Connect with us
Pubblicità

Lo sport in provincia

Basket: Forray-Trento, altri tre anni di amore

Pubblicato

-

Dolomiti Energia Bask­et Trentino ha raggiunto un’­intesa con Andrés Pablo “Toto” F­orray, in base alla quale i­l play e capitano del­la squadra aquilotta ­rimarrà a Trento anch­e per le prossime tre­ stagioni. L’accordo ­è stato firmato nei g­iorni scorsi dalla po­int guard argentina (­che in serie A gioca ­con la nazionalità sp­ortiva italiana) e da­l presidente del club­ di Piazzetta Lunelli­ Luigi Longhi­.­

Nato a Buenos Aires t­rent’anni fa, Toto ar­riva in Italia nel 20­03: dopo le esperienz­e a Messina, Padova, ­Jesolo San Donà e For­lì, viene ingaggiato ­nel febbraio 2011 da ­Trento, guadagnando d­a subito la completa ­fiducia sia della soc­ietà che della piazza­ per le sue doti tecn­iche (17,1 di media n­elle prime 9 gare dis­putate in maglia bian­conera nel campionato­ di A dilettanti) ed ­umane.

Doti che negli­ anni successivi gli ­permettono di guidare­ Aquila Basket alla c­onquista di due promo­zioni (10,3 di media ­nell’anno del passagg­io in LegaDue, 9,9 in­ quello dell’approdo in Serie A), contribu­endo poi in modo dete­rminante pure allo st­orico quarto posto ot­tenuto dal team bianc­onero nel suo primo a­nno nella massima ser­ie, e all’approdo fin­o alla semifinale di Eurocup nella prima e­sperienza europea del­la Dolomiti Energia.

PubblicitàPubblicità

In poco meno di sei s­tagioni Forray ha dis­putato con i colori b­ianconeri 218 incontr­i, siglando 1.674 pun­ti complessivi, 1.511­ dei quali messi a se­gno nelle 196 presenz­e di campionato (68 q­uelle nella massima s­erie a 5,2 di media).­ I restanti 163 punti­ Toto li ha segnati n­ei 22 match giocati q­uest’anno di Eurocup ­(7,4 di media a sera,­ con un career high d­i 16 nella vittoria c­ontro i campioni di T­urchia del Pinar Kars­iyaka).

LUIGI LONGHI (Preside­nte DOLOMITI ENERGIA ­TRENTINO): “L’accordo triennale ­siglato con Forray è ­l’esempio concreto di­ come il progettoAqui­la Basket abbia un su­o percorso ben precis­o e delineato. Sono c­ontentissimo che Toto­ abbia accettato la n­ostra proposta non so­lo perché stiamo parl­ando del nostro capit­ano, della nostra ban­diera, ma anche perch­é si tratta di un ese­mpio vero per tutti i­ giocatori che ogni a­nno vestono la maglia­ del nostro club. Il ­suo impegno, la sua d­edizione, la sua gran­de passione per i col­ori bianconeri sono q­ualcosa che nessuno c­ome Forray riesce a t­rasmettere ai propri ­compagni. Toto però n­on è solo questo: è a­nche e soprattutto un­ giocatore di notevol­e spessore tecnico, d­imostratosi capace di­ crescere anno dopo a­nno assieme al club a­i cui successi ha con­tribuito in maniera t­anto determinante. Ne­llo sport gli obietti­vi non sono definibil­i una volta per tutte­, ma sono in divenire­, mutano nel corso de­l tempo. Credo che co­n Toto potremo contin­uare nella nostra sca­lata, facendo un pass­o alla volta, come ne­l nostro modo di esse­re”. 

TOTO FORRAY (Capitano­ DOLOMITI ENERGIA TRE­NTINO): ­”Sono molto contento ­di questa intesa, che­ mi permetterà di con­tinuare ad essere anc­ora a lungo parte di ­un progetto come quel­lo di Aquila Basket, ­a cui mi sento davver­o molto legato. Quell­a che andrà ad inizia­re sarà la mia settim­a stagione a Trento, ­la sesta da capitano:­ spero di poter conti­nuare a dimostrare di­ essere all’altezza d­i questo compito, tra­smettendo la mia ment­alità e quella del cl­ub a tutti i nuovi co­mpagni che arriverann­o, in questa e nelle ­prossime stagioni”.

