Connect with us
Pubblicità

Il Punto da Bruxelles

L’Unione europea non si piega allo strapotere delle multinazionali

Pubblicato

-

L’Unione europea svolge un ruolo fondamentale per proteggere i nostri cittadini dalle conseguenze negative della globalizzazione.

Pochi giorni fa, ne abbiamo avuto l’ennesima dimostrazione. In seguito a un’indagine avviata nel 2014, la Commissione europea ha stabilito che l’Irlanda ha concesso ad Apple vantaggi fiscali indebiti e deve perciò farsi restituire 13 miliardi di imposte arretrate (più interessi) dalla multinazionale americana.

Attraverso un accordo fiscale privilegiato stipulato con il governo irlandese, Apple è riuscita a eludere le imposte sulla quasi totalità degli utili generati dalle vendite dei suoi prodotti in tutto il mercato unico dell’Ue. Questo accordo consentiva, infatti, ad Apple di registrare tutte le vendite in Irlanda, piuttosto che nei Paesi nei quali venivano venduti i prodotti, e di pagare sugli utili europei un’aliquota effettiva dell’imposta sulle società pari all’1% nel 2003, scesa poi fino allo 0,005% nel 2014.

Pubblicità
Pubblicità

Se si prende come riferimento l’aliquota del 2014, si può affermare che Apple pagava al fisco irlandese 50 euro per ogni milione di profitti! Troppo poco, anche per gli standard di Dublino: l’imponibile sulle società, secondo la legge irlandese, è, infatti, del 12,5%.

Il trattamento fiscale riservato ad Apple è quindi illegale ai sensi delle norme europee sugli aiuti di Stato perché ha conferito alla multinazionale americana un vantaggio considerevole, consentendole per anni di pagare molte meno tasse delle altre imprese.

La responsabilità principale dell’accaduto ricade sul governo irlandese, che ha barattato un regime fiscale agevolato per Apple con i 5.500 posti di lavoro che la società americana assicura al Paese. È probabilmente per questo motivo che ora i leader irlandesi dicono di non volere i 13 miliardi di imposte arretrate e promettono di ricorrere in appello, come farà Apple.

Pubblicità
Pubblicità

Purtroppo il caso di Apple in Irlanda è solo la punta dell’iceberg. Un iceberg che in Parlamento europeo siamo intenzionati ad abbattere. È dal 2014, dopo che lo scandalo Luxleaks ha scoperchiato il vaso di Pandora degli accordi fiscali privilegiati tra alcuni governi europei e multinazionali, che Commissione e Parlamento europeo hanno lanciato una lotta senza quartiere contro queste pratiche illegali, che falsano la concorrenza a danno delle piccole e medie imprese.

Oltre al bilancio dello stato, a rimetterci sono, infatti, proprio le piccole e medie imprese, che, non potendo trasferire la loro sede legale in Lussemburgo o in Irlanda, sono obbligare a pagare le tasse dove risiedono e a subire così la concorrenza sleale delle multinazionali. È questo il caso dell’albergatore della Val di Fassa, che, diversamente da una grande catena internazionale di alberghi, non può scegliere lo Stato dove pagare le tasse, o del commerciante di Trento, che non può spostare i profitti dove vuole, come invece fanno Amazon ed altri.

Lo sforzo delle autorità europee sta, però, cominciando a dare i propri frutti. L’anno scorso la Commissione ha imposto all’Olanda di recuperare le imposte non versate da Starbucks e al Lussemburgo di fare lo stesso con Fiat. Anche McDonald’s e Amazon sono nel mirino delle indagini della Commissione per via dei loro accordi con il fisco lussemburghese.

Lo scorso ottobre, poi, gli Stati membri hanno deciso di scambiarsi le informazioni sugli accordi fiscali concessi alle multinazionali, fino ad ora segreti. L’obiettivo dell’intesa, che entrerà in vigore nel 2017, è di rendere trasparenti le decisioni fiscali nazionali, scoraggiando così l’adozione di pratiche dannose e consentendo alla Commissione di disporre di tutte le informazioni necessarie per sanzionare tali pratiche.

Si tratta di misure importanti ma non sufficienti. Anche per questo, in Parlamento abbiamo istituito una commissione speciale sugli accordi fiscali e abbiamo approvato lo scorso luglio una risoluzione in cui sollecitiamo i governi ad adottare un quadro di regole chiaro in materia di tassazione, per assicurare una competizione equa tra le imprese nel mercato interno. Il nostro obiettivo principale è che tutte le società, grandi e piccole, paghino le imposte dove realizzano i propri utili.

