Connect with us
Pubblicità

Trento

Il Trentino ringrazia lo chef eroe d’America Bruno Serato

Una giornata, quella insieme a Bruno Serato, che concilia le grandi risorse in termini di volontariato del Trentino con il tessuto istituzionale e imprenditoriale della nostra provincia. «Dalle parole bisogna passare ai fatti – ha ribadito oggi più di una volta lo chef più buono del mondo – troppo spesso molti di noi parlano ma poi non si danno da fare».

Pubblicato

-

Una giornata, quella insieme a Bruno Serato, che concilia le grandi risorse in termini di volontariato del Trentino con il tessuto istituzionale e imprenditoriale della nostra provincia. «Dalle parole bisogna passare ai fatti – ha ribadito oggi più di una volta lo chef più buono del mondo – troppo spesso molti di noi parlano ma poi non si danno da fare».

Bruno Serato, famoso cuoco d'oltreoceano, veneto di origine, "incoronato" eroe d'America dalla CNN per l'aiuto concreto che da 11 anni garantisce ogni giorno a 2000 bambini bisognosi di Anaheim, a sud di Los Angeles  e testimonial delìla fondazione Trentina per l'autismo ha voluto vedere con i propri occhi «Casa Sebastiano» di Coredo. «Da molto tempo sento parlare di questa realtà trentina e sono venuto qui in Italia apposta per vedere a che punto e' la costruzione, ebbene, sono rimasto stupito nel vedere che il centro è ormai finito, un esempio di un popolo, quello Trentino dei fatti e non solo delle parole»

Una giornata densa di importanti messaggi e di momenti davvero commoventi che hanno lasciato in molti con le lacrime agli occhi. La giornata per Bruno Serato era iniziata nella mattinata quando ha fatto visita ai ragazzi della scuola alberghiera di Ossana dove, durante il suo discorso, ha lasciato a bocca aperta i 140 studenti della prestigiosa scuola della valle di Sole. Lo chef californiano nato a Soave ed emigrato 30 anni fa in california ha poi visitato «Casa Sebastiano» guidato dal presidente della fondazione trentina dell'autismo Giovanni Coletti. 

Pubblicità
Pubblicità

Serato è stato poi ricevuto nel pomeriggio dal presidente del Consiglio provinciale Bruno Dorigatti. Con lui c'erano Giovanni Coletti, presidente della Fondazione trentina per l'autismo onlus, di cui lo chef Serato è amico e testimonial, e Riccardo Felicetti, presidente del Gruppo pasta dell'Associazione delle industrie del dolce e della pasta italiane (Aidepi) e amministratore delegato del pastificio Felicetti di Predazzo, che ha donato a Caterina's club circa 30.000 porzioni di pasta.

L'incontro ha permesso a Dorigatti di consegnare a Serato una targa-ricordo per ringraziarlo a nome di tutti i trentini dell'opera di solidarietà da lui portata avanti. «La crisi non è solo economica – ha osservato il presidente – perché sta anche nel ritirarsi ciascuno nel proprio orto. Ma– ha proseguito Dorigatti – il Trentino che ha nel proprio dna la coesione sociale e l'inclinazione a non lasciare indietro nessuno, sa bene che dare da mangiare è già fare comunità e che fare comunità è fare solidarietà».

Ne sono la concreta dimostrazione, ha aggiunto Dorigatti, Coletti e Felicetti la cui apertura e attenzione al mondo ha permesso di stringere questo rapporto con il noto chef californiano. «Quando mi hanno nominato eroe della CNN per i quasi due milioni di bambini sfamati in 11 anni – ha raccontato Serato – ho detto: occorre smettere di parlare di solidarietà e passare ai fatti».

