Connect with us
Pubblicità

Telescopio Universitario

Mauro Rostagno, un ricordo lungo 28 anni. Svelata la targa in sua memoria a Sociologia

Proprio nel giorno in cui a Palermo si apriva il processo di appello per l’omicidio di Mauro Rostagno, Sociologia ne ha celebrato l’impegno civile con lo scoprimento di una targa collocata nell’edificio di via Verdi, fuori di un’aula al secondo piano.

Pubblicato

-

Proprio nel giorno in cui a Palermo si apriva il processo di appello per l’omicidio di Mauro Rostagno, Sociologia ne ha celebrato l’impegno civile con lo scoprimento di una targa collocata nell’edificio di via Verdi, fuori di un’aula al secondo piano.
 
«L’Università di Trento – ha detto Mario Diani, direttore del Dipartimento di Sociologia e Ricerca sociale salutando gli studenti di ieri e di oggi che nel pomeriggio hanno partecipato all’iniziativa – ha avuto bisogno di 28 anni per decidere di ricordare un suo vecchio studente, certo “impertinente”, caduto per mano mafiosa. Tanti quanti saranno serviti alla giustizia – sempre che la sentenza di primo grado venga confermata – per identificare i suoi assassini».
 
Rostagno, studente di Sociologia a Trento alla fine degli anni Sessanta, venne ucciso il 26 settembre 1988 in Sicilia per il suo impegno nel giornalismo investigativo e nella denuncia delle collusioni politico-mafiose.
 
«Ricordare Rostagno – ha ripreso Diani – significa innanzitutto dire che la lotta alla criminalità organizzata non può dipendere esclusivamente dall’azione delle forze dell’ordine, ma richiede anche un’opinione pubblica e in particolare un sistema dell’informazione attenti e partecipi». Su Mauro Rostagno «eroe civile e interprete di un coraggioso giornalismo d’inchiesta sino al sacrificio della vita» si è soffermato Fabrizio Ferrari, presidente dell’Associazione Sociologia Trento 1962, che ha collaborato con il Dipartimento nell’organizzazione dell’iniziativa.
 
«L’aver posto l’iscrizione alla memoria di Rostagno nel Dipartimento di Sociologia e Ricerca sociale – ha sottolineato Ferrari – è un atto di alto valore morale perché vuole ricordare alle future generazioni, chi, educato in Via Verdi, ha pagato con la vita l’affermazione della legalità. Da giornalista dico che il nome di Mauro si aggiunge alla lunga lista di quei colleghi che sono morti per la libertà , la democrazia e la legalità. È una lista di nomi purtroppo assai lunga, di eroi spesso dimenticati».
 
Diani ha poi sottolineato come ricordare Rostagno significhi riflettere sul «mutamento sociale come processo contraddittorio, aspro e spesso violento. La frase sulla rivoluzione che “non è un pranzo di gala” avrà anche fornito in molti casi la giustificazione per varie nefandezze, ma cattura anche una verità profonda che si può estendere a ogni tentativo di modificare in misura significativa qualche aspetto dell’ordine sociale esistente o anche soltanto delle convenzioni: non a caso uno dei forum del prossimo Festival dell’economia si chiede «L’innovazione è un pranzo di gala? Attraversiamo in questi anni dei cambiamenti la cui portata è molto difficile da valutare ed è bene non dimenticarsi di questo principio».
 
Per Diani «Rostagno ha rappresentato una via di uscita non violenta e non moralistica dalla stagione dei movimenti di protesta degli anni ’60 e ’70 che può fornire un esempio anche per la situazione odierna»
 
Un saluto è stato portato oggi anche da Cecilia Meggio, in rappresentanza degli studenti e delle studentesse di Sociologia di oggi. «Abbiamo intrapreso un percorso di riscoperta degli anni e delle persone chiave che hanno caratterizzato la storia del nostro Dipartimento. Vorremmo che questa targa segnasse non tanto la fine di questo percorso, ma un nuovo inizio. Di Rostagno ricorderemo l’impegno civile che ebbe da studente nel promuovere i valori della solidarietà e del bene comune».
 
L’iniziativa è proseguita, nell’aula 16, con la conferenza di José Luis Cabaço sul tema “Mozambico tra speranze e realtà. La difficile strada della democrazia in Africa tra colonialismo, tribalismo e democrazia”. Il professor Cabaço, laureato in Sociologia a Trento, è figura di spicco della società mozambicana, Paese in cui ha ricoperto anche vari ruoli ministeriali.
 
La conferenza ha segnato l’avvio di una serie di attività che proseguirà nel prossimo anno accademico con i “Seminari Mauro Rostagno in politica del conflitto/Mauro Rostagno seminars in contentious politics”, cicli di incontri che ogni anno porteranno a Trento un visiting professor di fama internazionale per approfondire, da una prospettiva non solo sociologica ma anche politologica, storica o di altre scienze sociali, aspetti rilevanti dei conflitti contemporanei. La decisione di ricordare Mauro Rostagno con una targa e con questi momenti di confronto era stata presa lo scorso novembre dal Dipartimento di Sociologia e Ricerca sociale.
 
