Connect with us
Pubblicità

La Voce della FAI CISL

FAI Cisl: Sanifonds, una grande opportunità per i lavoratori del Progettone

Pubblicato

-

Nelle scorse settimane, tanto si è detto a proposito della ” questione Sanifonds ” in relazione al contratto applicato al cosiddetto “Progettone“, fino all’esortazione da parte dell’USB ai lavoratori coinvolti, di dare immediata disdetta dall’adesione al fondo, ma per capire meglio la questione, abbiamo chiesto una breve intervista a Fulvio Bastiani della FAI-Cisl.

Buon giorno Signor Bastiani, ci può spiegare perché i lavoratori del Progettone non dovrebbero disdire subito l’adesione a Sanifonds?

E’ presto detto: perché in realtà non hanno mai aderito in modo automatico a Sanifonds.”

Come non hanno mai aderito? Non è forse vero che l’adesione, come sostengono i sindacati di base, è inclusa nel contratto del Progettone?

Certo! Infatti siamo sicuri che dopo le spiegazioni che saranno fornite nel corso di appositi incontri che organizzeremo nelle prossime settimane, i lavoratori del Progettone, aderiranno in modo massiccio! Nel contratto però si legge chiaramente, per chi ovviamente ha il tempo, la voglia e la capacità di leggere che le parti firmatarie avrebbero deciso insieme le modalità di adesione.

Nel corso delle assemblee organizzate nei mesi scorsi, per votare l’accordo di rinnovo, ( approvato con ampio consenso ), avevamo chiaramente anticipato la nostra assolutà volontà di prevedere una adesione “esplicita”, questo vuol dire che i lavoratori del Progettone che intendano aderire a Sanifonds, lo faranno solo ed esclusivamente dopo loro precisa e manifesta richiesta.

Questo aspetto va rimarcato perchè non è la prima volta che i rappresentanti dei sindacati di base accampano meriti che non hanno.”

Quindi chiedere ai lavoratori di disdire l’adesione a Sanifonds, se non hanno volontariamente aderito, è inutile?

Esatto, vede, alle volte mi chiedo quante di queste polemiche sono dettate dalla volontà di proteggere e supportare il lavoratore, (ricordo che la quota destinata al fondo Sanifonds, 128 euro annui non è versata dal lavoratore, ma interamente dal datore di lavoro, quindi è solo un bonus che non incide assolutamente sulla busta paga), e quanto invece siano crociate contro i mulini a vento, imprese sensazionalistiche per guadagnarsi qualche riga sui giornali, forse per motivi diversi da quelli legati agli interessi di un sindacalista e più vicini a quelli di un politico.

Può spiegarsi meglio?

Ultimamente vedo troppo spesso grandi critiche, posizioni contrapposte e frasi fin troppo violente, ma come in questo caso, quello della disdetta dal fondo Sanifonds, sembra che siano più delle trovate pubblicitarie, delle polemiche fatte ad arte per una forma di protagonismo, con un più o meno evidente scopo politico.

Personalmente ho sempre pensato e forse anche per questo la Federazione che mi onoro di rappresentare, continua a crescere in termini di adesioni, che il mondo della politica e quello dei sindacati sono e devono rimanere separati. Certo non sempre sono contrapposti, ma gli unici contatti che ho io con il mondo politico, sono quelli con i rappresentanti che trovo ai tavoli delle trattative, di certo non sono mai stato candidato per qualche partito, mentre chi si inventa queste polemiche a tutti i costi non può dire altrettanto.

Quando succedono cose come questa di cui mi avete giustamente chiesto spiegazioni, si capisce che non c’è la volontà di lavorare per i lavoratori, ma solo per se stessi, per la propria immagine di “paladino”, dimostrando di non essere nemmeno in grado di leggere correttamente un contratto, prima di parlare, oppure di averlo letto, ma di ignorare la realtà a favore del sensazionalismo a proprio uso e consumo, non di certo a favore dei lavoratori, che diventano uno strumento per altri scopi, più riconducibili a quelli di un politico e meno a quelli di un sindacalista.

Tanto è vero che solo una minoranza dei lavoratori si è fatta abbindolare da questo provetti demagoghi , mentre altri hanno preferito riunirsi in un Coordinamento.

Entrambi questi soggetti però non partecipando al Tavolo Tecnico di Confronto (istituito proprio in questa tornata contrattuale dalle parti firmatarie) non sono in possesso degli elementi necessari per capire a fondo l’applicazione delle novità e incorrono in delle topiche clamorose.”

Crede che i lavoratori abbiano capito il vero senso della questione?