Pubblicità
Pubblicità

E ha evidenziato che «noi non ce ne rendiamo conto, ma con una scatola di pasta si possono sfamare anche sei-sette bambini». Dopo aver espresso gratitudine a Dorigatti per il sostegno assicurato dalla Provincia a Casa Sebastiano, lo chef ha ricordato come la Fondazione Caterina's Club con cui collabora, sfami quotidianamente bambini in 14 città di una delle zone più ricche della California.

E di aver ricevuto da Felicetti e Barilla un aiuto concreto e silenzioso che lui non aveva neppure richiesto. Infine ha citato la lettera da lui scritta a Papa Francesco per proporgli una raccolta di pasta in tutte le chiese a favore di chi ha bisogno: «così – ha concluso – potremmo sfamare il mondo intero».

E Francesco gli ha risposto con entusiasmo, autorizzandolo a benedire tutti quelli che aiuteranno quest'opera. Riccardo Felicetti, dell'omonimo pastificio della val di Fiemme, ha ricordato l'incontro da lui avuto con Serato in America insieme al collega imprenditore Paolo Barilla e di aver deciso di cooperare con l'iniziativa semplice e proprio per questo geniale dello chef «perché la pasta crea socialità e crea gioia, risolve tantissimi problemi».

Dal canto suo Giovanni Coletti, artefice dell'incontro con Dorigatti, ha evidenziato la grande importanza di avere ambasciatori come Serato perché la ricerca sull'autismo cresca attraverso una rete di relazioni anche internazionali. Sotto questo profilo Coletti ha preannunciato per il 24 giugno a Coredo un convegno scientifico promosso dalla Fondazione per l'autismo con l'Istituto superiore della sanità, in occasione del quale studiare il modello trentino e metterlo a disposizione di tutti.

Poi Bruno Serato è stato ospitato a TeleCuore Trentino dove ha risposto alle domande della conduttrice Francesca Mazzalai e raccontato degli aneddoti commoventi della propria vita che saranno inseriti in uno special a lui dedicato.  Il ricordo è tornato alla mamma, scomparsa oltre un anno fa e ideatrice del progetto «Fondazione Caterina's Club», «nostra madre credeva di avere solo 7 figli, invece ora è consapevole dal paradiso di averne migliaia»ha detto Serato commovendosi. 

Ma il nodo a gola è continuato quando è stato ospitato nel tardo pomeriggio al bar «Tutti per uno» a Spini di Gardolo dove ad attenderlo erano presenti un centinaio di persone che l'hanno applaudito lungamente. Coletti, molto comosso, ha donato allo chef una targa ricordo da parte della Fondazione trentina per l'autismo.

«Dobbiamo pensare a chi è povero e dobbiamo farlo tenendo la mano sul nostro cuore, ma dobbiamo essere consapevoli che anche un piccolo segno, una piccola donazione può essere l'inizio di una cosa grande». «Qui in Trentino ci sono delle persone che sono buone, delle persone che preferiscono i fatti alle parole – ha terminato rivolgendosi a Giovanni Coletti – per questo voglio pensare che il mio soggiorno a Trento possa essere solo l'inzio di un gemellaggio con la California ma soprattutto un  percorso che la Fondazione Trentina per l'autismo costruirà in America, la terra della ricerca e delle grandi occasioni. Il volontariato è come un virus, ebbene, ora voglio che che questo virus venga condiviso con più persone possibili».

Durante la visita a Casa Sebastiano

Presso la scuola alberghiera di Ossana 

Presso TeleCuore Trentino mentre risponde alle parole di Francesca Mazzalai 

Al Bar tutti per uno insieme alle bariste

Mentre riceve la targa ricordo dalla Fondazione Trentina per l'autismo

 
 

 

 

 

 

