Connect with us
Pubblicità

Trento

Incarichi a tempo determinato nella scuola: contrasto tra la normativa europea e quella nazionale

Pubblicato

-

Pubblicità

Pubblicità

Contrasto della normativa europea sul lavoro a tempo determinato, applicabile anche al sistema pubblico della scuola, con la normativa nazionale che autorizza il rinnovo di contratti di lavoro a tempo determinato – pronuncia della Corte costituzionale (ordinanza n. 194 del 20 luglio 2016) relativa al giudizio di legittimità costituzionale in via incidentale promosso dal Tribunale di Trento in materia di incarichi a tempo determinato e di supplenze temporanee per la copertura delle cattedre e dei posti d’insegnamento vacanti

il Tribunale di Trento aveva sollevato con due ordinanze di contenuto analogo (nn. 32 e 34 del 2014) in riferimento agli artt. 11 e 117, primo comma, della Costituzione – relativamente alla clausola 5, punto 1, dell’accordo quadro CES, UNICE e CEEP sul lavoro a tempo determinato allegato alla direttiva del Consiglio 1999/70/CE – questione di legittimità costituzionale dell’art. 4, comma 1, della legge n. 124 del 1999 (Disposizioni urgenti in materia di personale scolastico) e dell’art. 93, commi 1 e 2, della l.p. n. 5 del 2006 (Sistema educativo di istruzione e formazione Trentino) nella parte in cui consentono la copertura dei posti di insegnamento che risultino vacanti mediante il conferimento di supplenze annuali (art. 4 della legge n. 124/1999), annuali e rinnovabili per un massimo di due anni o di durata massima triennale (art. 93 della l.p. 5/2006) in attesa dell’espletamento delle procedure selettive per l’assunzione di personale docente di ruolo, senza prevedere tempi certi per lo svolgimento delle prove concorsuali.

Nelle more del giudizio incidentale è intervenuta la pronuncia della Corte di Giustizia UE (sentenza 26 novembre 2014 – cause riunite C-22/13, da C-61/13 a C-63/13 e C-418/13, Mascolo ed altri), resa anche in relazione all’ordinanza n. 207 del 2013, con la quale la Corte costituzionale italiana aveva sottoposto alla Corte di Giustizia dell’Unione europea alcune questioni pregiudiziali interpretative in ordine alla clausola 5, punto 1, del predetto accordo quadro sul lavoro a tempo determinato, allegato alla direttiva del Consiglio 1999/70/CE.

Secondo l’organo giurisdizionale comunitario la normativa europea sul lavoro a tempo determinato, applicabile anche al sistema pubblico della scuola, non si concilia con una normativa nazionale che autorizzi il rinnovo di contratti di lavoro a tempo determinato per la copertura di posti vacanti di docenti, nonché di personale amministrativo, tecnico e ausiliario in attesa delle prove selettive per l’assunzione del personale di ruolo senza indicare tempi certi per l’espletamento delle prove.

Successivamente la legge n. 107/2015 (Riforma del sistema nazionale di istruzione e formazione e delega per il riordino delle disposizioni legislative vigenti) ha modificato la disciplina del contratto a termine per il personale docente e per il personale amministrativo, tecnico e ausiliario della scuola.

Quanto all’efficacia dei principi enunciati dalla Corte di giustizia relativamente a disposizioni oggetto di giudizio di legittimità costituzionale, secondo la giurisprudenza essi “si inseriscono direttamente nell’ordinamento interno con il valore di ius superveniens, condizionando e determinando i limiti in cui quelle norme conservano efficacia e devono essere applicate anche da parte del giudice a quo”.

Pubblicità
Pubblicità

Nel caso di specie la Corte costituzionale non aveva disposto il rinvio pregiudiziale in ordine all’interpretazione del parametro comunitario con riguardo al combinato disposto della disciplina statale e provinciale (unitariamente preso in considerazione dal giudice a quo), ma alla sola disciplina statale di cui all’art. 4, commi 1 e 11, della legge n. 124/1999 (Disposizioni urgenti in materia di personale scolastico).

