Connect with us
Pubblicità

Io la penso così…

Andare oltre il #FertilityDay – di Marika Poletti

Pubblicato

-

La campagna #FertilityDay (a parte il nome orrido) dice tutte cose vere, in modo sgraziato e superficiale, ma pur sempre vere.

La famiglia è una ricchezza per il nostro futuro ed una grazia per chi la crea.

Purtroppo, però, non uguale attenzione viene riposta sul disegno sociale, fatto di politiche, servizi e strumenti occupazionali ad hoc.

Qualche dato demografico può, seppur in sunto, implementare la riflessione: la popolazione straniera in Trentino è pari al 12% ma conta il 15% dei neo iscritti alle scuole d’infanzia e tocca il 25% delle nascite.  Evidentemente per loro non è necessario un #FertilityDay.

Questa campagna, seppur grossolana, non è certamente la prima sul tema nel Vecchio Continente: come dimenticare “Do it for mom”, uno spot trasmesso in Danimarca in cui schiere di ultracinquantenni fanno di tutto per strappare i loro figli dai videogiochi e dalle occupazioni para-adolescenziali per incentivare l’incontro con l’altro sesso, formula ben esplicitata dall’immagine di uno stuzzicadenti che buca una serie di preservativi. “Fallo per mamma”: falla diventare nonna, insomma.

Tutto il contrario della moda dell’Egg-freezing party, dilagante negli USA, in cui, tra un aperitivo ed una nocciolina, viene illustrata a gruppi di donne over 35 la procedura di crioconservazione degli ovuli, vendendo loro l’illusione di poter fermare il tempo e scongelare i propri gameti quando e come vorranno.

I dati demografici non sono però allarmanti: sono agghiaccianti. Proiettando per il futuro l’andamento attuale, nel giro di 40 anni gli italiani passeranno dagli attuali 61 milioni a 45. Saremo decimati come se non peggio delle vittime di una guerra mondiale.

Non solo. Nello stesso lasso di tempo la popolazione africana continuerà ad aumentare, trovando sempre più come sponda di appoggio le nostre coste del Mediterraneo. Immigrati di seconda o terza generazione si uniranno ai progressivi arrivi, di fatto cambiando in modo indelebile casa nostra, così come ce l’hanno lasciata i nostri nonni.

A fronte di questo fenomeno, noto da moltissimo tempo ma mai preso seriamente in considerazione, la Commissione Europea si è espressa invitando gli Stati del Vecchio Continente a porre in essere una serie di azioni finalizzate a ripopolare l’Europa. Ma come? Soprattutto incentivando un efficiente sistema di accoglienza ed integrazione degli immigrati, vero utero produttivo per il futuro.

Sembrano essere, queste, le premesse per un -peraltro banale- romanzo apocalittico ma purtroppo è la cocente realtà.

Che vi sia o meno un qualche qual sorta di strategico piano sovranazionale per distruggere la nostra identità non è aspetto su cui concentrarsi ora ma appare molto chiaro che, guardando al rovescio della medaglia, non vi è alcun disegno politico finalizzato ad incentivare un rifiorire demografico italiano.

Del resto come potrebbe esser altrimenti in uno Stato, come il nostro, in cui viene offerta ogni forma di agevolazione ad una donna che intende abortire ma ben poco si fa per permetterle di far nascere un figlio? Usciamo dal concetto di “incentivo” alla nascita.

Un bambino non lo si mette al mondo per poi riscuotere un benefit. Non è necessario -e non sarebbe nemmeno giusto- “invogliare” a far nascere un figlio alla stregua di un marketing culturale: basterebbe metter le famiglie nelle condizioni di non guardare ad un nuovo nato come ad un lusso.

Secondo quanto riportato dall’Osservatorio Nazionale sulla Famiglia, il 61% delle coppie italiane ha un figlio in meno rispetto a quello che desidererebbe.

La ragione profonda della crisi demografica che stiamo affrontando è palesemente dovuta a fattori esterni alla famiglia e sono ritrovabili in un complessivo contesto di incertezza sociale e precarietà economica che portano l’età media di una madre italiana a superare la soglia dei 30 anni ed hanno piegato l’indice di fertilità ad 1,3 figli a per donna.

Quando sai di diventare mamma, la prima cosa che cerchi è una miglior organizzazione del tempo per poter conciliare l’impegno lavorativo con le necessità della famiglia che si allarga. Quando una donna non trova la possibilità di ottenere questo, spesso si licenzia e comunque sarà indotta a pensarci bene prima di affrontare un’ulteriore gravidanza.

Un piano politico su questo tema è certamente complesso, tocca tantissimi aspetti diversi e, per sua natura, non può essere affrontato in una così breve analisi. Nondimeno si devono individuare i capisaldi da cui partire.

Il principale discrimine è la differenza tra ciò che è immutabile ed i fenomeni regolabili dalla struttura sociale. Nel caso specifico, l’evoluzione psico-fisica di un bambino è qualcosa che prescinde dalla volontà politica mentre la legislazione sul lavoro e le politiche sociali sono modificabili.

