Connect with us
Pubblicità

Italia ed estero

Stato Islamico: un passatempo per frustrati

Pubblicato

-

Ali Sonboly, il 18enne che settimana scorsa ha ucciso nove persone sparando prima in un McDonald’s e poi in un centro commerciale a Monaco di Baviera, non aveva nessun tipo di legame con lo Stato Islamico.

Questo è quanto emerge dalle prime indiscrezioni, avallate dal Procuratore bavarese Thomas Steinkraus-Koch, secondo cui il giovane tedesco-iraniano sarebbe stato vittima di disturbi psichici non irrilevanti.

Eppure la strage di Monaco può essere considerata a tutti gli effetti come una delle più grandi vittorie del Califfato il quale, in virtù della sua vitalità e veemenza, si presenta agli occhi di qualsiasi frustrato desideroso di rivalsa verso la società in cui vive come un pretesto all’azione (purtroppo estrema).

Pubblicità
Pubblicità

Poco importa delle reali  motivazioni, utopiche o private che siano, che muovono questi “lupi solitari”: la loro azione finisce inevitabilmente (e forse inconsapevolmente) per fare il gioco dello stato Islamico.

Indebolito sotto il profilo militare, incapace ormai di controllare i principali giacimenti petroliferi in Medio Oriente, si trincera nella propaganda:  non è un caso che il Califfato abbia preso l’abitudine di battezzare ex post l’attentatore di turno come un fedele seguace della jihad islamica.

Forse il radicalismo islamico non c’entra sempre. Forse ci troviamo a combattere contro i mulini a vento. Forse abbiamo sbagliato a definire il nemico, perché di nemico si tratta secondo François Hollande che, nella sua dichiarazione alla stampa dopo i fatti di Saint-Etienne-du-Rouvray, ha ricordato alla nazione (e, tra le righe, a questa rappresentazione stereotipata che è l’Occidente) di trovarsi «davanti a un’organizzazione terroristica, l’Isis, che ci ha dichiarato guerra». Una guerra che, prosegue il presidente francese, dev’essere condotta «con tutti i mezzi».

Pubblicità
Pubblicità

Ma chi è questo fatidico nemico che viene invocato dagli imprenditori di politica, contro cui dobbiamo rivolgere la nostra isteria e la nostra sete di vendetta? Quale il volto di questa chimera?

Non serve essere statisti illuminati per dare una risposta ad una domanda tanto semplice quanto impegnativa: l’uomo come produttore di ideologie delle quali rimane egli stesso prigioniero: atomizzato, isolato, slegato da qualsiasi legame di solidarietà primaria, accecato dal senso di frustrazione derivante da una modernità galoppante di fronte alla quale non riesce a mantenere il passo. In parole povere: l’archetipo del perdente al margine della società e per questo particolarmente predisposto ad atteggiamenti ideologici e mosso da uno spasmodico bisogno di certezze e riconoscimento sociale.

Eccolo il nuovo jihadista, un fanatico che si galvanizza solo, nella sua stanza, imparando a memoria le istruzioni imbastite da qualche folle su internet per poi mettere piede fuori casa e sparare nel mucchio per dare sfogo alla sua frustrazione.

Credo che il dibattito sulla presunta natura religioso-settaria o meno del terrorismo jihadista non solo sia sterile, ma stia finendo per fare il gioco stesso del Califfato, pavimentando la strada verso il proliferare di tensioni e  divisioni interne alle nazioni, alle comunità religiose, alla stratificazione sociale.

Al contrario, ritengo sia più utile sgomberare il campo dai giudizi di opinione (senza tuttavia essere tacciati di relativismo) per analizzare il terrorismo come  fenomeno di comunicazione e, parallelamente, il terrorista come un individuo in cerca della ribalta su un palcoscenico.

Indipendentemente dai motivi che spingono questi individui a compiere vere e proprie carneficine (che difficilmente riesco a descrivere come violente, un termine che mi sembra non sia più in grado di cogliere la blasfemia e la brutalità di tali atti), tutti credo possiamo convenire sul fatto che il terrorista sia pronto a sacrificarsi perché spinto da un desiderio di autoaffermazione e riconoscimento.

