Connect with us
Pubblicità

La Sfera e lo Spillo

Maran impartisce lezioni a De Boer, Juve e Roma da copione

Pubblicato

-

Pubblicità

Pubblicità

Chievo, frazione di Verona, milita per decenni nelle categorie dilettantistiche regionali. Approda nella massima serie sul finire della stagione 2000-2001.

Lo scrigno di Romeo e Giulietta non è solo il palcoscenico dell’Arena, l’anfiteatro romano simbolo ludico e culturale della città scaligera, nel mondo del pallone, con altre “provinciali di lusso”, rappresenta la terra nostrana dei miracoli, di capacità e umiltà, lavoro e competenza.

E’ l’incontro tra i due condottieri dal trascorso lontano, l’italico Rolando Maran e l’olandese Frank de Boer.

Pubblicità
Pubblicità

Il tecnico dei Clivensi annovera un passato da giocatore professionista nelle province interne del Belpaese. Calca i verdi e modesti campi dal 1983 al 1997; veste le maglie della Benacense Riva, Chievo, Valdagno, Carrarese e Fano.

A differenza del coach trentino, Frank dispone di un vissuto da calciatore affermato, prima di intraprendere il difficile “mestiere” a bordo campo; player della Nazionale degli Orange dal 1990 al 2004 (112 presenze e 13 reti).

Il tecnico nativo di Hoorn, gemello di Ronald, è un seguace del totaalvoetbal”, calcio totale, nella lingua olandese.

Pubblicità
Pubblicità

Nella sua esperienza (4 tornei vinti in patria), l’ex difensore drappeggia un’impalcatura tattica offensiva, metodo didattico e teoria applicata. E’ uomo temperato, misurato, conoscitore del football planetario, parla quattro lingue.

La difesa è allineata con l’alto baricentro, la mediana a rimorchio della fase offensiva sostenuta dalle catene esterne di qualità. Il puntello centrale è boa e punto di riferimento avanzato.

L’ATMOSFERA – Domenica 21 agosto ore 20.45 si gioca allo stadio Marcantonio Bentegodi l’incontro tra AC Chievo Verona e FC Internazionale Milano, il posticipo sotto i riflettori nel catino di Piazzale Olimpia.

La notte all’ombra dell’Arco dei Gavi è gradevole, il cielo parzialmente coperto, la temperatura misurata è di ventitré gradi centigradi.

LE FORMAZIONI E L’ARBITRO – Lo staff di Veronello sceglie il modulo 4-4-2 con Sorrentino in porta. Il reparto arretrato è confezionato da Cacciatore, Dainelli, Cesar e Gobbi. In mediana, la diga composta da Castro, Radovanovic, Hetemai e Birsa. Il settore avanzato è formato dal tandem Inglese e Meggiorini.

Il fischietto dell’incontro è affidato al trentasettenne, di Pistoia, Massimiliano Irrati. L’arbitro toscano esercita la professione di avvocato.

Sul biliardo, gli assistenti del “legale” sono Manganelli e Pegorin. Il quarto uomo è Gava. I giudici di linea sono Guida e Ghersini.

La guida tecnica della Pinetina sceglie il modulo 3-5-2 con lo sloveno Handanovic tra i pali. Il pacchetto difensivo organizzato con D’Ambrosio, Miranda e Ranocchia; sugli esterni giostrano Candreva e Nagatomo. Davanti alla linea bassa, il tris è composto da Banega, Medel e Kondogbia. In attacco, il puntello Icardi è supportato da Eder.

I NUMERI – E’ la partita numero 15 tra i Mussi volanti e la Beneamata giocata in riva all’Adige: sono 3 i successi dei gialloblù, 8 sono le vittorie dei nerazzurri, 3 i pareggi.

L’ultima vittoria casalinga per la “Squadra della diga”, guidata all’epoca da Eugenio Corini, è del 18 maggio del 2014; il match finisce 2-1 con le reti di Andreolli (I) e la doppietta di Obinna (C).

Lo scorso torneo le due compagini sono giunte, rispettivamente al nono (a quota 50 punti) e al quarto posto (67 punti).

