Connect with us
Pubblicità

Trento

L’ ambasciatore Birmano a Palazzo Trentini

Pubblicato

-

La nuova Birmania, uscita da 50 anni di regime dispotico militare, si affaccia ai mercati del mondo occidentale e mostra il volto attraente di un Paese con grande fame di benessere, di crescita, di business.

E’ quanto emerso anche dall’incontro di stamane a palazzo Trentini, dove l’ambasciatore straordinario e plenipotenziario del Myanmar in Italia, Myint Naung, è stato in visita ufficiale dal presidente del Consiglio provinciale di Trento, Bruno Dorigatti.

L’ospite – che si sta impegnando in un tour di approfondimento delle relazioni e dei rapporti di amicizia con il tessuto imprenditoriale delle regioni italiane più vivaci – ha raccontato della forte tensione del Paese orientale verso un avvenire aperto e basato sui liberi scambi.

Pubblicità
Pubblicità

Il presidente Barack Obama – ha detto Naung – ha riconosciuto che è giunto ormai il tempo di far cadere l’embargo verso la Birmania e in questa prospettiva l’Italia si profila come uno dei prossimi partner commerciali più importanti, anche in virtù di rapporti culturali di lunghissima data.

Il Myanmar fino al 1962 è stato il primo esportatore mondiale di riso, poi è seguito un lunghissimo oscurantismo, che adesso – con il ritorno e la vittoria di Auung San Suu Kyi – dischiude prospettive davvero importanti per tutti.

Il presidente Dorigatti ha ascoltato con interesse, ha detto che un territorio con l’8% annuo di incremento del Pil non può non suscitare la massima attenzione da parte della nostra imprenditoria, e ha chiesto lumi sul cammino del Paese verso la democrazia effettiva, il rispetto delle minoranze, l’ampliamento dei diritti civili.

Pubblicità
Pubblicità

L’ambasciatore afferma che anche in questo campo c’è una svolta in atto, di cui si accorta anche l’Onu, benché ci siano ancora problemi di rapporto con i 18 diversi gruppi etnici birmani, spesso in aperto conflitto con il Governo centrale.

Myint Naung stamane è giunto nella sede del Consiglio assieme a Paolo Bridi, general manager della Prometeo srl trading and consulting company, che lavora nei Paesi ASEAN  dal 1994.

L’ambasciatore proprio ieri ha incontrato gli operatori economici trentini più aperti verso l’export. Dorigatti ha auspicato che queste relazioni – assieme agli scambi culturali – possano diventare sempre più fitte e produttive.

Pubblicità
Pubblicità

  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

  • Pubblicità
    Pubblicità

Categorie

di tendenza