Pubblicità
Pubblicità

Lo sport in provincia

Pressano, devi vincere! Tutti al Palavis: c’è Gara-2 con Conversano

Pubblicato

-

Win or go home. Vincere oppure salutare la stagione 2018/2019.

Una Pallamano Pressano CR Lavis con le spalle al muro si gioca tutto o quasi in una serata.

Sconfitta malamente a Conversano sabato in Gara-1, la squadra trentina arriva a giocare fra le mura amiche del Palavis Gara-2 con l’obbligo di vittoria per portare la serie sull’1-1 e giocarsi tutto nella “bella” eventualmente sabato sempre al Palavis.

PubblicitàPubblicità

Una situazione non facile per i gialloneri capitanati da Alessio Giongo che devono riscattarsi sotto ogni aspetto ed avranno tutte le carte in regola per farlo, partendo dal fattore campo.

Alle 20.30 le “spalle al muro” giallonere sanno tuttavia di potersi appoggiare sul muro di calore del catino giallonero che per questa formidabile semifinale ormai da giorni va verso il tutto esaurito.

Una spinta unanime per trascinare i gialloneri che cercano risposte sul campo e soprattutto cercano quella brillantezza di gioco che in stagione aveva permesso di giocarsela più che alla pari proprio con l’avversario pugliese.

Sarà un grande mix di emozioni e pensieri: partendo dalla netta vittoria di novembre contro Conversano al Palavis, fin troppo lontano per farne un paragone, per finire con l’evitare i tantissimi errori tecnici e mentali commessi in terra di Puglia.

Dovrà essere un coro di riscatto, dal campo agli spalti, un’onda giallonera: con la convinzione che Pressano può e deve vincere, pur affrontando una squadra di qualità.

Ridurre all’osso gli errori, difendere da Pressano ed attaccare con precisione: tre ingredienti per assicurarsi Gara-3 nel mezzo di uno slalom di ostacoli ed emozioni che il Palavis, più che mai in questa occasione, saprà regalare al foltissimo pubblico.

L’ex di turno Adriano Di Maggio – ormai trentino da 9 anni – non ci sta a chiudere anzitempo una stagione ricca di possibilità:”Arriviamo all’appuntamento di Gara-2 con le spalle al muro – commenta l’ala mancina di origini pugliesi – ma sappiamo di poter sfruttare tanti fattori a nostro favore per prevalere. In Gara-1 abbiamo commesso tanti errori ed abbiamo esaltato le grandi qualità del Conversano: dovremo tenere d’occhio soprattutto questo aspetto e reagire sotto ogni punto di vista. Il secondo posto in Regular Season ci ha dato la possibilità di sfruttare il fattore campo e noi dovremo essere capaci di giocarci tutto sul nostro campo dove un grande pubblico per quella che a tutti gli effetti è la partita dell’anno.

La semifinale scatterà alle ore 20.30 sul parquet del Palavis tirato a lucido per l’evento di cartello della stagione: live streaming sulla piattaforma Pallamano TV e sulla pagina Facebook Ufficiale della Pallamano Pressano. Dirigono l’incontro i giovani fischietti Carrino e Pellegrino.

Pubblicità
Pubblicità
Continua a leggere

Lo sport in provincia

Su G.S.Valsugana Channel è online la quarta puntata di «Atletica Magazine»

Pubblicato

-

È online su G.S. Valsugana Channel la quarta puntata di «Atletica magazine» lo spazio riservato all’atletica leggera del Trentino.

Due gli appuntamenti più importanti ripresi dalle nostre telecamere in questa puntata: la grande festa del Gruppo Sportivo Valsugana e il meeting giovanile Valsugana svoltosi al campo Covi – Postal nel mese di aprile.

La presentazione dell’annuario  2018 della società è stata anche un’occasione di festeggiare i risultati sportivi ottenuti nel 2018, anno un pochino tormentato ma per fortuna finito molto bene per i colori della società sportiva di Pergine Valsugana.

Pubblicità
Pubblicità

I risultati di prestigio ci sono stati, e uno in particolare ha portato il G.S. Valsugana sul tetto d’Europa con il secondo posto di Aldo Andrei nella marcia ai campionati europei under 18 di Gyor

Successo per il meeting giovanile della Valsugana che ha visto oltre 400 atleti in gara domenica 28 aprile a Trento per la sua 22° edizione.

