Connect with us
Pubblicità

Trento

Formazione professionale, Degasperi: «dopo ennesimo scandalo tutto torni in mano pubblica»

Secondo Filippo Degasperi per una volta anche il premier Renzi dimostra di aver avuto ragione, quando nella mozione congressuale del dicembre 2013 definiva la formazione professionale un buco nero che risolve “più i bisogni dei formatori che di chi cerca lavoro”. 

Pubblicato

-

Secondo Filippo Degasperi per una volta anche il premier Renzi dimostra di aver avuto ragione, quando nella mozione congressuale del dicembre 2013 definiva la formazione professionale un buco nero che risolve “più i bisogni dei formatori che di chi cerca lavoro”. 

Oggi in Trentino abbiamo la prova della fondatezza delle affermazioni di Renzi. Un'azione brillantemente condotta dalla Guardia di Finanza ha infatti smascherato un presunto sistema di frode con cui, secondo gli inquirenti, venivano indebitamente incassate somme del Fondo sociale europeo e della Provincia, destinate a interventi di formazione per lavoratori. (qui l'articolo)

«Come M5S del Trentino abbiamo sempre messo in guardia contro i rischi insiti in questo tipo di sistema e sostenuto che gli interventi di formazione debbano essere affidati unicamente all'Agenzia del Lavoro: è l’unico modo per eliminare tutti i passaggi intermedi che fanno sì che tutti ci guadagnino, tranne i diretti e reali interessati. Il caso Whirpool è forse l’esempio più eclatante di questo sistema fatto apposta per fagocitare denaro. Quasi 2 milioni di euro di fondi europei finiti in non meglio chiariti «corsi di riqualificazione», su cui ero intervenuto anche recentemente in Consiglio provinciale con una domanda di attualità.

PubblicitàPubblicità

Oggi abbiamo avuto la prova tangibile che non solo il problema era ed è reale, – afferma ancora Degasperi –  ma anche che i tanto sbandierati controlli della Provincia, se effettivamente condotti, si sono rivelati del tutto inadeguati. Il problema ora va affrontato senza esitazione, visto il fiume di denaro pubblico che in esso si riversa».

Pubblicità
Pubblicità

Trento

Attacco alla Voce, solidarietà dal M5S Alto Adige. Nicolini: “Dai quotidiani Cierre vero giornalismo d’inchiesta”

Pubblicato

-

Il messaggio di solidarietà alle redazioni de La Voce del Trentino e de La Voce di Bolzano per l’attacco violento dei vandali ai danni della redazione trentina dei quotidiani e le minacce continue all’indirizzo di direttore ed editore è arrivato oggi anche dai rappresentanti del MoVimento 5 Stelle Alto Adige/Suedtirol.

Piena solidarietà all’intera redazione del quotidiano online LaVocediBolzano.it/ LaVocedeltrentino.it ed alla sua direttrice Elisabetta Cardinali – afferma il MoVimento 5 Stelle locale in relazione al danneggiamento delle vetrate della sede del quotidiano – . Il giornalismo d’inchiesta, svolto con lo scopo di svelare le malefatte ed i veri intenti dietro gli slogan di facciata, è stato il lavoro svolto da Elisabetta e da tutte le giornaliste ed i giornalisti che collaborano con la testata“.

Siamo, forse, fin troppo abituati ad un giornalismo al servizio delle maggioranze politiche di turno ed abbiamo dimenticato l’essenza del giornalismo volto a sfidare le lobby al servizio della libera informazione. Il modo di raccontare i fatti e le notizie sulla “Voce di Bolzano” ha più volte permesso che emergessero affari poco trasparenti, pensiamo da ultimo al reportage con le crepe all’interno del S. Maurizio“.

