Connect with us
Pubblicità

Trento

Legge omofobia: nuovo scontro, la maggioranza nelle sabbie mobili.

Dopo la sconfitta sul ddl per il contrasto all'omofobia la maggioranza tira fuori dal cilindro una mozione che impegna la giunta ad approvare il disegno di legge di iniziativa popolare.  La mozione – riassunta in aula da Alessio Manica – riprende gli impegni contenuti nel disegno di legge. 

Pubblicato

-

Pubblicità

Pubblicità

Dopo la sconfitta sul ddl per il contrasto all'omofobia la maggioranza tira fuori dal cilindro una mozione che impegna la giunta ad approvare il disegno di legge di iniziativa popolare.  La mozione – riassunta in aula da Alessio Manica – riprende gli impegni contenuti nel disegno di legge. 

La mozione (n. 402/XV,) «Contrasto alle discriminazioni determinate dall'orientamento sessuale», alla fine è stata approvata, ma è stata la classica vittoria di «Pirro» che non porterà a nessun cambiamento. Se nella mattinata durante il question time ha regnato la calma e il confronto, nel pomeriggio sono cominciati gli scontri e l'ostruzione assoluta da parte delle minoranze.

Da precisare che le minoranze si sono divise sul percorso da seguire. Fugatti, Cia, Bottamedi e Giacomo Bezzi hanno deciso di non partecipare alla discussione per protesta, mentre tutti gli altri sono intervenuti ma al momento del voto sono usciti dall'aula. La mozione è stata approvata con un astenuto, cioè Walter Kaswalder. 

Pubblicità
Pubblicità

La cosa che fa riflettere molto è il comportamento fra i banchi della maggioranza, infatti solo Alessio Manica e Matteo Civico hanno difeso la mozione e sono intervenuti nel dibattito. Tutti gli altri sono rimasti muti. Fasanelli a riguardo ha coniato un nuovo aforismo, «fra il dire e il fare non c'è di mezzo il mare ma il coraggio, quello che PATT e UPT non hanno». Il riferimento è al fatto che i due partiti di maggioranza sono succubi del PD e seguono alla lettera gli ordini del partito di maggioranza in aula, ma appena fuori dicono l'esatto contrario. L'idea è che la maggioranza continuando quello che a detta di tutti è un vero accanimento terapeutico abbia commesso un grave errore, un vero e proprio autogol.

Nel primo intervento Simoni ha stigmatizzato il comportamento della maggiornanza, «alzare nuovamente l'asticella lo trovo scorretto, tutti noi teniamo ai diritti civili ma la famiglia è intoccabile».  Ma è stato l'intervento di Massimo Fasanelli che in modo pragmatico ha riassunto alcuni concetti dell'inutilità della mozione. «Questa mozione è la conferma della sconfitta della maggioranza, sostanzialmente è il ritiro del ddl sull'omofobia. Questa mozione non può impegnare in modo diverso da quello che prevede la legge. A cosa serve impegnare la giunta a fare una cosa che esiste già? si è chiesto Fasanelli – è il metodo che critico, nei prossimi giorni infatti presenterò decine di mozioni sulle discriminazioni contro gli obesi, contro i poveri e così via»ha aggiunto.

Fasanelli ha poi ricordato che esiste già una legge che difende gli omosessuali a livello nazionale e che se questa mozione superasse un disegno di legge sarebbe una cosa gravissima per la democrazia. 