Quelli che hanno partecipato alle assemblee in cui abbiamo spiegato come funziona il contratto, non solo il fondo integrativo, sicuramente hanno capito, quelli a cui hanno detto di non partecipare, di boicottare le assemblee, sicuramente non hanno potuto sentire le spiegazioni, discutere confrontarsi con noi e forse sono anche più facilmente influenzabili da certe idee strampalate.

Ringraziando Fulvio Bastiani per la disponibilità e la cortesia, ci chiediamo in effetti, se essendo l’adesione a questo fondo integrativo non automatica, ma valida solo dopo esplicita richiesta, perché si chiede ai lavoratori di disdettare un beneficio contrattuale, oltretutto gratuito, al quale non hanno ancora aderito?

  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

  • Vinilia Wine Resort: immergiti nel cuore del Salento
    Vinilia Wine Resort è un’antica dimora risalente agli inizi del ‘900 quando era destinata ad essere la residenza estiva della nobile famiglia degli Schiavoni. Oggi, dopo un’attenta e raffinata attività di restauro conservativo, a cura della famiglia Parisi Lacaita, si appresta a diventare un punto di riferimento per l’accoglienza e per un’autentica esperienza nella terra […]
  • Natura, storia e paesaggi mozzafiato: questa è l’isola di Skye
    Skye è una delle migliori località da visitare in Scozia. È famosa per i suoi paesaggi mozzafiato e per la storia che ha alle spalle. L’isola di Skye è lunga 50 miglia ed è la più grande delle Ebridi Interne, ovvero un arcipelago situato al largo della costa occidentale della Scozia, a sud-est delle Ebridi Esterne. Insieme, […]
  • Tenuta Monacelli: che meraviglia il Salento!
    Masseria Monacelli, masseria fortificata del ‘600 e Masseria Giampaolo, esclusivo borgo del ‘400, si impongono con le loro torri di avvistamento nel cuore del Salento. Situate in prossimità dell’Abbazia romanico-bizantina S. Maria a Cerrate, oggi tra i beni del Fondo Ambiente Italiano, testimoniano tracce di storia. Entrambe custodiscono un prezioso frantoio ipogeo, le stanze di stoccaggio […]
  • Incanto e lusso al Castello di Guarene, in Piemonte
    Nel Settecento, il Castello fu la realizzazione di un sogno di Carlo Giacinto Roero, signore di Guarene. Il nobiluomo voleva una nuova e splendida dimora e se la costruì, la circondò di giardini e la arredò. Ne aveva la capacità e i mezzi: era un buon architetto, sia pure dilettante, un aristocratico di primo piano […]
  • Nina Trulli Resort: la masseria perfetta tra la Costa dei trulli e la Valle d’Itria
    Nina Trulli Resort è una masseria immersa nella tipica campagna pugliese, dalla Costa dei trulli a Valle d’Itria, e si trova a soli 5 Km dal mare. Nella zona di Monopoli, città dalle radicate tradizioni marinare anche conosciuta come Città delle cento contrade, è possibile fare letteralmente un tuffo nel passato pur senza mai rinunciare […]
  • Il paese più felice del mondo? La Finlandia!
    La classifica del World Happiness Report parla chiaro: per il terzo anno di fila il posto più felice del mondo sarebbe la Finlandia. Il World Happiness Report è una classifica redatta dalla United Nations Sustainable Development Solutions Network in base ai dati del Gallup World Poll. Mentre il primo posto vede i colori della bandiera […]
  • Il posto perfetto per staccare dal mondo? Le Isole Lofoten!
    Se pensi che i fiordi norvegesi siano belli, potrebbe interessarti fare una bella vacanza alle Isole Lofoten. Un luogo da sogno, un arcipelago simile a un’appendice di montagne frastagliate incredibilmente belle che si protendono nel Mare di Norvegia a ovest di Narvik. Le varie isole sono unite dalla E10, un’impresa di ingegneria altrettanto impressionante come […]
  • X-Bionic Sphere: in Slovacchia un vero paradiso per gli amanti del lusso e dello sport
    Non tutti sanno che a Samorin, in Slovacchia, esiste un vero e proprio paradiso per atleti e per appassionati di lusso e sport. X-Bionic® Sphere è un complesso di hotel e strutture sportive dove il lusso ed il comfort vanno a braccetto con tutte le esigenze di atleti, famiglie e visitatori. L’Hotel offre un servizio di […]
  • Boscareto Resort and Spa: ritrovate la giusta quiete tra vini, buon cibo e paesaggi mozzafiato
    Immerso tra le colline, il Boscareto Resort & Spa rivela la sua bellezza nell’incantevole panorama su cui si affaccia, nei colori dei vigneti e nel meraviglioso territorio delle Langhe, dichiarato Patrimonio Mondiale dell’Unesco. Alba è punto di partenza e di arrivo per chi viaggia nella zona, con i suoi caffè, le chiese, la storia romana […]

Categorie

di tendenza