Connect with us
Pubblicità

Il Punto da Bruxelles

Filiera agro-alimentare: un voto contro lo strapotere della grande distribuzione

In Europa, il sottocosto potrebbe avere le ore contate. Questa settimana in Parlamento europeo abbiamo lanciato un messaggio forte e chiaro contro lo strapotere della grande distribuzione e contro le pratiche sleali che questa mette in atto a danno dei piccoli produttori agricoli e dei venditori al dettaglio.

Pubblicato

-

In Europa, il sottocosto potrebbe avere le ore contate. Questa settimana in Parlamento europeo abbiamo lanciato un messaggio forte e chiaro contro lo strapotere della grande distribuzione e contro le pratiche sleali che questa mette in atto a danno dei piccoli produttori agricoli e dei venditori al dettaglio.

In alcuni paesi dell’Unione, la grande distribuzione ha ormai raggiunto un livello di concentrazione che non permette più di parlare di libera concorrenza ma piuttosto di oligopoli che danneggiano il consumatore. Poche catene dominano il mercato e l’ondata di fusioni sembra non volersi arrestare. Più le catene diventano grandi, più abusano del loro potere.

Ritardi nei pagamenti, accesso limitato al mercato e pressioni per ridurre i prezzi: questi sono solo alcuni dei comportamenti scorretti che gli agricoltori e le loro cooperative sono costretti ad accettare, nel timore che i grandi rivenditori mettano fine alla relazione commerciale. Un vero e proprio “effetto paura”, che, a volte, obbliga i contadini addirittura a vendere in perdita, come nel caso di ribassi e sconti nei supermercati.

PubblicitàPubblicità

Un buon esempio in tal senso è la situazione attuale del mercato del latte in Europa, dove alcuni supermercati attirano i loro clienti facendo ricorso a prezzi stracciati e, così, aggravano la crisi dei prezzi che colpisce i nostri allevatori.

I consumatori dovrebbero riflettere sulla promessa che si nasconde dietro i messaggi pubblicitari che promuovono un prezzo sottocosto. Il supermercato non è Babbo Natale e il sottocosto è solo un’esca per attirarli, a discapito degli agricoltori e di una filiera agro-alimentare equa.

Troppo spesso queste esche sono proprio i prodotti agricoli di prima necessità, come latte, burro, carne, olio, pane ecc. I consumatori dovrebbero rendersi conto che, ad ogni modo, il supermercato non va mai in perdita, perché ci sono molti prodotti sui quali ha un bel margine di guadagno.

È ora di mettere fine alle prepotenze della grande distribuzione. In questa direzione va la risoluzione che abbiamo votato martedì in Parlamento europeo, con la quale ci siamo espressi in modo inequivocabile contro gli squilibri di reddito e di potere nella filiera alimentare e a favore dell’aumento del potere contrattuale degli agricoltori.

Con questa risoluzione, approvata con 600 voti favorevoli, 48 contrari e 24 astensioni, abbiamo lanciato un appello a migliorare le relazioni tra i fornitori e supermercati e ipermercati, convinti che la vendita al di sotto del costo di produzione e la commercializzazione a prezzo stracciato di prodotti agricoli di base, come quelli lattiero-caseari, la frutta e gli ortaggi da parte della grande distribuzione, costituiscano nel lungo periodo una minaccia vitale per il sistema agricolo europeo.

Dal 2009 a oggi, il Parlamento europeo ha approvato cinque risoluzioni e la Commissione tre rapporti sul tema. Le iniziative adottate finora, perlopiù concentrate sull’autoregolamentazione, sono state, però, completamente inefficaci. L’esperienza ha dimostrato che servono, invece, meccanismi di controllo solidi, organizzati a livello degli Stati membri e sotto un reale coordinamento europeo, che garantiscano, ad esempio, l’anonimato dei reclami e l’adozione di sanzioni dissuasive.

Ora, la palla passa alla Commissione europea, dalla quale ci attendiamo in tempi brevi una proposta in grado di introdurre nuovi strumenti, realmente efficaci nel contrastare le pratiche commerciali scorrette.

A tal proposito, il Trentino può ritenersi molto fortunato e ringraziare la lungimiranza di coloro che negli anni passati hanno scommesso sul modello cooperativo anche per la distribuzione alimentare. Una scommessa che ha permesso lo sviluppo di un sistema di negozi alimentari capillare, anche nelle zone periferiche e di montagna.

La rete cooperativa, se gestita adeguatamente, deve avere a cuore il bene di tutta la filiera, a cominciare dal produttore fino al consumatore. Garantendo la distribuzione anche nelle zone periferiche, dove la rendita è più bassa, le cooperative danno, inoltre, un importante contributo allo sviluppo rurale.