Lo stato Islamico fa appeal su questi uomini isolati e marginalizzati, esclusi dalla società in cui vivono, proprio perché offre loro la possibilità di provare per la prima volta un senso di onnipotenza sconfinata.

Accecati dal desiderio di essere riconosciuti come parte integrante di una comunità di “simili”, si dichiarano disposti a sacrificarsi per un’ideale. O meglio, l’ideale: univoco, intransigente, intollerante, vero.

Poco importa che sia un Dio, un’idea o una statua di un vitello sacro credo. Paradossalmente, ci si potrebbe sacrificare anche per la più subdola motivazione, considerando l’oggetto di venerazione in questione non è il fine, ma semplicemente il mezzo per ottenere uno straccio di riconoscimento sociale.

Il vero obiettivo è un altro, che nulla ha che fare con considerazioni religione, politiche, dogmatiche o culturali: la fama di essere ricordati dalla propria comunità di riferimento come un martire il quale, con il suo gesto eroico, ha denunciato pubblicamente la “colpa” della società nel suo complesso e di tutti i suoi membri presi singolarmente.

Difficile definire “utopica” l’ambizione del Califfato. Che continuino i predicatori ad appellarsi ad un progetto escatologico, che continuino pure a mobilitare questi uomini soli e frustrati alla costruzione di una società nuova: falsità, bugie e sciocchezze sbandierate per propaganda.

Non c’è nessun desiderio di trasformazione della realtà, nessun progetto di modernizzazione sociale, economica e politica dietro gli attentati terroristici che ormai riempiono le prime pagine delle testate giornalistiche. Anzi, ciò che tutti abbiamo sotto gli occhi in maniera eloquente è solamente risentimento e condanna fine a se stessa, un sentimento tutto nuovo e per lo più sconosciuto alle ideologie tradizionali, le quali al contrario hanno sempre avuto la spiccata ambizione di ristrutturare il sistema (non limitandosi solamente alla pars destruens del loro disegno).

La promessa dell’IS di un mondo nel quale gli oppressi possano trovare una ragione di speranza non è che una banale (quanto efficace) forma di propaganda e manipolazione di menti deboli, burattini particolarmente vulnerabili ai proclami jihadisti: messaggi semplici, standardizzati, saturi di carica emotiva, che coltivano una velleitaria pretesa di verità e universalità. Parafrasando la Arendt in “The Origins of Totalitarism”, «ismi che per la soddisfazione dei loro aderenti possono spiegare ogni cosa e ogni avvenimento facendoli derivare da una singola premessa».

Un movimento che si proclama detentore esclusivo del monopolio della verità, definitiva e scientifica, e che in difesa di questa incentiva una mobilitazione dal carattere quasi sacrale e inevitabile non può che affascinare una schiera di individui persi, ora abbagliati e galvanizzati per aver dato finalmente un senso alla loro esistenza vuota.

Lo sterminio di intere comunità umane in nome del bene di tutta l’umanità: questo è ciò che succede quando si tenta di trasformare la morale in una scienza esatta e intransigente, costruita non su opinioni pensate, elaborate e disposte ad essere continuamente messe in discussione, ma su credenze date per scontate e percepite come un dato di fatto immutabile.

Arianna Conci, Corso di Studi Internazionali (Università di Trento)

 

