Connect with us
Pubblicità

Trento

DSA: l’importanza di una diagnosi precoce.

Gli studenti che soffrono di disturbi dell'apprendimento sono il 3-4 %, più di 186mila casi in Italia. Spesso sono considerati poco attenti, a volte stupidi ma non è vero anche Einstein soffriva di Dsa.

Pubblicato

-

Gli studenti che soffrono di disturbi dell'apprendimento sono il 3-4 %, più di 186mila casi in Italia. Spesso sono considerati poco attenti, a volte stupidi ma non è vero anche Einstein soffriva di Dsa.

Una sentenza del Tar di Bologna ha riammesso un allievo del liceo Sabin alla classe successiva, ribaltando la bocciatura dello scorso giugno. Lo studente ha una diagnosi di dislessia e il tribunale ha considerato insufficienti i percorsi didattici attivati dall’istituto per la sua carriera scolastica.

Pubblicità
Pubblicità

Ci sono infatti alunni che leggono lentamente, scrivono male, hanno difficoltà nel calcolo o nel passaggio dal linguaggio parlato a quello scritto. E spesso si tratta di dislessia, disgrafia, discalculia e disortografia: i disturbi specifici dell’apprendimento (Dsa).

Il primo caso di Dsa sembra risalire addirittura al II secolo d.C. mentre il primo a introdurre l’espressione “learning disability” è stato l’americano Samuel Kirk, nel 1963. Quarantasette anni dopo, l’Italia si è pronunciata con la legge 170 per tutelare il diritto allo studio e definire l’utilizzo di un piano didattico personalizzato.

Nel report di novembre sull’integrazione scolastica degli alunni con disabilità, il Miur ha già contato 186.803 ragazzi con Dsa, il 2,1 per cento. Ma siamo lontani dalla cifra reale: «I dati vanno elevati almeno al 3,5 e forse anche al 4 per cento», dice Paolo Curatolo, professore di Neuropsichiatria infantile a Roma Tor Vergata.

Pubblicità
Pubblicità

Maria Luisa Gorno Tempini, ordinario di Neurologia a San Francisco, spiega che «attraverso una serie di processamenti della risonanza magnetica è possibile verificare un Dsa ma anche individuare altre capacità con le quali aiutare il soggetto a valorizzare i propri talenti o a risolvere certe lentezze cognitive.

Capita spesso che una differenza nello sviluppo nell’area sinistra del cervello (quella che regola il linguaggio) si accompagni a una connettività più forte in quella destra. Ad esempio, molti dislessici hanno grandi capacità nel problem solving o spiccate abilità visuo-spaziali».

Gli studi hanno evidenziato che il 60-70 per cento dei casi di Dsa presenta esperienze familiari. A volte i genitori scoprono di soffrirne subito dopo averla riscontrata nei figli. Per ricevere una diagnosi nel nostro Paese bisogna però aspettare la fine della seconda elementare per i disturbi nello scrivere e la terza per le abilità di calcolo.

Secondo Umberto Barillari, presidente del corso di laurea in Logopedia alla Seconda Università di Napoli, «dopo la diagnosi, lo strumento più valido è la riabilitazione logopedica: in questo modo si rispettano i tempi di apprendimento».

Uno dei problemi maggiori è l’equivoco a cui, date le difficoltà di studio, gli affetti da Dsa vanno incontro. Dice Franco Botticelli, presidente dell’ Associazione Italiana Dislessia , che «ancora oggi gran parte degli italiani confonde i Dsa con stupidità e svogliatezza.

Senza una diagnosi, il soggetto si chiude in se stesso, matura difficoltà relazioni e può arrivare alla depressione. E poi la diagnosi va aggiornata col tempo. Purtroppo in Italia ci sono solo tre strutture che si occupano degli adulti, quindi i test d’ingresso all’università, i concorsi pubblici e i quiz per la patente di guida possono rappresentare un problema importante».

Nel frattempo, l’Ospedale Bambino Gesù di Roma e la Fondazione Santa Lucia hanno sottoposto un campione di giovani dislessici alla Stimolazione Transcranica a Corrente Diretta, non invasiva, con un miglioramento del 60% che fan ben sperare per il prossimo futuro.

Dislessici, insomma, non vuol dire affatto stupidi. Anzi, come evidenzia Gorno Tempini, «nella Silicon Valley dei grandi innovatori, i disturbi specifici dell’apprendimento riguardano il 30 per cento della popolazione». Del resto, hanno sofferto di Dsa anche Einstein, Disney e Spielberg.