Pubblicità
Pubblicità

Un’informazione di tal tipo è al servizio della collettività: se la vicenda connessa alla legge Ad Personam, fatta emergere dal MoVimento, oppure se la vera natura della maggioranza, volta a creare, ancora una volta, una divisione etnica in Alto Adige (realizzatasi attraverso il sostegno ad un emendamento di SF che ha permesso la cancellazione del toponimo Alto Adige), fosse emerso durante un’intervista o durante un’attività d’inchiesta, si sarebbe creata una migliore informazione e le minoranze politiche della nostra Provincia avrebbero potuto occuparsi di numerose proposte volte a migliorare realmente la vita delle cittadine e dei cittadini del nostro Alto Adige/Südtirol“.

Conclude il consigliere provinciale e regionale del MoVimento Diego Nicolini: “Ci affidiamo totalmente alle autorità competenti per la prova dei fatti e l’individuazione dei colpevoli di questo vile atto intimidatorio“.

Pubblicità
Pubblicità

Continua a leggere

Trento

Comune di Trento: martedì 29 ottobre all’asta biciclette e oggetti smarriti

Pubblicato

-

Martedì 29 ottobre alle 14 presso la tensostruttura di via Conci a Villazzano Tre è in programma la gara informale con il metodo del pubblico banditore a favore del migliore offerente, alla vendita di biciclette ed altri beni mobili depositati in qualità di oggetti rinvenuti e mai reclamati dal legittimo proprietario divenuti quindi di proprietà comunale.

I beni in vendita, il cui elenco completo è pubblicato sul sito del Comune, saranno visionabili il giorno della gara dalle 11 alle 13.45.

Le biciclette e gli altri oggetti verranno venduti con la clausola del “visto e piaciuto”, nello stato di fatto e di diritto in cui si trovano.

Pubblicità
Pubblicità

Il prezzo base di ciascun lotto è specificato nell’elenco di cui sopra. Le offerte in aumento sul prezzo base non potranno essere inferiori a 5 euro per i lotti relativi alle biciclette e a 1 euro per gli altri lotti.

Alla gara informale possono partecipare solo maggiorenni muniti di documento di riconoscimento e codice fiscale. Ciascun acquirente potrà aggiudicarsi al massimo cinque lotti.

Per informazioni è possibile contattare il servizio Beni comuni e gestione acquisti – ufficio Economato ( Giovanni Sartori n. tel. 0461/884335).

Pubblicità
Pubblicità
Pubblicità
Pubblicità

Continua a leggere

Trento

Controlli mezzi di trasporto: contestate infrazioni per 5.598,80 euro

Pubblicato

-

Giovedì scorso si sono svolti presso i capannoni della Trentino Trasporti in via Innsbruck – i controlli nell’ambito del trasporto nazionale e internazionale di merci su gomma condotti dal Nucleo Autotrasporto della Polizia Locale di Trento unitamente a personale del Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti.

Nove i veicoli controllati per un totale di dodici sanzioni.

Un’attività della polizia locale con la duplice finalità di migliorare la sicurezza in ambito stradale nell’ambito delle principali arterie del capoluogo e di reprimere la concorrenza sleale di quei vettori che, non rispettando le regole, finiscono con anteporsi agli autotrasportatori in regola della nostra provincia.

PubblicitàPubblicità

Durante i controlli sono stati impegnati 3 ingegneri della Direzione Compartimentale Nord Est del Ministero delle Infrastrutture e Trasporti con qualifica di polizia stradale, 1 coordinatore di Polizia Locale, 4 operatori di Polizia Locale e in affiancamento il comandante della Polizia Locale di Fassa e 3 agenti della stessa.

12 le infrazioni contestate ai nove veicoli controllati per un totale di 5.598,80 euro.

7 sanzioni per dispositivi alterati o non funzionanti, una per emulatore ad blue, 2  per la circolazione con tachigrafo alterato perché oggetto di interventi tendenti a falsarne le registrazioni, uno per trasporto internazionale di merci con prove documentali non conformi.

Sono state ritirate 2 patenti, 2 carte di circolazione. Una di queste è stata sospesa per motivi di sicurezza

Pubblicità
Pubblicità

Pubblicità
Pubblicità

Continua a leggere
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

  • Pubblicità
    Pubblicità

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Categorie

di tendenza