Connect with us
Pubblicità

Musica

Patty Pravo in tour. L’artista si racconta fra le oche di Piazza Dante e i cammelli del deserto: «Di Trento mi ricorderò tutta la vita»

Lunedì prossimo, 18 aprile, farà tappa a Trento il tour “Eccomi”, cominciato qualche settimana fa, con cui Patty Pravo ha scelto di festeggiare in tutta Italia, partendo dall'acclamato rientro sulla scena sanremese, i suoi cinquantanni di carriera e di successi.

Pubblicato

-

Lunedì prossimo, 18 aprile, farà tappa a Trento il tour “Eccomi”, cominciato qualche settimana fa, con cui Patty Pravo ha scelto di festeggiare in tutta Italia, partendo dall'acclamato rientro sulla scena sanremese, i suoi cinquantanni di carriera e di successi.

L'eterna “Ragazza del Piper” sta raccogliendo in giro per il Paese ottimi riscontri di pubblico, che la consacrano ulteriormente (se ce ne fosse ancora il bisogno) fra le interpreti più raffinate e apprezzate del panorama musicale italiano. L'abbiamo intervistata.

Qual è il Suo rapporto con Trento? C'è qualche ricordo che La lega in particolare a questa città? Quale ricordo associa a Trento nella Sua carriera musicale?

Pubblicità
Pubblicità

«Guarda, allora, a Trento credo di aver lavorato sei-sette anni fa, o qualcosa del genere. Però mi ricordo che nonna mi portò a Trento un giorno quando ero ancora bambina. C'è un laghetto lì, no? In Piazza Dante, mi pare. Venni rincorsa da un'oca cattivissima, e me lo ricorderò tutta la vita! Proprio cattiva quell'oca, mi aveva spiazzata!»

Adesso però queste oche sembrano più disciplinate: addirittura alcune fotografie le immortalano mentre attraversano la strada sulle strisce pedonali.

«Ah sì?! Ce l'avevano con me, allora!»

Pubblicità
Pubblicità

Forse è questo il Suo primo tour pubblicizzato così massicciamente sulle piattaforme Social, in cui Lei è particolarmente attiva e vicina al Suo pubblico: qual è dunque il Suo rapporto con i Social Network? Cosa La colpisce di più dello scambio con i Suoi ammiratori? Questo scambio incide in qualche modo sul Suo essere artista immediatamente a confronto con i Suoi fans?

«Ma, io ti ringrazio per questa domanda. Non sempre infatti la nostra attenzione per i fans viene riconosciuta. Faccio semplicemente ciò che mi sembra più giusto fare. E quindi essere in contatto con i miei fans, anche con i Social, mi sembra giusto e importante e fa parte del mio modo di vedere le cose. È molto difficile però che da questo scambio, da questo confronto possa essere influenzato il mio lavoro, il mio essere artista. Lo ritengo più uno scambio umano».

Pubblicità
Pubblicità

Cosa ha provato in occasione della standing ovationche Le ha tributato la platea dell'Ariston dopo la Sua esibizione in “Cieli Immensi” sul palco di Sanremo (10 febbraio 2016, ndr)?

«Eh sì, è stata una scena che ha colpito moltissimo anche me. Non ho mai avuto molto successo al Festival di Sanremo e mi ha veramente meravigliato, mi ha fatto piacere, naturalmente».

Cinquanta anni di carriera e di ininterrotti successi: cosa Le hanno lasciato come artista ma prima di tutto come persona, come donna? Come L'hanno segnata?

«Io sono così, da sempre! Non credo di essere cambiata troppo, sai. Ero così da ragazzina e sono così anche adesso».

E quindi, quanto pesa per Lei il confronto con il passato nella sua immagine di artista e nell'affrontare nuove sfide?

