Connect with us
Pubblicità

Trento

Capotreno aggredita da tre nigeriani senza biglietto finisce al Pronto soccorso

Pubblicato

-

Rovereto – Nuovo increscioso episodio sulla tratta Verona Brennero, successo sabato pomeriggio grazie al quale torna prepotentemente alla ribalta il problema della sicurezza sui treni.

Una donna 45 enne, capotreno del convoglio, mentre stava lavorando ha chiesto il biglietto a tre nigeriani che stavano viaggiando sul treno.

Nessuno dei tre era provvisto di biglietto e uno dei nigeriani era in possesso di una tessera della Provincia di Trento che permette di viaggiare gratis sui mezzi pubblici.

Pubblicità
Pubblicità

La donna nel pieno delle sue funzioni controllava il biglietto di tutti i viaggiatori, ma quando ha chiesto il biglietto ai tre nigeriani sono cominciati i problemi.

I 3 si sono subito innervositi, specie dopo che la capotreno ha voluto controllare anche la tessera della provincia per capirne l’eventuale provenienza. Il controllo è avvenuto mentre il mezzo stava raggiungendo la stazione di Rovereto dove i 3 migranti volevano scendere.

Improvvisamente uno dei tre ha cominciato a minacciare verbalmente e fisicamente la donna. Poi la cosa è degenerata, infatti la capotreno è stata spinta con violenza contro una parete dello scompartimento, colpita e graffiata con rabbia lungo tutto un braccio.

Poi i tre, dopo aver strappato di mano la tessera sono furtivamente scesi dal treno e fuggiti a gambe levate. La donna, completamente sotto shock e ferita, una volta arrivata a Bolzano si è recata al pronto soccorso dell’ospedale di San Maurizio per una visita di controllo, denunciando quanto avvenuto.

Per la donna i medici, dopo averla medicata e visitata hanno emesso una prognosi di una settimana.  Non è il primo episodio di aggressione al capotreno sulla tratta Verona – Brennero, sempre purtroppo adopera di immigrati,  infatti nei mesi scorsi ne sono stati registrati altri, anche se non certo di una simile portata come questo.

L’ipotesi è anche che uno dei tre nigeriani, quello in possesso della tessera della provincia autonoma di Trento, possa  essere un richiedente asilo ospitato in qualche centro di accoglienza o in case private affittate dal Cinformi per conto dell’amministrazione provinciale. Le forze dell’ordine hanno iniziato le indagini per scoprire i tre colpevoli.

Ogni giorno almeno un centinaio di giovani nigeriani partono da Verona per venire a elemosinare in regione o per spacciare. Sono organizzati tra di loro, salgono su un paio di treni regionali alla mattina presto e scendono a Rovereto, Trento e Bolzano. Nel primo pomeriggio sono di nuovo in treno per tornare a Verona.

Quasi nessuno di loro paga il biglietto. Il lavoro del capotreno è fare rispettare le regole. «Ma tanto anche se fai le multe, non vengono mai pagate». «Allora li devi convincere a scendere alla stazione successiva – aggiunge un capotreno – convincere, perché non li puoi obbligare. Ci provi con uno, con due, ne puoi avere venti-trenta nello stesso treno. Si appellano alla tua pietà, ti dicono che non hanno soldi, che devono mangiare. Ma tu sai che spesso un po’ di soldi ci sono e forse non sono nemmeno pochi. Allora insisti, perché è il tuo lavoro…».

Ma questi spostamenti sono noti da tempo, alcuni di loro scendono alle fermate di Salorno o Egna per salire sugli autobus di linea che li portano in val di Fiemme e Fassa. Su questi mezzi, -ci viene segnalato da un lettore – essendo degli irregolari pagano il biglietto per evitare problemi con le FF.OO. Altri invece salgono alla fermata di Via Brennero, sono “profughi” ospitati alla residenza Brennero (ex motel Agip) viaggiano con abbonamento che permette a loro di spostarsi gratuitamente su tutto il territorio provinciale.

Cosa vadano a fare in val di Fiemme e Fassa alle 6 di mattina è per tutti ancora un mistero.

Ma la verità è che i controllori non insistono più di tanto perché alla fine hanno paura di essere aggrediti e pestati, ed in fondo solo perché fanno il loro lavoro. Il personale dei treni da tempo chiede più agenti della Polfer sui treni e la possibilità di usare almeno i Taser per difendersi.