Si tratta di una scelta politica ed economica, che facilita non solo l’equa distribuzione dei ricavi tra i vari attori della filiera alimentare ma anche la coesione sociale.

A cura di Herbert Dorfmann, Europarlamentare eletto nel collegio del Trentino Alto-Adige

Pubblicità
Pubblicità

  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

  • Profumi funzionali: in arrivo nuove fragranze per diminuire lo stress ed aumentare il benessere
    I ricordi e le emozioni sono unite da un profondo e stretto legame con l‘olfatto che lo rendono come il gusto, uno dei sensi più potenti e straordinari arrivando ad influenzare molte volte anche i nostri comportamenti. L’olfatto è quel senso che non solo riesce a collegare i ricordi, gli attimi e addirittura i sapori […]
  • Svizzera: dal 2020 il tragitto casa – lavoro viene considerato orario d’ufficio
    In metropolitana, in autobus o in treno: tutti i giorni durante il tragitto che da casa porta al lavoro si risponde a numerose telefonate, si inviano e ricevono sollecitazioni, informazioni o delucidazioni sia via mail che attraverso social riguardo gli impegni lavorativi della giornata e della settimana. Dal primo gennaio 2020, in Svizzera, il tragitto […]
  • “Cortex Cast”: il gesso del futuro direttamente dalla stampante 3D
    Il gesso è da sempre stato l’irritante, ingombrante e pesante compagno di molte convalescenze, accompagnando e terrorizzando per settimane milioni di persone in tutto il mondo. Molto presto tutto questo potrebbe diventare soltanto ricordo molto lontano; a rimpiazzare con notevole onore il vecchio gesso sarebbe “Cortex Cast”: un esoscheletro stampato in 3D, composto da nylon […]
  • Formaggella della Solidarietà: il Caseificio Val di Fiemme ed il successo del volontariato d’impresa
    Le aziende hanno diversi sistemi e modi per creare valore, ma soltanto uno riesce a generare opportunità ed importanza contribuendo con successo al benessere del territorio e della società: Il volontariato sociale d’impresa. Il Caseificio della Val di Fiemme è entrato e si è distinto in questo importante mondo, creando e dedicando ad ogni anno […]
  • Affitti troppo alti: Berlino impone con legge un tetto massimo ai prezzi
    In tutta Italia, le cifre da capogiro degli appartamenti in affitto colpiscono direttamente ragazzi, studenti universitari ed intere famiglie che, costretti a scontrarsi con le difficoltà lavorative e la mancanza di un capitale iniziale per acquistare una casa di proprietà, devono a ripiegare sull’appartamento in affitto. Nonostante le cifre improponibili, il profondo cambiamento della società […]
  • Bhutan: l’incredibile fascino del Paese più felice del mondo
    Incastonato tra le rocce dell’immensa catena montuosa Himalayana, tra Cina e India, la natura lascia spazio al piccolo ma affascinate Stato monarchico del Bhutan. Nonostante sia uno dei paesi più poveri dell’Asia, qui si registra il tasso di felicità più elevato di tutto il continente e l’ottavo nella classifica mondiale. Infatti, oltre agli incredibili paesaggi, […]
  • Mobili fonoassorbenti per eliminare i rumori da casa e dagli uffici
    Il rumore del traffico esterno, il calpestio proveniente dal piano superiore, la televisione del vicino a volume troppo alto: questi sono solo alcuni dei rumori che possono infastidire l’ambiente domestico. Il mercato offre moltissimi sistemi per ottimizzare, migliorare e molte volte eliminare il problema: dai blocchi di muratura, applicati sopratutto nelle nuove costruzioni, ai feltri […]
  • Stop agli oggetti smarriti: Google Tile aiuta a trovare le chiavi di casa
    Perdere oggetti e non riuscire più a ritrovarli è diventato un fenomeno talmente comune e frequente dall’essere d’ispirazione a numerose ricerche scientifiche per riuscire a determinarne le cause e i motivi. Secondo alcuni ricercatori, oltre allo stress e la fretta, sarebbero le attività inconsce ad allargare le possibilità di perdita. Infatti, senza volerlo spostiamo gli […]
  • Parco giochi per anziani: l’incredibile idea per che unisce il gioco alla salute
    All’arrivo della terza età troppo spesso si tende ad uscire e socializzare meno, con risultati non completamente positivi sulla salute. Una delle soluzioni insieme alle tante attività può essere lo sport: una perfetta occasione di interazione e socializzazione che permette di mantenersi attivi non solo nel corpo ma anche nello spirito. Per aiutare gli anziani […]

Categorie

di tendenza