Connect with us
Pubblicità

Trento

Informatica Trentina: la PAT dimentica le «quote rosa», salta la nomina del Cda.

Nella giornata di ieri si è svolta la Assemblea ordinaria dei soci di Informatica Trentina per la nomina del Consiglio di Amministrazione a norma dell'articolo 21 della società, necessario a seguito delle indicazioni dei nuovi membri giunti dalla Provincia e dal Consiglio provinciale.

Pubblicato

-

Nella giornata di ieri si è svolta la Assemblea ordinaria dei soci di Informatica Trentina per la nomina del Consiglio di Amministrazione a norma dell'articolo 21 della società, necessario a seguito delle indicazioni dei nuovi membri giunti dalla Provincia e dal Consiglio provinciale.

I membri del Cda da nominare erano 5, di cui uno su indicazione delle minoranze del Consiglio provinciale.

In realtà durante l'assemblea è arrivata la fumata nera, in quanto non sarebbero state rispettate le quote rosa, dovendo essere almeno 2 soggetti dei membri del Cda di "genere". Invece il nome delle donne presentato stamattina era solo uno, non rispettando quindi le indicazioni. Infatti dei 5 membri da nominare solo una era di "genere", e ben 4 erano uomini e tutto è stato quindi bloccato.

Pubblicità
Pubblicità

Sul «genere» la Provincia fin da subito ha peccato di organizzazione, «bell'esempio nei fatti di rispetto delle norme sulle quote rosa di cui la maggioranza provinciale tutti i giorni si riempie la bocca. Mentre si svolgono convegni, dibattiti, manifestazioni e ogni iniziativa possibile sulle quota rosa, alla prova dei fatti poi si fanno figuracce come quella di stamattina, in cui del "genere" i nostri governanti si dimenticano e hanno fatto saltare una assemblea dei soci regolarmente convocata» – riporta la lega Nord in una nota

Pubblicità
Pubblicità

Pubblicità
Pubblicità

  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

  • Pubblicità
    Pubblicità

Categorie

di tendenza