LA CRONACA – La sfida tra AC Chievo Verona e FC Internazionale Milano termina con la vittoria dei Clivensi (2-0).

I meneghini mostrano una condizione fisica e atletica precaria e l’organizzazione di gioco latita per lunghi tratti del match.

Il possesso di palla pende dalla sponda nerazzurra ma la squadra dell’olandese non capitalizza la supremazia territoriale, lenta e arretrata.

Vivacità, pressing e determinazione sono le armi dell’audace Chievo, ben messo in campo dal punto di vista tattico dall’esperto Maran.

La band veronese detta il ritmo, esegue con metodo uno spartito diligente e ben assimilato.

Dopo la ricreazione e il tè caldo, i padroni di casa sbloccano l’inerzia della kermesse. Cacciatore sfrutta la corsia e appoggia a Valter Birsa che buca la rete nerazzurra con un fendente sotto misura (al minuto 49).

L’Inter è incolore e deconcentrata, un velo superficiale, mostra il brivido sotto i colpi svelti e decisi dei gialloblù. I movimenti sono precari e non sincronizzati, lenta è la corsa, il fraseggio fiacco non contempla verticalità e profondità.

Gli interpreti sbandano, soffrono la celerità dei padroni di casa scesi all’arena con il sogno celato dell’impresa.

Sui titoli di coda, Valter Birsa salta Medel e inventa una traiettoria che s’infila nell’angolino basso della porta difesa da Handanovic (al minuto 81).

Finiscono sul taccuino dei cattivi, D’Ambrosio, Meggiorini, Brozovic e Kondogbia sanzionati dall’arbitro con il cartellino giallo.

I PUNTI Trentadue sono le reti realizzate nella prima giornata di serie A. Sei, sono le vittorie tra le mura amiche (Roma, Juventus, Milan, Genoa, Bologna e Chievo), tre successi esterni (Lazio, Sassuolo e Sampdoria), un solo pareggio (Pescara-Napoli).

Dopo 90 minuti la classifica è la seguente: Roma, Genoa, Chievo, Lazio, Milan, Juventus, Bologna, Sampdoria, Sassuolo (3 punti) – Napoli, Pescara (1 punto) – Atalanta, Torino, Fiorentina, Crotone, Empoli, Palermo, Cagliari, Inter, Udinese (0 punti).

IL TABELLINO IN PILLOLE –

Empoli-Sampdoria (0-1) -37’ Muriel (S)-

Bologna-Crotone (1-0) -86’ Destro (B)-

Genoa-Cagliari (3-1) –66’ Borriello (C), 76’ Ntcham (G), 78’ Laxalt (G), 88’ Rigoni (G)-

Palermo-Sassuolo (0-1) -31’ rigore Berardi (S)-

Atalanta-Lazio (3-4) -8’ Immobile (L), 20’ Hoedt (L), 33’ Lombardi (L), 63’ e 67’ Kessie (A), 88’ Cataldi (L), 90’ Petagna (A)-

Pescara-Napoli (2-2) -8’ Benali (P), 35’ Caprari (P), 59’ e 63’ Mertens (N)-

Milan-Torino (3-2) –38’ Bacca (M), 48’ Belotti (T), 50’ Bacca (M), 62’ rigore Bacca (M), 91’ Baselli (T)-

Juventus-Fiorentina (2-1) –37’ Khedira (J), 70’ Kalinic (F), 75’ Higuain (J)-

Roma-Udinese (4-0) -65’ rigore Perotti (R), 75’ rigore Perotti (R), 82’ Dzeko (R), 84’ Salah (R)-

IL POST – Le partite della seconda giornata si giocano sabato 27 agosto: Lazio-Juventus (ore 18.00) e Napoli-Milan (ore 20.45). Domenica 28 agosto: Inter-Palermo (ore 18.00), Torino-Bologna, Cagliari-Roma, Sassuolo-Pescara, Crotone-Genoa, Udinese-Empoli, Sampdoria-Atalanta, Fiorentina-Chievo (ore 20.45)