Pubblicità
Pubblicità

Continua a leggere
Click to comment

0 Comments

  1. Chris Coser

    11 luglio 2016 at 11:57

    Taser? il lanciafiamme a chi spaccia e delinque.. cosa pensate che userebbero loro verso noi nel paese dal quale vengono? pensate che ci farebbero la multa? ti lapidano quelli.. basta fare gli omertosi stupidi,è ora di tirare fuori le spranghe e rimandarli da dove sono venuti.. biglietti gratis? come è che un trentino disoccupato però i mezzi deve pagarli.. è messo meglio di loro? non mi risulta che un italiano disoccupato abbia casa gratis o altro!

  2. Pingback: Capotreno aggredita da tre nigeriani senza biglietto, finisce al Pronto soccorso

  3. Pingback: La sicurezza sui treni? Non è un problema! | Liberté/inFormAzione

  4. Pingback: Una capotreno chiede il biglietto a 3 nigeriani: viene aggredita e finisce all’ospedale - curiosandoonline

  5. Pingback: Violenza ai danni di una capotreno: quando le regole non valgono per tutti. - La Voce del Trentino

  6. Rocketto

    11 luglio 2016 at 21:46

    Incredibile che questa situazione debba venir accettata come un qualcosa di praticamente inevitabile, una nazione allo sbando più totale.

  7. ANTERO

    12 luglio 2016 at 9:19

    Tutto ciò è semplicemente INACCETTABILE !

  8. klaus

    12 luglio 2016 at 16:13

    in Nigeria funziona che, dopo che hai pagato il biglietto, devi pagare anche la mancia all’autista o in questo caso al capotreno per farti scendere dove vuoi e non all’uscita successiva, come mai non mantengono questa loro usanza anche qui in Italia?

  9. klaus

    12 luglio 2016 at 16:30

    fate le multe e mandatele alle cooperative di accoglienza, che le paghino loro defalcandole dagli utili

  10. carmen

    13 luglio 2016 at 0:17

    Perché in Italia loro sanno che non c’è la sicurezza come in altri paesi europei che su ogni treno ci sono minimo due poliziotti appunto per garantire la sicurezza di tutti e sanno che in Italia questo manca e loro fanno quello che vogliono ecco perché. Il peggio è che nessuno fa nulla.

  11. Pingback: Pagare il biglietto del treno, un obbligo per tutti... - La Voce del Trentino

  12. Andrea Tiozzo

    17 agosto 2017 at 22:53

    Sono d’accordissimo con te!
    A calci in culo fuori da casa nostra

You must be logged in to post a comment Login

Leave a Reply

Trento

Reddito di cittadinanza: le richieste sono 946.569, Campania al primo posto Trentino al penultimo

Pubblicato

-

L’Inps nella mattinata ha diffusi i dati  delle domande di richiesta di reddito di cittadinanza presentate fino ad oggi.

In totale sono 946.569.

Al primo posto nelle presentazioni c’è la Campania che ha fatto registrare il maggior numero di richieste, 160.333.

PubblicitàPubblicità

Al secondo posto la Sicilia, con 150.590 domande.

Superiori alle 80 mila le richieste in Lazio, Puglia e Lombardia (rispettivamente 87.500, 83.190 e 82.696).

Le regioni con il minor numero di domande sono Valle D’Aosta (1.259), il Trentino Alto Adige (3.355) e il Molise (5.952)

Pubblicità
Pubblicità

Continua a leggere

Trento

«Calcio: Un gioco da ragazze»: al via il progetto di UISP e Trento Clarentia finanziato dalla provincia di Trento

Pubblicato

-

Ai nastri di partenza il nuovo ed ambizioso progetto targato Trento Clarentia, che si avvale della preziosa collaborazione con UISP Comitato del Trentino per sensibilizzare e avvicinare le ragazze al mondo del calcio femminile. “Calcio: Un gioco da ragazze”, questo il nome del progetto finanziato dalla Provincia Autonoma di Trento che prevede due fasi ben distinte.

La prima, appena avviata, include l’intervento delle giocatrici del Trento Clarentia che hanno tenuto e terranno un allenamento ad alcune classi delle scuole medie durante l’ora di educazione fisica.

Ovviamente, non vengono fatte distinzioni tra maschi e femmine che partecipano all’intervento divertendosi insieme, prima ponendo domande e abbattendo i pregiudizi che ruotano attorno al calcio femminile e poi dando spazio all’attività motoria.

PubblicitàPubblicità

La scuola media Manzoni è stata la prima tappa di questo “tour” di sensibilizzazione iniziato venerdì 19 Aprile e vedrà coinvolte, nelle prossime settimane, anche le scuole medie di Aldeno e di Gardolo.

