Connect with us
Pubblicità

Trento

Dal gender al referendum costituzionale. Cosa ci vogliono imporre?

Pubblicato

-

Pubblicità

Pubblicità

Questa è la domanda a cui dovranno dare risposta i relatori durante l’incontro aperto a tutta la cittadinanza che avrà luogo lunedì 26 settembre presso la sala della Cooperazione in via Segantini a partire dalle ore 20.30. 

Relatori dell’importante incontro organizzato dal «comitato famiglie per il NO» alla riforma costituzionale proposta dal governo Renzi, saranno Massimo Gandolfini, neurochirurgo e psichiatra e il magistrato Pino Morandini.

L’incontro sarà mediato dall’avvocato  Maristella Paiar

Pubblicità
Pubblicità

Pubblichiamo per intero la nota di Pino Morandini che presenta l’evento dettagliatamente attraverso alcune importanti riflessioni

«Molti si chiederanno che nesso possa esserci tra il tema del gender e la riforma costituzionale oggetto del prossimo referendum.

In realtà il legame è assai più stretto di quanto appaia. Cerchiamo di vederne insieme le ragioni.

Pubblicità
Pubblicità

La vigente Costituzione si fonda, da un lato, su un’impostazione personalista e relazionale, fortemente voluta dai Padri costituenti, riconoscendo e garantendo i diritti inviolabili della persona umana sia “come singola sia nelle formazioni sociali in cui si svolge la sua personalità” (art.2).

Quindi precedenza sostanziale della persona umana rispetto allo Stato, destinazione di questo a servizio di quella e al contempo necessaria socialità delle persone in vari corpi intermedi: la famiglia, le associazioni, la parrocchia, la circoscrizione, il comune, la regione, ecc.

D’altro lato, la nostra Carta esprime un’impostazione sussidiaria, per la quale non deve fare la realtà superiore quello che può fare quella inferiore (ad es. non si intrometta lo Stato in competenze che spettano alla Regione); e ciò sia per favorire la partecipazione dei cittadini dal basso sia per conferire ai cennati corpi intermedi poteri propri e funzioni di rappresentanza delle loro comunità, in modo che allo Stato restino solo competenze residuali e si eviti l’accentramento di potere in capo ad esso.

Lo stesso metodo seguito per scrivere e approvare la Costituzione si caratterizzò per il suo carattere democratico: un reciproco ascolto e un confronto aperto tra i 556 parlamentari, durato ben diciotto mesi, rispettoso delle opinioni diverse e avente come fine primario quello di un autentico servizio al bene comune.

Diversamente, la recente riforma costituzionale – il cui metodo è consistito in una proposta voluta, imposta e votata dalla maggioranza di Governo – riserva davvero scarsa attenzione ai cennati corpi intermedi. Concentra, infatti, il potere nelle mani di pochi, i membri del Governo, a partire dal Premier, avvalendosi di una legge elettorale (il c.d. Italicum) collegata con la riforma, che attribuisce antidemocraticamente un premio di maggioranza abnorme al partito vincitore delle elezioni. In tal modo avallando la destrutturazione dei suddetti corpi intermedi ed accelerando quella già in atto per alcuni di essi.

Che ne sarà della famiglia di cui agli artt. 29 e segg. Costituzione (che Togliatti fece votare dallo stesso PCI), già duramente colpita dalla legislazione anche ultimamente, se si pensa alla legge sul c.d. divorzio breve e più ancora alla legge Cirinnà, alla cui stregua discendono ben cinque modelli di famiglia? Se tutto è famiglia, nulla è più famiglia. Destrutturando la cellula fondamentale, come potrà reggere l’intero organismo? In un contesto “atomizzato”, dove il cittadino è sempre più solo di fronte all’enorme potere dello Stato e mancante di solidi punti di riferimento, non sarà forse più facile, per il Governo di turno, forte di una maggioranza bulgara, far passare leggi antifamily e contro le persone più fragili? L’esperienza di altri Paesi europei è eloquente.

E gli altri corpi intermedi?

Che ne sarà delle Regioni ordinarie – le cui materie di competenza sono ridotte da 43 a 31 – di fatto trasformate in soggetti di decentramento amministrativo, in quanto la loro legislazione sarà di mera esecuzione sotto l’egida del coordinamento statale ? E che dire delle Regioni ad autonomia speciale, a partire dalla nostra, apparentemente garantite da una sorta di tutela costituzionale addirittura doppia (destinata a durare fino a quando considerato il clima generale negativo verso le “specialità”?) e dalla c.d. intesa, peraltro tutta da definire negli organi, nella procedura e nel grado effettivo di tutela e la cui pregressa esperienza non fa certo bene sperare?

Che ne sarà del Parlamento, ridotto di fatto ad una Camera, apparentemente valorizzato – unico titolare del rapporto di fiducia col Governo e del potere di indirizzo politico – ma nella realtà sotto la sferza del Governo, che potrà imporgli la trattazione prioritaria delle proposte di legge definite “essenziali per l’attuazione del programma”, che dovranno essere decise entro 70giorni? Che imparzialità potranno avere i classici organi di garanzia – in primis Capo dello Stato e Corte costituzionale – quando la maggioranza della Camera, in mano al partito di maggioranza relativa a causa della legge elettorale, avrà i voti sufficienti per influenzare in modo determinante la loro elezione? Quale l’incidenza di un Senato non più eletto direttamente dal popolo e privo dei poteri che lo rendano valido strumento di concertazione nel rapporto Stato-Regioni?

