Connect with us
Pubblicità

La parola al direttore

Ripartitori di calore e lo sconcertante Carlo Daldoss

Pubblicato

-

Torniamo a battere il chiodo sulla questione dei ripartitori di calore di cui diffusamente ci siamo occupati nei mesi scorsi.

Malgrado i nostri tentativi di fare chiarezza, sollecitando gli enti pubblici competenti, siamo ancora in mezzo al guado.

Non sappiamo come la vicenda, che noi per primi abbiamo denunciato, si potrà concludere, nell’osservanza delle disposizioni vigenti.

Pubblicità
Pubblicità

Riassumiamo i termini della questione.

Per effetto del combinato disposto della normativa europea e nazionale e nel quadro dei trattati internazionali per il contenimento dell’immissione di calore nell’atmosfera, sono stati decisi interventi sugli impianti di riscaldamento centralizzato.

Mentre, negli impianti ad anello, la misurazione del consumo di calore può essere attendibile perché certificata da strumenti omologati MID, negli impianti a colonna, i ripartitori di calore in commercio non posseggono quella omologazione, tanto che studi scientifici di livello universitario concludono che l’approssimazione delle misurazioni, in questi casi, oscilla tra un minimo del 10% e un massimo del 40%, ben al di sopra della soglia del 5% normativamente prevista.

Pubblicità
Pubblicità

Inoltre, la norma (D.Lgs. 102/2014) che obbliga all’installazione della nuova strumentazione dipende dell’entità della spesa e dell’efficacia dell’innovazione in termini di risparmio energetico, altrimenti le sanzioni previste, che scatteranno a partire dal 1 gennaio 2017, potranno essere evitate sulla base di un’apposita certificazione peritale rilasciata da un termotecnico abilitato.

Quindi non sarà affatto peregrina l’ipotesi che nei vecchi impianti centralizzati di riscaldamento le innovazioni non siano obbligatorie e quindi agli impianti non adeguati (per l’entità della spesa e per l’efficacia) non ci saranno sanzioni.

Chi sarà l’ente che dovrà provvedere all’attività di controllo e sanzionatoria? Nella fattispecie, in Trentino – come del resto per moltissimi altri campi – le attività di controllo e di sanzione sono affidate alla Provincia.

A quanto ammontano le sanzioni? Il il già citato D.Lgs 4 luglio 2014, n. 102 (allegati)prevede, in caso di omissione, multe da 500 euro a 2.500 euro.

Sono circa 4.800 gli alloggi l’ITEA sprovvisti dei nuovi dispositivi ( è previsto un finanziamento di ca 10 milioni di € per il loro adeguamento) ma quanti sono gli alloggi privati serviti da impianti centralizzati di riscaldamento? Non ci è dato di sapere.

Si sa, invece, che ben difficilmente i proprietari privati e l’Itea potranno essere a norma entro il 1 gennaio 2017. Di questo è convinto anche l’assessore all’edilizia abitativa Carlo Daldoss che azzarda la previsione di una proroga.

All’incalzare dell’intervistatore che chiede come si comporterà la Provincia nel caso di mancata proroga, il pacioso assessore risponde «se non ci sarà la proroga vedremo ….., certo la sanzione è un obbligo di legge, ma una proroga di sei mesi, un anno dovrà esserci».

E ancora l’intervistatore al serafico Daldoss «avete avuto contatti con il Ministero per capire se ci sarà una proroga?»

Sconcertante la sua risposta «no, non abbiamo ancora approfondito la cosa….» ( sic!!!!! quando aspetta? Natale?). Lui affidandosi alla divina provvidenza tranquillizza tutti e seraficamente impartisce l’assoluzione «è una questione di buon senso!»

Altri articoli sull’argomento:

Misuratori di calore: quali garanzie di legalità e di affidabilità?

