Connect with us
Pubblicità

Italia ed estero

L’Europa disunita: dai 27 Stati membri tre ricette (diversissime) per rilanciare il progetto europeo

Pubblicato

-

Cambiare L’Europa, sì, ma come? È questo il grande dilemma intorno al quale si gioca il futuro dell’Unione. C’è chi propone un’accelerazione, chi è più attendista e chi invece suggerisce di retrocedere. Dopo il vertice a Bruxelles di questa settimana, sono emersi tre approcci differenti.

Italia e Francia guidano il fronte di coloro che invocano un netto balzo in avanti nel processo di integrazione europea. L’obiettivo è uno solo: crescita, crescita e ancora crescita. Come? allentando i limiti che Bruxelles impone alle politiche di bilancio degli Stati membri. Flessibilità è la parola d’ordine, un ritornello a cui Matteo Renzi c’ha abituato ormai da tempo. Per lui e Francois Hollande la partita è tutta in salita: senza risultati concreti per quanto riguarda la lotta alla disoccupazione, sarà pressoché impossibile continuare a tenere alla catena il cane rabbioso del populismo, che freme dalla voglia di sbranare la politica tradizionale.

Di flessibilità l’Italia ne ho avuta abbastanza, è il secco verdetto di Angela Merkel. La posizione tedesca è arcinota: la Germania non è disposta a rinunciare alla sua sovranità fiscale. In altre parole, i soldi dei contribuenti tedeschi non saranno impiegati per aiutare i paesi dell’Europa del sud a risalire la china. La Germania guida il fronte di quel paesi che non sono a priori contrari a nuovi sforzi in materia di integrazione, ma che insistono perché questo avvenga con cautela e coinvolgendo solo un nocciolo di Paesi che condividono la stessa visione per il futuro del continente. Una visione improntata alla competitività e quindi favorevole a tutte quelle riforme destinate a contenere la spesa pubblica e a promuovere le esportazioni. I paesi favorevoli a questo approccio sarebbero Belgio, Olanda e quelli scandinavi (con l’eccezione della Danimarca).

Pubblicità
Pubblicità

La cancelliera predica la calma. No a scatti in avanti che potrebbero alienare ancora di più il sostegno della popolazione. Il suo attendismo è agli antipodi rispetto all’intraprendenza renziana e si spiega anche attraverso due situazioni politiche interne completamente diverse. Renzi ha bisogno di risultati quasi immediati, per arginare l’onda pentastellata, la cancelliera, salvo imprevisti, si avvia verso la sua quarta riconferma.

Oltre ai europeisti convinti e a quelli timidi, ci sono poi quelli che flirtano con le tesi nazionaliste. Si tratta dei Paesi dell’Est, più la Danimarca. Questi sono allergici alla parola solidarietà: non vogliono alcun trasferimento fiscale e, soprattutto, si oppongono alla ripartizione obbligatoria dei richiedenti asilo fra i vari stati membri. Guardano a Bruxelles con scetticismo e auspicano il ritorno di alcune competenze a livello nazionale. Chi fa da sé fa per tre, questo il loro motto.

L’Unione priva del Regno Unito è preda di rinnovate spinte centrifughe che ne minacciano il processo di riforma, dal quale dovrà inevitabilmente passare per riacquistare valore agli occhi dei suoi cittadini. Spinte centrifughe che rischiano di strozzare quel che resta dell’europeismo e condannare il continente al ritorno degli Stati nazionali.