Questo articolo riprende, con lievi modifiche, un testo di Emanuele Tirelli apparso su L’Espresso del 13.04.2016

{facebookpopup2}

Pubblicità
Pubblicità

  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

  • Vinilia Wine Resort: immergiti nel cuore del Salento
    Vinilia Wine Resort è un’antica dimora risalente agli inizi del ‘900 quando era destinata ad essere la residenza estiva della nobile famiglia degli Schiavoni. Oggi, dopo un’attenta e raffinata attività di restauro conservativo, a cura della famiglia Parisi Lacaita, si appresta a diventare un punto di riferimento per l’accoglienza e per un’autentica esperienza nella terra […]
  • Natura, storia e paesaggi mozzafiato: questa è l’isola di Skye
    Skye è una delle migliori località da visitare in Scozia. È famosa per i suoi paesaggi mozzafiato e per la storia che ha alle spalle. L’isola di Skye è lunga 50 miglia ed è la più grande delle Ebridi Interne, ovvero un arcipelago situato al largo della costa occidentale della Scozia, a sud-est delle Ebridi Esterne. Insieme, […]
  • Tenuta Monacelli: che meraviglia il Salento!
    Masseria Monacelli, masseria fortificata del ‘600 e Masseria Giampaolo, esclusivo borgo del ‘400, si impongono con le loro torri di avvistamento nel cuore del Salento. Situate in prossimità dell’Abbazia romanico-bizantina S. Maria a Cerrate, oggi tra i beni del Fondo Ambiente Italiano, testimoniano tracce di storia. Entrambe custodiscono un prezioso frantoio ipogeo, le stanze di stoccaggio […]
  • Incanto e lusso al Castello di Guarene, in Piemonte
    Nel Settecento, il Castello fu la realizzazione di un sogno di Carlo Giacinto Roero, signore di Guarene. Il nobiluomo voleva una nuova e splendida dimora e se la costruì, la circondò di giardini e la arredò. Ne aveva la capacità e i mezzi: era un buon architetto, sia pure dilettante, un aristocratico di primo piano […]
  • Nina Trulli Resort: la masseria perfetta tra la Costa dei trulli e la Valle d’Itria
    Nina Trulli Resort è una masseria immersa nella tipica campagna pugliese, dalla Costa dei trulli a Valle d’Itria, e si trova a soli 5 Km dal mare. Nella zona di Monopoli, città dalle radicate tradizioni marinare anche conosciuta come Città delle cento contrade, è possibile fare letteralmente un tuffo nel passato pur senza mai rinunciare […]
  • Il paese più felice del mondo? La Finlandia!
    La classifica del World Happiness Report parla chiaro: per il terzo anno di fila il posto più felice del mondo sarebbe la Finlandia. Il World Happiness Report è una classifica redatta dalla United Nations Sustainable Development Solutions Network in base ai dati del Gallup World Poll. Mentre il primo posto vede i colori della bandiera […]
  • Il posto perfetto per staccare dal mondo? Le Isole Lofoten!
    Se pensi che i fiordi norvegesi siano belli, potrebbe interessarti fare una bella vacanza alle Isole Lofoten. Un luogo da sogno, un arcipelago simile a un’appendice di montagne frastagliate incredibilmente belle che si protendono nel Mare di Norvegia a ovest di Narvik. Le varie isole sono unite dalla E10, un’impresa di ingegneria altrettanto impressionante come […]
  • X-Bionic Sphere: in Slovacchia un vero paradiso per gli amanti del lusso e dello sport
    Non tutti sanno che a Samorin, in Slovacchia, esiste un vero e proprio paradiso per atleti e per appassionati di lusso e sport. X-Bionic® Sphere è un complesso di hotel e strutture sportive dove il lusso ed il comfort vanno a braccetto con tutte le esigenze di atleti, famiglie e visitatori. L’Hotel offre un servizio di […]
  • Boscareto Resort and Spa: ritrovate la giusta quiete tra vini, buon cibo e paesaggi mozzafiato
    Immerso tra le colline, il Boscareto Resort & Spa rivela la sua bellezza nell’incantevole panorama su cui si affaccia, nei colori dei vigneti e nel meraviglioso territorio delle Langhe, dichiarato Patrimonio Mondiale dell’Unesco. Alba è punto di partenza e di arrivo per chi viaggia nella zona, con i suoi caffè, le chiese, la storia romana […]

Categorie

di tendenza