Pare pertanto abbastanza chiaro il quadro dell’involuzione oligarchica in atto: destrutturata la famiglia a colpi di leggi; decostruita la funzione dei corpi sociali intermedi, ulteriormente penalizzati con l’aumento delle firme necessarie per leggi d’iniziativa popolare e per il referendum; ridimensionate le funzioni delle comunità regionali; delegittimato il Senato e sminuita la Camera, istituzionalizzando il primato del Governo nel processo legislativo. Con il risultato, attraverso la nuova legge elettorale, di concentrare il potere nelle mani dei pochi cooptati attraverso meccanismi interni al partito di maggioranza, non certo scelti men che meno eletti dal popolo.

Conclusivamente, per tornare alla famiglia, gli stessi vertici del PD non hanno fatto mistero di voler utilizzare l’anzidetto capovolgimento istituzionale per completare la trasformazione del tessuto sociale italiano, destrutturando la famiglia stessa e la stessa antropologia umana. Si rivela coerente con siffatta impostazione culturale un programma politico che alle leggi sul divorzio breve e sulle unioni civili accosta le proposte di legge sull’eutanasia, sulle adozioni per tutti, compresi single e coppie gay, sull’omofobia, sulla legalizzazione delle droghe,ecc.»

Pino Morandini

morandini

Pubblicità
Pubblicità
Pubblicità
Pubblicità
Pubblicità
Pubblicità
Pubblicità
Pubblicità

  • Pubblicità
    Pubblicità
Trento2 ore fa

Forte vento, ieri 30 interventi dei Vigili del fuoco sul territorio

Trento4 ore fa

È finita la storia d’amore tra Ignazio Moser e Cecilia Rodriguez

Trento4 ore fa

A Palazzo Geremia il sindaco incontra il console generale americano Robert Needham

Val di Non – Sole – Paganella5 ore fa

Successo, grande partecipazione e importanti testimonianze a Castelfondo per l’evento «Respect»

Trento6 ore fa

A Trento costituito il Nucleo interforze per il controllo dei fondi del Pnrr

Trento6 ore fa

Sentieristica a misura di famiglia: ecco l’accordo tra Provincia, parchi naturali e Apt trentine

Bolzano7 ore fa

A fuoco il bosco sopra Marlengo, particolarmente difficili le operazioni di spegnimento a causa del forte vento

Val di Non – Sole – Paganella7 ore fa

In fiamme due canne fumarie a Commezzadura e in Primiero

Alto Garda e Ledro7 ore fa

Investito da un camion in rotatoria, gravissimo ciclista 42 enne

Italia ed estero9 ore fa

Coesistere con i grandi predatori: un nuovo studio

Cani Gatti & C10 ore fa

Nasce “Quattro Zampe in Famiglia”, il nuovo motore di ricerca per adottare cani e gatti ospiti in canili e gattili di tutta Italia

Vita & Famiglia11 ore fa

Dalla 45ª Giornata per la Vita alla manifestazione del prossimo maggio – “Restiamo Liberi”, la rubrica settimanale di Pro Vita & Famiglia

Bolzano20 ore fa

Slavina in Alto Adige: investite due turiste tedesche, una purtroppo è rimasta uccisa

Piana Rotaliana20 ore fa

Poste chiuse a Mezzolombardo? Il “Progetto di Rete” accompagna gli anziani all’ufficio sostitutivo di Mezzocorona

Trento21 ore fa

Occupazione abusiva a Cognola, una storia di ordinaria follia

Trento1 settimana fa

Continuano le truffe del reddito di cittadinanza. Ecco quanti lo ricevono in Trentino

Val di Non – Sole – Paganella4 settimane fa

Torna in Val di Non la grande “Festa di San Romedio”

Valsugana e Primiero4 settimane fa

Nuovo lutto per la famiglia Cantaloni, dopo la figlia Chiara muore anche il papà Giorgio

Offerte lavoro1 settimana fa

Cercasi commessa/o per nuova apertura negozio centro storico di Trento

Trento3 settimane fa

Condominio da incubo, pluripregiudicato tiene in ostaggio i residenti da anni. Il giudice: «Non si può sfrattare perchè è ai domiciliari»

Vista su Rovereto3 settimane fa

Spazi vuoti e serrande abbassate: la desolazione di Rovereto

Rovereto e Vallagarina4 settimane fa

Tragico incidente in Vallagarina, auto contro un Tir: 37 enne muore sul colpo

Trento2 settimane fa

Dalla Security ai set cinematografici: la storia del trentino Stefano Mosca

Trento3 settimane fa

Morto Marco Dorigoni, storico Dj di Studio uno. Aveva 57 anni

Trento4 settimane fa

60 enne denunciato per bracconaggio e per distillazione illegale di grappa

Trento2 settimane fa

Condominio da incubo via Perini: il soggetto entrerà in comunità alla fine del mese

Giudicarie e Rendena4 giorni fa

Non ce l’ha fatta Luigi Poli: il gestore del Palaghiaccio di Pinzolo è morto ieri

Trento3 settimane fa

«Soliti noti», abusivismo a Villazzano: una storia tutta trentina

Val di Non – Sole – Paganella3 settimane fa

Sviluppo turistico di Coredo, un gruppo di esercenti (e non) chiama a raccolta i cittadini: «Ora tocca a noi darci da fare»

Rovereto e Vallagarina4 giorni fa

Trovato morto in casa un 60 enne di Rovereto

  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

  • Pubblicità
    Pubblicità

Categorie

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

di tendenza