Connect with us
Pubblicità

Trento

La seduzione dei film e dei videogiochi violenti….

Pubblicato

-

I nostri giovani quali film guardano? Trame a dir poco inquietanti e il diletto “dell’orrore”: braccia mozzate con ferocia, teste che saltano in aria, corpi brutalmente squartati, rumori e suoni che anticipano scene raccapriccianti e sanguinarie.

Rappresentazioni intensamente “visive”, un tempo considerate diseducative e comunque adatte alla sola visione di un “pubblico adulto“.

Ora, anche nell’immaginario giovanile, a fronte di una coscienza ormai mitridatizzata ed assuefatta alle “forme” più violente, ogni proposta “strong” del grande schermo risulta facilmente “digeribile” e assolutamente normale.

Pubblicità
Pubblicità

Così tutto passa indisturbato davanti agli occhi “intorpiditi” e desensibilizzati dei nostri ragazzi.

Non il ribrezzo, non alcuni, naturali forse, sentimenti di repulsione e di spavento, ma diversamente la ricerca divertita ed esaltante dei trailer più sinistri; ecco allora, l’adrenalina che sale alle stelle nel momento di massimo spannung, l’inevitabile “godimento”, che derivano da una sorta di gusto per il macabro, per lo spettrale e per l’orrendo.

Non siamo di fronte ad una realtà cinematografica e televisiva nuova; tuttavia, oggi, presentare un film d’azione che proceda “serenamente”, privo di effetti scenici spettacolari e “truculenti” risulterebbe probabilmente impopolare e poco commercialmente appetibile.

Pubblicità
Pubblicità

Comunque, secondo gli psicologi più lungimiranti, l’esposizione a contenuti violenti di bambini e giovani e la conseguente condizione “di eccitazione” possono produrre ripercussioni negative sulla loro salute e sul loro comportamento ed essere all’origine di collera, insicurezza, irritabilità o ansia.

Inoltre, il frequente consumo di prodotti mediali con contenuti violenti può aumentarne l’aggressività. Si svilupperebbe peraltro una “perniciosa abitudine” al distacco, all’apatia e all’indifferenza rispetto alla sofferenza, ovvero un azzeramento della “reazione” emotiva persino di fronte alla violenza più gratuita.

Un’esperta nel settore, la dottoressa Claudia di Lorenzi, ha affermato: “per renderci conto della quantità di violenza a cui sono esposti i bambini è sufficiente fare un semplice calcolo: un individuo che passi circa tre ore della sua giornata davanti alla tv, nel periodo che va dalla prima infanzia (2-3 anni) alla pubertà (14 anni) può in media aver visto 12.000 omicidi e 100.000 episodi di aggressione. Se pensiamo che i bambini passano davanti alla tv circa 4 ore al giorno, la maggior parte delle quali in solitudine, vediamo come il numero di omicidi visti in tv possa salire ad un totale di circa 16.000” (peraltro, l’età che va dai 5 ai 12 anni, rappresenta anche il periodo in cui i bambini fanno più fatica a distinguere fra finzione e realtà).

Che dire poi dei videogiochi odierni? Che nostalgia di quelle “schermate semplici”, fatte di astronavi che devono abbattere le meteoriti cadenti, o del simpatico pacman “mangiafantasmi” con quelle divertenti e ritmiche musichette, o di quei flipper anni 80, “alla Verdone”…

Oggi una serie di videogiochi interattivi, in cui l’impatto emotivo-psicologico potrebbe essere “devastante”, nei quali non cui ci si limita a guardare, come in un film “discutibile” vigorosi e “spietati” protagonisti, ma in cui il ragazzo diventa lui stesso l’eroe vincente, in uno scenario “eccitante, ad alta tensione”, nello sconfinamento del limite tra il bene e il male. Come potrebbe, d’altra parte, essere innocuo trascorrere ore ed ore a “lottare contro qualcuno, a sparare o a condurre guerre”?…

L’ESRB, l’ente di classificazione che consiglia l’età minima necessaria per poter usufruire di un determinato prodotto multimediale, ha redatto un rapporto relativo alla presenza di contenuti non adatti ai minori in un videogiochi attualmente abbastanza diffuso sul mercato.

Nel gioco, per quanto adatto a ragazzi dai 17 anni in su, sono presenti, come riferito dagli esperti, scene decisamente violente e contenuti di natura sessuale: “Questo è un gioco d’azione in prima persona in cui i giocatori prendono il controllo di T., un cacciatore nordico intenzionato a ristabilire la propria tribù. Gli utenti devono affrontare una serie di missioni che richiedono di uccidere, con frecce, lance e clave, animali e membri di altre tribù. Alcune sequenze richiedono uccisioni silenziose in cui i nemici vengono colpiti alla testa.

In particolare una scena mostra un personaggio mentre brucia vivo, in un’altra si vede il protagonista mentre buca il cranio di un personaggio. Alcuni momenti sono caratterizzati da corpi che presentano vari gradi di mutilazione, in qualche inquadratura si possono intravvedere genitali maschili e diversi personaggi femminili sono ritratti in topless. Alcune scene mostrano atti sessuali tra personaggi vestiti; si possono sentire gemiti ed urla ma non si vedono dettagli espliciti”.

