Connect with us
Pubblicità

Trento

Laghi e fiumi da vivere e italian style, ricetta vincente

L’offerta legata ai laghi trentini “intercetta” circa il 40 per cento delle presenze estive generando un valore economicoa beneficio dell’intero territorio.

Pubblicato

-

L’offerta legata ai laghi trentini “intercetta” circa il 40 per cento delle presenze estive generando un valore economicoa beneficio dell’intero territorio.

Accanto alla vacanza di puro relax è sempre più richiesta quella attiva dedicata in particolare alle attività sportive. Solo sul Garda fino ad ottobre sono ben 80 le regate in programma. Ieri a Trentino Marketing la presentazione dei principali eventi sportivi, con l'assessore al turismo Michele Dallapiccola.

Le acque, di laghi e fiumi, sempre più protagoniste nell’estate, non solo per il piacere di immergersi alla ricerca di refrigerio, ma anche arena degli sport velici al massimo livello, in primis quelle del Garda trentino, dove da marzo a ottobre sono in programma ben 80 eventi organizzati da cinque circoli velici, ma anche Ledro, Caldonazzo, i corsi d’acqua del Noce e del Vanoi saranno al centro di importanti appuntamenti di alto contenuto sportivo e di indubbio richiamo turistico.

Pubblicità
Pubblicità

I principali eventi sportivi sono stati presentati ieri a Trentino Marketing, alla presenza dei Presidenti dei Circoli velici organizzatori, dei rappresentanti degli ambiti turistici interessati e dell’assessore provinciale al turismo Michele Dallapiccola.

«I nostri dati – ha ricordato Maurizio Rossini amministratore unico di Trentino Marketing – ci dicono che il 40 per cento delle presenze estive in Trentino fanno riferimento al prodotto lago. Alcune destinazioni hanno creato, grazie alle condizioni ambientali favorevoli, un prodotto specifico che oggi ha un forte richiamo internazionale, parliamo naturalmente del Lago di Garda. Presentiamo però anche eventi sui laghi di Ledro, Levico, sui fiumi Noce e Vanoi, a dimostrazione che anche altri territori hanno raccolto questa sfida, in gradi di favorire la destagionalizzazione nella prima e ultima parte.»

L’assessore provinciale al turismo Michele Dallapiccola ha da parte sua ricordato come «l’acqua è un presenza diffusa sul nostro territorio e offre tante opportunità come nel caso del Garda Trentino, dove la tradizione ha perfettamente recepito i contenuti sottesi nello slogan “Italian side of the Alps”, aggiungendo ai servizi, alle possibilità di sport, agli eventi e al buon cibo, anche il sorriso dei nostri operatori che non deve mancare mai».

Tra gli eventi sulle acque del Garda spiccano in particolare la tappa del circuito Techno 293, in programma dal 7 all’8 maggio e organizzata dalla sezione di Riva del Garda della Lega Navale Italiana, si tratta di una tavola monotipo molto diffusa particolarmente adatta ai più giovani.

Pubblicità
Pubblicità

Si passa poi a giugno, nel weekend dal 10 al 12, con la regata Nazionale Laser, la deriva olimpica più diffusa al mondo, per la quale sono attesi oltre 300 partecipanti data la natura open dell’evento organizzato dal Circolo Vela Arco.

Il Campionato europeo e il successivo Campionato mondiale della Classe Europa organizzato dal Circolo Vela Torbole dal 3 al 14 luglio è solo uno dei quattro mondiali e quattro europei che il prestigioso circolo velico organizzerà nel 2016 e probabilmente nessun club in Europa ha mai organizzato tante competizioni di così alto livello in una sola stagione.

Sempre a luglio, dal 7 al 10, scenderanno in acqua i prestigiosi monotipo particolarmente performanti della Classe Melges 32 per il Campionato Europeo organizzato dalla Fraglia della Vela di Riva del Garda.

