Connect with us
Pubblicità

Il Punto da Bruxelles

L’Unione europea non si piega allo strapotere delle multinazionali

Pubblicato

-

L’Unione europea svolge un ruolo fondamentale per proteggere i nostri cittadini dalle conseguenze negative della globalizzazione.

Pochi giorni fa, ne abbiamo avuto l’ennesima dimostrazione. In seguito a un’indagine avviata nel 2014, la Commissione europea ha stabilito che l’Irlanda ha concesso ad Apple vantaggi fiscali indebiti e deve perciò farsi restituire 13 miliardi di imposte arretrate (più interessi) dalla multinazionale americana.

Attraverso un accordo fiscale privilegiato stipulato con il governo irlandese, Apple è riuscita a eludere le imposte sulla quasi totalità degli utili generati dalle vendite dei suoi prodotti in tutto il mercato unico dell’Ue. Questo accordo consentiva, infatti, ad Apple di registrare tutte le vendite in Irlanda, piuttosto che nei Paesi nei quali venivano venduti i prodotti, e di pagare sugli utili europei un’aliquota effettiva dell’imposta sulle società pari all’1% nel 2003, scesa poi fino allo 0,005% nel 2014.

Pubblicità
Pubblicità

Se si prende come riferimento l’aliquota del 2014, si può affermare che Apple pagava al fisco irlandese 50 euro per ogni milione di profitti! Troppo poco, anche per gli standard di Dublino: l’imponibile sulle società, secondo la legge irlandese, è, infatti, del 12,5%.

Il trattamento fiscale riservato ad Apple è quindi illegale ai sensi delle norme europee sugli aiuti di Stato perché ha conferito alla multinazionale americana un vantaggio considerevole, consentendole per anni di pagare molte meno tasse delle altre imprese.

La responsabilità principale dell’accaduto ricade sul governo irlandese, che ha barattato un regime fiscale agevolato per Apple con i 5.500 posti di lavoro che la società americana assicura al Paese. È probabilmente per questo motivo che ora i leader irlandesi dicono di non volere i 13 miliardi di imposte arretrate e promettono di ricorrere in appello, come farà Apple.

Pubblicità
Pubblicità

Purtroppo il caso di Apple in Irlanda è solo la punta dell’iceberg. Un iceberg che in Parlamento europeo siamo intenzionati ad abbattere. È dal 2014, dopo che lo scandalo Luxleaks ha scoperchiato il vaso di Pandora degli accordi fiscali privilegiati tra alcuni governi europei e multinazionali, che Commissione e Parlamento europeo hanno lanciato una lotta senza quartiere contro queste pratiche illegali, che falsano la concorrenza a danno delle piccole e medie imprese.

Oltre al bilancio dello stato, a rimetterci sono, infatti, proprio le piccole e medie imprese, che, non potendo trasferire la loro sede legale in Lussemburgo o in Irlanda, sono obbligare a pagare le tasse dove risiedono e a subire così la concorrenza sleale delle multinazionali. È questo il caso dell’albergatore della Val di Fassa, che, diversamente da una grande catena internazionale di alberghi, non può scegliere lo Stato dove pagare le tasse, o del commerciante di Trento, che non può spostare i profitti dove vuole, come invece fanno Amazon ed altri.

Lo sforzo delle autorità europee sta, però, cominciando a dare i propri frutti. L’anno scorso la Commissione ha imposto all’Olanda di recuperare le imposte non versate da Starbucks e al Lussemburgo di fare lo stesso con Fiat. Anche McDonald’s e Amazon sono nel mirino delle indagini della Commissione per via dei loro accordi con il fisco lussemburghese.

Lo scorso ottobre, poi, gli Stati membri hanno deciso di scambiarsi le informazioni sugli accordi fiscali concessi alle multinazionali, fino ad ora segreti. L’obiettivo dell’intesa, che entrerà in vigore nel 2017, è di rendere trasparenti le decisioni fiscali nazionali, scoraggiando così l’adozione di pratiche dannose e consentendo alla Commissione di disporre di tutte le informazioni necessarie per sanzionare tali pratiche.

Si tratta di misure importanti ma non sufficienti. Anche per questo, in Parlamento abbiamo istituito una commissione speciale sugli accordi fiscali e abbiamo approvato lo scorso luglio una risoluzione in cui sollecitiamo i governi ad adottare un quadro di regole chiaro in materia di tassazione, per assicurare una competizione equa tra le imprese nel mercato interno. Il nostro obiettivo principale è che tutte le società, grandi e piccole, paghino le imposte dove realizzano i propri utili.

Il caso di Apple e del governo irlandese è la prova che gli Stati membri sono troppo deboli per far fronte alle multinazionali, e quindi cedono al ricatto pur di racimolare qualche investimento. L’Unione europea, invece, ha il peso politico e la forza economica per difendere i propri cittadini dall’avidità rapace delle multinazionali e garantire una concorrenza equa tra tutte imprese operanti sul suo territorio.