Pubblicità
Pubblicità

Giovanazzi ha subito scaldato gli animi, «siete alla canna del gas ormai, – ha dichiarato rivolgendosi alla maggioranza prima e poi agli autonomisti – andate in giro a dire ai vostri elettori che voterete contro invece qui votate a favore. I vostro datore di lavoro è il PD del quale siete succubi, ma per colpa delle vostre debolezze interne al partito, quanto fate lo pagherete caro e sulla vostra pelle» ha concluso molto alterato 

Rodolfo Borga nei suoi due interventi ha demolito la mozione sull'omofobia  confermando che ci saranno gravi ritorsioni sul disegno di legge sulla «buona scuola» in discussione a giugno. «Vorrei conoscere il nome del genio che ha consigliato al governatore Rossi di presentare questa mozione – ha iniziato –  l'immagine che ho di Rossi è quella di un nuotatore stanco che più si agita più affonda. Rossi ha dovuto cedere al PD perchè nelle ultime settimane quanto accaduto lo ha indebolito, e questo non è un buon segno. Ricordo comunque che nella convenzione europea per la salvaguardia dei diritti dell'uomo si legge espressamente che i genitori hanno diritto prioritario di educazione sui figli, prima dello stato, in conformità delle proprie convinzioni filosofiche e religiose e morali».

Borga – ironicamente – ha poi dato il bentornato al consigliere Detomas che prima aveva ritirato la firma sul ddl per poi fare marcia indietro e appoggiarla nuovamente. Dopo l'intervento di Manica Borga ha rincarato la dose «Avete perso, e quindi prendiamo atto che questi due anni dove abbiamo parlato del ddl sull'omofobia sono stati inutili, ma non contenta questa maggioranza che sta affondando e che voleva piantare la bandierina dell'arcobaleno Gay ha pensato bene di tirare fuori una mozione che non serve a nulla, come non serviva a nulla il vecchio ddl».

Dal lato pratico la mozione presentata dalla maggioranza non ha nessun rilievo, ma Borga ha poi sottolineato il dato politico della cosa, «il declassamento del ddl a mozione per le minoranze significa una grande vittoria, per questo non sono uscito dall'aula – ha ribadito Borga – perché una volta tanto che vinciamo voglio godermi fino in fondo questa vittoria, la mozione può essere ribaltata da un qualsiasi ordine del giorno, voi ci avete offerto una grande occasione, cioè di affrontare il tema dell'educazione dei figli, che è inalienabile, nel prossimo ddl sulla scuola».

Borga ha poi concluso sarcasticamente, «Posso garantire – ha detto – che le 74 ore di discussione sul ddl sull'omofobia saranno nulla in confronto, infatti da domani si ricomincia daccapo, e se per lei Manica queste ore non sono state buttate via ne adoperemo altrettante per discutere sul ddl della scuola»

Viola nell'ultimo intervento prima della votazione ha criticato fortemente i consiglieri del Patt e dell'Upt «Rilevo un silenzio assordante fra i banchi di alcuni partiti della maggioranza. Questa mozione è solo un pannicello caldo, serve solo per piantare una bandierina. Avete ricordato le 7.000 firme del ddl popolare, ma quante sono le firme per gli ospedali periferici? e per il clil? e su tutte le battaglie che i cittadini hanno intrapreso in questi anni quante sono le firme raccolte? e quante sono le risposte della giunta? ha poi affondato Viola in un silenzio irreale. Ci sono i cittadini di serie A e si seria B quindi, per voi gli omosessuali sono quelli di serie A da privilegiare.H apoi concluso ricordando quanto ha detto il ministro Boschi ieri, (NdR – «chi non vota si al referendum è come CasaPuond») è questa la vostra democrazia quindi? ebbene, da voi non accetto lezioni di nessun tipo, io non sono di CasaPuond ma voterò no lo stesso al referendum di ottobre» – ha concluso. 

Nel dibattito più di una volta le minoranze hanno osservato che il problema omofobia nella scuole trentine non esiste e a dirlo è stata una ricerca del Forum della pace, dove alla domanda; se incontrassi una persona omossessuale come ti comporteresti, solo il 6% ha risposto in modo negativo 

L'idea è che ora la maggioranza sia nuovamente nelle sabbie mobili e abbia offerto un'altra occasione d'oro per salire sul palcoscenico alla minoranza. Nella discussione sul ddl della scuola prepariamoci ad un nuovo duro ostruzionismo. 

