Connect with us
Pubblicità

Telescopio Universitario

Università gratis per cinque richiedenti asilo, firmato oggi il protocollo UNI/PAT

Pubblicato

-

Solidarietà, integrazione e merito. Sono i valori cardine che hanno ispirato il protocollo d’intesa tra Provincia autonoma di Trento e Ateneo trentino firmato questa mattina in Rettorato.

A sottoscriverlo sono stati il rettore Paolo Collini per l’Università e l’assessora all’università e ricerca, politiche giovanili, pari opportunità, cooperazione allo sviluppo Sara Ferrari insieme all’assessore alla salute e alle politiche sociali Luca Zeni per la Provincia.

L’obiettivo immediato è dare l’opportunità di riprendere gli studi universitari a coloro che sono fuggiti dal proprio Paese a causa della guerra o della violazione dei diritti umani.

Pubblicità
Pubblicità

Questa mattina, però, si è spiegato come con il protocollo s’intenda anche confermare il volto solidale del Trentino e la sua capacità di accogliere chi arriva da altri Paesi. Altro aspetto messo in evidenza: il progetto vuole favorire l’integrazione valorizzando il merito e le capacità di rifugiati e richiedenti asilo, titolo di studio, esperienza e aspirazioni.

«L’Università di Trento – ha commentato il rettore Paolo Collini – è impegnata a premiare il merito anche di chi fugge dalla guerra e da altre situazioni drammatiche. Ci sta a cuore dare il nostro contributo per una loro migliore integrazione e realizzazione personale e professionale a beneficio anche del territorio».

Tra le persone accolte attualmente in Trentino, il Cinformi – Centro informativo per l’immigrazione ha segnalato i candidati all’Università. L’Ateneo ha quindi selezionato i cinque potenziali destinatari, due rifugiati e tre richiedenti asilo. Se agli ultimi 3 non venisse riconosciuto lo stato di profugo non è chiaro però poi l’iter che bisognerà seguire.

Pubblicità
Pubblicità

I giovani dovranno ora affrontare la sessione estiva dei test di ammissione ai corsi di studio dell’Ateneo trentino per poter iniziare il proprio percorso di laurea nell’anno accademico 2016/2017.

«In una “società della conoscenza” come quella in cui viviamo – ha osservato l’assessora Sara Ferrari – la formazione a tutto tondo di ogni individuo è una caratteristica necessaria al benessere dell’intera collettività e, dunque, una condizione alla quale le nazioni e i governi tendono. Sappiamo che una persona istruita è una persona più consapevole, che costa meno in termini di assistenza e che crea ricchezza.

E sappiamo anche che il livello di istruzione delle persone migranti gioca un ruolo cruciale nelle modalità della loro integrazione, ne influenza la probabilità di occupazione e il livello del reddito. Ma accanto a tutto ciò, proporre iniziative come quella che siamo oggi a inaugurare risponde anche ad un’altra esigenza, una responsabilità e una sfida cui la politica non deve sottrarsi: quella di alimentare la speranza nel futuro e di farlo non utopisticamente, ma con azioni concrete. Facendo scelte che, anche se piccole o numericamente poco significative, hanno il grande pregio di regalare una prospettiva e di indicare una strada».

«Viviamo in un momento storico delicatissimo – ha sottolineato l’assessore Luca Zeni – perché le sfide dell’accoglienza e dell’accettazione sociale si inseriscono in uno scenario fortemente segnato dalla crisi economica.

Si tratta di una questione di geopolitica, complessa e ampia, che interessa tutta l’Unione europea. E in questo panorama, la Provincia autonoma di Trento fa la propria parte richiedendo l’organizzazione dell’accoglienza che, pur essendo impegnativa, permette di facilitare i processi di integrazione.

Quello di oggi è un momento con profondo peso simbolico per due motivi: si riconosce la possibilità a chi si trova da noi di sviluppare il proprio futuro ed è la dimostrazione che lo scambio costante rappresenta una risorsa per il Trentino in un contesto di crescita culturale»

«Arriviamo alla firma – ha ricordato Barbara Poggio, prorettrice alle politiche di equità e diversità – dopo quasi un anno di lavoro. L’idea è, infatti, nata già nel corso del 2015, a seguito dell’acutizzarsi dell’emergenza rifugiati anche sul territorio trentino, ed è partita dalla convinzione che anche l’università fosse chiamata a dare un suo contributo al processo di accoglienza e integrazione, attraverso l’ambito che le è più proprio ovvero quello della valorizzazione dei saperi e delle competenze e la sensibilizzazione culturale.

Nei giorni scorsi intanto abbiamo inaugurato il ciclo “Studenti universitari per i rifugiati”, percorso di formazione al volontariato sollecitato dall’interesse dei nostri studenti e accolto con passione dalle associazioni del territorio e da alcuni nostri docenti. Stiamo inoltre lavorando a una iniziativa di crowdfunding rivolta a dipendenti e studenti dell’Università che permetta, a chi lo desideri, di sostenere anche economicamente i giovani coinvolti nel progetto»

SCHEDA SUL PROTOCOLLO – Il protocollo d’intesa PAT/UniTrento nasce dall’attenzione di entrambe le istituzioni per i flussi migratori, la cooperazione internazionale e l’integrazione culturale. Con esso Provincia e Ateneo si impegnano per ciascun anno accademico a prevedere l’eventuale accesso al percorso universitario per un massimo di cinque richiedenti/titolari di protezione internazionale presenti sul territorio provinciale nell’ambito dei progetti di accoglienza gestiti dalla PAT. Il protocollo ha durata di 5 anni e può essere rinnovato.

