Connect with us
Pubblicità

Trento

Ruspe in azione all’ex Sloi, iniziato lo sgombero

È stato sgomberato stamane verso le 10.30 il campo rifugio di nomadi e disperati all'ex Sloi di via Maccani. 

Pubblicato

-

È stato sgomberato stamane verso le 10.30 il campo rifugio di nomadi e disperati all'ex Sloi di via Maccani. 

Improvvisamente sono arrivati carabinieri, questura, polizia municipale, personale dell'azienda sanitaria e mezzi per lo sgombero e sono entrati nell'area. Erano presenti anche i proprietari dell'area. Fra i detriti, le macerie della baracche, e la sporcizia sono stati trovati alcuni cani e due persone di non identificata etnia. Dopo lo sgombero, nell'area sono iniziate ad entrare le ruspe ed hanno cominciato ad abbattere gli alberi e farsi largo dentro la folta vegetazione.

L'operazione è stata resa necessaria per motivi sanitari di igiene e incolumità pubblica, nonché di sicurezza e ordine pubblico, di baraccamenti, e per ripristinare le condizioni igienico sanitarie e di sicurezza.

Pubblicità
Pubblicità

Le forze dell'ordine poi hanno ispezionato il «magnete», che è ubicato dopo la ferrovia e quindi vicinissimo all'area ex Sloi per controllare che non ci fosse la presenza di altri nomadi o disperati che fuggiti dal campo hanno scelto come «residenza» il Magnete.

Presenti sul posto, per presidiare la zona, anche il consigliere comunale Gianni Festini Brosa e Martina Loss, entrambi militanti della Lega Nord che si sono dichiarati soddisfatti per il lavoro intrapreso dalle forze dell'ordine, «ci sono voluti anni di insistenze ed interrogazioni, ma finalmente l'ex Sloi è stata sgomberata»ha  dichiarato Festini. 

Da parte dei due rimane però la preoccupazione che dopo la pulizia il sindaco intenda costruire delle micro aree appositamente organizzate per ospitare dei campi nomadi, «vigileremo perchè questo non avvenga» – dichiara invece Martina Loss.

Pubblicità
Pubblicità

Il provvedimento contingibile e urgente del servizio Ambiente prevede non solo lo sgombero, ma la completa sistemazione dell’area con la pulizia dalle piante e dagli arbusti in modo da consentire una migliore visibilità dalla via pubblica e favorirne in tal modo la sorvegliabilità, nonché la demolizione dei manufatti precari abusivamente realizzati, per evitare nuovi insediamenti di persone.

Il materiale ricavato dalle operazioni di decespugliamento, taglio e cippatura è stato analizzato dal laboratorio provinciale, che ha individuato una presenza di piombo inferiore ai limiti più restrittivi stabiliti dalla normativa. Verrà utilizzato come base per la pacciamatura dell'area, per prevenire una precoce ricrescita arbustiva e arborea.

L'azione, concordata con la proprietà che si è assunta l'onere di smaltire direttamente il materiale risultante dallo sgombero, mira dunque al ripristino e al mantenimento delle ordinarie condizioni di tutela dell’incolumità, sicurezza, salute ed igiene pubbliche, ed al loro mantenimento nel tempo.

 

 

 

 

Nella foto la prima ruspa in azione dentro l'area ex Sloi 

{facebookpopup}

Pubblicità
Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

Necrologi

  • Pubblicità
    Pubblicità

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

  • Arriva la sedia per sedersi a gambe incrociate ed evitare fastidiosi mal di schiena
    Nonostante la frenesia che caratterizza ogni città, lo stile di vita sedentario di molte persone è piuttosto comune, visto che la maggior parte delle ore si passa fermi e seduti davanti alla scrivania. Questo con il tempo può portare danni più o meno seri al fisico. Infatti, il rischio di incorrere in spiacevoli mal di […]
  • La nuova vita dei treni notturni, viaggiare sostenibile e comodo
    Dopo anni i treni notturni tornano di moda. Ultimamente infatti, in Europa hanno rincominciato ad essere più frequentanti e richiesti i treni notturni che permettono di spostarsi tra le principali città durante la notte, dormendo in un vagone dedicato. L’aumento della domanda rispetto a questo servizio è stata tale da spingere molte imprese ferroviarie a […]
  • Panchine giganti in Italia: la ricerca di un’incredibile esperienza
    Colorate, grandi e affacciate su panorami mozzafiato. Si parla delle Big Bench, ovvero delle panchine giganti, un fenomeno ideato dal designer americano Chris Bangle che nel giro di pochi anni si è diffuso in tutto il Bel Paese. Queste installazioni fuori scala, posizionati in piccoli luoghi di sconosciuta bellezza, cambiano la prospettiva del paesaggio, rendendo […]
  • Allargare le braccia e toccare due continenti: le splendide possibilità dell’Islanda
    Per molti, l’America è quel continente lontano ore ed ore di volo, ma sulla Terra esiste un luogo dove Europa ed America sono talmente vicine da essere toccate contemporaneamente, semplicemente allargando le braccia. Questo luogo pazzesco si trova in Islanda ed è considerato uno dei luoghi più spettacolari del mondo. La Silfra Fissure, patrimonio naturale […]

Categorie

di tendenza