Connect with us
Pubblicità

Italia ed estero

Cosa si sarebbe evitato se gli Stati Uniti fossero intervenuti in Siria?

Pubblicato

-

Cosa sarebbe successo se tre anni fa gli Stati Uniti fossero intervenuti militarmente in Siria? Sarebbero rimasti impantanati come in Iraq, quando George W. Bush era presidente, o sarebbero invece riusciti a impedire a Bashar Al Assad di sterminare il proprio popolo e trasformare il Paese in un buco nero?

Esattamente tre anni fa, la “colomba” Obama e i suoi alleati non approfittarono della finestra d’opportunità che avrebbe permesso loro di legare le mani ad Assad “il macellaio”. Tutto ebbe inizio il 29 agosto 2013, quando, in seguito a un voto contrario della Camera dei Comuni, il primo ministro britannico David Cameron ritirò il suo sostegno alla missione militare finalizzata ad impedire ad Assad di continuare a usare le armi chimiche contro il suo popolo.

A poco erano servite le parole del Segretario di Stato americano, John Kerry, la mattina seguente: “La storia è piena di leader che ci hanno messo in guardia dall’inazione, dall’indifferenza, e in particolar modo dallo stare in silenzio nei momenti più importanti”.

Pubblicità
Pubblicità

Il giorno dopo Obama cominciò il dietrofront, ancorando l’intervento militare americano al voto del Congresso. Una mossa che colse di sorpresa i francesi, desiderosi di attaccare il regime di Assad, ma comunque non disposti a intervenire da soli.

L’intervento congiunto di Stati Uniti, Regno Unito e Francia avrebbe potuto rivelarsi disastroso e in questo caso saremmo qui a criticarne le conseguenze. Ma è comunque innegabile che la decisione dei tre di non intervenire sia stata altrettanto sbagliata, in quanto ha lasciato campo libero a tutte quelle forze che uccidono, umiliano e tengono prigionieri i cittadini siriani che non sono ancora fuggiti o morti.

I morti non si contano più, la Siria è ormai un cimitero a cielo aperto. Secondo diverse stime, le persone morte dall’inizio della guerra vanno dalle 115mila alle 400mila. Tra queste, 2.350 civili sarebbero stati ammazzati dall’ISIS. Secondo l’Osservatorio siriano per i diritti umani, i bambini uccisi durante il conflitto sarebbero, invece, ben 14.711. In Siria l’aspettativa di vita è crollata da 80 anni a 55 anni.

Pubblicità
Pubblicità

La carneficina che sta avendo luogo nel Paese ha avviato un esodo di massa. Secondo l’Alto commissariato delle Nazioni Unite per i Rifugiati, i profughi siriani dispersi nel mondo sarebbero all’incirca 4,8 milioni. A questa cifra si aggiungono i 2 milioni di sfollati in Siria. Per la maggior parte, si tratta di gente che non ha più niente, a parte i vestiti che indossa. La grande maggioranza dei profughi si trova nei paesi limitrofi, in Turchia, Libano, Giordania, Iraq ed Egitto. In Libano, i profughi siriani costituiscono il 20 per cento dei residenti nel Paese. Una cifra enorme, che rischia di destabilizzare un Paese dove la convivenza tra varie culture è già stata messa a dura prova, con conseguenze tragiche.

Non va poi dimenticato l’effetto dell’esodo di disperati sugli equilibri politico-sociali del continente europeo. L’ondata di migranti ha terrorizzato la popolazione, permettendo ai partiti di destra, che hanno cavalcato la retorica anti-profughi, di raccogliere una quantità di consensi senza precedenti, minacciando i partiti tradizionalmente al governo e ponendo le basi per lo smembramento dell’Unione europea.

La “colomba” Obama ha lasciato la Siria in mano agli avvoltoi. L’inferno siriano si espande a macchia d’olio e rischia di inghiottire tutto ciò che gli sta intorno.