La Provincia, attraverso Cinformi s’impegna nella pre-selezione dei candidati e valutazione dei titoli e segnala all’Ateneo i candidati idonei a rientrare nel progetto. L’Università offre attività di orientamento universitario e tutoraggio individualizzato.

Pubblicità
Pubblicità

  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

  • Dal camerino digitale alle chat “commessa”: Cambia l’esperienza d’acquisto anche nella moda
    L’arrivo del covid prima e l’emergenza sanitaria poi, sta accelerando un processo e una trasformazione che era più che mai prevedibile, puntando verso diversi cambiamenti, soprattutto quello dell’esperienza d’acquisto. Una direzione inconvertibile in cui molti, tra esperti e protagonisti del settore, stanno cercando di riprodurre le stesse sensazione dell’acquisto vissuto in negozio  provando ad uguagliarlo […]
  • Anche i grandi nomi della moda scelgono la sostenibilità: Prada lancia la nuova linea “Prada Re – Nylon” con plastica ricilata
    I grandi nomi della moda e del lusso si reinventano nella forma e soprattutto nella sostanza facendo della sostenibilità una propria cultura aziendale, impegnandosi verso una moda sostenibile e decisamente più responsabile. Questa è la direzione che ha deciso di prendere Prada, ampliando la sua proposta e introducendo una nuova collezione con del nylon rigenerato per […]
  • Al MART di Rovereto è arrivata la mostra “Caravaggio. Il contemporaneo”
    Michelangelo Merisi, in arte Caravaggio, è un pittore italiano nato a Milano nel 1571 e deceduto a Porto Ercole nel 1610. Questo incredibile autore, che si è formato a Milano e che ha lavorato a Roma, Napoli, Malta e in Sicilia fra il 1593 e il 1610, ha raggiunto la notorietà nel XX secolo dopo un […]
  • Arriva la crociera “ no where”: navigare in mare aperto senza scali né meta
    Dopo i voli verso il nulla annunciati da diverse compagnie aeree in Asia, ora, per riconquistare la fiducia dei viaggiatori e dei turisti di tutto il mondo arrivano anche viaggi in nave senza destinazione, le crociere “no where”. Si tratta di navigazioni in barca in mare aperto ma senza scali con andata e ritorno e […]
  • Il periodo di quarantena all’estero diventa un’opportunità di turismo: la Norvegia e il suo fascino
    Nonostante un periodo di limitazioni, viaggiare per turismo è diventato un imperativo, esiste infatti chi ha inventato proposte decisamente non convenzionali per trasformare l’attuale situazione di emergenza in una vera opportunità di turismo. Si parla in particolare del “Loften Quartine Tour”, un “pacchetto sicuro” pensato da Quality Group e marchiato da Il Diamante che punta […]
  • A Londra il vecchio taxi cambia stile: a bordo Playstation 4 e Apple TV
    Uno dei simboli della città di Londra, i tipici taxi neri Balck Cab dall’estetica retrò che percorrono le strade della capitale inglese, è stato finemente rivisitato in chiave moderna, realizzandone una versione di lusso ma fedele all’originale. Mantenendo la stessa funzione, un rivenditore di auto di fascia alta, ha realizzato un’edizione premium limitata di alto […]
  • Smart working in camere di lusso:la nuova tendenza è l’ufficio in hotel
    Per molte realtà imprenditoriali Il lavoro remoto sta diventando una soluzione sempre più stabile e di conseguenza si prefigura la necessità di renderlo meno casalingo possibile per preservare sia la produttività e soprattutto gli equilibri famigliari. Il metodo perfetto per conciliare le varie esigenze aumentando il rendimento del lavoratore senza gravare sulla famiglia, è stato […]
  • Pumpkin Spice Latte: le varianti più golose della ricetta più apprezzata durante l’autunno!
    Ideata da Starbucks nel 2003 e definitamente rivisitata nel 2015, la ricetta del Pumpkin Spice Latte è diventata negli anni uno dei must stagionali per quanto riguarda l’autunno. La bevanda, a base di zucca, caffè, latte e cannella, è particolarmente apprezzata negli Stati Uniti ma sta iniziando a farsi conoscere anche nel resto del mondo. […]
  • Botticelli va all’asta: raro dipinto, valore stimato 80 milioni di dollari
    La straordinaria stagione del Rinascimento italiano ammirato da tutto il mondo grazie al domino culturale, economico e sopratutto artistico di quegli anni, attira nuovamente l’attenzione a causa del recente annuncio d’asta di un capolavoro del Botticelli. La nota casa d’Aste Sotheby’s ha infatti comunicato che nel gennaio 2021 verrà messo all’asta un magnifico dipinto del […]

Categorie

di tendenza