Emanuele Perego             www.emanueleperego.it             www.perego1963.it

Pubblicità
Pubblicità
Pubblicità
Pubblicità

  • Pubblicità
    Pubblicità
Fiemme, Fassa e Cembra5 minuti fa

Marmolada, operativi i 3 radar per il monitoraggio del ghiacciaio. Non si registrano per ora movimenti

Alessandra de Camilli
Fiemme, Fassa e Cembra16 minuti fa

Strage Marmolada: il dolore di chi si è salvato, “Ti amo Tommaso. Sempre e per sempre” scrive Alessandra De Camilli

Rovereto e Vallagarina31 minuti fa

Ala: venerdì inizia Città di Velluto

Alto Garda e Ledro39 minuti fa

Arco: tampona autoscala dei Vigili del Fuoco e scappa, si cerca un camper bianco

Italia ed estero56 minuti fa

Molestie all’adunata degli Alpini: chiesta l’archiviazione dell’indagine

Giudicarie e Rendena2 ore fa

Porte Rendena: ecco la conta dei danni della Tempesta del 28 giugno

Bolzano2 ore fa

Alto Adige, precipita per 400 metri: alpinista muore sull’Ortles

Michele vaia
Fiemme, Fassa e Cembra3 ore fa

È recentemente mancato il 28 enne Michele Vaia: lascia moglie e figlia piccola

Fiemme, Fassa e Cembra3 ore fa

Sonia Bonizzi: l’ex giocatrice di hockey salvata dalla paura, “una volta ai piedi del ghiacciaio, ho scelto di non andare su”

economia e finanza3 ore fa

Cresce l’inflazione e frenano i consumi: gli italiani preferiscono il risparmio

Arte e Cultura4 ore fa

“Una dama, una farfalla… Storie di sogni e d’amore”: le artiste Fidapa espongono ad ‘Ala città di velluto’

Fiemme, Fassa e Cembra4 ore fa

Strage Marmolada: la rabbia dei parenti delle vittime

Italia ed estero4 ore fa

Diplomazia energetica, Draghi rilancia la cooperazione con Ankara: “Italia e Turchia sono partner, amici e alleati”

Trento5 ore fa

38 enne accoltellato per strada a Mattarello. Bloccato l’aggressore

Trento5 ore fa

Strage Marmolada, Procura di Trento: «Evento imprevedibile, nessuna negligenza o imprudenza»

Valsugana e Primiero4 settimane fa

Sbanda, va in contromano e rischia di scontrarsi con altre auto prima di entrare in statale – IL VIDEO

eventi4 settimane fa

Dal 17 al 26 giugno tornano a Trento le Feste Vigiliane

Telescopio Universitario4 settimane fa

UniTrento: da vent’anni il mondo fa tappa qui

Trento3 settimane fa

Coronavirus: 267 contagi nelle ultime 24 ore in Trentino

Alto Garda e Ledro4 settimane fa

Stop alla viabilità a Riva del Garda: si girano le scene di un film americano

Politica3 settimane fa

Referendum, vittoria dei sì ma niente quorum. Amministrative: nei grandi comuni avanti il centro destra

Valsugana e Primiero3 settimane fa

Trovato morto in piscina Stefano Lorenzini di Levico Terme

Trento4 settimane fa

Attimi di paura alla stazione delle corriere di Trento!

Italia ed estero4 settimane fa

Crolla un ponte sospeso durante l’naugurazione: 25 feriti – IL VIDEO

Politica3 settimane fa

L’abbraccio mortale col PD affonda definitivamente il M5stelle

Telescopio Universitario3 settimane fa

UniTrento – Ucraina, accolte le prime due studiose

Rovereto e Vallagarina4 settimane fa

Rovereto, continuano gli atti vandalici: prese di mira le auto parcheggiate

Val di Non – Sole – Paganella2 settimane fa

Fausto Iob è stato ucciso, arrestato il presunto colpevole

Politica3 settimane fa

Claudio Cia: «Patt è solo l’ombra del suo passato e pronto a mettersi con tutti per il potere»

Trento2 settimane fa

Chico Forti, lo zio Gianni: «Perchè chi ha promesso non ha mantenuto la parola?»

  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

  • Pubblicità
    Pubblicità

Categorie

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

di tendenza