Connect with us
Pubblicità

Riflessioni fra Cronaca e Storia

A Trento Mauro Stenico celebra il padre della teoria del Big bang

Il 20 giugno 1966 moriva George Eduard Lemaitre, il padre della teoria del Big bang. La ricorrenza verrà celebrata a Trento, presso l'Istituto Sacro Cuore, in piazza Verzeri 4, il 9 giugno, ad ore 20. 30.

Pubblicato

-

Il 20 giugno 1966 moriva George Eduard Lemaitre, il padre della teoria del Big bang. La ricorrenza verrà celebrata a Trento, presso l’Istituto Sacro Cuore, in piazza Verzeri 4, il 9 giugno, ad ore 20. 30.

Per l’occasione terrà una lezione Mauro Stenico, lo studioso italiano che ha dedicato più tempo e studio alla biografia del padre della cosmologia moderna.

Mauro Stenico, dopo aver ha conseguito la laurea magistrale in filosofia e linguaggi della modernità presso l’Università di Trento, si è specializzato in comunicazione politica e storia della scienza con un dottorato di ricerca internazionale presso l’Università di Trento e la J.W. Goethe-Universitat di Francoforte.

Pubblicità
Pubblicità

E’ autore di un monumentale studio sulla ricezione della cosmologia moderna da parte delle ideologie del XX secolo (900 pagine edite dal Museo Storico del Trentino, con il titolo: La ragionevole creazione. Cosmologia moderna, ideologie del XX secolo e religione) e di La meraviglia cosmica (Solfanelli, Chieti, 2016; vedi http://www.filosofiaescienza.it/monsignor-big-bang/#more-39).

In attesa di ascoltarlo il 9 giugno lo abbiamo intervistato.

Dottor Stenico, anzitutto, chi è Lemaitre?

Pubblicità
Pubblicità

Georges Lemaitre (1894-1966) fu un matematico, un fisico e un sacerdote cattolico belga. Della sua persona e della sua opera scientifica molto si potrebbe dire, ma il tutto si può condensare nella semplice affermazione per la quale egli fu il padre della formulazione fisica della teoria dell’espansione dell’Universo. Se oggi tale fenomeno espansivo viene ritenuto un dato di fatto, all’epoca di Lemaitre questa proposta venne accolta, almeno inizialmente, tutt’altro che in maniera favorevole, in primo luogo da Albert Einstein, che la rifiutò per vari anni.

Molto versato nei calcoli ma anche grande studioso dei dati astrofisici dell’epoca, il sacerdote cosmologo belga riuscì a spiegare il principale dato empirico degli anni Venti del Novecento – il “redshift” – chiamando in causa l’espansione dello spazio. Espansione che a suo dire sarebbe stata generata dalla frammentazione-esplosione di un’entità originaria da egli definitiva “atomo primitivo”. I cosmologi di oggi, sebbene con connotazioni assai diverse da quelle lemaitriane, parlano di “singolarità cosmologica” per designare un “punto” di massa, temperatura e densità infinite che racchiudeva un tempo il Cosmo intero e che esplose, per ragioni ignote, circa 13-14 miliardi di anni fa.

Lei ha avuto modo di studiare la sua vita e i suoi scritti proprio a Lovanio, la città belga in cui insegnò. In cosa è consistita la sua ricerca?

La mia ricerca di dottorato internazionale (Trento, Francoforte sul Meno) in “Comunicazione politica”, che ho portato a termine nel 2013 e dalla quale è sorta l’ampia pubblicazione “La ragionevole ‘creazione’: cosmologia moderna, ideologie del XX secolo e religione” (ed. Museo storico del Trentino, Trento, 2015), aveva per oggetto i molteplici rapporti tra cosmologia moderna (teoria dell’espansione cosmica), religione cattolica e alcune ideologie novecentesche (nazionalsocialismo, comunismo sovietico e tedesco-orientale).

E’ infatti possibile dimostrare, con apposita documentazione che io ho vagliato in cinque lingue, come la ricezione di una teoria cosmologica possa essere influenzata dal clima politico di una società. L’esempio per eccellenza è costituito dall’Unione Sovietica, dove sino al principio degli anni Sessanta il solo menzionare una teoria scientifica che presupponesse l’inizio del Cosmo materiale – giacché per l’ideologia comunista la materia era e “doveva” essere eterna – era vista con grande diffidenza ideologica. Quale fisico ma anche sacerdote, Lemaitre dovette affrontare una serie di difficoltà: in Russia e nella DDR il suo nome fu automaticamente associato al “creazionismo clericale”; in Occidente egli dovette non di meno subire gli attacchi di tutti quegli astronomi che, come l’inglese Fred Hoyle, vedevano nell’ipotesi lemaitriana dell’atomo primitivo non una proposta scientifica, bensì una versione mascherata del racconto della Genesi.