A cura di Herbert Dorfmann, Europarlamentare eletto nel collegio del Trentino Alto-Adige

Pubblicità
Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

Necrologi

  • Pubblicità
    Pubblicità

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Polizze assicurative per i turisti stranieri: previsto un fondo dal Ministero del Turismo
    Con l’arrivo della stagione estiva l’attenzione è puntata verso il turismo. Per questo, al fine di stimolare gli spostamenti, il Decreto Sostegni Bis prevede finanziamenti alle Regioni destinati al rimborso delle spese mediche ai turisti.... The post Polizze assicurative per i turisti stranieri: previsto un fondo dal Ministero del Turismo appeared first on Benessere Economico.
  • Il lavoro cambia e corre verso l’Hybrid Workplace, i vantaggi della “nuova normalità” e come introdurla
    Con la pandemia è emersa l’esigenza di trovare una nuova organizzazione del lavoro che cercasse di riadattare l’esperienza, trasferendo fuori dalla sede operativa la maggior parte delle attività lavorative. Questo processo ha iniziato a delineare... The post Il lavoro cambia e corre verso l’Hybrid Workplace, i vantaggi della “nuova normalità” e come introdurla appeared first […]
  • Aumentare le vendite online, consigli per migliorare le prestazioni del proprio e-commerce
    Il particolare periodo storico ha spinto molte attività a cercare soluzioni alternative per la vendita dei propri prodotti, una di queste è sicuramente l’apertura delle vetrina digitale con le vendita online. Qualsiasi imprenditore desideri aumentare... The post Aumentare le vendite online, consigli per migliorare le prestazioni del proprio e-commerce appeared first on Benessere Economico.
  • Bonus affitto 2021: modifiche e novità per i beneficiari nel Decreto Sostegni bis
    Nei contributi a fondo perduto previsti dal Bonus affitto 2021 sono previsti nuovi beneficiari grazie all’ampliamento della platea dettata dal Decreto Sostegni Bis. Bonus affitto 2021, come funziona Definito dal Decreto Rilancio, il bonus affitto... The post Bonus affitto 2021: modifiche e novità per i beneficiari nel Decreto Sostegni bis appeared first on Benessere Economico.
  • Europa verso la limitazione di circolazione dei contanti: tetto a 10 mila euro
    La Commissione Europea sta lavorando ad un pacchetto di norme che limiterebbe la circolazione di contanti nei Paesi membri. Il pacchetto che potrebbe entrare in vigore nel 2024, propone di fissare in tutta Europa un... The post Europa verso la limitazione di circolazione dei contanti: tetto a 10 mila euro appeared first on Benessere Economico.
  • Indennità Covid una tantum per lavoratori autonomi e dipendenti: tutti i dettagli
    Fino al 30 settembre 2021 i lavoratori interessati potranno chiedere l’erogazione da parte dell’Inps della nuova indennità omnicomprensiva Covid-19 fin ad un massimo di 1600 euro una tantum prevista dal Decreto Sostegni Bis. Beneficiari dell’indennità... The post Indennità Covid una tantum per lavoratori autonomi e dipendenti: tutti i dettagli appeared first on Benessere Economico.
  • In Italia arriva la prima Beach SPA marina: un’offerta turistica naturale e consapevole
    Gli elementi naturali caratteristici della spiaggia del Salento legati all’acqua salina del mare e all’aria estiva, diventano dei veri percorsi benessere all’interno di una spa che nasce direttamente sulla costa, in spiaggia, all’aria aperta. Un’idea unica per chi ama il mare e l’aria aperta, ma non vuole perdere tutte le conseguenze rigenerati e vitalizzanti tipiche […]
  • Piccoli angoli di paradiso immersi nella natura incontaminata, una perfetta alternativa al mare
    La bellezza incontaminata della natura fatta di scrigni selvaggi e posti da favola, accende la passione per l’Italia e per le sue straordinarie mete che spesso, nascondono scenari incredibili. Non solo acqua di mare, ma anche fiumi, cascate e canyon diventano un luogo ed un’alternativa perfetta per fare il bagno e rilassarsi. Infatti, per chi vuole […]
  • Nuotare nel Reno: un’esperienza unica nel suo genere
    Dalle montagne spettacolari, agli immensi boschi fino alle gole selvagge, la Svizzera circondata dalla sua natura incontaminata diventa inevitabilmente sinonimo di sostenibilità. Questa attenzione si riflette sui consumi, sulla lungimiranza nel riciclaggio della popolazione, ma anche sul turismo. Infatti, il turismo svizzero spinge i suoi visitatori ad entrare quanto più possibile a contatto con l’ambiente […]
  • Kylie Skin, la linea beauty di Kylie Jenner
    “La cura della pelle e il trucco vanno di pari passo e Kylie Skin è qualcosa che ho sognato subito dopo Kylie Cosmetics. Ci ho lavorato per quella che sembra una vita, quindi non posso credere che sia finalmente arrivato! Costruire la mia linea di trucco da zero mi ha insegnato molto e sono così […]

Categorie

di tendenza