«Contabilizzazione calore»? Norme confuse e lacunose, soprusi e arbitrii dietro l’angolo

Pubblicità
Pubblicità

  • PubblicitàPubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

  • Codacons, proposta di risarcimento per somministrazione Astrazeneca agli under 60
    Il caos generato intorno al siero anti-covid, Astrazeneca che ha gettato nel panico, nell’incertezza e nella cattiva informazione migliaia di italiani ha spinto Codacons a lanciare un’azione collettiva per il risarcimento. Il caso Astrazeneca Uno... The post Codacons, proposta di risarcimento per somministrazione Astrazeneca agli under 60 appeared first on Benessere Economico.
  • Criptovalute paragonate ai mutui subprime del 2008: l’allarme della Consob
    Il fenomeno criptovalute è così attuale e crescente, tanto da spingere il numero uno della Consob, Paolo Savona a lanciare un’allarme sulla situazione. La similitudine tra criptovalute e mutui subprime Savona infatti, ha dedicato un... The post Criptovalute paragonate ai mutui subprime del 2008: l’allarme della Consob appeared first on Benessere Economico.
  • Bonus Irpef 2021, 100 euro in più in busta paga: a chi spetta
    Il vecchio Bonus Renzi da 80 euro si evolve e diventa un Bonus Irpef da 100 euro. Con l’ultima legge di Bilancio infatti, vengono riviste le regole e il nome del vecchio bonus. A chi... The post Bonus Irpef 2021, 100 euro in più in busta paga: a chi spetta appeared first on Benessere Economico.
  • Imu 2021: esenzioni ed agevolazioni previste
    Il Governo potrebbe estendere l’esenzione Imu, ampliando la categoria di soggetti che non saranno tenuti a versare la prima rata. Imu 2021, chi rientra nell’esenzione Un nuovo emendamento al Decreto Sostegni Bis potrebbe andare incontro... The post Imu 2021: esenzioni ed agevolazioni previste appeared first on Benessere Economico.
  • P. A, lo Stato dice addio ai ritardi e paga in anticipo i suoi debiti
    I ritardi, tipici della Pubblica Amministrazione potrebbero presto diventare un lontano ricordo. La notizia è stata raccontata dai dati diffusi dal Ministero dell’Economia e delle Finanze riguardo i tempi medi impiegati durante l’anno 2020 dallo... The post P. A, lo Stato dice addio ai ritardi e paga in anticipo i suoi debiti appeared first on […]
  • Ritorna il Bonus Sanificazione: tutti i dettagli e le novità
    Con le riaperture torna anche il Bonus Sanificazione e DPI anche per il 2021 per una ripartenza in sicurezza. Il Decreto Sostegni bis ripropone l’agevolazione per i titolari di partita Iva, seppur in una percentuale... The post Ritorna il Bonus Sanificazione: tutti i dettagli e le novità appeared first on Benessere Economico.
  • Nasce il primo superstore senza casse: Amazon conquista con l’innovazione
    All’interno dell’immensa panoramica della distribuzione organizzata, mette piede con estrema originalità il colosso Amazon che, potenziando ulteriormente la sua offerta apre il primo negozio senza cassa. Dall’idea senza dubbio originale e molto innovativa nasce un Fresh store in cui i clienti possono fare comodamente la spesa e uscire direttamente dalla corsia dedicata: “ senza pagare”. […]
  • Valentino dice addio alle pellicce e corre alla ricerca di nuovi materiali
    Mentre a Parigi sfila l’alta moda,  la maison di Valentino si esibisce virtualmente a Roma a Galleria Colonna. Il contrasto tra sontuosità del luogo ed il minimalismo della collezione è netto e per la prima volta uomo e donna sfilano insieme, una moda che non ha bisogno di definizione. Una sfilata che racconta la celebrazione […]
  • Il futuro del mercato immobiliare passa dalla casa in legno: un’abitazione con molti vantaggi
    Il futuro del mercato immobiliare potrebbe spostarsi dal mattone ad un materiale tanto semplice quanto resistente e sostenibile, come il legno. In particolare, il legno è il materiale per eccellenza alleato della sostenibilità ambientale perché aiuta a raggiungere al meglio l’autosufficienza energetica, permettendo di ridurre gli sprechi. Infatti, grazie alla sua elevata capacità di isolare […]
  • Hotel Chalet Mirabell: lo spirito di Merano!
    Nell’esclusivo Hotel a 5 stelle Chalet Mirabell ad Avelengo vicino Merano è possibile trascorrere le giornate più belle dell’anno tra lusso e naturalezza alpina, ampi spazi aperti e natura incontaminata. “Qualche anno fa la nostra passione ci ha portati a trasformare il nostro residence alpino da 16 camere nell’hotel 5 stelle Mirabell in Alto Adige. Abbiamo […]

Categorie

di tendenza