Connect with us
Pubblicità

Trento

Portiamo la Pace nel Mondo! #GMG16 #Krakow – il viaggio che ti cambia la vita

Pubblicato

-

Pubblicità

Pubblicità

Prima di partire, mi avevano detto che l’esperienza della Giornata mondiale della gioventù (GMG) cambia la vita.

All’inizio non ci avevo creduto. Solitamente funziona come quando dicono che un film è commovente, ma tu ti addormenti davanti alla tv: è una cosa soggettiva.

Tuttavia partecipare, ridere, urlare, cantare, ma soprattutto pregare, mi ha fatto ricredere.

Pubblicità
Pubblicità

La delegazione trentina è partita il 24 agosto, una serata come tutte le altre, eccezion fatta per la stupenda Messa presieduta dal Vescovo Lauro.

Già in quel momento iniziavo a pentirmi della scelta fatta: al contrario di tante persone lì presenti, conoscevo pochi ragazzi, mi sentivo sola. Pensavo: chi mi ha spinto a fare un’esperienza simile? Perché andare in un posto lontano, con una lingua, una cultura ed una moneta sconosciute, stando scomodi? Dio non mi ascolta anche da casa?

Ci sono voluti due o tre giorni, ma ho capito perché sono andata a Cracovia.

Pubblicità
Pubblicità

Innanzitutto, perché si respirava misericordia: su ogni volto si poteva leggere un sorriso, ad ogni angolo si incontrava una mano tesa per battere il cinque, in ogni bandiera un sentore di globalità, in ogni sbadiglio, stiracchiamento, piegamento, una stanchezza comune mista a voglia di andare avanti.

Paradossalmente, un evento tanto multiculturale è stato occasione di patriottismo. Si vedevano bandiere tricolori ovunque, ed appena se ne avvistava una, un urlo risuonava tra le strade: “ITALIANO BATTI LE MANI!” ed un sonoro clap scaturiva dal cozzare dei palmi.

Qualcuno ha scambiato la propria bandiera per quella di un’altra nazione; molti altri, come me, hanno preferito farla firmare al proprio gruppo, ricordo di amicizie nuove sbocciate a km di distanza dalle proprie case, ma destinate a continuare anche in Italia.

Tanti cori “da stadio” e tante canzoni dedicate a Dio venivano intonate in massa, qualche volta partite semplicemente dal borbottio di qualcuno e tramutate in giubilo verso il cielo. Spesso non si conoscevano le parole, e quindi si aspettava che la strofa venisse ripetuta due, tre volte per iniziare a cantare tutti assieme.

Ogni tanto si interrompeva perché ci si doveva spostare per far passare ambulanze, vigili del fuoco e polizia. Da una parte ci si sentiva protetti, dall’altra un brivido scorreva lungo la schiena, e magari si rivolgeva nel proprio intimo una preghiera silenziosa, per poi tornare a cantare.

Ciò che ho preferito sono state di certo le Messe. Cracovia non è stata molto clemente col tempo – non di rado abbiamo tirato fuori le ventine gialle, rosse e blu del Kit Internazionale per proteggerci dalla pioggia! -, però ad ogni Messa e ad ogni momento di preghiera o riflessione all’aperto, il cielo si placava. Durante la Messa di apertura a Campo Blonia, al momento dello scambio del gesto di pace, è persino uscito un raggio di sole.

E che Pace! Come mi è piaciuto ribadire sempre, abbiamo sul serio portato la Pace nel Mondo! Ognuno la dava a modo suo: moltissimi si abbracciavano e si baciavano, un gesto stupendo rispetto alla nostra “fredda” stretta di mano. Alcuni si limitavano alla parola “Pace”, altri usavano formule del tipo “La Pace sia con Te”, ognuno nella propria lingua o in inglese.

Le Messe si potevano ascoltare nella propria lingua grazie alle radio. È stato buffo, a Campus Misericordia e, ascoltare la Messa di Papa Francesco: la frequenza in italiano prendeva solo sollevando il braccio al cielo! Non pochi si sono ingegnati per far meno fatica, attaccando lo smartphone ad ombrelli, bandiere, bastoni, persino stampelle.

Malgrado ciò le parole del Papa ci hanno scaldato i cuori, e durante la Veglia, circondati da quasi due milioni di candele, si poteva sentire il calore della preghiera. Un’esperienza di fede unica ed irripetibile, seguita da una notte insolitamente serena sotto le stelle.

Durante la settimana numerosi eventi hanno animato la GMG: i ragazzi del Trentino hanno seguito in particolare per tre mattine la catechesi, colma di parole che sono entrate nel profondo della mente e dell’anima e che molti di noi hanno scritto sul proprio Diario, con la collaborazione del Vescovo di Palermo mons. Corrado Lorefice, del Vescovo di Cerignola – Ascoli Satriano mons. Luigi Renna e di Fra Andrea Cova.

Quest’ultimo nella giornata di mercoledì ci ha illustrato i mosaici del Santuario di San Giovanni Paolo II, che poi siamo andati a visitare prima della Festa degli Italiani: il Santuario è un luogo magico, dal quale traspare la Misericordia grazie ai giochi di luce dati dai mosaici dorati.

Inoltre vi è esposta la tunica dell’attentato fatto a Papa Wojtyla nel 1981 da Mehmet Ali Agca: vederla e pensare che è sopravvissuto porta a credere immediatamente che è stato un miracolo.

Anche il momento delle confessioni è stato particolarmente sentito, perché lì è stato tangibile il perdono di Dio tante volte invocato dai preti e dal Papa.

