Connect with us
Pubblicità

Italia ed estero

L’avvocato del diavolo: chi è Frank Berton, il legale di Salah Abdeslam

Scegliendo di difendere Salah Abdeslam, il terrorista per mesi ricercato numero uno in Europa, l'avvocato francese Frank Berton (nella foto), 53 anni, si è preso il rischio di diventare il legale più detestato di Francia.

Pubblicato

-

Pubblicità

Pubblicità

Scegliendo di difendere Salah Abdeslam, il terrorista per mesi ricercato numero uno in Europa, l'avvocato francese Frank Berton (nella foto), 53 anni, si è preso il rischio di diventare il legale più detestato di Francia.

Un rischio non sembra aver paura di correre. Eric Dussart, cronista giudiziario de La Voix du Nord, ripreso da FranceTv, lo conosce da più di vent'anni e racconta: “Che si tratti di difendere un piccolo commerciante di Lille o Salah Abdeslam, per lui l'importante è che non sia facile. Penso che sia questo a motivarlo”.

Berton ha costruito la sua carriera difendendo assassini, trafficanti e terroristi, partecipando a molti processi ad alto interesse mediatico. Molti ancora ricordano la sua difesa di Dominique Cottrez, infanticida che ammise di aver ucciso 8 dei suoi figli appena nati. Una difesa appassionata, che permise alla donna di ottenere una pena due volte inferiore a quella chiesta dall'accusa.

Pubblicità
Pubblicità

Intervistato dal quotidiano francese Liberation, Berton ha giustificato la sua decisione di dedicarsi alla professione forense con il desiderio di “tirare fuori la gente dai pasticci”.

Ciascuno ha il diritto alla difesa – dice a proposito del suo nuovo assistito, Salah Abdeslam – Viviamo in una Repubblica. Altrimenti non ci sarebbe bisogno di fare un processo… Basterebbe tagliarli direttamente la testa”.

Salah non può essere giudicato per le azioni altrui”, continua Berton. Ma questo non basta per giustificare la decisione di difendere l'uomo che ha contributo ai due attentati che hanno scosso il continente. Frank Berton non difende “mai una causa, una morale o una storia, ma delle persone. È la natura umana che gli interessa”, rivela la sua moglie e collega, Bérangère Lecaille, aLiberation.

Pubblicità
Pubblicità

Prima di accettare di difendere Abdeslam, Berton ha voluto incontrarlo nella sua cella, in Belgio, venerdì scorso. Due ore dopo le quali si è convinto che il suo cliente è pronto a parlare del suo coinvolgimento negli attentati di Parigi.

Non è la prima volta che Berton difende un terrorista. Prima di Salah era stata la volta di Smain Ait Ali Belkacem, condannato per il suo coinvolgimento a un attentato sulla metro parigina nel 1995. Quando Belkacem ritrattò le sue dichiarazioni, Berton rinunciò alla sua difesa. “Questo ho detto a Salah Abdeslam”, fa sapere l'avvocato, svelando così le sue regole di ingaggio: il terrorista dovrà dire la verità.

La stampa francese lo definisce “un animale da palcoscenico”. “Trabocca di umanità, ha una grande capacità di sondare gli animi. È un po' come una spugna, prende ispirazione un po' da tutto ciò che succede in aula”, sostiene Julien Delarue, anche lui avvocato. “La maggior parte dei suoi clienti sono persone semplici e umili – rilancia Nathalie Perez, giornalista di France 3 – parla come loro, mette loro una mano sulla spalla. Quando piangono tira fuori un fazzoletto”.

L'ipersensibilità di Berton è in buona parte riconducibile alla sua storia personale. Una storia piena di cicatrici. Nato ad Amiens nel 1962, Berton è il primo di tre figli. La madre segretaria della federazione del Partito Comunista, il padre agente di commercio. “Mio padre mi picchiava, forte”, racconta lo stesso Berton. Fino al giorno in cui il giovane intervenne per difendere la madre. Da lì il padre violento se andò, senza mai più ritornare.

A scuola non eccelleva Frank Berton, ma in cambio era un ottimo nuotatore. Di complessi ricorda di averne avuti alcuni, “come le persone che oggi difende in aula”. Il giovane Frank Berton, timido, vulnerabile e introverso è rimasto intrappolato dentro il penalista dallo sguardo tetro, ma pieno di lacrime.

Un “animale da palcoscenico” intenzionato a vincere l'ennesima sfida: convincere l'opinione pubblica che anche il nemico numero uno ha diritto a una difesa.

 

 

Pubblicità
Pubblicità
Pubblicità
Pubblicità
Pubblicità
Pubblicità
Pubblicità
Pubblicità

  • Pubblicità
    Pubblicità
Io la penso così…4 settimane fa

«Il Trentino Alto Adige, un luogo da sogno con persone (spesso turisti) da incubo»

Trento3 settimane fa

Dramma a Trento: ricercatrice muore a 42 anni per un malore improvviso

Val di Non – Sole – Paganella3 settimane fa

Torna in Val di Non la grande “Festa di San Romedio”

Valsugana e Primiero2 settimane fa

Nuovo lutto per la famiglia Cantaloni, dopo la figlia Chiara muore anche il papà Giorgio

Rovereto e Vallagarina4 settimane fa

Tragedia di Capodanno: è morta la 25 enne roveretana Valentina Vallenari Benedetti, troppo gravi le ferite riportate nell’incidente lo scorso 31 dicembre

Vista su Rovereto2 settimane fa

Spazi vuoti e serrande abbassate: la desolazione di Rovereto

Trento1 settimana fa

Condominio da incubo, pluripregiudicato tiene in ostaggio i residenti da anni. Il giudice: «Non si può sfrattare perchè è ai domiciliari»

economia e finanza3 settimane fa

Il colosso Amazon licenzia 18 mila dipendenti

Rovereto e Vallagarina2 settimane fa

Tragico incidente in Vallagarina, auto contro un Tir: 37 enne muore sul colpo

Valsugana e Primiero3 giorni fa

Dopo il caos attorno al video, arriva la risposta dell’APT Valsugana

Trento2 settimane fa

Morto Marco Dorigoni, storico Dj di Studio uno. Aveva 57 anni

Trento6 giorni fa

Dalla Security ai set cinematografici: la storia del trentino Stefano Mosca

Trento3 settimane fa

60 enne denunciato per bracconaggio e per distillazione illegale di grappa

Valsugana e Primiero4 giorni fa

San Valentino col bacio Gay, bufera sull’Apt della Valsugana

Offerte lavoro1 giorno fa

Cercasi commessa/o per nuova apertura negozio centro storico di Trento

  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

Categorie

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

di tendenza