Connect with us
Pubblicità

Italia ed estero

Attentato kamikaze in uno stadio: in Iraq è solo l’ennesima strage per mano dell’ISIS

Solo qualche giorno fa, quando l’Europa cristiana si preparava a vivere la Pasqua con il cuore ancora pesante per le stragi di Bruxelles, in Iraq l’ennesimo episodio della brutalità del terrorismo islamico si compiva in una cittadina a Sud di Baghdad.

Pubblicato

-

Solo qualche giorno fa, quando l’Europa cristiana si preparava a vivere la Pasqua con il cuore ancora pesante per le stragi di Bruxelles, in Iraq l’ennesimo episodio della brutalità del terrorismo islamico si compiva in una cittadina a Sud di Baghdad.

Al termine di una partita di calcio, durante la premiazione finale, in uno dei parchi della città di Iskandariyah, a circa 40 Km dalla capitale, lo scorso 26 Marzo un militante dello Stato islamico si è fatto esplodere in mezzo alla folla prima che questa riuscisse a disperdersi dopo la fine dell’incontro sportivo.

Il macabro bilancio reso noto ore e ore più tardi, è stato quello di circa 40 morti, tra cui il sindaco della città, e oltre 70 feriti, molti dei quali ancora in gravi condizioni. Questi dati non sono ovviamente certi e le notizie dall’Iraq arrivano tuttora molto frammentate.

Pubblicità
Pubblicità

L’attentatore si sarebbe fatto esplodere proprio nel bel mezzo del campo da gioco appena dopo la fine della partita di calcio a cui assistevano centinaia di spettatori e tra essi tantissimi ragazzi e bambini in uno dei pochi momenti sereni di un Paese dilaniato dalla guerra civile. Sembra infatti che almeno 17 delle vittime dell’attentato fossero ragazzi con età compresa tra i 10 e i 16 anni.

Lo Stato islamico avrebbe poi, nelle ore successive, rivendicato l’attacco attraverso l’agenzia di stampa Amaq News, già nota per i suoi legami con l’ISIS e ormai totalmente controllata dall’organizzazione.

Nel loro messaggio di rivendicazione, i militanti dello Stato islamico hanno affermato chiaramente di aver preso di mira i miliziani shiiti che continuano ad ostacolare la loro avanzata e a tentare di impedire che l’ISIS guadagni il controllo di altre porzioni di territorio iracheno.

Pubblicità
Pubblicità

Da Washington è arrivata la condanna dell’attentato suicida e il rinnovo dell’impegno statunitense a garantire l’unità irachena. Dal Segretario Generale delle Nazioni Unite sono state invece presentate le più sentite condoglianze alle famiglie delle vittime. “La comunità internazionale è vicina agli iracheni” ha detto Ban Ki-Moon.

E con queste parole il cordoglio occidentale per l’ennesima strage consumata in Iraq per mano dello Stato islamico, è andato esaurendosi senza trovare alcuna cassa di risonanza tra i media europei.

Questo perché gli attentati in Medio Oriente non fanno più notizia. Siamo ormai abituati alla morte se questa colpisce quelle regioni del mondo lacerate ormai da anni e anni dallo stesso problema.

Lo Stato islamico, sebbene abbia trovato soltanto negli ultimi anni un modo funesto per farsi conoscere nel mondo, non è un protagonista nuovo nel panorama mediorientale. Con l’ISIS il terrorismo ha soltanto assunto un diverso nome estremizzando ancora di più le forme con le quali si manifesta alla comunità internazionale.

Dietro lo spauracchio della religione e dello scontro di civiltà, come Huntington qualche anno fa già preannunciava, si nascondono motivazioni molto più prosaiche di quanto si voglia ammettere ma tutti in fondo sappiamo che niente ha mai fatto girare tanto l’economia quanto la guerra.

Una guerra che in un modo o nell’altro noi occidentali abbiamo contribuito a scatenare prima, e ad alimentare poi costringendo interi Paesi ad una guerra civile dilaniante senza sosta e senza scampo che immancabilmente è arrivata a bussare alle nostre porte nella peggior forma possibile chiedendoci il conto.