Sicuramente, meglio evitare la classifica dei videogiochi più violenti; per questo basta cercare nel web… d’altra parte non è questo l’obiettivo dell’articolo! Comunque si impongono delle attente riflessioni in tal senso, considerato il livello di vulnerabilità, soprattutto, dei più giovani ai messaggi che quotidianamente ricevono!

Che dire dei genitori? Beh, un compito arduo che li spetta: l’importanza di ragionare e riflettere con i propri figli attorno alla discutibilità e alla inadeguatezza di certi contenuti, nonchè il compito di esercitare, forse, un ruolo di controllo.

Talvolta, si sa, è più facile, meno stressante, fare finta di niente e chiudere gli occhi, però, indipendentemente dall’età dei nostri giovani, non ci si può permettere di essere “sonnolenti e buonisti”, ma costi quel che costi è sempre meglio parlare francamente.

Chissà che un giorno non ci ringrazieranno

Pubblicità
Pubblicità

  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

  • Pacchetti “antistress “ in hotel di lusso: giornate alla ricerca del benessere
    Alternare il lavoro con il riposo, mettendo in pausa la routine quotidiana aggiunge una diversione alla vita e permette la splendida occasione di fare esperienze insolite, conoscere luoghi, persone e sopratutto non avere un’agenda giornaliera. In una società iperattiva è quindi indispensabile la ricerca dell’equilibrio perduto anche solo attraverso esclusivi pacchetti antistress in hotel di […]
  • Un solo tavolo al ristorante stellato, l’elegante genialità della ristorazione
    Il meglio delle esperienze che Venezia possa offrire è racchiuso in un luogo dove la declinazione dell’esperienza sarà il miglior servizio. Un posto non convenzionale che può essere scelto solo da coloro che accettano di non porre condizioni. Con geniale eleganza, Il Ristorante “Oro” dell’hotel Cipriani a Venezia rinasce mettendo in luce un dettaglio unico […]
  • A Bologna l’economia circolare in edilizia diventa realtà: arriva il nuovo asfalto 100% riciclato
    Un’edilizia circolare sempre più sostenibile dal punto di vista ambientale risulta una strada imprescindibile per il futuro dello sviluppo economico. Il riciclo dei materiali promette infatti oltre ad una sensibile riduzione dei rifiuti e dell’inquinamento, anche un’ottima soluzione per ottimizzare costi e ricavi. In un simile contesto risulta fondamentale lavorare sulla ridefinizione del ciclo produttivo […]
  • Una notte tra le Dolomiti e le stelle a 2055 metri di quota
    A pochi chilometri da Cortina tra cieli sconfinati e cattedrali rocciose esiste una camera che regala l’insolita emozione di ritrovarsi a dormire avvolti dall’affascinante magia di un paesaggio unico al mondo. La starlight Room, inclusa tra i dieci hotel più spettacolari del mondo, si trova infatti sopra al rifugio Col Gallina a 2055 metri in […]
  • “Vuoi costruire una piscina di pregio ma non sai bene da dove iniziare?” Comincia da qui
    Immagina un angolo di vacanza nel tuo giardino o terrazza, uno spazio accogliente e riservato dove poter dimenticare i problemi quotidiani e immergerti in momenti di benessere e relax da solo o con i tuoi cari. Magari è da un po’ che ci pensi ma qualcosa ti frena. Domande del tipo: “Da dove inizio? Mi […]
  • L’idea di rifugio si evolve in sostenibilità, design e tradizione
    Il giusto equilibrio tra sostenibilità, design e tradizione prende forma grazie all’innovativo progetto di due architetti italiani che, reinterpretando l’idea tradizionale di rifugio hanno progettato e realizzato “ The Mountain Refuge”. Si tratta di una piccola capanna modulare dalla forma semplice e minimale che vuole rievocare l’archetipo tradizionale mediante composizioni innovative e contemporanee. La struttura […]
  • Lindt realizza il sogno di ogni bambino: apre in Svizzera la Home of Chocolate
    La Lindt Home of Chocolate, in italiano “Casa del Cioccolato“, avrebbe dovuto aprire le porte al pubblico lo scorso maggio ma, a causa della pandemia di Covid-19 che sta ancora affliggendo la popolazione mondiale, Lindt ha dovuto rimandare questo dolce e atteso appuntamento al 10 settembre 2020. Questa Casa del Cioccolato, situata nella sede di Lindt& Sprüngli […]
  • Internet supera i confini del deserto con 30 palloni aerostatici
    Dal mondo della tecnologia arriva il primo passo verso una società più equa. Il 4G supera i confini del deserto e arriva in Kenya grazie a 30 palloni aerostatici alimentati ad energia solare per garantire una copertura di rete a 14 contee keniote altrimenti isolate. L’iniziativa è frutto di un accordo tra la compagnia telefonica […]
  • Percorso Kneipp: concludere le vacanze in Trentino in totale relax
    La strana e tanto discussa estate 2020 sta per giungere al termine. E, se ci si trova in Trentino Alto-Adige, cosa si può fare per concludere al meglio la propria vacanza? Una delle tappe da non perdere è sicuramente il Percorso Kneipp, Centro situato in Val di Rabbi, per la precisione nella Frazione S. Bernardo. Il […]

Categorie

di tendenza