Connect with us
Pubblicità

Trento

Ingegnere trentino a la Gabbia: «Equitalia mi perseguita da 40 anni»

Si chiama Fabrizio Canevali ed è perseguitato dal fisco da 40 anni, secondo Equitalia  deve dare 384mila euro al fisco italiano, debito contratto – sempre secondo Equitalia – quando aveva 8 anni, cioè quando la televisione si vedeva ancora in bianco e nero e il presidente della repubblica italiana era Giovanni Leone. 

Pubblicato

-

Si chiama Fabrizio Canevali ed è perseguitato dal fisco da 40 anni, secondo Equitalia  deve dare 384mila euro al fisco italiano, debito contratto – sempre secondo Equitalia – quando aveva 8 anni, cioè quando la televisione si vedeva ancora in bianco e nero e il presidente della repubblica italiana era Giovanni Leone. 
 
La storia è davvero sconvolgente ed incredibile, ma ormai con equitalia ci siamo abituati a tutto ciò che è impossibile. Canevali è un consulente informatico di Trento che svolge la sua attività nel capoluogo, a cui è stato sequestrato tutto, anche i proventi futuri del suo lavoro. Ma non perchè ha personalmente contratto dei debiti con il fisco, infatti lui non deve un euro a nessuno ma per colpa di una storia successa 40 anni fa che riguarda la mamma.
 
Claudia, era infatti titolare di una gioielleria, ed a lei il fisco nel 1976 contesta delle tasse non pagate attraverso 3 accertamenti. La signora, nel primo decide di chiudere il contenzioso pagando un condono «tombale», nel secondo vince i 3 gradi di giudizio e dimostra di non dovere nulla allo stato, mentre nel terzo fa ricorso e vince sia in primo che secondo grado. Però l'agenzia delle entrate non molla la presa e nel 1996 impugna la decisione alla Commissione centrale, dove il ricorso rimane fermo fino al 2012 
 
Nel 2012 parte il terzo grado del processo e sulla sentenza di condanna per la signora si legge: «Non si costituiva la ricorrente e nemmeno il procuratore che l'ha assistita». I due non si sono costituiti perchè morti da un bel pezzo, cioè da quasi 16 anni, e questo il fisco lo sapeva bene perchè alcuni anni prima aveva chiamato in causa l'erede.  
 
Pensate che la causa è durata 36 anni, e nel frattempo sono morti oltre all'imputata anche il procuratore che la difendeva, i commercialista che l'aveva seguita e un paio di giudici che hanno sostenuto l'accusa. Ma qui succede la prima cosa pazzesca. Fabrizio Canevali rinuncia all'eredità della madre, ma il fisco comincia a perseguitarlo credendolo invece erede. La cassazione dopo alcuni anni sentenzia che Fabrizio non è erede di nessun bene della madre e che non ha nemmeno proseguito l'attività di famiglia scegliendo altre strade professionali. 
 
L'Agenzia delle entrate si fa forte della sentenza di condanna del 2012 (ma perchè nessuno si è presentato perchè tutti deceduti) «e in maniera imbarazzante – sottolinea Canevali- richiama una sentenza della Cassazione che, in caso di condanna della parte deceduta, prevede che l' azione per rientrare dell'obbligazione possa essere rivolta solo ad uno degli eredi».
 
Ma pensate che  sia finita qui? nemmeno per sogno. L'Agenzia delle entrate nel 2002 ha chiesto ad Equitalia di emettere due cartelle esattoriali per 150mila euro ciascuna, a carico di Fabrizio Canevali e di suo fratello, tralasciando il terzo figlio residente a Milano. Cartelle che non potevano essere emesse, visto che sono relative al primo contenzioso che era stato sanato con condono tombale dalla mamma.   
 
«Il mio atteggiamento non è di rabbia, – spiega a LA7 Canevali – ma oggi ho cinquant'anni e voglio che la mia vita sia limpida, perché non ho mai commesso nulla di sbagliato. Allora, chi ha il potere di togliere ed emettere cartelle, irridere le sentenze, per me va fermato. A tutela delle stesse istituzioni che hanno emesso una sentenza dove si dice che io non sono erede»,
 
Sulla questione Equitalia proprio ieri sono intervenuti il premier Matteo Renzi e Silvio Berlusconi, che hanno affermato «nel 2018 chiuderemo sicuramente Equitalia» – ha detto Renzi, mentre ospite a porta a porta da Vespa, Berlusconi ha affermato, «Equitalia va chiusa subito perchè è la rovina della nostra economia e delle famiglie italiane». 
 