Pubblicità
Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

  • Verso la YOLO Economy, rischiare per cambiare lavoro: i motivi e i settori emergenti
    Il mondo cambia in fretta, a volte più velocemente di quanto previsto. In questo senso l’arrivo del Covid ha straordinariamente accelerato tutti i processi: da quelli economici, ai naturali fino a quelli lavorativi. Il lavoro... The post Verso la YOLO Economy, rischiare per cambiare lavoro: i motivi e i settori emergenti appeared first on Benessere […]
  • Il ritorno alla terra: ISMEA, un bando per agevolare i giovani imprenditori agricoli
    Negli ultimi anni gli imprenditori agricoli under 35 sono aumentati del 12%. Per facilitare questa transizione verso la terra esistono possibilità come ISMEA che permette di aiutare, anche economicamente i giovani che scelgono questa strada.... The post Il ritorno alla terra: ISMEA, un bando per agevolare i giovani imprenditori agricoli appeared first on Benessere Economico.
  • Addio alle buste delle bollette: un trucco per risparmiare
    La svolta crescente dell’online parla anche di risparmio e sostenibilità ecco perché le bollette cartacee sono ormai superate. L’arrivo del digitale ha convertito molti utenti ad entrare nel circuito delle bollette online, pagabili su rete... The post Addio alle buste delle bollette: un trucco per risparmiare appeared first on Benessere Economico.
  • Lotta all’evasione: arrivano gli “agenti 007” del fisco
    L’Agenzia delle Entrate rinforza l’organico e assume due mila “ agenti segreti” per potenziare la lotta all’evasione. Con i fondi del Recovery Fund arriveranno anche nuove assunzioni mirate proprio a rinforzare il campo della lotta... The post Lotta all’evasione: arrivano gli “agenti 007” del fisco appeared first on Benessere Economico.
  • Rivoluzione demografica, la tendenza si sposta verso la Silver Economy
    Negli ultimi decenni la struttura demografica e sociale dell’Europa e del mondo è cambiata in profondità e questa dinamica continuerà a prestare i suoi effetti anche in futuro. Per questo motivo, le istituzioni comunitarie devono... The post Rivoluzione demografica, la tendenza si sposta verso la Silver Economy appeared first on Benessere Economico.
  • Cambiamento climatico come opportunità di investimento: i settori più richiesti nei prossimi anni
    Con le esigenze dei Paesi costretti ad evolversi per adattarsi ai tempi e al mondo che si trasforma, il cambiamento climatico diventa un’opportunità di investimento a lungo termine. Un occasione per tutti di cogliere questo... The post Cambiamento climatico come opportunità di investimento: i settori più richiesti nei prossimi anni appeared first on Benessere Economico.
  • Un ponte sottomarino galleggiante: l’incredibile scommessa della Norvegia
    Un tunnel che galleggia a mezz’acqua nel mezzo di un fiordo, con macchine che sfrecciano su entrambe le direzioni e poco sotto un abisso blu profondo oltre mille metri. Si tratta della scommessa della Norvegia, un progetto avveniristico essenziale per superare il principale problema di trasporto nel Paese. Lo studio realizzato da un team di […]
  • E’ consigliabile scegliere letture rilassanti, leggere brutte notizie fa male
    Leggere cattive notizie fa male. L’espressione che descrive la tendenza di continuare a guardare e navigare ossessivamente tra le notizie cattive anche se risultano tristi scoraggianti o deprimenti è stata rinominata dall’inglesismo: Doomscrolling. Il termine è composto da due parole: “doom” che riporta a tutto ciò che è catastrofico e, “ scrolling” si riferisce al […]
  • Le foreste rinascono dai fondi del caffè
    Troppe volte siamo stati abituati a gettare cose che, a differenza dall’aspetto, possono essere davvero utili per le persone, la natura e la vita. Così come risveglia milioni di persone in tutto il mondo, esattamente lo stesso può fare con le foreste: Il caffè o meglio il suo scarto può infatti essere davvero utile per […]
  • Vigilius Mountain Resort, dove purificarsi dallo stress della vita quotidiana
    Niente automobili, nessun rumore, niente stress. Solo natura e pace. Non ci sono strade che portano al Monte San Vigilio, si arriva solo dopo una breve salita in funivia. Qui l’aria sa di larice e di libertà. L’hotel a 5 stelle vigilius mountain resort si accoccola nella natura, diviene tutt’uno con essa, così semplice e […]

Categorie

di tendenza