Connect with us
Pubblicità

Trento

Il Trentino ringrazia lo chef eroe d’America Bruno Serato

Una giornata, quella insieme a Bruno Serato, che concilia le grandi risorse in termini di volontariato del Trentino con il tessuto istituzionale e imprenditoriale della nostra provincia. «Dalle parole bisogna passare ai fatti – ha ribadito oggi più di una volta lo chef più buono del mondo – troppo spesso molti di noi parlano ma poi non si danno da fare».

Pubblicato

-

Una giornata, quella insieme a Bruno Serato, che concilia le grandi risorse in termini di volontariato del Trentino con il tessuto istituzionale e imprenditoriale della nostra provincia. «Dalle parole bisogna passare ai fatti – ha ribadito oggi più di una volta lo chef più buono del mondo – troppo spesso molti di noi parlano ma poi non si danno da fare».

Bruno Serato, famoso cuoco d'oltreoceano, veneto di origine, "incoronato" eroe d'America dalla CNN per l'aiuto concreto che da 11 anni garantisce ogni giorno a 2000 bambini bisognosi di Anaheim, a sud di Los Angeles  e testimonial delìla fondazione Trentina per l'autismo ha voluto vedere con i propri occhi «Casa Sebastiano» di Coredo. «Da molto tempo sento parlare di questa realtà trentina e sono venuto qui in Italia apposta per vedere a che punto e' la costruzione, ebbene, sono rimasto stupito nel vedere che il centro è ormai finito, un esempio di un popolo, quello Trentino dei fatti e non solo delle parole»

Una giornata densa di importanti messaggi e di momenti davvero commoventi che hanno lasciato in molti con le lacrime agli occhi. La giornata per Bruno Serato era iniziata nella mattinata quando ha fatto visita ai ragazzi della scuola alberghiera di Ossana dove, durante il suo discorso, ha lasciato a bocca aperta i 140 studenti della prestigiosa scuola della valle di Sole. Lo chef californiano nato a Soave ed emigrato 30 anni fa in california ha poi visitato «Casa Sebastiano» guidato dal presidente della fondazione trentina dell'autismo Giovanni Coletti. 

Pubblicità
Pubblicità

Serato è stato poi ricevuto nel pomeriggio dal presidente del Consiglio provinciale Bruno Dorigatti. Con lui c'erano Giovanni Coletti, presidente della Fondazione trentina per l'autismo onlus, di cui lo chef Serato è amico e testimonial, e Riccardo Felicetti, presidente del Gruppo pasta dell'Associazione delle industrie del dolce e della pasta italiane (Aidepi) e amministratore delegato del pastificio Felicetti di Predazzo, che ha donato a Caterina's club circa 30.000 porzioni di pasta.

L'incontro ha permesso a Dorigatti di consegnare a Serato una targa-ricordo per ringraziarlo a nome di tutti i trentini dell'opera di solidarietà da lui portata avanti. «La crisi non è solo economica – ha osservato il presidente – perché sta anche nel ritirarsi ciascuno nel proprio orto. Ma– ha proseguito Dorigatti – il Trentino che ha nel proprio dna la coesione sociale e l'inclinazione a non lasciare indietro nessuno, sa bene che dare da mangiare è già fare comunità e che fare comunità è fare solidarietà».

Ne sono la concreta dimostrazione, ha aggiunto Dorigatti, Coletti e Felicetti la cui apertura e attenzione al mondo ha permesso di stringere questo rapporto con il noto chef californiano. «Quando mi hanno nominato eroe della CNN per i quasi due milioni di bambini sfamati in 11 anni – ha raccontato Serato – ho detto: occorre smettere di parlare di solidarietà e passare ai fatti».

Pubblicità
Pubblicità

E ha evidenziato che «noi non ce ne rendiamo conto, ma con una scatola di pasta si possono sfamare anche sei-sette bambini». Dopo aver espresso gratitudine a Dorigatti per il sostegno assicurato dalla Provincia a Casa Sebastiano, lo chef ha ricordato come la Fondazione Caterina's Club con cui collabora, sfami quotidianamente bambini in 14 città di una delle zone più ricche della California.