Pubblicità
Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

  • Vinilia Wine Resort: immergiti nel cuore del Salento
    Vinilia Wine Resort è un’antica dimora risalente agli inizi del ‘900 quando era destinata ad essere la residenza estiva della nobile famiglia degli Schiavoni. Oggi, dopo un’attenta e raffinata attività di restauro conservativo, a cura della famiglia Parisi Lacaita, si appresta a diventare un punto di riferimento per l’accoglienza e per un’autentica esperienza nella terra […]
  • Natura, storia e paesaggi mozzafiato: questa è l’isola di Skye
    Skye è una delle migliori località da visitare in Scozia. È famosa per i suoi paesaggi mozzafiato e per la storia che ha alle spalle. L’isola di Skye è lunga 50 miglia ed è la più grande delle Ebridi Interne, ovvero un arcipelago situato al largo della costa occidentale della Scozia, a sud-est delle Ebridi Esterne. Insieme, […]
  • Tenuta Monacelli: che meraviglia il Salento!
    Masseria Monacelli, masseria fortificata del ‘600 e Masseria Giampaolo, esclusivo borgo del ‘400, si impongono con le loro torri di avvistamento nel cuore del Salento. Situate in prossimità dell’Abbazia romanico-bizantina S. Maria a Cerrate, oggi tra i beni del Fondo Ambiente Italiano, testimoniano tracce di storia. Entrambe custodiscono un prezioso frantoio ipogeo, le stanze di stoccaggio […]
  • Incanto e lusso al Castello di Guarene, in Piemonte
    Nel Settecento, il Castello fu la realizzazione di un sogno di Carlo Giacinto Roero, signore di Guarene. Il nobiluomo voleva una nuova e splendida dimora e se la costruì, la circondò di giardini e la arredò. Ne aveva la capacità e i mezzi: era un buon architetto, sia pure dilettante, un aristocratico di primo piano […]
  • Nina Trulli Resort: la masseria perfetta tra la Costa dei trulli e la Valle d’Itria
    Nina Trulli Resort è una masseria immersa nella tipica campagna pugliese, dalla Costa dei trulli a Valle d’Itria, e si trova a soli 5 Km dal mare. Nella zona di Monopoli, città dalle radicate tradizioni marinare anche conosciuta come Città delle cento contrade, è possibile fare letteralmente un tuffo nel passato pur senza mai rinunciare […]
  • Il paese più felice del mondo? La Finlandia!
    La classifica del World Happiness Report parla chiaro: per il terzo anno di fila il posto più felice del mondo sarebbe la Finlandia. Il World Happiness Report è una classifica redatta dalla United Nations Sustainable Development Solutions Network in base ai dati del Gallup World Poll. Mentre il primo posto vede i colori della bandiera […]
  • Il posto perfetto per staccare dal mondo? Le Isole Lofoten!
    Se pensi che i fiordi norvegesi siano belli, potrebbe interessarti fare una bella vacanza alle Isole Lofoten. Un luogo da sogno, un arcipelago simile a un’appendice di montagne frastagliate incredibilmente belle che si protendono nel Mare di Norvegia a ovest di Narvik. Le varie isole sono unite dalla E10, un’impresa di ingegneria altrettanto impressionante come […]
  • X-Bionic Sphere: in Slovacchia un vero paradiso per gli amanti del lusso e dello sport
    Non tutti sanno che a Samorin, in Slovacchia, esiste un vero e proprio paradiso per atleti e per appassionati di lusso e sport. X-Bionic® Sphere è un complesso di hotel e strutture sportive dove il lusso ed il comfort vanno a braccetto con tutte le esigenze di atleti, famiglie e visitatori. L’Hotel offre un servizio di […]
  • Boscareto Resort and Spa: ritrovate la giusta quiete tra vini, buon cibo e paesaggi mozzafiato
    Immerso tra le colline, il Boscareto Resort & Spa rivela la sua bellezza nell’incantevole panorama su cui si affaccia, nei colori dei vigneti e nel meraviglioso territorio delle Langhe, dichiarato Patrimonio Mondiale dell’Unesco. Alba è punto di partenza e di arrivo per chi viaggia nella zona, con i suoi caffè, le chiese, la storia romana […]

Categorie

di tendenza