In questi ultimi anni, la figura di Lemaitre sta ottenendo un giusto e ampio riconoscimento. Quando lavorai su Lemaitre ancora nel 2009, il materiale su questo autore, anche su Internet, era piuttosto scarso. Oggi il Web ne è invece ricchissimo.

Lemaitre era un prete, Pio XII un papa molto attento ai rapporti tra scienza e fede. Quale fu la lettura che il papa diede del Big bang? In che senso il Big Bang “piacque” ai cattolici?

L’idea di partenza è che non è possibile che una persona scinda se medesima in “compartimenti stagni”. Lemaitre tentò però di mostrare come la sua ipotesi scientifica fosse davvero tale, cioè “scientifica”, e non “semplicemente” (si perdoni il termine!) teologica o filosofica. A fortiori un’argomentazione sulla contingenza della costituzione cosmica attuale – argomentazione che la teoria odierna del Big Bang offre – risulta certamente vicina al racconto della Genesi, alla fede, ma Lemaitre costruì la sua proposta partendo dai dati empirici dell’astrofisica, non dal campo della fede.

Egli chiarì la distinzione tra le due strade per giungere a Dio: quella naturale, accessibile all’intelletto con le sue sole forze, ove l’uomo scorge una Natura ordinata, razionale e può, in maniera generica, giungere all’idea di un Deus Auctor naturae; quella sovrannaturale, inaccessibile dall’uomo con le sue sole forze e derivante invece da un’illuminazione superiore, da una fede che è dono del vero Dio e che porta alla conoscenza, seppur parziale, di Dio sub ratione Deitatis, ovvero nella Sua vita intima, come ad es. nel rapporto delle Tre Persone divine, ovvero il dogma della SS. Trinità, che solo per rivelazione di Cristo l’uomo conosce.

Papa Pio XII raccolse la suggestione scientifica di un inizio dell’Universo – quindi l’ipotesi lemaitriana dell’atomo primitivo, seppur senza citarla esplicitamente – come argomentazione in grado di rafforzare l’idea della contingenza dell’Universo, ovverosia l’idea che l’Universo materiale non fosse eterno. Il Santo Padre tenne comunque a precisare, in un suo famoso discorso alla Pontificia Accademia delle Scienze tenuto il 22 novembre 1951, che una teoria cosmologica poteva al massimo avvicinare l’intelletto alla tesi di un inizio del tutto, ma non era da prendersi come argomento probante per la fede e per la “creatio ex-nihilo”, che era e rimaneva appannaggio della Rivelazione e della metafisica. In pratica, uno scienziato ateo avrebbe potuto accettare l’ipotesi dell’atomo primitivo anche senza esperimentare alcuna “conversione” in senso religioso.

Su questo Lemaitre fu sempre chiaro. In questo senso, il cattolico deve mirare non tanto ad una scienza che “piaccia”, bensì ad una che sia “corretta”, “veritiera” o almeno verosimile, cioè in accordo con i dati disponibili. Come sostengono gli scienziati, il Big Bang rappresenta per ora la miglior spiegazione possibile delle osservazioni.

Pubblicità
Pubblicità
Pubblicità
Pubblicità

  • Pubblicità
    Pubblicità
Fiemme, Fassa e Cembra6 ore fa

Vola con la macchina in un dirupo per 200 metri, gravissimo 88 enne di Predazzo

Fiemme, Fassa e Cembra7 ore fa

La storia di Michela: «La mia vita come un arcobaleno e un sogno da raggiungere»

Trento8 ore fa

Coronavirus: contagi in calo e ricoveri stabili nelle ultime 24 ore in Trentino

Trento15 ore fa

Loredana Ciccantelli, Confapi Trentino: «Il Trentino ha dimostrato di avere un piano di azione concreto per quanto riguarda l’accoglienza turistica»

Riflessioni fra Cronaca e Storia16 ore fa

Filosofia politica. Verità o autorità? Da dove origina la legge?

