Connect with us
Pubblicità

Trento

Porfido, persi 1.000 posti di lavoro. Benefici per pochi e danni per molti

Pubblicato

-

Licenziamenti collettivi, riduzione degli stipendi, proliferazione del lavoro nero, l’interesse privato dei pochi a scapito dei Comuni, il malessere di artigiani e operai, veicolato da lettere e volantini, spesso anonimi, per paura di ripercussioni.

La crisi del porfido trentino preoccupa: dal 2007 ad oggi il settore ha perso circa 1.000 posti di lavoro, passando da 1.600 a poco più di 600 addetti.

L’oro rosso, come veniva chiamato il porfido fino alla fine del secolo scorso, ora non brilla più e finisce nuovamente sui banchi della giunta provinciale grazie ad un’interrogazione del consigliere provinciale Claudio Cia.

Pubblicità
Pubblicità

«La situazione è paradossale – scrive nella premessa Cia – per fare un esempio, nel 2015 il Comune di Albiano, una delle zone di maggior estrazione del porfido trentino, ha confermato la concessione di scavo fino al 2028 ad una ditta che già nel 2009 aveva licenziato tutti i suoi dipendenti. Assurdo. È il risultato di un sistema alimentato dalle poco lungimiranti politiche provinciali, a scapito dei territori in cui per decenni si è estratto il pregiato “oro rosso”».

Secondo il consigliere provinciale di Agire il sistema di calcolo dei canoni in vigore pare essere del tutto artificioso e consentirebbe, anche se applicato correttamente, di stabilire il prezzo della materia prima a vantaggio delle imprese.

Purtroppo non si può affermare lo stesso per le comunità locali, peraltro colpite anche da tagli di bilancio e carenza di risorse rispetto al passato.

Pubblicità
Pubblicità

Emblematico in tal senso il passaggio di un articolo pubblicato dalla stampa locale, in cui si evidenzia come “il sistema delle proroghe delle concessioni, oltre a consentire alla lobby dei cavatori di mantenere saldamente il controllo della materia prima, nasconde il reale valore del porfido”.

A titolo esemplificativo, notiamo come nel 2014 il comune di Fornace abbia incassato 387.000 euro a fronte di 83.000 metri cubi estratti. Se però fosse stata applicata la media del canone Asuc, avrebbe incassato 311.250 euro in più.

Stesso discorso a Lona-Lases: sono stati estratti 33.000 metri cubi, il Comune ha incassato 121.000 euro, ma avrebbe potuto incassare 171.600 euro in più.

Prima della crisi, siamo nel 2007, ad Albiano la media dei canoni risultava pari a 3,26 euro a metro cubo ed il comune incassava 2.154.000 euro a fronte di un volume estratto pari a 685.000 metri cubi. Fatta la differenza con il canone ASUC del 2006 si nota che il mancato introito per le casse comunali è stato pari a 3.017.000 euro.

«Peccato, – dice Claudio Cia – quei soldi sarebbero potuti finire ai Comuni, che avrebbero potuto investire in servizi per i cittadini. L’ennesima occasione persa dal cosiddetto centro-sinistra-autonomista. Ci chiediamo per quanto tempo la politica provinciale deciderà di fare finta di nulla, tutelando i pochi invece dei molti».

Nell’interrogazione Cia chiede alla giunta provinciale quanti siano stati, in termini economici, i benefici persi dai Comuni in cui si trovano attività estrattive negli ultimi cinque anni, considerando come riferimento i canoni medi previsti dalle Asuc.

