Connect with us
Pubblicità

Voce - Val di Non & Sole

Spassoso o soporifero il tempo libero in Val di Non? Giovani intraprendenti a VDN Venti16

Pubblicato

-

È online la settima puntata (clicca qui per vederla) di VDN Venti16 dal titolo “Il tempo libero in Val di Non: si può fare di più?”.

All’interno dell’odierno episodio, come ampliamente annunciato dal titolo, si cercherà di scoprire e comprendere lo scenario delle offerte di svago e divertimento in Val di Non.

C’è abbondanza o carenza? Ma soprattutto c’è partecipazione? Questi sono solo alcuni dei quesiti al centro del dibattito odierno.

Pubblicità
Pubblicità

Un cocktail frizzante, saporito e soprattutto young friendly quello che vi verrà servito quest’oggi dall’inossidabile coppia di autori e conduttori composta da Gianni Paris e Fabrizio Brida. “In questa puntata – dichiara il primo – abbiamo scommesso su una serie di giovani volitivi, animati da un amore spassionato per la propria comunità”.

“Una puntata imperdibile – aggiunge Fabrizio – che darà voce a tanti volti freschi che ogni giorno si impegnano per rendere elettrizzante la nostra amata Valle”.

Si parte con un interessantissimo servizio nel quale Margherita Valentini, attuale presidente della Pro loco di Taio e delle donne rurali di Dardine, nonché anima organizzatrice di Fiorinda, cercherà di comunicarci la passione e l’impegno profusi nell’organizzare piccoli e grandi eventi.

Sulle poltrone rosse, accanto a Gianni Paris, si siederanno poi due giovani e intraprendenti ragazzi che da anni agiscono per rendere più frizzanti pomeriggi e serate dei più giovani.

Da una parte Lorenzo Paoli, neo presidente della Pro loco di Cles ed ex presidente dell’Associazione di promozione sociale Occhi Futuri di Cles, mentre dall’altra ci sarà Davide Pedri, rappresentante istituzionale dei Piani Giovani Carez.

Con loro si tenterà di capire i cambi di tendenza e i trend degli ultimi anni, il grado di flessibilità di enti e di associazioni e la loro capacità di mettersi in connessione con le esigenze dei più giovani, ed infine progetti e direzioni future.

Nel cuore della puntata, al tavolino, Fabrizio sarà alle prese con una piacevolissima intervista ad Eric Paoli, giovane vicepresidente della nuova associazione Aliseo di Campodenno, che punta a coinvolgere i giovani nelle manifestazioni culturali locali.

Neanche oggi poteva mancare il contributo dei ragazzi dell’Istituto Pilati di Cles. Che aspettate: basta un click e VDN Venti16 prenderà vita. Premi qui e buon divertimento.

Pubblicità
Pubblicità

Voce - Val di Non & Sole

Mele, il progetto ipogeo di Melinda approda al Parlamento Europeo

Pubblicato

-

Una delegazione di rappresentanti delle maggiori realtà produttrici di mele in Trentino, insieme all’assessora provinciale all’agricoltura Giulia Zanotelli, sarà a Bruxelles lunedì 4 marzo per presentare al Parlamento europeo il progetto ipogeo realizzato da Melinda.

Ad accoglierli i deputati europei Paolo De Castro e Herbert Dorfmann.

Il progetto ipogeo, il sistema unico al mondo di conservazione delle mele in grotte sotterranee, realizzato da Melinda a Tassullo, in Val di Non, sarà protagonista di un evento al Parlamento europeo in programma lunedì 4 marzo.

Pubblicità
Pubblicità

Una delegazione di rappresentanti del mondo melicolo trentino formata dai cda di Melinda e La Trentina, Apot e Assomela, insieme all’assessora provinciale all’agricoltura Giulia Zanotelli, al direttore di Trentino Marketing Maurizio Rossini e al vicepresidente della Federazione Bruno Lutterotti, presenteranno questo innovativo sistema di conservazione delle mele presso il Parlamento Europeo.

All’incontro interverranno Michele Odorizzi e Paolo Gerevini, presidente e direttore generale di Melinda, Franco Paoli, direttore del reparto lavorazione e conservazione, e Alessandro Dalpiaz, direttore di Apot.

Ad accogliere e guidare il gruppo trentino ci saranno i deputati del Parlamento europeo Paolo De Castro e Herbert Dorfmann, che, a seguire, aggiorneranno i partecipanti sulle più importanti novità relative alla riforma della Politica Agricola Comunitaria e dell’Organizzazione Comune di Mercato per il settore Ortofrutticolo.

Pubblicità
Pubblicità

Continua a leggere

Trento

Monclassico: grave 79enne azzannato dal cane

Pubblicato

-

Momenti di grande paura per un settantanovenne di Monclassico lunedì mattina (31 dicembre): il malcapitato intervenuto per liberare una gallina dalla presa del lupo cecoslovacco appartenente al figlio, è stato azzannato al viso e alle braccia.

Il 79enne  ha riportato lesioni al volto e accompagnato dapprima all’ospedale di Cles, è stato poi trasferito a Trento dove è stato trattenuto in ospedale; le sue condizioni sono gravi, ma non è per fortuna in pericolo di vita.

La chiamata al 112 è pervenuta poco prima delle  12.

Pubblicità
Pubblicità

L’aggressione è avvenuta all‘esterno dell’abitazione di famiglia. Il lupo cecoslovacco appartiene al figlio ed è abituato a stare anche con l’anziano.

Sembra che lunedì mattina il cane avesse afferrato una gallina; a quel punto l’uomo è intervenuto istintivamente per  strappargliela dalla bocca.

Sembra sia questo il gesto che ha fatto scattare il lupo cecoslovacco: il cane ha azzannato l’anziano al volto e alle braccia. Solo l’intervento del proprietario avrebbe poi evitato che la situazione degenerasse e potesse accadere il peggio.

L’ambulanza è intervenuta tempestivamente e l’uomo è stato trasportato all’ospedale di Cles per le cure del caso.

valutate le lesioni riportate dal 79enne, è stato deciso un trasferimento all’ospedale Santa Chiara di Trento, soprattutto per permettere agli specialisti di valutare l’entità delle ferite riportate al volto

L’anziano è stato quindi trattenuto in ospedale in osservazione. Sul posto dell’aggressione, sono intervenuti i carabinieri di Cles

Il lupo cecoslovacco è stato quindi affidato al suo proprietario,che lo ha messo nel suo recinto.

Pubblicità
Pubblicità

Continua a leggere

Voce - Val di Non & Sole

Pia Laviosa Zambotti e le altre: dalla terra allo spazio cercando l’umano

Pubblicato

-

FONDO-CLES –  Un progetto dedicato a Pia Laviosa Zambotti, con incontri previsti a Fondo e Cles nei mesi di febbraio e marzo, rivisiterà la figura dell’archeologa e studiosa anaune in quanto donna che ha saputo emanciparsi attraverso lo studio in un contesto culturale, sociale e politico prevalentemente maschile. (altro…)

Pubblicità
Pubblicità
Continua a leggere
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Categorie

di tendenza