Connect with us
Pubblicità

Trento

La maternità vissuta da una donna disabile, a volte è un problema troppo grande

Pubblicato

-

Ci sono delle barriere che sono ancora più difficili di quelle architettoniche. Sono i muri fatti di silenzio, paure e pregiudizi. Poi, ad aggravare delle situazioni già di per sé non facili, intervengono gli ostacoli architettonici e la carenza di servizi. Ecco allora che pensare di diventare mamme quando si è affette da una disabilità diventa un problema a volte troppo grande.

Molte donne si ritrovano così a dover combattere contro la loro stessa natura. Avere un figlio o anche di più ma essere consapevoli che non sarà di certo una passeggiata. Dai lettini irraggiungibili per ecografie e visite ginecologiche, ai gradini sempre troppo alti per passare poi agli stessi medici che spesso scoraggiano quel tanto naturale desiderio di maternità.

Nella sezione Disabilità del Corriere, a riguardo, si fa un’analisi approfondita sugli ostacoli che incontra una donna disabile che desidera diventare mamma, attraverso delle storie. Quella di Deborah, Giulia e Simona che raccontano le loro vite alla presa con quell’importante scelta.

Pubblicità
Pubblicità

Secondo una ricerca diffusa da Susanna Usai, una laureanda in ostetricia dell’Università di Sassari, tra le paure più grandi di una mamma affetta da disabilità c’è quella di trasmettere la malattia al nascituro.

Molte avrebbero voluto partorire spontaneamente e non con il cesareo e altre ancora speravano di avere un maggiore sostegno da parte dei sanitari. A riguardo, la ricercatrice ha deciso di dar vita e diffondere un questionario che le donne possono compilare in forma anonima per capire meglio quali sono le barriere fisiche e mentali che ancora s’imbattono sulle donne nel pre e nel post partum.

Di queste paure e dei tanti dubbi che affliggono le donne disabili è consapevole anche l’Aism, l’associazione italiana sclerosi multipla che da qualche anno ha attivato lo sportello “Tutto parla di te” in sostegno alle donne che scelgono di intraprendere questo emozionante ma impegnativo percorso. Alle mail rispondono delle donne che hanno affrontato la gravidanza e il parto con la sclerosi multipla.

Una di loro è Deborah Chillemi, cui la malattia è stata diagnosticata a 28 anni. Dopo lo sconforto iniziale, la giovane aveva capito di non potersi lasciare prendere dalla paura e di non voler rinunciare ad avere dei figli.

Due anni dopo la diagnosi, lei e il marito hanno avuto il primo bambino. Ci sono state fasi in cui la malattia si è riacutizzata, con evidenti ricadute ma per Deborah “qualunque sia la scelta, è importante che la malattia non costituisca una barriera mentale, un limite al proprio desiderio di maternità. La sclerosi multipla è una sfida che si combatte ogni giorno: personalmente ho deciso che io sto avanti e lei sta indietro, non le permetto di condizionare la mia vita“.

Altre due storie sono quelle di Simona Mazza e Giulia Aligheri. Simona ha scoperto di essere stata colpita dalla Sclerosi multipla dopo la nascita della seconda figlia. “Ero ancora autonoma quando ho avuto la prima bambina – racconta  – . Poi sono iniziati i problemi: la malattia è imprevedibile e le ricadute si presentano all’improvviso. Sono rimasta completamente bloccata per un anno e mezzo, poi ho ripreso a camminare ma non guido più e non riesco a fare tutto come prima. Un giorno una delle mie figlie mi ha chiesto: ‘Mamma muori?’. Ho dovuto rassicurare entrambe, ma senza raccontare frottole“. Un esempio di come fare la mamma sia impegnativo ma non impossibile. “Se sei costretta ad andare in ospedale anche solo per una visita, qualcuno deve occuparsi dei tuoi figli. E allora c’è bisogno dell’aiuto di tutti: partner, genitori, amici“.

Ancora più complicata è la storia di Giulia e del marito, entrambi affetti da Sclerosi multipla. Insieme hanno deciso di dare alla luce il piccolo Andrea, che ora ha 14 mesi. “C’era il rischio che anche nostro figlio potesse ammalarsi, ma non ci siamo lasciati intimidire dalle percentuali e non ha vinto la paura: il desiderio di un figlio ti fa sentire più forte, soprattutto se hai accanto la persona giusta, che ami e condivide le tue scelte“.