E di aver ricevuto da Felicetti e Barilla un aiuto concreto e silenzioso che lui non aveva neppure richiesto. Infine ha citato la lettera da lui scritta a Papa Francesco per proporgli una raccolta di pasta in tutte le chiese a favore di chi ha bisogno: «così – ha concluso – potremmo sfamare il mondo intero».

Pubblicità
Pubblicità

E Francesco gli ha risposto con entusiasmo, autorizzandolo a benedire tutti quelli che aiuteranno quest'opera. Riccardo Felicetti, dell'omonimo pastificio della val di Fiemme, ha ricordato l'incontro da lui avuto con Serato in America insieme al collega imprenditore Paolo Barilla e di aver deciso di cooperare con l'iniziativa semplice e proprio per questo geniale dello chef «perché la pasta crea socialità e crea gioia, risolve tantissimi problemi».

Dal canto suo Giovanni Coletti, artefice dell'incontro con Dorigatti, ha evidenziato la grande importanza di avere ambasciatori come Serato perché la ricerca sull'autismo cresca attraverso una rete di relazioni anche internazionali. Sotto questo profilo Coletti ha preannunciato per il 24 giugno a Coredo un convegno scientifico promosso dalla Fondazione per l'autismo con l'Istituto superiore della sanità, in occasione del quale studiare il modello trentino e metterlo a disposizione di tutti.

Poi Bruno Serato è stato ospitato a TeleCuore Trentino dove ha risposto alle domande della conduttrice Francesca Mazzalai e raccontato degli aneddoti commoventi della propria vita che saranno inseriti in uno special a lui dedicato.  Il ricordo è tornato alla mamma, scomparsa oltre un anno fa e ideatrice del progetto «Fondazione Caterina's Club», «nostra madre credeva di avere solo 7 figli, invece ora è consapevole dal paradiso di averne migliaia»ha detto Serato commovendosi. 

Ma il nodo a gola è continuato quando è stato ospitato nel tardo pomeriggio al bar «Tutti per uno» a Spini di Gardolo dove ad attenderlo erano presenti un centinaio di persone che l'hanno applaudito lungamente. Coletti, molto comosso, ha donato allo chef una targa ricordo da parte della Fondazione trentina per l'autismo.

«Dobbiamo pensare a chi è povero e dobbiamo farlo tenendo la mano sul nostro cuore, ma dobbiamo essere consapevoli che anche un piccolo segno, una piccola donazione può essere l'inizio di una cosa grande». «Qui in Trentino ci sono delle persone che sono buone, delle persone che preferiscono i fatti alle parole – ha terminato rivolgendosi a Giovanni Coletti – per questo voglio pensare che il mio soggiorno a Trento possa essere solo l'inzio di un gemellaggio con la California ma soprattutto un  percorso che la Fondazione Trentina per l'autismo costruirà in America, la terra della ricerca e delle grandi occasioni. Il volontariato è come un virus, ebbene, ora voglio che che questo virus venga condiviso con più persone possibili».

Durante la visita a Casa Sebastiano

Presso la scuola alberghiera di Ossana 

Presso TeleCuore Trentino mentre risponde alle parole di Francesca Mazzalai 

Al Bar tutti per uno insieme alle bariste

Mentre riceve la targa ricordo dalla Fondazione Trentina per l'autismo

 
 

 

 

 

 