«No, io faccio parecchi generi, capito, quindi non è che sono fissata solo con qualcosa, da sempre sono in continua evoluzione. Ho cominciato con il beat, ho cominciato con il pop, dopo il popho frequentato gli chansonnierfrancesi, dopo gli chansonnierfrancesi ho fatto ancora il pop, dopo il popho fatto rock, poi ho fatto sperimentazione. Ho lavorato in arabo, ho lavorato in cinese: ho lavorato insomma in tutto il mondo. Quindi, sai, è una cosa che ti deve piacere, che ti devi sentire e che, alla fine, ti rende felice».

Durante la Sua esibizione all'Ariston, Lei ha confermato ulteriormente, ancora una volta, attraverso un semplice braccialetto colorato (erano i giorni del ddl Cirinnà, ndr), di essere sensibile ai temi sociali e al dibattito politico e culturale in corso: cosa si augura in tal senso per il nostro Paese?

«Beh, la prima cosa che auguro al nostro Paese è di adeguarsi a ciò che fanno gli altri Paesi. Mi sembra normale che se delle persone si vogliono sposare, fare dei figli, adottarli, ciò possa succedere. Sicuramente un bambino adottato starà meglio di un bambino in una casa famiglia, no? E poi, se qualcuno si vuole sposare, anche se dello stesso sesso, mi sembra normale che possa farlo. Se succede qualcosa, almeno hanno tutti gli stessi diritti».

A Sanremo, Renato Zero ha dichiarato che, senza Renato Fiacchini, non avrebbe mai potuto fare nulla né raggiungere alcun risultato. Quanto deve Patty Pravo a Nicoletta Strambelli e Nicoletta Strambelli a Patty Pravo?

«Ma sono io! Solo io, assolutamente io, sempre io: non c'è nessuna sovrastruttura o altro. Solo io che non mi faccio mai mancare niente».

Cosa pensa della musica in Italia? Quali spazi di affermazione vede per degli aspiranti esordienti? Quale consiglio si sentirebbe di dare?

«Mah, penso che succeda in tutto il mondo la stessa cosa, sai. C'è chi studia, c'è chi lavora con gruppi, chi scrive e chi non scrive. Il mondo sta cambiando, e non sta cambiando solamente con la musica. Speriamo che cambiamenti ce ne siano anche per la musica, ma che soprattutto si continui a fare buona musica. O si ritorni a farne».

La settimana scorsa Ivano Fossati era a Trento (al convegno sugli animali parlanti, organizzato dal Dipartimento di Lettere, ndr): appesa la chitarra al chiodo, lui gira l'Italia, e non solo, come romanziere e conferenziere. Vede anche per Lei una prospettiva simile?

«Io non mi ci vedo assolutamente in questa veste. Assolutamente no. Il mio mondo è la musica e non la abbandonerò mai. Se poi mi viene voglia di scrivere un libro è un altro conto. Ne ho già scritto uno, che si intitola “Bla bla bla”. Più avanti scriverò qualcosa. Però, chiaramente, mai abbandonando la musica».

Nella Sua coverdi “My way” (“A modo mio”) Lei canta: “Rimpianti ne ho troppo pochi, non è il caso che li racconti”. Ce ne racconta uno?

«Eh no, perché non ne ho! Al momento proprio non saprei cosa dire! Quella per me è solo una canzone, non si devono prendere le canzoni per troppo profetiche. Non le puoi disfare. Non sempre le canzoni parlano di me: nella loro interezza forse, ma non se ne ricavi due righe».

E dopo il tour, cosa farà Patty Pravo?

«Dopo il tour spero di prendermi una quindicina di giorni, andarmene in un bel deserto, con il mio cammello, e fare quello che amo: stare in silenzio, respirare, vedere questo cielo meraviglioso. Dormire sulla pancia del mio cammello, che a me piace molto. Anche se puzza».