RGP

Pubblicità
Pubblicità

  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

  • Profumi funzionali: in arrivo nuove fragranze per diminuire lo stress ed aumentare il benessere
    I ricordi e le emozioni sono unite da un profondo e stretto legame con l‘olfatto che lo rendono come il gusto, uno dei sensi più potenti e straordinari arrivando ad influenzare molte volte anche i nostri comportamenti. L’olfatto è quel senso che non solo riesce a collegare i ricordi, gli attimi e addirittura i sapori […]
  • Svizzera: dal 2020 il tragitto casa – lavoro viene considerato orario d’ufficio
    In metropolitana, in autobus o in treno: tutti i giorni durante il tragitto che da casa porta al lavoro si risponde a numerose telefonate, si inviano e ricevono sollecitazioni, informazioni o delucidazioni sia via mail che attraverso social riguardo gli impegni lavorativi della giornata e della settimana. Dal primo gennaio 2020, in Svizzera, il tragitto […]
  • “Cortex Cast”: il gesso del futuro direttamente dalla stampante 3D
    Il gesso è da sempre stato l’irritante, ingombrante e pesante compagno di molte convalescenze, accompagnando e terrorizzando per settimane milioni di persone in tutto il mondo. Molto presto tutto questo potrebbe diventare soltanto ricordo molto lontano; a rimpiazzare con notevole onore il vecchio gesso sarebbe “Cortex Cast”: un esoscheletro stampato in 3D, composto da nylon […]
  • Formaggella della Solidarietà: il Caseificio Val di Fiemme ed il successo del volontariato d’impresa
    Le aziende hanno diversi sistemi e modi per creare valore, ma soltanto uno riesce a generare opportunità ed importanza contribuendo con successo al benessere del territorio e della società: Il volontariato sociale d’impresa. Il Caseificio della Val di Fiemme è entrato e si è distinto in questo importante mondo, creando e dedicando ad ogni anno […]
  • Affitti troppo alti: Berlino impone con legge un tetto massimo ai prezzi
    In tutta Italia, le cifre da capogiro degli appartamenti in affitto colpiscono direttamente ragazzi, studenti universitari ed intere famiglie che, costretti a scontrarsi con le difficoltà lavorative e la mancanza di un capitale iniziale per acquistare una casa di proprietà, devono a ripiegare sull’appartamento in affitto. Nonostante le cifre improponibili, il profondo cambiamento della società […]
  • Bhutan: l’incredibile fascino del Paese più felice del mondo
    Incastonato tra le rocce dell’immensa catena montuosa Himalayana, tra Cina e India, la natura lascia spazio al piccolo ma affascinate Stato monarchico del Bhutan. Nonostante sia uno dei paesi più poveri dell’Asia, qui si registra il tasso di felicità più elevato di tutto il continente e l’ottavo nella classifica mondiale. Infatti, oltre agli incredibili paesaggi, […]
  • Mobili fonoassorbenti per eliminare i rumori da casa e dagli uffici
    Il rumore del traffico esterno, il calpestio proveniente dal piano superiore, la televisione del vicino a volume troppo alto: questi sono solo alcuni dei rumori che possono infastidire l’ambiente domestico. Il mercato offre moltissimi sistemi per ottimizzare, migliorare e molte volte eliminare il problema: dai blocchi di muratura, applicati sopratutto nelle nuove costruzioni, ai feltri […]
  • Stop agli oggetti smarriti: Google Tile aiuta a trovare le chiavi di casa
    Perdere oggetti e non riuscire più a ritrovarli è diventato un fenomeno talmente comune e frequente dall’essere d’ispirazione a numerose ricerche scientifiche per riuscire a determinarne le cause e i motivi. Secondo alcuni ricercatori, oltre allo stress e la fretta, sarebbero le attività inconsce ad allargare le possibilità di perdita. Infatti, senza volerlo spostiamo gli […]
  • Parco giochi per anziani: l’incredibile idea per che unisce il gioco alla salute
    All’arrivo della terza età troppo spesso si tende ad uscire e socializzare meno, con risultati non completamente positivi sulla salute. Una delle soluzioni insieme alle tante attività può essere lo sport: una perfetta occasione di interazione e socializzazione che permette di mantenersi attivi non solo nel corpo ma anche nello spirito. Per aiutare gli anziani […]

Categorie

di tendenza