainata dalla trasformazione dei comportamenti di acquisto dei prodotti, dalle diverse esigenze dei consumatori e soprattutto dalla forte rivoluzione digitale. In ambito fashion infatti, i cambiamenti più significativi riguardano la […]
  • Gelato alla frutta o gelato alle creme? Questo è il dilemma
    Che estate sarebbe senza gelato? Colorato, fresco, gustoso e perfetto per una merenda golosa o per una serata davanti al ventilatore, il gelato è un must della bella stagione. I gusti ormai sono infiniti, si va dal dolce al salato, dal classico gelato al gelato fritto… insomma, ce n’è per tutti i palati! Ma è […]
  • Da aerei e droni, “bombe di semi” contro la deforestazione in Thailandia
    La fame di risorse naturali che portano alla riconversione di zone naturali in coltivazioni e zone urbane è un fenomeno storico, noto fin dalle origini antiche ma mai così sviluppato come nelle proporzioni attuali. La deforestazione infatti, è considerata uno dei più grandi mali della società moderna che, oltre ad aggravare una vasta gamma di […]
  • Isole Borromee: le tre incredibili ‘perle’ del lago Maggiore
    Incastonato tra i rilievi collinari e montuosi delle terre svizzere e quelle italiane, nelle regioni di Lombardia e Piemonte si aprono le meravigliose acque del Lago Maggiore, rese spettacolari dai tratti di costa punteggiata di castelli, ville monumentali e circondate dai rigogliosi e coloratissimi giardini. Dal favoloso clima, alle bellezze architettoniche, alla ricca eredità archeologica, […]

Categorie

di tendenza