Connect with us
Pubblicità

Il Punto da Bruxelles

Filiera agro-alimentare: un voto contro lo strapotere della grande distribuzione

In Europa, il sottocosto potrebbe avere le ore contate. Questa settimana in Parlamento europeo abbiamo lanciato un messaggio forte e chiaro contro lo strapotere della grande distribuzione e contro le pratiche sleali che questa mette in atto a danno dei piccoli produttori agricoli e dei venditori al dettaglio.

Pubblicato

-

In Europa, il sottocosto potrebbe avere le ore contate. Questa settimana in Parlamento europeo abbiamo lanciato un messaggio forte e chiaro contro lo strapotere della grande distribuzione e contro le pratiche sleali che questa mette in atto a danno dei piccoli produttori agricoli e dei venditori al dettaglio.

In alcuni paesi dell’Unione, la grande distribuzione ha ormai raggiunto un livello di concentrazione che non permette più di parlare di libera concorrenza ma piuttosto di oligopoli che danneggiano il consumatore. Poche catene dominano il mercato e l’ondata di fusioni sembra non volersi arrestare. Più le catene diventano grandi, più abusano del loro potere.

Ritardi nei pagamenti, accesso limitato al mercato e pressioni per ridurre i prezzi: questi sono solo alcuni dei comportamenti scorretti che gli agricoltori e le loro cooperative sono costretti ad accettare, nel timore che i grandi rivenditori mettano fine alla relazione commerciale. Un vero e proprio “effetto paura”, che, a volte, obbliga i contadini addirittura a vendere in perdita, come nel caso di ribassi e sconti nei supermercati.

Pubblicità
Pubblicità

Un buon esempio in tal senso è la situazione attuale del mercato del latte in Europa, dove alcuni supermercati attirano i loro clienti facendo ricorso a prezzi stracciati e, così, aggravano la crisi dei prezzi che colpisce i nostri allevatori.

I consumatori dovrebbero riflettere sulla promessa che si nasconde dietro i messaggi pubblicitari che promuovono un prezzo sottocosto. Il supermercato non è Babbo Natale e il sottocosto è solo un’esca per attirarli, a discapito degli agricoltori e di una filiera agro-alimentare equa.

Troppo spesso queste esche sono proprio i prodotti agricoli di prima necessità, come latte, burro, carne, olio, pane ecc. I consumatori dovrebbero rendersi conto che, ad ogni modo, il supermercato non va mai in perdita, perché ci sono molti prodotti sui quali ha un bel margine di guadagno.

Pubblicità
Pubblicità

È ora di mettere fine alle prepotenze della grande distribuzione. In questa direzione va la risoluzione che abbiamo votato martedì in Parlamento europeo, con la quale ci siamo espressi in modo inequivocabile contro gli squilibri di reddito e di potere nella filiera alimentare e a favore dell’aumento del potere contrattuale degli agricoltori.

Con questa risoluzione, approvata con 600 voti favorevoli, 48 contrari e 24 astensioni, abbiamo lanciato un appello a migliorare le relazioni tra i fornitori e supermercati e ipermercati, convinti che la vendita al di sotto del costo di produzione e la commercializzazione a prezzo stracciato di prodotti agricoli di base, come quelli lattiero-caseari, la frutta e gli ortaggi da parte della grande distribuzione, costituiscano nel lungo periodo una minaccia vitale per il sistema agricolo europeo.

Dal 2009 a oggi, il Parlamento europeo ha approvato cinque risoluzioni e la Commissione tre rapporti sul tema. Le iniziative adottate finora, perlopiù concentrate sull’autoregolamentazione, sono state, però, completamente inefficaci. L’esperienza ha dimostrato che servono, invece, meccanismi di controllo solidi, organizzati a livello degli Stati membri e sotto un reale coordinamento europeo, che garantiscano, ad esempio, l’anonimato dei reclami e l’adozione di sanzioni dissuasive.

Ora, la palla passa alla Commissione europea, dalla quale ci attendiamo in tempi brevi una proposta in grado di introdurre nuovi strumenti, realmente efficaci nel contrastare le pratiche commerciali scorrette.

A tal proposito, il Trentino può ritenersi molto fortunato e ringraziare la lungimiranza di coloro che negli anni passati hanno scommesso sul modello cooperativo anche per la distribuzione alimentare. Una scommessa che ha permesso lo sviluppo di un sistema di negozi alimentari capillare, anche nelle zone periferiche e di montagna.

La rete cooperativa, se gestita adeguatamente, deve avere a cuore il bene di tutta la filiera, a cominciare dal produttore fino al consumatore. Garantendo la distribuzione anche nelle zone periferiche, dove la rendita è più bassa, le cooperative danno, inoltre, un importante contributo allo sviluppo rurale.