La seconda fase del progetto è invece pensata per tutte le ragazze che amano il calcio, che già giocano o che semplicemente sono curiose di provare questo sport e prevede 4 pomeriggi di open day all’aria aperta.

  • domenica 5 maggio dalle 16.00 alle 18.30 presso il Parco di Clarina;

  • domenica 9 giugno dalle 10.00 alle 12.30 presso il parco di Melta;

  • domenica 20 luglio dalle 16.00 alle 18.30 presso la sede dell’ACF Trento calcio femminile in Via Bettini 13;

  • domenica 3 agosto dalle 16.00 alle 18.30 Via Bettini 13;

Queste le date destinate alle ragazze interessate ad avvicinarsi a questo fantastico mondo e alla realtà Trento Clarentia, società leader del calcio femminile trentino.

Il primo incontro alle medie Manzoni è già stato un successo, come raccontano alcune giocatrici della prima squadra che hanno diretto le attività.

Linda Tonelli:È stato bello vedere come i ragazzi e le ragazze hanno seguito questa attività senza pregiudizi e cercando di mettersi in gioco. Alla presentazione dell’attività quando si è parlato di calcio femminile è stato soddisfacente sentire dire ad un ragazzo che non ci sono differenze”.

Matilde Fuganti: “Sono rimasta sorpresa dal grande interesse che le ragazze hanno dimostrato verso il calcio femminile. La stragrande maggioranza era entusiasta e interessata ad imparare”.

Alessandra Tonelli: “Mi piace molto lavorare con i giovani e in occasione del progetto con UISP è stata una bella emozione rappresentare, insieme alle mie compagne, lo sport che amiamo. Mi piacerebbe aver trasmesso agli alunni/e le emozioni, il divertimento e le piccole soddisfazioni che il calcio può regalare, praticato a livello agonistico ma anche non agonistico. Inoltre, è importante che le bambine sappiano e vedano che ci siamo ma è altrettanto significativo che anche i bambini possano ascoltare e incontrare concretamente noi calciatrici, nel tentativo di crescere generazioni consapevoli ed aperte”.

Silvia Maurina:Nessuna delle ragazze sapeva nulla a proposito del calcio femminile e all’inizio sono state un po’ timorose nell’approcciarsi a questo sport ma, dopo un breve periodo di ambientamento, si sono scatenate divertendosi molto. Alcune ragazze si sono dimostrate interessate anche a proseguire al di fuori della scuola e ci hanno chiesto informazioni a riguardo”.

Pubblicità
Pubblicità

Continua a leggere

Trento

Anche anarchici trentini nelle devastazioni di Modena, Salvini: «Gli italiani perbene provano schifo per voi»

Pubblicato

-

Durante il corteo di ieri pomeriggio, 25 aprile, organizzato per festeggiare la liberazione, a Modena era presente anche un gruppo di anarchici giunto da Trento.

La protesta riguardava l’apertura nel centro emiliano di un Cpr, centro di permanenza per rimpatri.

Il corteo è ben presto degenerato in atti di vandalismo e danneggiamento.

Pubblicità
Pubblicità

Alcuni dei partecipanti hanno imbrattato le vetrine dei negozi e hanno gettato vernice contro muri di una scuola, monumenti, sportelli bancomat e videocamere di videosorveglianza. Il corteo ha compiuto vandalismi di ogni genere.

Danneggiato anche il monumento ai carabinieri di Porta Bologna. (foto)

Commercianti della città infuriati e ormai al limite della sopportazione per quanto successo

Al corteo erano presenti circa trecento persone, con anarchici provenienti anche da Bologna, Roma, Torino, Salerno e Firenze.

A vigilare sulla manifestazione numerosi agenti in tenuta antisommossa, ma non sono stati registrati scontri.

Ma era comunque un copione già scritto.

La manifestazione era stata convocata in nome del contrasto all’apertura del Centro Rimpatri di Modena, ma poi è stata anche una rivendicazione di antifascismo “militante“, in opposizione a quello delle cerimonie istituzionali della Festa della Liberazione.

La notizia è stata anche approfondita dal ministro dell’intero Matteo Salvini che sul suo profilo facebook ha replicato: «Delinquenti oggi a Modena, città devastata al grido di “10, 100, 1000 Nassiriya”. Gli italiani perbene provano schifo e vergogna per voi».

 

Pubblicità
Pubblicità
Continua a leggere
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

  • PubblicitàPubblicità

Categorie

di tendenza