Connect with us
Pubblicità

Musica

Ritmi latini a Pergine: intervista a Mauro Borgogno della Santana Tribù

In attesa della serata evento del 7 aprile al Teatro di Pergine, dedicata al celebre chitarrista messicano Carlos Santana, messa in piedi dall’instancabile Mauro Borgogno, leader degli storici Rising Power e promotore di diverse iniziative musicali, incontro il chitarrista perginese per farmi raccontare qualcosa su questo progetto.

Pubblicato

-

In attesa della serata evento del 7 aprile al Teatro di Pergine, dedicata al celebre chitarrista messicano Carlos Santana, messa in piedi dall’instancabile Mauro Borgogno, leader degli storici Rising Power e promotore di diverse iniziative musicali, incontro il chitarrista perginese per farmi raccontare qualcosa su questo progetto.

Santana Tribù”: così si chiama il gruppone di musicisti, ben nove, richiamati a riprodurre il caratteristico sound latino-jazzistico dell’artista woodstockiano, entrato nell’Olimpo dei chitarristi con la sua eterna, e a dir la verità negli ultimi anni un po’ decadente, carriera. Tutti accomunati dalla passione per il mistico Santana, per i suoi ritmi trascinanti e le sue melodie esaltanti.

La band è così composta dallo stesso Mauro Borgogno (chitarra, voce), da alcuni musicisti già impegnati con lui nei diversi progetti a cui ha dato luce (Rising Power, Medieval Gypsies), la figlia Catia (voce), Luca Ruffini (tastiere, voce), Gianni Stelzer (batteria), e da altri, alcuni giunti apposta da fuori regione: Luca Marchi (basso), Ivo Cestari (congas e percussioni), Andrea Abbasciano (timbales e percussioni), Angelo Giordano (voce, chitarra e percussioni) e Jesu Abskare Av Rakor (percussioni).

PubblicitàPubblicità

Allora, Mauro, com’è nato questo progetto e perché la scelta di una tribute band di Santana?

“Il progetto è nato dalla voglia di cambiare e da una sorta di evoluzione dei Rising Power. Da tempo nutrivo il desiderio di dar vita ad una tribute band di Carlos Santana, era un’idea che avevo già in mente da qualche anno e che ho avuto finalmente modo di mettere in pratica. Il genere è molto interessante, è un insieme di generi. Tutti i membri della “Tribù” sono conoscitori dello stile. Abbiamo poi deciso di approfondire il vissuto del musicista messicano, per studiarne le varie influenze”

Puoi dirmi qualcosa sui tuoi compagni d’avventura?

“Alcuni suonavano già con me in altri progetti,e costituiscono il nucleo diciamo, gli altri si sono aggiunti quasi casualmente. Pensavo di faticare nel trovarli ma in realtà, essendo anch’essi cultori di Santana, la cosa si è rivelata più facile del previsto. Cercavo gente nella giusta mentalità e l’ho trovata, anche perché alcuni di loro si sono proposti pieni d’entusiasmo”

Pubblicità
Pubblicità

Si dice che vi saranno anche degli special guests, vero?

“Sì, specie nella parte ritmica. La musica latina ha ritmi difficili, che noi non abbiamo interiorizzati. È una questione di cultura, la famosa “ritmica nel sangue””

Quella di Santana è una carriera molto lunga, voi da che parte del repertorio pescate?

“Suoniamo sia i pezzi più conosciuti, da “Soul sacrifice” a “Samba pa ti”, da “Oye como va” a “Europa”, e così via, in quanto necessari per una ricerca sullo stile e hits conosciute da tutti. Accanto ad essi abbiamo cercato brani meno conosciuti ma altrettanto validi, facendo una scelta tecnica dal punto di vista musicale e  con la volontà di farli conoscere. Così peschiamo da tutti i dischi, tranne dall’ultimo, anch’esso di cover, per evitare di dover fare cover delle cover”

Essendo la vostra una tribute band, prediligete cercare di dare una vostra interpretazione personale dei pezzi di Santana, o ricercate la maggiore fedeltà possibile?

“Io ho sempre creduto che sia più difficile fare le cover che dar vita a pezzi propri. Così infatti ti metti a confronto con i grandi musicisti ed entri nel loro carattere, nella loro mentalità. Da sei mesi a questa parte continuo a sentire Santana, fino a stufarmene, ma mi serve per immedesimarmi. In alcuni casi quindi cerchiamo, laddove è la chitarra a dettare la linea melodica, di essere il più fedeli possibile all’originale, poi, invece, ci sono momenti, quelli delle improvvisazioni, in cui ci siamo lasciati liberi. Per riprodurre il meglio possibile il sound, utilizzo, ad esempio, le chitarre di Santana, una PRS Custom e una Gibson Les Paul con distorsore valvolare”

Quella di Pergine sarà la vostra prima data. Ne avete altre in calendario?

“Siamo in trattativa per altre date, probabilmente suoneremo alle Feste Vigiliane. In questa data comunque saremo registrati. Insieme al concerto, peraltro, ci saranno sul fondale proiezioni tribali e immagini stilizzate di Santana, opera di due nostri musicisti, Giordano e Cestari, che sono anche dei grafici. Non solo musica quindi…”

Pubblicità
Pubblicità
Continua a leggere
Click to comment

You must be logged in to post a comment Login

Leave a Reply

Musica

L’Orchestra Haydn in versione itinerante per le feste Natalizie

Pubblicato

-

L’Orchestra Haydn di Bolzano e Trento – direttore e trombettista Marco Pierobon – per le feste natalizie sarà in versione itinerante.