Si tratta di una scelta politica ed economica, che facilita non solo l’equa distribuzione dei ricavi tra i vari attori della filiera alimentare ma anche la coesione sociale.

A cura di Herbert Dorfmann, Europarlamentare eletto nel collegio del Trentino Alto-Adige

Pubblicità
Pubblicità

  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

  • Il mega – yacht a forma di cigno: la straordinaria opera futurista dell’industria navale italiana
    La sintesi tra i confini della tecnologia e i massimi livelli di design applicati alla nautica è stata svelata e prende il nome decisamente caratteristico di “Avanguardia”, il nuovo yacht che nei prossimi mesi si farà sicuramente notare nei mari di tutto il mondo. Quest’opera avveniristica dell’industria navale salta agli occhi per la sua inconfondibile forma […]
  • Pacchetti “antistress “ in hotel di lusso: giornate alla ricerca del benessere
    Alternare il lavoro con il riposo, mettendo in pausa la routine quotidiana aggiunge una diversione alla vita e permette la splendida occasione di fare esperienze insolite, conoscere luoghi, persone e sopratutto non avere un’agenda giornaliera. In una società iperattiva è quindi indispensabile la ricerca dell’equilibrio perduto anche solo attraverso esclusivi pacchetti antistress in hotel di […]
  • Un solo tavolo al ristorante stellato, l’elegante genialità della ristorazione
    Il meglio delle esperienze che Venezia possa offrire è racchiuso in un luogo dove la declinazione dell’esperienza sarà il miglior servizio. Un posto non convenzionale che può essere scelto solo da coloro che accettano di non porre condizioni. Con geniale eleganza, Il Ristorante “Oro” dell’hotel Cipriani a Venezia rinasce mettendo in luce un dettaglio unico […]
  • A Bologna l’economia circolare in edilizia diventa realtà: arriva il nuovo asfalto 100% riciclato
    Un’edilizia circolare sempre più sostenibile dal punto di vista ambientale risulta una strada imprescindibile per il futuro dello sviluppo economico. Il riciclo dei materiali promette infatti oltre ad una sensibile riduzione dei rifiuti e dell’inquinamento, anche un’ottima soluzione per ottimizzare costi e ricavi. In un simile contesto risulta fondamentale lavorare sulla ridefinizione del ciclo produttivo […]
  • Una notte tra le Dolomiti e le stelle a 2055 metri di quota
    A pochi chilometri da Cortina tra cieli sconfinati e cattedrali rocciose esiste una camera che regala l’insolita emozione di ritrovarsi a dormire avvolti dall’affascinante magia di un paesaggio unico al mondo. La starlight Room, inclusa tra i dieci hotel più spettacolari del mondo, si trova infatti sopra al rifugio Col Gallina a 2055 metri in […]
  • “Vuoi costruire una piscina di pregio ma non sai bene da dove iniziare?” Comincia da qui
    Immagina un angolo di vacanza nel tuo giardino o terrazza, uno spazio accogliente e riservato dove poter dimenticare i problemi quotidiani e immergerti in momenti di benessere e relax da solo o con i tuoi cari. Magari è da un po’ che ci pensi ma qualcosa ti frena. Domande del tipo: “Da dove inizio? Mi […]
  • L’idea di rifugio si evolve in sostenibilità, design e tradizione
    Il giusto equilibrio tra sostenibilità, design e tradizione prende forma grazie all’innovativo progetto di due architetti italiani che, reinterpretando l’idea tradizionale di rifugio hanno progettato e realizzato “ The Mountain Refuge”. Si tratta di una piccola capanna modulare dalla forma semplice e minimale che vuole rievocare l’archetipo tradizionale mediante composizioni innovative e contemporanee. La struttura […]
  • Lindt realizza il sogno di ogni bambino: apre in Svizzera la Home of Chocolate
    La Lindt Home of Chocolate, in italiano “Casa del Cioccolato“, avrebbe dovuto aprire le porte al pubblico lo scorso maggio ma, a causa della pandemia di Covid-19 che sta ancora affliggendo la popolazione mondiale, Lindt ha dovuto rimandare questo dolce e atteso appuntamento al 10 settembre 2020. Questa Casa del Cioccolato, situata nella sede di Lindt& Sprüngli […]
  • Internet supera i confini del deserto con 30 palloni aerostatici
    Dal mondo della tecnologia arriva il primo passo verso una società più equa. Il 4G supera i confini del deserto e arriva in Kenya grazie a 30 palloni aerostatici alimentati ad energia solare per garantire una copertura di rete a 14 contee keniote altrimenti isolate. L’iniziativa è frutto di un accordo tra la compagnia telefonica […]

Categorie

di tendenza