Il caso di Apple e del governo irlandese è la prova che gli Stati membri sono troppo deboli per far fronte alle multinazionali, e quindi cedono al ricatto pur di racimolare qualche investimento. L’Unione europea, invece, ha il peso politico e la forza economica per difendere i propri cittadini dall’avidità rapace delle multinazionali e garantire una concorrenza equa tra tutte imprese operanti sul suo territorio.

A cura di Herbert Dorfmann, Europarlamentare eletto nel collegio del Trentino Alto-Adige

Pubblicità
Pubblicità

  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

  • Dal camerino digitale alle chat “commessa”: Cambia l’esperienza d’acquisto anche nella moda
    L’arrivo del covid prima e l’emergenza sanitaria poi, sta accelerando un processo e una trasformazione che era più che mai prevedibile, puntando verso diversi cambiamenti, soprattutto quello dell’esperienza d’acquisto. Una direzione inconvertibile in cui molti, tra esperti e protagonisti del settore, stanno cercando di riprodurre le stesse sensazione dell’acquisto vissuto in negozio  provando ad uguagliarlo […]
  • Anche i grandi nomi della moda scelgono la sostenibilità: Prada lancia la nuova linea “Prada Re – Nylon” con plastica ricilata
    I grandi nomi della moda e del lusso si reinventano nella forma e soprattutto nella sostanza facendo della sostenibilità una propria cultura aziendale, impegnandosi verso una moda sostenibile e decisamente più responsabile. Questa è la direzione che ha deciso di prendere Prada, ampliando la sua proposta e introducendo una nuova collezione con del nylon rigenerato per […]
  • Al MART di Rovereto è arrivata la mostra “Caravaggio. Il contemporaneo”
    Michelangelo Merisi, in arte Caravaggio, è un pittore italiano nato a Milano nel 1571 e deceduto a Porto Ercole nel 1610. Questo incredibile autore, che si è formato a Milano e che ha lavorato a Roma, Napoli, Malta e in Sicilia fra il 1593 e il 1610, ha raggiunto la notorietà nel XX secolo dopo un […]
  • Arriva la crociera “ no where”: navigare in mare aperto senza scali né meta
    Dopo i voli verso il nulla annunciati da diverse compagnie aeree in Asia, ora, per riconquistare la fiducia dei viaggiatori e dei turisti di tutto il mondo arrivano anche viaggi in nave senza destinazione, le crociere “no where”. Si tratta di navigazioni in barca in mare aperto ma senza scali con andata e ritorno e […]
  • Il periodo di quarantena all’estero diventa un’opportunità di turismo: la Norvegia e il suo fascino
    Nonostante un periodo di limitazioni, viaggiare per turismo è diventato un imperativo, esiste infatti chi ha inventato proposte decisamente non convenzionali per trasformare l’attuale situazione di emergenza in una vera opportunità di turismo. Si parla in particolare del “Loften Quartine Tour”, un “pacchetto sicuro” pensato da Quality Group e marchiato da Il Diamante che punta […]
  • A Londra il vecchio taxi cambia stile: a bordo Playstation 4 e Apple TV
    Uno dei simboli della città di Londra, i tipici taxi neri Balck Cab dall’estetica retrò che percorrono le strade della capitale inglese, è stato finemente rivisitato in chiave moderna, realizzandone una versione di lusso ma fedele all’originale. Mantenendo la stessa funzione, un rivenditore di auto di fascia alta, ha realizzato un’edizione premium limitata di alto […]
  • Smart working in camere di lusso:la nuova tendenza è l’ufficio in hotel
    Per molte realtà imprenditoriali Il lavoro remoto sta diventando una soluzione sempre più stabile e di conseguenza si prefigura la necessità di renderlo meno casalingo possibile per preservare sia la produttività e soprattutto gli equilibri famigliari. Il metodo perfetto per conciliare le varie esigenze aumentando il rendimento del lavoratore senza gravare sulla famiglia, è stato […]
  • Pumpkin Spice Latte: le varianti più golose della ricetta più apprezzata durante l’autunno!
    Ideata da Starbucks nel 2003 e definitamente rivisitata nel 2015, la ricetta del Pumpkin Spice Latte è diventata negli anni uno dei must stagionali per quanto riguarda l’autunno. La bevanda, a base di zucca, caffè, latte e cannella, è particolarmente apprezzata negli Stati Uniti ma sta iniziando a farsi conoscere anche nel resto del mondo. […]
  • Botticelli va all’asta: raro dipinto, valore stimato 80 milioni di dollari
    La straordinaria stagione del Rinascimento italiano ammirato da tutto il mondo grazie al domino culturale, economico e sopratutto artistico di quegli anni, attira nuovamente l’attenzione a causa del recente annuncio d’asta di un capolavoro del Botticelli. La nota casa d’Aste Sotheby’s ha infatti comunicato che nel gennaio 2021 verrà messo all’asta un magnifico dipinto del […]

Categorie

di tendenza