Connect with us
Pubblicità

Italia ed estero

Dieci cose da sapere su Theresa May

Pubblicato

-

Dopo tre settimane dal voto sulla Brexit, il Regno Unito ha un nuovo primo ministro. L’ormai ex-titolare dell’Interno, Theresa May, ha trionfato nella lotta fratricida per la successione di David Cameron alla guida del Partito Conservatore e del Paese.

Ma chi è questa donna dai capelli argentati, secondo primo ministro donna nella storia del Regno Unito ventisei anni dopo Margareth Thatcher?

1. Laureata in geografia a Oxford, May iniziò la sua carriera nel settore bancario, lavorando per la Bank of England. Nel 1997 entra in Parlamento e da lì si dedica esclusivamente all’attività politica.

Pubblicità
Pubblicità

2. Spesso paragonata alla cancelliera tedesca Angela Merkel, le due sono entrambe figlie di un pastore protestante e condividono la passione per l’alpinismo.

3. Il marito, Philip May, banchiere di professione, le è stato presentato dall’amica Benazir Bhutto, primo ministro pachistano per due mandati, assassinata nel 2007.

4. È stata uno dei ministri dell’Interno inglesi più longevi nella storia britannica. Nominata nel 2010, quando Cameron divenne primo ministro, è riuscita a tenere le redini degli Interni per sei anni. Nessuno dai tempi del laburista James Ede, ministro tra il 1945 e il 1951, era durato così tanto. Se non fosse diventata primo ministro, May avrebbe battuto il record di Ede il mese prossimo.

5. È nota per aver raccontato, durante una conferenza di partito, che la legge inglese in materia di immigrazione sarebbe così ottusa che una volta “un migrante illegale non poté essere rimpatriato perché aveva un animale domestico (un gatto per la precisione)”. Anche un collega di partito, l’allora segretario della giustizia Ken Clarke, si disse sorpreso da questa uscita.

Pubblicità
Pubblicità

6. Ha votato a favore del matrimonio tra persone dello stesso sesso nel 2013 ma nel 2002 si è opposta alla legge sulle adozioni per le coppie gay.

7. Da ministro dell’Interno autorizzò un progetto pilota molto controverso, con una serie di cartelli per le strade di Londra con la scritta: “Tornatevene a casa o sarete arrestati“, rivolta ai migranti illegali. Obiettivo? Stimolarli a rientrare nei loro Paesi d’origine volontariamente. Risultato? Molto sdegno e solo un migrante illegale tornato a casa.

8. Ha dichiarato ripetutamente che l’Inghilterra dovrebbe uscire dalla Convenzione europea dei diritti dell’uomo, facendo notare come questa sia responsabile dei clamorosi ritardi nel rimpatrio degli estremisti. Consapevole di non avere la maggioranza in Parlamento per realizzare questo suo proposito, ha già dichiarato che non presenterà alcuna proposta in tal senso.

9. Ex presidente di Women2Win (donne per vincere), il movimento per convincere più donne a presentarsi come candidati tra le file dei conservatori, May difficilmente rifiuta un invito a una conferenza dedicata alle donne. Ci si attende che questo si traduca in una squadra di governo molto più rosa rispetto a quella del predecessore.

10. Negli anni dopo la laurea, una volta prese parte a un dibattito dal titolo “Il sesso è bello ma il successo è meglio“, sostenendo la tesi contraria. Intervistata sul tema una volta parlamentare, May ha rifiutato di dire quale tesi sosterrebbe se dovesse partecipare oggi a quel dibattito.

Pubblicità
Pubblicità

Italia ed estero

Il premier Conte alla festa del M5s: «No ai porti chiusi, daremo lavoro a migliaia di africani»

Pubblicato

-

«No ai porti chiusi, lavoreremo per dare lavoro a migliaia di giovani africani» – Questo è uno dei passaggi più significativi del premier Conte ospite eri sera alla festa del Movimento 5 Stelle in corso a Napoli.

Conte è stato invitato dal capo politico Luigi Di Maio, come fosse un capo politico dei pentastellati nonostante abbia ripetuto più di una volta di non avere mai preso la tessera del Movimento.

“Sono davvero felice di essere qui – ha esordito nel suo intervento davanti alla platea grillina – a festeggiare il vostro decimo compleanno: auguri, auguri. E sono felice che sia festeggiato in questa meravigliosa città, che ha dedicato tanto a noi e al mondo. Voi – ha scandito dal palco – siete il trionfo della buona politica e non l’anti-politica. Voi siete quelli – ha continuato il premier – che stimolano tutti, con la critica, a onorare le istituzioni con comportamenti onesti”.

