Connect with us
Pubblicità

Trento

Casa ITEA – Il sogno che si può traformare in incubo

Per una madre sola, con tre bambini piccoli, e con un lavoro a tempo determinato in scadenza con forti probabilità di non essere rinnovato, ricevere la telefonata dell'ITEA, che le comunica la disponibilità di un appartamento per lei e i suoi figli, è uno di quei momenti che fanno la differenza nella vita, ma purtroppo quello che è successo alla nostra lettrice si è presto trasformato in sgomento e incredulità.

Pubblicato

-

Per una madre sola, con tre bambini piccoli, e con un lavoro a tempo determinato in scadenza con forti probabilità di non essere rinnovato, ricevere la telefonata dell'ITEA, che le comunica la disponibilità di un appartamento per lei e i suoi figli, è uno di quei momenti che fanno la differenza nella vita, ma purtroppo quello che è successo alla nostra lettrice si è presto trasformato in sgomento e incredulità.

E' quello che è successo una volta fissato l'appuntamento per vedere l'appartamento che ha dell'incredibile, ma andiamo con ordine: una volta contattata, l'addetto ha fissato per il giorno successivo la visita al palazzo dov'è disponibile l'appartamento, in zona Centochiavi, splendida e perfettamente servita, l'ideale quindi, ma già arrivando sotto il palazzo l'impressione è quella di essere magicamente trasportati altrove, non di certo nella civile, pulita e ordinata Trento.

Muri che si sgretolano, muffa e piante che crescono tra le crepe, stalattiti di qualcosa non ben precisato che pendono dal soffitto dell'entrata del palazzo, oltre a sporcizia e degrado generalizzato e una raccomandazione: non andate nella parte dietro del giardino comune, (in realtà una striscia di erba incolta e qualche albero sul retro del palazzo), c'è il cane che vive fuori di qualche non precisato padroncino.

Pubblicità
Pubblicità

E così era: una cuccia malconcia e mezza marcia, piazzata in mezzo a un'area fangosa dove l'erba non cresce visto che il cane, legato alla cuccia, non può far altro che girare lì in quei quattro o cinque metri quadrati e più in là, in un angolo sotto al muretto di cinta, il punto in cui la povera bestia fa i bisogni, che ovviamente rimangono lì, evidentemente qualcuno ha pensato che ci pensa la pioggia a pulire, prima o poi.

Il vano scale non è da meno: sporcizia e incuria ovunque, ne più ne meno di quel senso di degrado e abbandono che già la porta d'ingresso all'androne tradiva, semi divelta, tanto quanto gli infissi delle finestre delle scale che cadono a terra, arrugginiti dalle infiltrazioni che scendono dal tetto.

Una volta di fronte alla porta d'ingresso dell'appartamento arriva la sorpresa più grande: non possono vederlo, prima devono firmare il contratto e impegnarsi con ITEA, poi, una volta che avranno le chiavi, potranno vederlo.

Pubblicità
Pubblicità

Indubbiamente non possiamo certo essere prevenuti nei confronti dell'appartamento in se, visto che non le è stato concesso di vederlo, magari è perfettamente ristrutturato e in ottime condizioni, ma la logica vuole, visto il livello di abbandono, degrado e incuria del resto dello stabile, che gli interni non saranno poi tanto meglio e una donna dovrebbe portare tre bambini in un posto del genere?

I piccoli, la prima cosa che hanno detto alla loro mamma, vedendo solo l'esterno del palazzo è stato "Non verremo mica a vivere qui mamma?" e l'hanno detto con la preoccupazione sincera dei bambini e come dar loro torto?

E' mai possibile che, nel 2016, nel tanto glorificato Trentino Autonomo, ITEA non sia in grado di gestire in maniera quantomeno decente uno stabile come quello che abbiamo visto?

Così come ci viene da chiederci, perché obbligare le persone ad accettare l'appartamento a scatola chiusa, dopo uno spettacolo del genere, ma soprattutto con la premessa che un eventuale rifiuto avrà la conseguenza di venir esclusi dalle liste di assegnazione per i prossimi cinque anni?

Capiamo il senso di "sanzionare" chi rifiuta un appartamento ITEA, è concettualmente giusto, ma obbligare le persone ad accettare in quelle condizioni, non è umanamente giusto, forse di dovrebbe prima assicurare una sistemazione dignitosa, almeno per gli standard del Trentino, e poi si potranno mettere condizioni capestro e che, alla fine, penalizzeranno una madre che, non volendo crescere i suoi figli in quelle condizioni, dovrà vedersi esclusa per cinque anni dalla possibilità di avere assegnata una casa ITEA e quello che in un primo momento era un sogno che si avverava, in poche ore è diventato un incubo che lascia sgomenti.

Pubblicità
Pubblicità
Pubblicità
Pubblicità

  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Attivata la seconda sessione di contributi a fondo perduto per Associazioni sportive, come funziona
    Dopo i danni subiti dalle associazioni sportive a causa delle restrizioni dovute all’emergenza covid, il Dipartimento per lo Sport della Presidenza del CdM ha destinato un fondo di 50 milioni per Ssd e Asd. Contributi... The post Attivata la seconda sessione di contributi a fondo perduto per Associazioni sportive, come funziona appeared first on Benessere […]
  • Reddito di libertà, attivata la procedura per l’invio delle domande
    Dopo l’annuncio di qualche mese fa, il reddito di libertà ora è pronto per essere erogato a tutte le donne in difficoltà e vittime di violenza. Reddito di libertà, cos’è La misura che prevede un... The post Reddito di libertà, attivata la procedura per l’invio delle domande appeared first on Benessere Economico.
  • Bonus idrico pronto, ma sito offline: le domande al via dal 2022
    Manca poco all’arrivo del Bonus idrico che permette di ricevere un rimborso di 1000 euro per chi sostituisce rubinetti di bagno e cucina. Ad oggi anche se sembra tutto pronto per l’avvio della nuova agevolazione,... The post Bonus idrico pronto, ma sito offline: le domande al via dal 2022 appeared first on Benessere Economico.
  • Il futuro corre verso un’economia circolare: nuovi modelli di rigenerazione e sviluppo
    Il futuro dell’economia, dovrà evolversi tenendo conto della missione che ormai accomuna tutti gli stati del mondo, la sostenibilità. Di fatto, per avvicinarsi verso un’economia circolare che riduca la produzione dei rifiuti, garantisca uno sviluppo... The post Il futuro corre verso un’economia circolare: nuovi modelli di rigenerazione e sviluppo appeared first on Benessere Economico.
  • Boom di adesioni per il Bonus Terme, cosa possono fare gli esclusi
    Dopo le difficoltà iniziali, il Bonus terme ha riscontrato un a grande affluenza, tanto da esaurire i fondi nel giro di poche ore. Un boom di adesioni che però ha lasciato milioni di italiani esclusi... The post Boom di adesioni per il Bonus Terme, cosa possono fare gli esclusi appeared first on Benessere Economico.
  • Ipotesi Easy tax per autonomi: un ponte tra aliquote troppo diverse tra loro
    All’interno del delicato tema sul fisco, tra le varie proposte spunta anche l’easy tax per autonomi. La proposta si inserisce nel tema dell’ampliamento della Flat Tax agli autonomi con ricavi tra 65 mila e 100... The post Ipotesi Easy tax per autonomi: un ponte tra aliquote troppo diverse tra loro appeared first on Benessere Economico.

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

  • Pubblicità
    Pubblicità

Necrologi

Categorie

di tendenza