Pubblicità
Pubblicità

  • Pubblicità
    Pubblicità
Trento2 ore fa

Teatro di Villazzano, al via la gara per rinnovare la gestione

Trento2 ore fa

Concessione A22, il presidente Fugatti: finanza di progetto unica alternativa alla gara

Val di Non – Sole – Paganella3 ore fa

Un incendio da domare e delle persone bloccate: a Cis la manovra (con inaugurazione della nuova autobotte e del gommone) dei Vigili del Fuoco

Cui Prodest3 ore fa

Faust di Gounod alla Fenice di Venezia

Val di Non – Sole – Paganella3 ore fa

1920-2020(+2): la Banda Comunale di Tuenno festeggia 100 anni di storia

Trento4 ore fa

Coronavirus: 81 nuovi positivi, 54 pazienti ricoverati, di cui 3 in rianimazione

Bolzano4 ore fa

7.000 Scützen sfilano per il centro storico di San Martino in Passiria – IL VIDEO

Arte e Cultura4 ore fa

Finissage Depero New Depero: grande festa nel Giardino delle Sculture

Valsugana e Primiero4 ore fa

Follia in monopattino sulla statale 47 – IL VIDEO

Bolzano4 ore fa

Controllo dei passi: multato un centauro su tre

Vita & Famiglia4 ore fa

Pro Vita e Famiglia lancia l’allarme sulla Giornata sull’Omotransfobia: «Emergenza è fake news, no indottrinamento scuole»

Trento4 ore fa

Il 17 maggio si accende una luce sulle neurofibromatosi

Valsugana e Primiero4 ore fa

Lega Trentino: Mauro Piva e Aldo Chirico segretari di Borgo Valsugana e Levico Terme

Trento4 ore fa

Concerto di Vasco Rossi, ecco le vie e i parcheggi dove sarà vietata la sosta con rimozione forzata

Trento4 ore fa

Trentino Music Arena, Segnana: “Grande attenzione verso le persone con disabilità” in occasione del concerto di Vasco

Trento1 settimana fa

Mauro Ottobre perde anche in appello con La Voce del Trentino. Dovrà pagare altri 22 mila euro

Trento4 settimane fa

Coronavirus in Trentino: un decesso e salgono contagi e ricoveri nelle ultime 24 ore

Trento4 settimane fa

Coronavirus: 170 nuovi contagi nelle ultime 24 ore in Trentino. Salgono ancora i ricoveri

Trento3 settimane fa

Coronavirus: contagi contenuti e nessun decesso nelle ultime 24 ore

Politica3 settimane fa

Nella prossima seduta consiliare in discussione 6 ddl, compreso quello sulla terza preferenza

Val di Non – Sole – Paganella3 settimane fa

Orso a spasso tra i meleti di Mechel – IL VIDEO

Trento4 settimane fa

Coronavirus: 107 nuovi contagi nelle ultime 24 ore in Trentino. Balzo in avanti dei ricoveri

Val di Non – Sole – Paganella4 settimane fa

Fiamme in centro storico a Denno – IL VIDEO

Italia ed estero4 settimane fa

L’ultima gaffe di Joe Biden: stringe la mano ai fantasmi. Il mondo s’interroga sullo stato di salute del presidente Usa

Trento3 settimane fa

Coronavirus: 156 contagi e nuovo balzo in avanti dei ricoveri nelle ultime 24 ore

Trento3 settimane fa

Concerto Vasco Rossi: ecco la viabilità alternativa per minimizzare i disagi

Telescopio Universitario3 settimane fa

Ricerca, l’Europa premia ancora l’Università di Trento

Trento4 giorni fa

Coronavirus: un decesso e 326 contagi nelle ultime 24 ore in Trentino

Spettacolo4 settimane fa

Lutto nel mondo dello spettacolo, è morta Catherine Spaak

Trento5 giorni fa

Coronavirus: contagi e ricoveri in calo nelle ultime 24 ore

  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

  • Pubblicità
    Pubblicità

Categorie

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

di tendenza