Si può di certo dire che non siamo stati giovani da sofà, né pensionati prima del tempo, ma anzi siamo state ottime sentinelle del mattino!

Ciò che mi sento di dire, alla fine di questo viaggio, è che sì, la GMG ti cambia la vita.

Guardi il mondo con occhi diversi. Impari a vivere con più tolleranza ed un sorriso stampato sul viso, a collaborare per stare meglio assieme, ad avere pazienza se le file sono eterne e magari alla fine non si vede (o non si mangia!) niente, a camminare per ore ed ore perché i mezzi sono pieni, ma comunque a ringraziare i volontari e le forze armate che ti permettono di passare di lì senza farti del male. Insegna ad accettare ciò che viene, a chiudere gli occhi e pensare che si è fortunati anche in quel momento, ad apprezzare il silenzio anche se si ama il caos, ed a stare in silenzio se qualcuno ne ha bisogno. Si comprende la forza di una domanda, e che nessuna è veramente stupida quindi tanto vale porla, magari la risposta sorprenderà.

Si nota quanto sono forti le parole e fa capire la distanza, e quanto le persone a casa possono stare in pensiero. E se si è insieme, anche se il cibo non va giù o la musica non è spettacolare, ci si può divertire comunque.

Infine, qualche parola per la ragazza romana venuta a mancare ieri, di ritorno dalla GMG. Mi sento in dovere di mandare un abbraccio ai genitori per questa indescrivibile perdita. Credo che Dio abbia saputo perché lei e perché ora: nel mentre, preghiamo tutti assieme.

E per tutto, Grazie Gesù.

GDG GDG_1 GNG_2 GDG_3 GDG_4 GDG_6

Pubblicità
Pubblicità
Pubblicità
Pubblicità

  • Pubblicità
    Pubblicità
Trento4 ore fa

Marmolada, proseguono le ricerche. Draghi a Canazei: «Grazie agli operatori per la loro generosità, professionalità e coraggio»

Val di Non – Sole – Paganella4 ore fa

Giovani “parcheggiatori” cercansi a Castel Thun

Fiemme, Fassa e Cembra5 ore fa

Strage Marmolada: era davvero impossibile da prevedere?

Piana Rotaliana6 ore fa

Nuovo calendario di raccolta rifiuti (secco e umido) a Mezzocorona

Val di Non – Sole – Paganella6 ore fa

Fango e detriti sulla SP67 dopo il temporale: intervengono i Vigili del Fuoco di Campodenno

Alto Garda e Ledro6 ore fa

Ad Arco la festa per il 50° anniversario del record di Renato Dionisi

Trento7 ore fa

Strage Marmolada, Facchini (Sat): «Vanno cambiati i modelli di sviluppo»

Rovereto e Vallagarina7 ore fa

Rovereto si risveglia indifesa e fragile: il grido d’allarme degli imprenditori: «Le Istituzioni preposte facciano qualcosa»

Fiemme, Fassa e Cembra7 ore fa

Strage Marmolada: i nomi delle prime vittime

Trento7 ore fa

Coronavirus: risalgono i ricoveri. In Trentino 4.647 persone in quarantena

Fiemme, Fassa e Cembra8 ore fa

Marmolada: sale a 8 il numero delle vittime, cala quello dei dispersi

Trento8 ore fa

Gardolo: ancora violenza e scontri fra stranieri

Trento9 ore fa

Difensore civico, crescono gli interventi. Temi “caldi”: il diritto di accesso agli atti e la sanità, Covid in testa

Val di Non – Sole – Paganella9 ore fa

Successo per la prima edizione del Torneo di calcio tennis di Cles

Fiemme, Fassa e Cembra9 ore fa

Crollo Marmolada – Ghiaccio Bollente, WWF: dati e analisi disponibili da tempo, manca azione

Trento4 settimane fa

Coronavirus: 99 contagi nelle ultime 24 ore in Trentino. Calano i ricoveri

Valsugana e Primiero4 settimane fa

Sbanda, va in contromano e rischia di scontrarsi con altre auto prima di entrare in statale – IL VIDEO

eventi4 settimane fa

Dal 17 al 26 giugno tornano a Trento le Feste Vigiliane

Trento3 settimane fa

Coronavirus: 267 contagi nelle ultime 24 ore in Trentino

Telescopio Universitario4 settimane fa

UniTrento: da vent’anni il mondo fa tappa qui

Alto Garda e Ledro4 settimane fa

Stop alla viabilità a Riva del Garda: si girano le scene di un film americano

Politica3 settimane fa

Referendum, vittoria dei sì ma niente quorum. Amministrative: nei grandi comuni avanti il centro destra

Trento4 settimane fa

Attimi di paura alla stazione delle corriere di Trento!

Italia ed estero4 settimane fa

Crolla un ponte sospeso durante l’naugurazione: 25 feriti – IL VIDEO

Valsugana e Primiero3 settimane fa

Trovato morto in piscina Stefano Lorenzini di Levico Terme

Politica3 settimane fa

L’abbraccio mortale col PD affonda definitivamente il M5stelle

Telescopio Universitario3 settimane fa

UniTrento – Ucraina, accolte le prime due studiose

Rovereto e Vallagarina4 settimane fa

Rovereto, continuano gli atti vandalici: prese di mira le auto parcheggiate

Politica3 settimane fa

Claudio Cia: «Patt è solo l’ombra del suo passato e pronto a mettersi con tutti per il potere»

Val di Non – Sole – Paganella2 settimane fa

Fausto Iob è stato ucciso, arrestato il presunto colpevole

  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

  • Pubblicità
    Pubblicità

Categorie

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

di tendenza