Pubblicità
Pubblicità
Pubblicità
Pubblicità

  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

  • Verso la YOLO Economy, rischiare per cambiare lavoro: i motivi e i settori emergenti
    Il mondo cambia in fretta, a volte più velocemente di quanto previsto. In questo senso l’arrivo del Covid ha straordinariamente accelerato tutti i processi: da quelli economici, ai naturali fino a quelli lavorativi. Il lavoro... The post Verso la YOLO Economy, rischiare per cambiare lavoro: i motivi e i settori emergenti appeared first on Benessere […]
  • Il ritorno alla terra: ISMEA, un bando per agevolare i giovani imprenditori agricoli
    Negli ultimi anni gli imprenditori agricoli under 35 sono aumentati del 12%. Per facilitare questa transizione verso la terra esistono possibilità come ISMEA che permette di aiutare, anche economicamente i giovani che scelgono questa strada.... The post Il ritorno alla terra: ISMEA, un bando per agevolare i giovani imprenditori agricoli appeared first on Benessere Economico.
  • Addio alle buste delle bollette: un trucco per risparmiare
    La svolta crescente dell’online parla anche di risparmio e sostenibilità ecco perché le bollette cartacee sono ormai superate. L’arrivo del digitale ha convertito molti utenti ad entrare nel circuito delle bollette online, pagabili su rete... The post Addio alle buste delle bollette: un trucco per risparmiare appeared first on Benessere Economico.
  • Lotta all’evasione: arrivano gli “agenti 007” del fisco
    L’Agenzia delle Entrate rinforza l’organico e assume due mila “ agenti segreti” per potenziare la lotta all’evasione. Con i fondi del Recovery Fund arriveranno anche nuove assunzioni mirate proprio a rinforzare il campo della lotta... The post Lotta all’evasione: arrivano gli “agenti 007” del fisco appeared first on Benessere Economico.
  • Rivoluzione demografica, la tendenza si sposta verso la Silver Economy
    Negli ultimi decenni la struttura demografica e sociale dell’Europa e del mondo è cambiata in profondità e questa dinamica continuerà a prestare i suoi effetti anche in futuro. Per questo motivo, le istituzioni comunitarie devono... The post Rivoluzione demografica, la tendenza si sposta verso la Silver Economy appeared first on Benessere Economico.
  • Cambiamento climatico come opportunità di investimento: i settori più richiesti nei prossimi anni
    Con le esigenze dei Paesi costretti ad evolversi per adattarsi ai tempi e al mondo che si trasforma, il cambiamento climatico diventa un’opportunità di investimento a lungo termine. Un occasione per tutti di cogliere questo... The post Cambiamento climatico come opportunità di investimento: i settori più richiesti nei prossimi anni appeared first on Benessere Economico.
  • Un ponte sottomarino galleggiante: l’incredibile scommessa della Norvegia
    Un tunnel che galleggia a mezz’acqua nel mezzo di un fiordo, con macchine che sfrecciano su entrambe le direzioni e poco sotto un abisso blu profondo oltre mille metri. Si tratta della scommessa della Norvegia, un progetto avveniristico essenziale per superare il principale problema di trasporto nel Paese. Lo studio realizzato da un team di […]
  • E’ consigliabile scegliere letture rilassanti, leggere brutte notizie fa male
    Leggere cattive notizie fa male. L’espressione che descrive la tendenza di continuare a guardare e navigare ossessivamente tra le notizie cattive anche se risultano tristi scoraggianti o deprimenti è stata rinominata dall’inglesismo: Doomscrolling. Il termine è composto da due parole: “doom” che riporta a tutto ciò che è catastrofico e, “ scrolling” si riferisce al […]
  • Le foreste rinascono dai fondi del caffè
    Troppe volte siamo stati abituati a gettare cose che, a differenza dall’aspetto, possono essere davvero utili per le persone, la natura e la vita. Così come risveglia milioni di persone in tutto il mondo, esattamente lo stesso può fare con le foreste: Il caffè o meglio il suo scarto può infatti essere davvero utile per […]
  • Vigilius Mountain Resort, dove purificarsi dallo stress della vita quotidiana
    Niente automobili, nessun rumore, niente stress. Solo natura e pace. Non ci sono strade che portano al Monte San Vigilio, si arriva solo dopo una breve salita in funivia. Qui l’aria sa di larice e di libertà. L’hotel a 5 stelle vigilius mountain resort si accoccola nella natura, diviene tutt’uno con essa, così semplice e […]

Categorie

di tendenza