 

Pubblicità
Pubblicità

  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

  • Dai semi di mela un olio “green” per uso alimentare e cosmetico
    Da assaggiare cruda nell’insalata o cotta nella torta, fino alle bevande con succhi, centrifugati e la versione alcolica, il sidro: le mele sono in assoluto uno dei frutti più versatili nonché sani da utilizzare in cucina. Nonostante la mela sia un frutto quasi completamente commestibile, il residuo di una lavorazione ad uso industriale è il […]
  • Lago Nero e Cornisello: luoghi mozzafiato incastonati tra le Dolomiti di Brenta
    Tra le spettacolari Dolomiti di Brenta è possibile trovare dei paesaggi davvero mozzafiato. Alcuni di questi è possibile immortalarli in Val Nambrone, una diramazione della Valle di Campiglio, che porta alle cime del gruppo della Presanella. Questa zona è famosa soprattutto per i suoi laghi alpini tra cui il Lago Nero ed i laghi di […]
  • Vestiti digitali: l’abito che compri, indossi ma non esiste
    Dietro al glamour e allo scintillio dei vestiti nuovi, appena usciti dai negozi, il mondo della moda si ritrova in una fase epocale di cambiamento trainata dalla trasformazione dei comportamenti di acquisto dei prodotti, dalle diverse esigenze dei consumatori e soprattutto dalla forte rivoluzione digitale. In ambito fashion infatti, i cambiamenti più significativi riguardano la […]
  • Gelato alla frutta o gelato alle creme? Questo è il dilemma
    Che estate sarebbe senza gelato? Colorato, fresco, gustoso e perfetto per una merenda golosa o per una serata davanti al ventilatore, il gelato è un must della bella stagione. I gusti ormai sono infiniti, si va dal dolce al salato, dal classico gelato al gelato fritto… insomma, ce n’è per tutti i palati! Ma è […]
  • Da aerei e droni, “bombe di semi” contro la deforestazione in Thailandia
    La fame di risorse naturali che portano alla riconversione di zone naturali in coltivazioni e zone urbane è un fenomeno storico, noto fin dalle origini antiche ma mai così sviluppato come nelle proporzioni attuali. La deforestazione infatti, è considerata uno dei più grandi mali della società moderna che, oltre ad aggravare una vasta gamma di […]
  • Isole Borromee: le tre incredibili ‘perle’ del lago Maggiore
    Incastonato tra i rilievi collinari e montuosi delle terre svizzere e quelle italiane, nelle regioni di Lombardia e Piemonte si aprono le meravigliose acque del Lago Maggiore, rese spettacolari dai tratti di costa punteggiata di castelli, ville monumentali e circondate dai rigogliosi e coloratissimi giardini. Dal favoloso clima, alle bellezze architettoniche, alla ricca eredità archeologica, […]
  • Eco Bonus 110% esteso anche alle seconde case
    Nonostante il tanto desiderato Super Eco Bonus del 110 %, il pacchetto di incentivi fiscali relativi alle detrazioni per le riqualificazioni energetiche e misure antisismiche sia entrato ufficialmente in vigore dal mese di luglio 2020, si pensa già ad un allargamento della platea per la super detrazione. È stata presentata infatti, una riformulazione di un […]
  • Ghiaccioli fatti in casa: mille gusti di golosità!
    Quando arriva l’estate nei nostri congelatori non mancano mai alcune scatole di ghiaccioli. Golosi, gustosi, colorati e adatti a tutti i gusti: i ghiaccioli possono essere l’ingrediente perfetto per una merenda tra amici, fresca e rigorosamente instagrammabile. Ma è davvero così complicato prepararli? Gli ingredienti per preparare i ghiaccioli sono davvero semplici e pochi: i […]
  • Garda See Charter: tra l’arte del navigare e un’avventura sportiva
    Venti che soffiano costanti e regolari, onde perfette e mai eccessivamente abbondanti, acqua celeste e leggermente illuminata dai caldi raggi del sole che rendono il clima mite tutto l’anno: queste sono solo alcune delle condizioni ideali per un’esperienza in barca a vela sulle acque del Lago di Garda. Quello del Lago di Garda, tra il […]

Categorie

di tendenza