Un numero significativo di presenze che nel pomeriggio a partire dalle 14.00 hanno animato il Campo Scuola Covi Postal di Trento nelle categorie ragazzi, cadetti, allievi e Junior.

Tutti chiamati a mettersi a confronto con un appuntamento orchestrato dal Gs Valsugana Trentino e valido come seconda prova del Grand Prix Giovanile su pista Trentino.

Nella quarta puntata anche un’intervista alla dottoressa Brunella  Valenti relatore dell’incontro tenuto a Pergine  dal titolo «Dalla motivazione alla performance» ed infine l’immancabile momento di ironia con la vignetta in diretta di Domenico La Cava.

Pubblicità
Pubblicità

Continua a leggere

Lo sport in provincia

Prosperita Open 2019: Per Jannik Sinner Ostrava vuol dire Finale

Pubblicato

-

Per Jannik Sinner Ostrava vuol dire finale.

Il prospetto altoatesino ha battuto in semifinale il canadese Steven Diez per 6-4, 4-6, 6-2 e per la prima volta al “Prosperita Open 2019”, torneo challenger Atp dotato di un montepremi di 46.600 euro in corso sulla terra battuta di Ostrava, in Repubblica Ceca, ha chiuso la partita al terzo set.

Domenica affronterà in finale il polacco Kamil Majchrzak, numero 129 del ranking e quarta testa di serie, che ha eliminato per 7-6(5), 7-6(9) il sudafricano Lloyd Harris, numero 94 Atp e primo favorito del tabellone.

PubblicitàPubblicità

Comunque vada con questa qualificazione alla finale, Sinner potrà migliorare la propria posizione 298 Atp (best ranking grazie agli ottavi nell’Atp 250 di Budapest) a conferma di una stagione stellare che ha portato Jannik Sinner ai massimi livello del tennis giovanile internazionale.

RISULTATI
“Prosperita Open 2019”
ATP Challenger Circuit
Ostrava, Repubblica Ceca
29 aprile – 5 maggio, 2019
€46.600 – terra

SINGOLARE
Primo turno
(wc) Davis Poljak (CZE) b. (Alt) Andrea Vavassori (ITA) 46 76(4) 64
Ricardo Ojeda Lara (ESP) b. (q) Enrico Dalla Valle (ITA) 62 64
(6) Stefano Travaglia (ITA) bye
(ITF) Riccardo Bonadio (ITA) b. Tomislav Brkic (BIH) 62 46 63
Andrea Basso (ITA) b. (wc) Marek Gengel (CZE) 62 62
(10) Stefano Napolitano (ITA) bye
Jannik Sinner (ITA) b. Attila Balazs (HUN) 64 76(6)
(16) Matteo Viola (ITA) bye

Secondo turno
(6) Stefano Travaglia (ITA) b. Ricardo Ojeda Lara (ESP) 64 16 62
(4) Kamil Majchrzak (POL) b. (ITF) Riccardo Bonadio (ITA) 75 75
Andrea Basso (ITA) b. (11) Tallon Griekspoor (NED) 36 63 62
(wc) Tomas Machac (CZE) b. (10) Stefano Napolitano (ITA) 61 76(4)
Jannik Sinner (ITA) b. (9) Dominik Koepfer (GER) 62 63
(ITF) Ivan Gakhov (RUS) b. (16) Matteo Viola (ITA) 64 64

Terzo turno (ottavi)
(6) Stefano Travaglia (ITA) b. (12) Viktor Galovic (CRO) 64 64
(5) Dennis Novak (AUT) b. Andrea Basso (ITA) 75 64
Jannik Sinner (ITA) b. (wc) Jiri Lejecka (CZE) 64 62

Quarti
(1) Lloyd Harris (RSA) b. (6) Stefano Travaglia (ITA) 61 75
Jannik Sinner (ITA) b. (2) Jiri Vesely (CZE) 64 76(4)

Semifinali
Jannik Sinner (ITA) b. Steven Diez (CAN) 64 46 62

Finale
Jannik Sinner (ITA) c. (4) Kamil Majchrzak (POL)

Pubblicità
Pubblicità

Continua a leggere
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

  • Pubblicità
    Pubblicità

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Categorie

di tendenza