 
Altri articoli sull'argomento: 
 
 

Pubblicità
Pubblicità

  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

  • “Cortex Cast”: il gesso del futuro direttamente dalla stampante 3D
    Il gesso è da sempre stato l’irritante, ingombrante e pesante compagno di molte convalescenze, accompagnando e terrorizzando per settimane milioni di persone in tutto il mondo. Molto presto tutto questo potrebbe diventare soltanto ricordo molto lontano; a rimpiazzare con notevole onore il vecchio gesso sarebbe “Cortex Cast”: un esoscheletro stampato in 3D, composto da nylon […]
  • Formaggella della Solidarietà: il Caseificio Val di Fiemme ed il successo del volontariato d’impresa
    Le aziende hanno diversi sistemi e modi per creare valore, ma soltanto uno riesce a generare opportunità ed importanza contribuendo con successo al benessere del territorio e della società: Il volontariato sociale d’impresa. Il Caseificio della Val di Fiemme è entrato e si è distinto in questo importante mondo, creando e dedicando ad ogni anno […]
  • Affitti troppo alti: Berlino impone con legge un tetto massimo ai prezzi
    In tutta Italia, le cifre da capogiro degli appartamenti in affitto colpiscono direttamente ragazzi, studenti universitari ed intere famiglie che, costretti a scontrarsi con le difficoltà lavorative e la mancanza di un capitale iniziale per acquistare una casa di proprietà, devono a ripiegare sull’appartamento in affitto. Nonostante le cifre improponibili, il profondo cambiamento della società […]
  • Bhutan: l’incredibile fascino del Paese più felice del mondo
    Incastonato tra le rocce dell’immensa catena montuosa Himalayana, tra Cina e India, la natura lascia spazio al piccolo ma affascinate Stato monarchico del Bhutan. Nonostante sia uno dei paesi più poveri dell’Asia, qui si registra il tasso di felicità più elevato di tutto il continente e l’ottavo nella classifica mondiale. Infatti, oltre agli incredibili paesaggi, […]
  • Mobili fonoassorbenti per eliminare i rumori da casa e dagli uffici
    Il rumore del traffico esterno, il calpestio proveniente dal piano superiore, la televisione del vicino a volume troppo alto: questi sono solo alcuni dei rumori che possono infastidire l’ambiente domestico. Il mercato offre moltissimi sistemi per ottimizzare, migliorare e molte volte eliminare il problema: dai blocchi di muratura, applicati sopratutto nelle nuove costruzioni, ai feltri […]
  • Stop agli oggetti smarriti: Google Tile aiuta a trovare le chiavi di casa
    Perdere oggetti e non riuscire più a ritrovarli è diventato un fenomeno talmente comune e frequente dall’essere d’ispirazione a numerose ricerche scientifiche per riuscire a determinarne le cause e i motivi. Secondo alcuni ricercatori, oltre allo stress e la fretta, sarebbero le attività inconsce ad allargare le possibilità di perdita. Infatti, senza volerlo spostiamo gli […]
  • Parco giochi per anziani: l’incredibile idea per che unisce il gioco alla salute
    All’arrivo della terza età troppo spesso si tende ad uscire e socializzare meno, con risultati non completamente positivi sulla salute. Una delle soluzioni insieme alle tante attività può essere lo sport: una perfetta occasione di interazione e socializzazione che permette di mantenersi attivi non solo nel corpo ma anche nello spirito. Per aiutare gli anziani […]
  • Il dipinto ritrovato: torna a casa il “ritratto di signora” di Klimt
    22 febbraio 1997: presso la Galleria Ricci Oddi di Piacenza scompare il “Ritratto di Signora”, una delle opere dell’artista austriaco Gustav Klimt risalente al 1916/17. La cornice abbandonata sul tetto dopo il furto era tutto ciò che restava di una delle splendide e più discusse opere di Gustav Klimt. La tela originale, si suppone infatti […]
  • Regno Unito: dal 2035 vietata la vendita di auto diesel e benzina
    Il settore delle auto elettriche è nella sua piena espansione, sebbene le quote di mercato rimangono ancora a livelli inconsistenti. Infatti, i principali costruttori stanno investendo cifre immense per crescere ulteriormente ed accompagnare la produzione verso uno sviluppo ed un acquisto di massa. Il problema delle emissioni derivanti dalle automobili, è stato preso di petto […]

Categorie

di tendenza