Pubblicità
Pubblicità

  • Pubblicità
    Pubblicità

Necrologi

  • Pubblicità
    Pubblicità

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

  • Gig Economy, un fenomeno da controllare e regolamentare: i pro e contro
    Da qualche anno il mondo del lavoro è stato travolto dalla Gig Economy dividendo l’opinione pubblica e l’economia. Cos’è la Gig Economy Nonostante l’arrivo della Gig Economy sia un fenomeno relativamente recente, negli ultimi 10... The post Gig Economy, un fenomeno da controllare e regolamentare: i pro e contro appeared first on Benessere Economico.
  • Arriva GOL, un programma per il reinserimento lavorativo delle categorie svantaggiate e fragili: come funziona
    Dal Governo nasce il programma GOL, Garanzia di Occupabilità dei Lavoratori che punta a rilanciare l’occupazione in Italia, con un investimento di 4.9 miliardi di euro da investire tra il 2021 e il 2025. I... The post Arriva GOL, un programma per il reinserimento lavorativo delle categorie svantaggiate e fragili: come funziona appeared first on […]
  • Pubblica Amministrazione, possibilità di delegare l’identità digitale per accedere ai servizi online
    Da qualche settimana, è stata introdotta la possibilità di delegare una persona di fiducia all’esercizio dei servizi online pubblici. Identità digitale o SPID a cosa serve Il Sistema Pubblico di Identità Digitale, ovvero Spid permettere... The post Pubblica Amministrazione, possibilità di delegare l’identità digitale per accedere ai servizi online appeared first on Benessere Economico.
  • Smart Working, verso sgravi contributivi per le aziende ed agevolazioni fiscali per i lavoratori
    Dal Governo si lavora a nuove regole per lo smart working post emergenza covid-19, tra queste la riduzione delle tasse in busta paga e sgravi per le imprese. Da luglio, Camera e Senato hanno presentato... The post Smart Working, verso sgravi contributivi per le aziende ed agevolazioni fiscali per i lavoratori appeared first on Benessere […]
  • Università, si allarga la no tax area: fino a 22 mila euro non si pagano le tasse
    Una delle novità anticipata dall’ex Ministro dell’università, Manfredi e concretizzata dall’attuale Cristina messa prevede ad allargare la no tax area per gli studenti universitari, comprendo i costi fino alla fascia reddituale di 22 mila euro.... The post Università, si allarga la no tax area: fino a 22 mila euro non si pagano le tasse appeared […]
  • Imprese, nuovi aiuti di Stato approvati dall’Unione europea: i dettagli
    Dall’Unione Europa arriva il via libera agli aiuti di Stato per le imprese italiane colpite economicamente dalla pandemia Covid-19. I gravi effetti economici causati dall’arrivo del Coronavirus stanno avendo ancora pesanti ripercussioni per le attività... The post Imprese, nuovi aiuti di Stato approvati dall’Unione europea: i dettagli appeared first on Benessere Economico.
  • La nuova vita dei treni notturni, viaggiare sostenibile e comodo
    Dopo anni i treni notturni tornano di moda. Ultimamente infatti, in Europa hanno rincominciato ad essere più frequentanti e richiesti i treni notturni che permettono di spostarsi tra le principali città durante la notte, dormendo in un vagone dedicato. L’aumento della domanda rispetto a questo servizio è stata tale da spingere molte imprese ferroviarie a […]
  • Panchine giganti in Italia: la ricerca di un’incredibile esperienza
    Colorate, grandi e affacciate su panorami mozzafiato. Si parla delle Big Bench, ovvero delle panchine giganti, un fenomeno ideato dal designer americano Chris Bangle che nel giro di pochi anni si è diffuso in tutto il Bel Paese. Queste installazioni fuori scala, posizionati in piccoli luoghi di sconosciuta bellezza, cambiano la prospettiva del paesaggio, rendendo […]
  • Allargare le braccia e toccare due continenti: le splendide possibilità dell’Islanda
    Per molti, l’America è quel continente lontano ore ed ore di volo, ma sulla Terra esiste un luogo dove Europa ed America sono talmente vicine da essere toccate contemporaneamente, semplicemente allargando le braccia. Questo luogo pazzesco si trova in Islanda ed è considerato uno dei luoghi più spettacolari del mondo. La Silfra Fissure, patrimonio naturale […]
  • L’Italia e i boschi incantati: alla scoperta di fate, gnomi e folletti
    Ogni stagione con i suoi profumi e i suoi colori, invita qualsiasi escursionista ad esplorare la natura che, tra vegetazione ed alberi si mostra in tutto il suo splendore. In particolare, l’Italia è nota per essere una miniera di patrimoni artistici e culturali inestimabili capaci di scatenare la curiosità di grandi e piccini, con la […]

Categorie

di tendenza