Pubblicità
Pubblicità

  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

  • Prima lo adotti poi raccogli i suoi frutti, a Milano nasce la Food Forest, la foresta edibile
    Oltre 2.000 tra piante, ortaggi, piante officinali, alberi, arbusti da frutto e da legno ospitati nel cuore dell’immensa città metropolitana di Milano, con l’obbiettivo di ristabilire il rapporto primitivo tra l’uomo e i prodotti che Madre Natura gentilmente offre. Questo, starà alla base della nuova Food Forest, la foresta edibile  che in autunno prenderà vita all’interno […]
  • Ponte Tibetano e Cascate di Saent: che bella la Val di Rabbi!
    Costruito nel 2016 sopra il torrente Ragaiolo in Val di Rabbi, il ponte tibetano è ormai diventato una tappa fissa per tutti coloro che amano la montagna e la Val di Rabbi. Costruito in ferro e con una pavimentazione di grate di ferro, il ponte tibetano è adatto a grandi e piccini grazie anche alle […]
  • Si allunga la lista delle preziose aree naturali del Pianeta: l’Unesco aggiunge altri 15 Geoparchi da tutelare
    Riconosciuto a livello internazionale come un territorio che possiede un patrimonio geologico particolare e una strategia di sviluppo sostenibile, il Geoparco deve comprendere un certo numero di siti geologici di particolare importanza in termini di rarità, qualità scientifica e rilevanza estetica o valore educativo per essere definito tale. In particolare, si tratta di aree in […]
  • Samsung lancia l’idea: Prevenire gli incidenti grazie ad un camion attrezzato con schermi LCD
    Visibilità azzerata, traffico intenso, grandi mezzi e sorpassi azzardati sono tutti problemi autostradali che potrebbero trovare soluzione grazie ad un “camion trasparente” con grandi schermi LCD: Un‘ idea tanto semplice quanto potenzialmente utile che potrebbe facilitare le manovre di sorpasso dei grandi mezzi riducendo i rischi di incidenti. L’idea è stata presentata da Samsung con […]
  • Trentino Wild Park: il parco avventura più grande d’Italia
    Affrontare situazioni che non appartengono alla vita normale percorrendo una realtà diversa da quella urbana, attraversando ponti tibetani, liane e guardando il bosco tra le chiome degli alberi, sono la base di un intrigante situazione, lontana dalla vita cittadina ma alternativa ad un classico tour. La possibilità di vivere forti emozioni e sentirsi veramente immerso […]
  • Perserverance, la missione Nasa in cerca di vita su Marte
    Fa parte della natura umana esplorare, conoscere e spingersi sempre oltre i limiti terrestri, fino a Marte ad esempio, diventata ormai una delle migliori alternative alla Terra. Trovare tracce di una vita passata o presente sul pianeta rosso, raccogliendo campioni di suolo e studiando la superficie di Marte. Questo è il motivo che ha spinto […]
  • Dalla Francia all’Italia:nel 2020 Il cinema estivo cambia forma e approda in acqua
    L’esigenza di migliorare sfruttando al meglio il nostro ambiente e il nostro territorio unito alla voglia di scongiurare l’arrivo di una prossima pandemia, ha spinto e obbligato molti organizzatori di eventi e molte aziende a ripensare gli spazi e quindi le attività dedicate al pubblico rispetto al distanziamento sociale. Dopo l’esperimento dal sapore vagamente vintage […]
  • Dall’America arriva lo “specchio della verità”, racconta quanto sei dimagrito e quanto sei in forma
    “Specchio spettro delle mie brame.”: iniziava così la celebre frase della matrigna di Biancaneve che intimava il suo specchio interrogandolo per assicurarsi ogni giorno il primato di più bella del reame nella nota favola. Se questa è la fantasia, uno strumento simile è ora disponibile anche nella realtà, dando un supporto concreto e mirato alla […]
  • Dall’amore per il bello alla passione per l’antico e il moderno: il mondo di Zanella Arredamenti
    Esistono alcuni luoghi agli angoli delle strade o nei piccoli borghi cittadini in cui la sola visita equivale sempre ad un’esperienza piena di ricordi, emozioni vissute e storia. Entrare in un negozio di antiquariato infatti, è un po’ come viaggiare nel tempo: scoprire un mondo di oggetti che non esiste più per qualcuno ma che […]

Categorie

di tendenza