Si chiude infine con il Torbole 293 North Lake Garda Trentino World Championship organizzato dal 23 al 30 ottobre dal Circolo Surf Torbole, per il quale sono attesi circa 500 atleti.

Non saranno però solo le acque gardesane ad accogliere eventi di prestigio nel corso dell’estate: dal 20 al 22 maggio il torrente Vanoi ospita la Vanoi Rapid Race, tre giorni dedicati alla canoa e al kayak sulle acque di uno dei corsi più naturali, in cui si alterneranno prove e gare riservate ai canoisti esperti ma anche un raduno che coinvolgerà tutti gli amanti dello sport della canoa.

Sul Lago di Ledro, invece, dal 30 giugno al 3 luglio sono in programma le gare dell’International Ledro GR2 Match Race. Organizzate dall’Associazione Vela Lago di Ledro è l’evento di punta del match race italiano al quale partecipano velisti di Coppa America e reduci da regate transoceaniche.

La Val di Sole invece ospiterà sul tratto del fiume Noce nei pressi di Caldes, dal 9 al 10 luglio, i Campionati italiani di Canoa discesa Sprint organizzati dal locale Canoa Club.

Ultimo appuntamento di rilievo quello sul Lago di Caldonazzo dal 2 al 4 settembre organizzato dal Circolo Nautico di Caldonazzo. Si tratta del 9° Trofeo Canoagiovani e del Meeting delle Regioni, due tra i più importanti eventi del calendario nazionale giovanile e per i quali sono attesi 900 ragazzi dai 9 ai 14 anni di 80 società da tutta Italia.

Pubblicità
Pubblicità

Trento

Tenta il furto all’Eurospesa di via Torre Vanga, ma i dipendenti reagiscono. Il Video della cattura

Pubblicato

-

Parapiglia verso le 18.30 all‘Eurospesa di via Torre Vanga (ex Tovazzi).

Uno straniero sui 40 anni è entrato nel supermercato per fare la spesa ma sotto il suo giaccone ha nascosto delle bottiglie di grappa Marzadro, oculatamente scelta fra le più costose presenti sugli scaffali.

Il cassiere, grazie alla telecamera interna si è accorto subito del movimento sospetto dell’uomo.

PubblicitàPubblicità

Arrivato alla cassa è stato intimato allo straniero di pagare anche la merce che aveva nascosto sotto il giaccone ma la sua reazione è stato violenta.

Il dipendente dell’ex Tovazzi è stato infatti aggredito e si è trovato due dita dello straniero negli occhi. 

A questo punto l’uomo non ha mollato il bottino e  ha tentato la fuga, ma sulla sua strada si è trovato altri due dipendenti che gli hanno sbarrato la strada.

Per nulla impaurito ha tentato di aggredirli continuando la fuga. L’uomo è stato poi bloccato poco fuori dall’uscita con l’aiuto di un terzo dipendente. Allertati subito, sono arrivate le forze dell’ordine che lo hanno caricato in macchine e portato in caserma. Per il ladro di grappa questa volta non è finita come sperava.

Pubblicità
Pubblicità
Pubblicità
Pubblicità
Continua a leggere

Trento

Trento: nel 2018 aumenta il consumo di acqua e gas metano

Pubblicato

-

I dati dell’annuario presentato ieri dal comune di Trento evidenzia nel 2018 un aumento sia dei consumi di acqua sia di quelli di gas metano.

Questi dati subiscono fluttuazioni in relazione alle precipitazioni ed al clima.

Nel corso del 2018 sono stati utilizzati 10.653.257 m 3 di acqua (+2,8% rispetto al 2017), impiegata, per un 60,9%, per uso civile domestico.

Pubblicità
Pubblicità

Il consumo annuo domestico procapite è pari a 54,9 m 3. Con riferimento al gas metano, si evidenzia un consumo pari a 110.087.454 m 3 (+2,3% rispetto all’anno precedente), di cui l’82,9% è usato per riscaldamento, cottura cibi e produzione di acqua calda sanitaria.