Sei i concerti previsti con quello del debutto al Teatro Comunale di Vipiteno alle 20,30 di lunedì 9 dicembre.

Il 10 l’Orchestra Haydn sarà di scena a Tione e mercoledì 11 a Cles.

Pubblicità
Pubblicità

Il 12 dicembre sarà la volta del Casinò Municipale di Arco ed il 19 ci sarà l’ultima tappa altoatesina: a Bolzano all’Auditorium. Il ciclo di concerti si concluderà venerdì 20 dicembre al Teatro Sociale di Trento.

I brani musicali saranno tutti a carattere natalizio e spazieranno dallo Schiaccianoci a Tu scendi dalle stelle e a Mery Little Christmas. Per i concerti di Bolzano, Vipiteno, Cles, Tione e Arco, info e ticket allo 0471-053800, solo per quello del Teatro Sociale a Trento: 0461-213834.

Pubblicità
Pubblicità

Continua a leggere

Musica

Chiesa di santa Maria Maggiore piena per Antonella Ruggiero

Pubblicato

-

Ieri pomeriggio, alle 17.00, nella storica basilica conciliare di Santa Maria Maggiore di Trento, la celeberrima cantante genovese Antonella Ruggiero, ex vocalist dei Matia Bazar, accompagnata all’organo dal maestro torinese Fausto Caporali, ha tenuto un concerto di musica sacra della durata di quasi un’ora.

La suadente voce della Ruggiero e le calde note dell’organo si sono diffuse nell’aria della Chiesa ed hanno estasiato il pubblico che occupava tutti i posti disponibili.

Il tema è quello sacro, incentrato particolarmente sulla figura di Maria, e i canti sono una forma elevata di preghiera.

Pubblicità
Pubblicità

La Ruggiero ha cantato diverse Ave Maria, quella di Schubert e quella di Gounod, la canzone profana Ave Maria di Fabrizio De Andrè, Panis Angelicus ed altri noti brani di musica sacra.

Il sodalizio artistico con il maestro Fausto Caporali va avanti da alcuni anni e li ha portati a suonare e cantare insieme in molte chiese e cattedrali italiane.

La cantante di Vacanze romane ha una voce caratterizzata da una elevata estensione vocale che le ha permesso di interpretare diversi generi musicali dal pop alla lirica.

Alla fine del concerto, Antonella si è gentilmente fermata nella sacrestia per salutare qualche fan e firmare alcune dediche ed autografi.

Pubblicità
Pubblicità

L’appuntamento di ieri è stato il primo di una serie di eventi che proseguiranno nelle prossime settimane in seno alla rassegna “I suoni dei concerti natalizi nelle chiese di Quartiere”.

Pubblicità
Pubblicità
Continua a leggere

Musica

Suoni di quartiere al via con Antonella Ruggiero

Pubblicato

-

Per portare la bellezza a chi è in centro, ma si sente in periferia e a chi è in periferia e vorrebbe trovarsi in centro, nelle prossime domeniche il cartellone di Trento, città del Natale propone una serie di concerti, cinque appuntamenti di grande spessore ad ingresso libero fino ad esaurimento posti, con un’attenzione particolare al contesto sociale, laico e religioso della nostra comunità.

Il primo appuntamento dei Suoni di quartiere è con l’inconfondibile stile di Antonella Ruggiero, che si esibirà in un concerto di voce e organo domenica 1 dicembre alle 17 nella basilica di Santa Maria Maggiore.

Antonella Ruggiero, una delle massime interpreti della musica italiana, presenta il suo progetto “Cattedrali” assieme al Maestro Fausto Caporali, organista residente e professore al Conservatorio di Torino, creando così l’occasione per realizzare un progetto lungamente accarezzato: un concerto e il conseguente concept album “Cattedrali” dedicati al virtuoso intreccio emotivo di organo e voce umana.

Pubblicità
Pubblicità

Grandi interpreti protagonisti della musica natalizia nei quartieri di Trento.

Appuntamenti di grande spessore, con un’attenzione particolare al contesto sociale, laico e religioso della nostra comunità, che saranno introdotti da un’illustrazione storico-artistica del luogo a cura dei volontari FAI.

Prossimi appuntamenti:

  • domenica 8 dicembre ore 18.00 Gruppo vocale Feininger & Gavino Murgia (Chiesa di San Marco, via San Marco)
  • domenica 15 dicembre ore 18.00 The new Followers of Christ Gospel Messengers (Chiesa San Pio X a Canova di Gardolo)
  • domenica 22 dicembre ore 18.00 Radio Dervish (Chiesa di San Martino, via Malvasia)
  • domenica 29 dicembre ore 18.00 Solis String Quartet (Chiesa del Sacro Cuore, Viale Verona)

Pubblicità
Pubblicità

Pubblicità
Pubblicità

Continua a leggere
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • PubblicitàPubblicità

Archivi

  • Pubblicità
    Pubblicità

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Categorie

di tendenza