Ecco il testo dell'incisione:
 
"Alla memoria di Mauro Rostagno studente contestatore a Trento Laureato in Sociologia con lode Spirito libero
Assassinato a Lenzi di Valderice (Trapani) per le sue inchieste sul fenomeno mafioso il 26 settembre 1988
 
Il Dipartimento di Sociologia e Ricerca Sociale e gli studenti di allora"
 
 

Pubblicità
Pubblicità

Pubblicità
Pubblicità

  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

  • Profumi funzionali: in arrivo nuove fragranze per diminuire lo stress ed aumentare il benessere
    I ricordi e le emozioni sono unite da un profondo e stretto legame con l‘olfatto che lo rendono come il gusto, uno dei sensi più potenti e straordinari arrivando ad influenzare molte volte anche i nostri comportamenti. L’olfatto è quel senso che non solo riesce a collegare i ricordi, gli attimi e addirittura i sapori […]
  • Svizzera: dal 2020 il tragitto casa – lavoro viene considerato orario d’ufficio
    In metropolitana, in autobus o in treno: tutti i giorni durante il tragitto che da casa porta al lavoro si risponde a numerose telefonate, si inviano e ricevono sollecitazioni, informazioni o delucidazioni sia via mail che attraverso social riguardo gli impegni lavorativi della giornata e della settimana. Dal primo gennaio 2020, in Svizzera, il tragitto […]
  • “Cortex Cast”: il gesso del futuro direttamente dalla stampante 3D
    Il gesso è da sempre stato l’irritante, ingombrante e pesante compagno di molte convalescenze, accompagnando e terrorizzando per settimane milioni di persone in tutto il mondo. Molto presto tutto questo potrebbe diventare soltanto ricordo molto lontano; a rimpiazzare con notevole onore il vecchio gesso sarebbe “Cortex Cast”: un esoscheletro stampato in 3D, composto da nylon […]
  • Formaggella della Solidarietà: il Caseificio Val di Fiemme ed il successo del volontariato d’impresa
    Le aziende hanno diversi sistemi e modi per creare valore, ma soltanto uno riesce a generare opportunità ed importanza contribuendo con successo al benessere del territorio e della società: Il volontariato sociale d’impresa. Il Caseificio della Val di Fiemme è entrato e si è distinto in questo importante mondo, creando e dedicando ad ogni anno […]
  • Affitti troppo alti: Berlino impone con legge un tetto massimo ai prezzi
    In tutta Italia, le cifre da capogiro degli appartamenti in affitto colpiscono direttamente ragazzi, studenti universitari ed intere famiglie che, costretti a scontrarsi con le difficoltà lavorative e la mancanza di un capitale iniziale per acquistare una casa di proprietà, devono a ripiegare sull’appartamento in affitto. Nonostante le cifre improponibili, il profondo cambiamento della società […]
  • Bhutan: l’incredibile fascino del Paese più felice del mondo
    Incastonato tra le rocce dell’immensa catena montuosa Himalayana, tra Cina e India, la natura lascia spazio al piccolo ma affascinate Stato monarchico del Bhutan. Nonostante sia uno dei paesi più poveri dell’Asia, qui si registra il tasso di felicità più elevato di tutto il continente e l’ottavo nella classifica mondiale. Infatti, oltre agli incredibili paesaggi, […]
  • Mobili fonoassorbenti per eliminare i rumori da casa e dagli uffici
    Il rumore del traffico esterno, il calpestio proveniente dal piano superiore, la televisione del vicino a volume troppo alto: questi sono solo alcuni dei rumori che possono infastidire l’ambiente domestico. Il mercato offre moltissimi sistemi per ottimizzare, migliorare e molte volte eliminare il problema: dai blocchi di muratura, applicati sopratutto nelle nuove costruzioni, ai feltri […]
  • Stop agli oggetti smarriti: Google Tile aiuta a trovare le chiavi di casa
    Perdere oggetti e non riuscire più a ritrovarli è diventato un fenomeno talmente comune e frequente dall’essere d’ispirazione a numerose ricerche scientifiche per riuscire a determinarne le cause e i motivi. Secondo alcuni ricercatori, oltre allo stress e la fretta, sarebbero le attività inconsce ad allargare le possibilità di perdita. Infatti, senza volerlo spostiamo gli […]
  • Parco giochi per anziani: l’incredibile idea per che unisce il gioco alla salute
    All’arrivo della terza età troppo spesso si tende ad uscire e socializzare meno, con risultati non completamente positivi sulla salute. Una delle soluzioni insieme alle tante attività può essere lo sport: una perfetta occasione di interazione e socializzazione che permette di mantenersi attivi non solo nel corpo ma anche nello spirito. Per aiutare gli anziani […]

Categorie

di tendenza