Il consumo domestico procapite di gas metano è pari a 772,5 m 3. Nel 2018 si registra un aumento del quantitativo complessivo di rifiuti raccolti nel territorio comunale, che raggiungono quota 54.956,7 tonnellate (+4,3% rispetto al 2017). I rifiuti indifferenziati prodotti sono leggermente aumentati rispetto al 2017 (+6,5%), arrivando a superare di poco le 10.300 tonnellate.

Raffrontando il dato con quello del 2010, si registra un calo pari al 55,6% (dalle 23.223,4 t del 2010 al dato attuale del 2018). La consistenza dei rifiuti differenziati si mantiene in costante aumento (+ 22,0% nel periodo 2010-2018); nel corso del 2018 tale consistenza è leggermente aumentata rispetto all’anno precedente (+3,8%).

La percentuale di raccolta differenziata per il 2018 corrisponde all’80,8% dei rifiuti totali. Il dato è leggermente più elevato di quello provinciale, che vede, nel 2018, una percentuale di raccolta differenziata pari a 73,4%.

Pubblicità
Pubblicità

Nel 2018 si registra una lieve crescita del totale di rifiuti pro-capite (465,2 kg/abitante, +3,9% rispetto all’anno precedente) e si rileva un contestuale aumento del quantitativo di rifiuti
indifferenziati per abitante (87,2 kg/abitante a fronte degli 82,2 del 2017).

Il totale di utenze servite (domestiche e non domestiche) è di 67.142 (di cui 60.445 domestiche). Il numero di utenze servite dal porta a porta aumenta costantemente: nel 2007,
anno di introduzione sperimentale del porta a porta, le utenze di questa modalità erano il 14,5% del totale, mentre nel 2018 la percentuale è pari al 99,1%.

Le piste ciclabili presenti sul territorio del Comune di Trento (comunali e provinciali) a fine 2018 sono lunghe 65,5 chilometri, in costante aumento nel corso degli anni.

Dall’esame dei dati relativi alla qualità dell’aria, si evidenzia come il numero di superamenti del limite della media giornaliera delle polveri sottili (PM 10 ) abbiano un andamento non costante, in quanto risentono delle condizioni climatiche (in modo particolare della piovosità): nel 2016 il numero di superamenti, pari a 19, è aumentato nel 2017 (31 superamenti) per poi passare a 9 nel 2018.

Pubblicità
Pubblicità

Continua a leggere

Trento

Ponte sull’Adige: le foto della situazione

Pubblicato

-

Foto di Enzo Anesi

Il tema è di stretta attualità e riguarda i ponti e i viadotti che negli ultimi tempi destano non poche preoccupazione nel nostro paese.

Anche  a Trento si sono presentate delle problematiche in tal senso.

Il giorno 2 dicembre 2019 il nostro giornale pubblicava un video  dove si vedeva staccarsi un pezzo di cavalcavia sulla tangenziale prima di Ravina finito fra l’erba del lungo Adige.

Pubblicità
Pubblicità

Si trattava del ponte dell’Adige sulla tangenziale che attraversa la zona sud di via san Severino.  

La struttura, come si vede, è piuttosto usurata in più punti dove sono visibili anche i tubi di ferro messi dentro il calcestruzzo. Ieri un nostro lettore è passato sotto il ponte per fare un passeggiata e si è accorto che le cose sono peggiorate ancora. Non si tratta del rivestimento caduto che non pare pericoloso ma, come si vede nelle foto, il problema sarebbe nella parte esterna (vedi foto) dove si sono schiacciati il portante e il dado di supporto. Nei giorni scorsi i tecnici della provincia di Trento hanno effettuato un controllo sul posto da cui non erano emersi particolari problemi. 

Pubblicità
Pubblicità
Pubblicità
Pubblicità
Continua a leggere
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • PubblicitàPubblicità

Archivi

  • Pubblicità
    Pubblicità

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Categorie

di tendenza