In altre parole: il bambino necessita della figura materna fino ai 10 mesi in modo pressoché esclusivo? Allora sulla base di questo dato di fatto, su questo tracciato evolutivo biologico devono esser disegnate le politiche sociali ed occupazionali. Una donna ha il diritto di essere una buona madre, per essere più espliciti, di un bambino sereno.

Altra differenza sostanziale da avere ben chiara è il discrimine tra i diritti dell’uomo e quelli del cittadino. Uno Stato e le sue amministrazioni per i servizi sociali ed incentivi occupazionali devono avere come interlocutore principale – quando non unico – il cittadino italiano. Questo non è discriminatorio.

E’ semplicemente giusto. Sulla base di tale principio possono essere riorganizzate le graduatorie per gli accessi ai servizi, inserendo come criterio l’essere italiani e la lunga residenza sul territorio nazionale, anche oltre la soglia dei 10 anni necessari per far richiesta di cittadinanza.

Si può e si deve fare.

Marika Poletti

Pubblicità
Pubblicità

  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

  • Che Pasqua sarebbe senza la torta di carote?
    Conosciuta negli Stati Uniti come “Carrot Cake”, la torta di carote e noci è sicuramente uno di quei piatti che tuti dobbiamo assaggiare almeno una volta nella vita. E quale periodo può essere il più adatto, se non le vacanze di Pasqua? Adorata da grandi e piccini, in realtà, la torta di carote non ha […]
  • Dalla città al bosco: Gli incredibili benefici di vivere con la natura
    Nelle città le persone vivono in condizioni artificiali, più o meno distanti da tutto ciò che sarebbe ideale per loro, circondati da un paesaggio interamente costruito caratterizzato da luci, folla e rumore, in cui tutto richiede scelte, decisioni e velocità. Nonostante la vita urbana comporti in sé anche numerosi vantaggi, sempre più persone tendono ad […]
  • Scuole chiuse e Coronavirus: Carabinieri consegnano i libri a casa
    Da qualche settimana sono in atto i severi controlli lungo le strade e nei centri città di tutta Italia da parte delle forze dell’ordine per il rispetto delle prescrizioni imposte dal Governo per il contenimento della diffusione del Covid – 19. In particolare, i Carabinieri della Provincia di Sondrio, oltre a sorvegliare gli automobilisti e […]
  • Plasma dei pazienti guariti per guarire dal Coronavirus: la prima sperimentazione a Pavia
    Ogni giorno da settimane ormai, la Protezione Civile oltre a citare i nuovi casi positivi da Coronavirus, comunica anche il numero ultimamente sempre più crescente delle persone guarite dal Covid- 19. Avendo la consapevolezza che il vaccino è ancora lontano e in fase di sperimentazione, fino ad ora le cure adottate negli ospedali italiani, si […]
  • Coronavirus: gli italiani si aiutano con la “spesa sospesa”
    Le giornate difficili che l’Italia sta percorrendo, vengono straordinariamente vissute e affrontate con spirito di comunità da tutto il Paese, sia attraverso donazioni di privati ed aziende per alleggerire il carico economico della sanità, sia attraverso particolari iniziative solidali per aiutare le famiglie che si trovano in maggiore difficoltà. La nuova frontiera della solidarietà fonda le […]
  • Da Valentino ad Armani: la moda italiana unita contro il Coronavirus
    In un momento in cui tutte le attività commerciali ed economiche del Paese risultano paralizzate, sono molte le iniziative solidali per fronteggiare la difficile situazione causata dall’epidemia sanitaria. Da Valentino a Gucci fino ad Armani: ora, anche i grandi nomi del mondo della moda, uniti da obbiettivi comuni, hanno deciso di reagire mobilitandosi per lavorare […]
  • Ricette di Pasqua: golosità per grandi e piccini
    Per non passare le giornate nella noia, lavorando o cercando di far passare il tempo ai bambini, sul web sono presenti moltissime ricette adatte a chiunque abbia voglia di passare un pomeriggio in cucina, divertendosi e magari senza dimenticare di mostrare un pizzico di spirito pasquale! ARANCINI PROSCIUTTO E MOZZARELLA Con il fritto sta bene […]
  • Torino: l’evento è annullato, ma la primavera regala i 100 mila protagonisti
    Da nord a sud l‘effetto del Coronavirus in Italia e, quindi, delle misure restrittive adottate dal Governo per contenere la pandemia, mostrano intere città, strade, paesi e stazioni completamente deserte, costringendo a casa milioni di persone e lasciando la primavera l’unica ad essere libera di proseguire indisturbata il suo naturale percorso. Come molte attività commerciali, […]
  • Ricette di Pasqua semplici e veloci, da fare in compagnia!
    Pasqua si avvicina e, molto probabilmente, in questo 2020 non ci saranno grandi ritrovi tra amici e parenti. Tuttavia, questo non è un valido motivo per impigrirsi e non cucinare niente di particolare. Soprattutto in queste giornate, per chi ha dei figli piccoli la vita non è proprio semplice: come far passare, quindi, il tempo […]

Categorie

di tendenza