Pubblicità
Pubblicità

Nel suo comizio il premier Conte non ha risparmiato stoccate a chi “parla per slogan. Noi – ha spiegato Conte – parliamo di progetti concreti. Gli slogan li lasciamo a chi dice che ha le coperture finanziarie per tagliare le tasse a tutti“.

Stoccata evidente agli ex alleati leghisti. Seguita subito dopo da un’altra frecciata, l’ennesima negli ultimi mesi, a Matteo Salvini.

L’argomento non poteva che essere l’immigrazione, con il governo chiamato a fronteggiare l’aumento degli sbarchi di migranti.

Se il Conte uno lavorava per chiudere i porti, il “Bisconte” ha cambiato pelle. “Risolveremo il problema dell’immigrazione – ha promesso il presidente del Consiglio – non con lo slogan ‘porto chiuso'”, ma “lavoreremo per offrire a migliaia di giovani africani il lavoro“. Già, ma come? Questo naturalmente il premier non lo dice.

Pubblicità
Pubblicità

 

Pubblicità
Pubblicità
Continua a leggere

Italia ed estero

Questo video sta facendo il giro del mondo e proverebbe l’esistenza degli UFO

Pubblicato

-

Al largo delle coste della North Carolina uno youtuber americano ha girato un video che sta facendo il giro nel mondo: nella clip si vedono chiaramente una dozzina di strani oggetti volanti luminosi, comparsi in cielo all’improvviso.

Lo stesso youtuber, infatti, nel video spiega:Nel cielo non c’era nulla, poi d’un tratto… qualcuno sa dirmi cosa sono? Siamo in mezzo all’oceano, intorno a noi non c’è niente”. Su YouTube questo video ha già registrato centinaia di migliaia di visualizzazioni e ha aperto un vero e proprio dibattito tra chi è convinto che quegli oggetti siano degli UFOe chi, invece, è più scettico e razionale e pensa siano semplicemente aerei.

Ad esempio, l’ex marina del secondo Stormo dell’Aviazione del North Carolina, Derrick Chennault, ha commentato la vicenda così: “La sera lanciavamo regolarmente razzi dal retro del nostro aereo per delle esercitazioni militari in quella zona – ha spiegato – sono razzi molto brillanti e dunque possono essere visti anche da molto lontano”.

Pubblicità
Pubblicità

Tuttavia, l’ipotesi UFO rimane aperta, dato che un portavoce della base aerea Seymour Johnson, ubicata a circa 100 chilometri dalla zona dell’avvistamento, ha dichiarato a Fox 10 che in quel momento nessun aereo proveniente da quella base era in volo. Il mistero, dunque, resta.

Pubblicità
Pubblicità

Continua a leggere

Italia ed estero

Aggredì senza motivo due donne alla stazione di Lecco. Assolto il togolese perché incapace di intendere e volere

Pubblicato

-

Ricordate le due terribili aggressioni avvenute alla stazione di Lecco? (qui l’articolo)

Ebbene, il 24 enne del Togo riconosciuto e arrestato per aver aggredito senza motivo due donne è stato assolto perché incapace di intendere e volere.

Sarà comunque costretto a trascorrere due anni in Rems (Residenza per l’esecuzione delle misure di sicurezza), quella che prima veniva chiamato ospedale psichiatrico giudiziario.

Pubblicità
Pubblicità

Poi tornerà in libertà

Il togolese, in attesa di trovare una struttura che rispecchi queste caratteristiche, si legge sul quotidiano Il Giorno, resterà in carcere.

L’episodio risale a un mese fa quando il 24 enne ha spinto giù dalle scale del sottopassaggio della stazione ferroviaria una ragazza italiana di 18 anni e, poco dopo ha colpito con un pugno in faccia una signora di 56 anni.

Il togolese, che aveva alle spalle diversi crimini, ha agito senza alcun motivo e noncurante delle telecamere a circuito chiuso che hanno registrato tutta la scena, ma oggi prima che venisse emesso il verdetto si è scusato con le sue vittime.

Pubblicità
Pubblicità

L’aggressione del togolese aveva immediatamente ricordato quella compiuta a Milano l’11 maggio 2013 dal ghanese Adam Kabobo che aggredì quattro persone a sprangate e poi ne uccise altre tre a colpi di piccone.

Il 37enne sta ora scontando 20 anni in quanto gli venne riconosciuto un vizio parziale di mente.

Pubblicità
Pubblicità

Continua a leggere
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

  • Pubblicità
    Pubblicità

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Categorie

di tendenza