a cura di Christian Giacomozzi

Pubblicità
Pubblicità

  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

  • Prima lo adotti poi raccogli i suoi frutti, a Milano nasce la Food Forest, la foresta edibile
    Oltre 2.000 tra piante, ortaggi, piante officinali, alberi, arbusti da frutto e da legno ospitati nel cuore dell’immensa città metropolitana di Milano, con l’obbiettivo di ristabilire il rapporto primitivo tra l’uomo e i prodotti che Madre Natura gentilmente offre. Questo, starà alla base della nuova Food Forest, la foresta edibile  che in autunno prenderà vita all’interno […]
  • Ponte Tibetano e Cascate di Saent: che bella la Val di Rabbi!
    Costruito nel 2016 sopra il torrente Ragaiolo in Val di Rabbi, il ponte tibetano è ormai diventato una tappa fissa per tutti coloro che amano la montagna e la Val di Rabbi. Costruito in ferro e con una pavimentazione di grate di ferro, il ponte tibetano è adatto a grandi e piccini grazie anche alle […]
  • Si allunga la lista delle preziose aree naturali del Pianeta: l’Unesco aggiunge altri 15 Geoparchi da tutelare
    Riconosciuto a livello internazionale come un territorio che possiede un patrimonio geologico particolare e una strategia di sviluppo sostenibile, il Geoparco deve comprendere un certo numero di siti geologici di particolare importanza in termini di rarità, qualità scientifica e rilevanza estetica o valore educativo per essere definito tale. In particolare, si tratta di aree in […]
  • Samsung lancia l’idea: Prevenire gli incidenti grazie ad un camion attrezzato con schermi LCD
    Visibilità azzerata, traffico intenso, grandi mezzi e sorpassi azzardati sono tutti problemi autostradali che potrebbero trovare soluzione grazie ad un “camion trasparente” con grandi schermi LCD: Un‘ idea tanto semplice quanto potenzialmente utile che potrebbe facilitare le manovre di sorpasso dei grandi mezzi riducendo i rischi di incidenti. L’idea è stata presentata da Samsung con […]
  • Trentino Wild Park: il parco avventura più grande d’Italia
    Affrontare situazioni che non appartengono alla vita normale percorrendo una realtà diversa da quella urbana, attraversando ponti tibetani, liane e guardando il bosco tra le chiome degli alberi, sono la base di un intrigante situazione, lontana dalla vita cittadina ma alternativa ad un classico tour. La possibilità di vivere forti emozioni e sentirsi veramente immerso […]
  • Perserverance, la missione Nasa in cerca di vita su Marte
    Fa parte della natura umana esplorare, conoscere e spingersi sempre oltre i limiti terrestri, fino a Marte ad esempio, diventata ormai una delle migliori alternative alla Terra. Trovare tracce di una vita passata o presente sul pianeta rosso, raccogliendo campioni di suolo e studiando la superficie di Marte. Questo è il motivo che ha spinto […]
  • Dalla Francia all’Italia:nel 2020 Il cinema estivo cambia forma e approda in acqua
    L’esigenza di migliorare sfruttando al meglio il nostro ambiente e il nostro territorio unito alla voglia di scongiurare l’arrivo di una prossima pandemia, ha spinto e obbligato molti organizzatori di eventi e molte aziende a ripensare gli spazi e quindi le attività dedicate al pubblico rispetto al distanziamento sociale. Dopo l’esperimento dal sapore vagamente vintage […]
  • Dall’America arriva lo “specchio della verità”, racconta quanto sei dimagrito e quanto sei in forma
    “Specchio spettro delle mie brame.”: iniziava così la celebre frase della matrigna di Biancaneve che intimava il suo specchio interrogandolo per assicurarsi ogni giorno il primato di più bella del reame nella nota favola. Se questa è la fantasia, uno strumento simile è ora disponibile anche nella realtà, dando un supporto concreto e mirato alla […]
  • Dall’amore per il bello alla passione per l’antico e il moderno: il mondo di Zanella Arredamenti
    Esistono alcuni luoghi agli angoli delle strade o nei piccoli borghi cittadini in cui la sola visita equivale sempre ad un’esperienza piena di ricordi, emozioni vissute e storia. Entrare in un negozio di antiquariato infatti, è un po’ come viaggiare nel tempo: scoprire un mondo di oggetti che non esiste più per qualcuno ma che […]

Categorie

di tendenza