Telescopio Universitario17 ore fa

Amministrazione condivisa: verso un “Recovery Plan civico”. Convegno giovedì 20 a Giurisprudenza

Alto Garda e Ledro17 ore fa

La mostra ufficiale del Museo di Auschwitz-Birkenau a Riva del Garda

Arte e Cultura17 ore fa

Living Memory, la forza dell’impegno. In programma teatro, musica e testimonianze

Bolzano17 ore fa

Tentò di uccidere l’ex a Bronzolo: pena ridotta in appello per un nigeriano

Arte e Cultura17 ore fa

A Nogaredo presentato il volume “Capolavori” della Regione

Giudicarie e Rendena17 ore fa

Porte di Rendena: il Piedibus è già un successo

Bolzano17 ore fa

Rapina impropria, danneggiamento e aggressione alla Polizia: coppia di marocchini finisce in manette

Rovereto e Vallagarina17 ore fa

Uccisione cane da parte dei lupi: l’uomo è rimasto accerchiato in balia dei lupi per 30 minuti

Trento18 ore fa

Omicron: nel 53% dei casi il primo sintomo è il mal di gola. Ecco i nuovi sintomi

Val di Non – Sole – Paganella1 giorno fa

Altri 209 contagi da Coronavirus nelle Valli del Noce

Trento2 settimane fa

Nel 2021 su «La Voce del Trentino» lette oltre 30 milioni di pagine da 8 milioni di lettori

Trento1 settimana fa

Coronavirus: una vittima e 972 nuovi contagi nelle ultime 24 ore

Trento1 settimana fa

Coronavirus: nuovo record di contagi nelle ultime 24 ore. Sempre stabili i ricoveri

Trento2 settimane fa

Coronavirus: 2.372 contagi e due morti nelle ultime 24 ore in Trentino

Trento2 settimane fa

Coronavirus: due morti e 2.290 contagi nelle ultime 24 ore. Calano sensibilmente i ricoveri

Trento2 settimane fa

Coronavirus: due vittime e 807 nuovi contagi nelle ultime 24 ore in Trentino

Trento2 settimane fa

Coronavirus: 408 nuovi casi e nessun decesso nelle ultime 24 ore in Trentino

Trento2 settimane fa

Coronavirus: record di contagi in Trentino nelle ultime 24 ore. Morta una donna di 55 anni

Trento2 settimane fa

Coronavirus: 1.307 nuovi contagi in Trentino nelle ultime 24 ore. Superato il milione di vaccinazioni

Trento3 settimane fa

Coronavirus: 1 decesso e 938 contagi nelle ultime 24 ore. Calano i ricoveri in terapia intensiva

Trento3 settimane fa

Coronavirus: 894 contagi nelle ultime 24 ore in Trentino. C’è anche una vittima. Stabili i ricoveri

Trento3 settimane fa

Coronavirus: altri 3 morti nelle ultime 24 ore in Trentino

Trento3 settimane fa

Fugatti: «Lupi grave problema di sicurezza, attendiamo l’approvazione del piano di gestione guida costruito per il Trentino»

Trento3 settimane fa

Coronavirus: nessun decesso e 139 contagi nelle ultime 24 ore in Trentino

Trento3 settimane fa

Coronavirus: 3 vittime e 502 contagi nelle ultime 24 ore in Trentino

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

  • Pubblicità
    Pubblicità

Unico&Bello

Orient Express la Dolce Vita: in Italia un nuovo modo di vivere il Paese

A breve in Italia arriverà un nuovo modo di vivere e conoscere il Paese, in carrozze di lusso ispirate al design degli anni ‘60/’70. L’Italia si presenta al…

Vaia Cube e Vaia Focus: nuova vita agli alberi abbattuti da Vaia

Sono numerose le aziende ed i privati che hanno deciso, negli ultimi anni, di donare nuova vita e dignità ai 42 milioni di alberi abbattuti dalla tempesta Vaia…

2050: come ci arriviamo? Mobilità sostenibile, più pulita, più veloce, più sicura e per tutti

Dal 22 dicembre 2021 al MUSE – Museo delle Scienze di Trento, la mostra “2050: COME CI ARRIVIAMO? Mobilità sostenibile, più pulita, più veloce, più sicura e per…

L’Altopiano Tibetano e Nepal in due splendide mostre fotografiche virtuali

L’Altopiano Tibetano noto per alcuni dei pascoli più grandi al mondo, non consente lo sviluppo di una vera e propria attività agricola. Anche per questo le popolazioni dell’Altopiano…

Necrologi

Categorie

di tendenza