A fronte dello ius superveniens, compete al giudice rimettente, secondo la Corte costituzionale, la valutazione in ordine alla persistente rilevanza della questione, tenuto conto anche della normativa statale sopravvenuta

Pubblicità
Pubblicità
Pubblicità
Pubblicità
Pubblicità
Pubblicità
Pubblicità
Pubblicità

  • Pubblicità
    Pubblicità
Trento21 minuti fa

Presentato il nuovo assetto della psichiatria trentina

Trento56 minuti fa

Safer Internet Day 2023: l’impegno per rafforzare l’alleanza scuola, famiglia, esperti e comunità

Trento1 ora fa

Materne aperte a luglio, polemica sui dati. Maestri (PD): «Sono apparentemente gonfiati»

Politica13 ore fa

Fedriga presenta la sua lista personale: Salvini e la Lega spariscono dai simboli

Val di Non – Sole – Paganella13 ore fa

Nuovi orari per il Crm di Fai della Paganella

Val di Non – Sole – Paganella13 ore fa

“Per chi splende questo lume”: a Fondo la storia di Virginia Gattegno

Vita & Famiglia13 ore fa

Sanremo. Pro Vita & Famiglia: «Amadeus e Rai lascino in pace i bambini»

Piana Rotaliana13 ore fa

Mezzolombardo, da giovedì via ai lavori agli uffici postali (che potrebbero durare meno del previsto)

Alto Garda e Ledro15 ore fa

Rolex finisce negli oggetti smarriti del comune, la polizia Locale però scopre che è un falso

Trento15 ore fa

Vigili del fuoco volontari, la nuova sede a Ravina nei pressi dell’uscita A22

Trento16 ore fa

Corte dei Conti, nominato l’ex Commissario del Governo, Gianfranco Bernabei

Italia ed estero16 ore fa

Piccolo miracolo in Siria, neonata trovata viva tra le macerie

Val di Non – Sole – Paganella16 ore fa

Alla Csen Arena di Cavareno arrivano i campi da padel

Le ultime dal Web16 ore fa

Il web si scatena: chi è e perché nelle ultime ore viene nominato Frank Hoogerbeets?

Val di Non – Sole – Paganella16 ore fa

“Predaia Arte & Natura”: aperte le iscrizioni alla quinta edizione del simposio di scultura

Trento2 settimane fa

Continuano le truffe del reddito di cittadinanza. Ecco quanti lo ricevono in Trentino

Trento3 giorni fa

È finita la storia d’amore tra Ignazio Moser e Cecilia Rodriguez

Valsugana e Primiero4 settimane fa

Nuovo lutto per la famiglia Cantaloni, dopo la figlia Chiara muore anche il papà Giorgio

Offerte lavoro2 settimane fa

Cercasi commessa/o per nuova apertura negozio centro storico di Trento

Trento3 settimane fa

Condominio da incubo, pluripregiudicato tiene in ostaggio i residenti da anni. Il giudice: «Non si può sfrattare perchè è ai domiciliari»

Trento21 ore fa

Occupazione abusiva Cognola: dopo il danno arriva anche la beffa

Vista su Rovereto3 settimane fa

Spazi vuoti e serrande abbassate: la desolazione di Rovereto

Rovereto e Vallagarina4 settimane fa

Tragico incidente in Vallagarina, auto contro un Tir: 37 enne muore sul colpo

Trento3 settimane fa

Dalla Security ai set cinematografici: la storia del trentino Stefano Mosca

Trento4 settimane fa

Morto Marco Dorigoni, storico Dj di Studio uno. Aveva 57 anni

Trento4 settimane fa

60 enne denunciato per bracconaggio e per distillazione illegale di grappa

Trento3 settimane fa

Condominio da incubo via Perini: il soggetto entrerà in comunità alla fine del mese

Giudicarie e Rendena7 giorni fa

Non ce l’ha fatta Luigi Poli: il gestore del Palaghiaccio di Pinzolo è morto ieri

Trento3 settimane fa

«Soliti noti», abusivismo a Villazzano: una storia tutta trentina

Val di Non – Sole – Paganella4 settimane fa

Sviluppo turistico di Coredo, un gruppo di esercenti (e non) chiama a raccolta i cittadini: «Ora tocca a noi darci da fare»

  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

  • Pubblicità
    Pubblicità

Categorie

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

di tendenza