Pubblicità
Pubblicità

  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

  • Isola in Irlanda cerca custodi: l’occasione per cambiare stile di vita per sei mesi
    La meta ideale per chi vuole entrare a contatto con la natura più incontaminata, allontanarsi dai ritmi frenetici della città, godendosi contemporaneamente un’esperienza di vita unica, si trova a Great Blasket Island, al largo della costa irlandese, dove è stata data l’opportunità attraverso un annuncio di lavoro, di cambiare stile di vita per sei mesi. […]
  • Illuminazione stradale accesa dal vento delle auto con l’innovativa di Turbine Light
    Con l’aumento di strade, autostrade e di reti viarie che necessitano di essere illuminate l’intera giornata, il fabbisogno energetico risulta essere in continuo aumento, costringendo a cercare diverse alternative per soddisfare e integrare le mutevoli esigenze di mercato. Uno dei problemi principali nel coprire la gestione territoriale urbana di reti periferiche e di grandi autostrade, […]
  • Auto elettriche, ricarica rapida: arriva la batteria del futuro che “fa il pieno” in cinque minuti
    I veicoli elettrici con tutti i loro vantaggi legati ai livelli di prestazioni e di emissioni, stanno diventando una componente essenziale per affrontare la crisi climatica internazionale. Un passo da compiere quasi inevitabile e già avviato in molti Paesi con l‘avvio di sussidi per l’acquisto di veicoli elettrici, ma ancora scoraggiato dai lunghi tempi di […]
  • Il Curriculum del futuro è anonimo: la Finlandia è la prima a sperimentarlo
    Per evitare discriminazioni di razza, sesso o età, in Finlandia stanno spopolando le selezioni anonime per chi è alla ricerca di lavoro. Una novità importante per gli uffici del Comune di Helsinki, che dalla scorsa primavera stanno sperimentando un processo di selezione del personale totalmente anonimo. La fase di analisi dei curriculum avviene senza che […]
  • Path, l’universo sotterraneo di Toronto
    Quando il cielo cede velocemente il passo alle perfette geometrie della selva di grattacieli del centro, dominati dalla Canadian National Tower si apre la città di Toronto in Canada, con i suoi grandi villaggi residenziali, i suggestivi quartieri periferici e le enormi strade che corrono verso il cuore della metropoli. Nonostante si mostri davvero affascinante, […]
  • Il primo cuore artificiale ottiene marchio CE: ora può essere venduto in tutta Europa
    La tutela della salute è una sfida che coinvolge medici, scienziati ed ingegneri, insieme impegnati da secoli per rendere sempre più concreta la possibilità di trovare soluzioni in grado di compensare le scarse disponibilità dei donatori e aiutare la vita delle persone che soffrono di particolari patologie. Negli ultimi anni la ricerca ha reso questa […]
  • Liberare l’agricoltura dai vincoli climatici con intelligenza artificiale e serre verticali
    L’inarrestabile evoluzione dell’intelligenza artificiale allarga si suoi già immensi confini coprendo anche l’importante mondo dell’agricoltura, puntando ad una vera rivoluzione agricola. L’esperimento di respiro europeo porta l’intelligenza artificiale nella conduzione di serre verticali che aiutano a rendere la produttività 400 volte superiore rispetto a quella tradizionale di colture orizzontali. Sfruttando l’intelligenza artificiale, con l’aiuto di applicazioni […]
  • Cereria Ronca: il posto dove alta qualità e rispetto per l’ambiente si incontrano
    Da oltre 160 anni, le candele della Cereria Ronca danno un tocco di luce e calore agli spazi dei propri clienti: cilindri, sfere, tortiglioni adatte ad ogni occasione vengono create ad hoc per illuminare e profumare l’ambiente. Dal 1855, infatti, Cereria Ronca produce e vende candele made in Italy a marchio, personalizzate o per conto di […]
  • Locherber Milano e l’arte della profumazione di ambiente
    Candele, diffusori, intense fragranze ed eccellenza sono i pilastri di Locherber Milano, brand creato dopo tre generazioni di sviluppo di prodotti cosmetici e grazie al connubio tra precisione svizzera e passione Italiana. L’azienda, gestita autonomamente grazie alla conduzione familiare, permette di mantenere un ethos invariato ed una propria libertà creativa. Le fragranze esclusive di Locherber Milano […]

Categorie

di tendenza