Connect with us
Pubblicità

Il Punto da Bruxelles

Emergenza immigrazione, l’accordo con la Turchia è solo una parte della soluzione

La soluzione alla crisi dei migranti è ancora lontana. L’accordo siglato ieri a Bruxelles tra Unione europea e Turchia è un passo obbligato per alleviare la situazione in Grecia, ormai al collasso, ma non scioglie i nodi che hanno spinto gli Stati membri a chiudersi su sé stessi e a mettere in discussione la libertà di circolazione nel continente. 

Pubblicato

-

La soluzione alla crisi dei migranti è ancora lontana. L’accordo siglato ieri a Bruxelles tra Unione europea e Turchia è un passo obbligato per alleviare la situazione in Grecia, ormai al collasso, ma non scioglie i nodi che hanno spinto gli Stati membri a chiudersi su sé stessi e a mettere in discussione la libertà di circolazione nel continente.

L’Unione europea non può prescindere dalla collaborazione con la Turchia per la gestione dei flussi migratori. I rifugiati siriani che risiedono attualmente in Turchia sono ben 2,7 milioni, più che in ogni altro Paese. Con l’accordo di ieri, l’Unione europea rinnova il suo impegno a sostenere finanziariamente il governo di Ankara, affinché questo migliori l’accoglienza dei profughi sul proprio territorio. Si tratta di una misura fondamentale per evitare che la miseria spinga famiglie intere ad affidare la propria vita a trafficanti senza scrupoli, con la speranza di raggiungere le coste greche.

I capi di stato e di governo dell’Unione hanno, inoltre, deciso di scoraggiare una volta per tutte il traffico di esseri umani dalla Turchia, introducendo un meccanismo che impone il ritorno in Turchia dei migranti che tenteranno di raggiungere illegalmente le isole greche e il reinsediamento, per ogni siriano che la Turchia riammetterà dalle isole greche, di un altro siriano dalla Turchia all’Unione. È fondamentale che il reinsediamento avvenga nel pieno rispetto del diritto internazionale ed europeo. L’Unione europea ha il dovere di difendere non solo le proprie frontiere, ma anche i propri valori.

Pubblicità
Pubblicità

Proprio per questo, è necessario affrontare in maniera separata la crisi dei migranti e il processo di adesione della Turchia. Se, in cambio del proprio aiuto, la Turchia pretenderà una corsia preferenziale per la liberalizzazione dei visti e l’adesione all’Unione europea, allora la collaborazione si trasformerà in ricatto. Un ricatto che il Parlamento europeo non accetterà mai. Visti e adesione sono materie che ricadono sotto la nostra competenza: voteremo a favore solo se ci saranno tutte le condizioni necessarie. E visto che il presidente turco, Recep Tayyip Erdogan, non fa nemmeno lo sforzo di garantire i diritti fondamentali dell’Unione, l’ingresso del suo Paese in Europa è al momento fuori discussione.

L’accordo con la Turchia porterà i suoi frutti solo se inserito all’interno di una strategia complessiva. A tal proposito, gli Stati membri devono sbrigarsi ad attuare le decisioni prese di comune accordo nei mesi scorsi a Bruxelles, accelerando sui ricollocamenti da Grecia e Italia e sull’istituzione degli hotspot e di una guardia di frontiera e di costiera europea.

Serve un approccio di ampio respiro, che non si fermi alla Turchia, ma che guardi anche a Libano e Giordania, due Paesi altrettanto colpiti dall’esodo dei siriani e non solo. Sì, perché non va dimenticato che da est non arrivano solo i siriani, ma anche iracheni, pachistani e afgani.

 E poi c’è il fronte mediterraneo, dove la situazione promette di diventare incandescente nei prossimi mesi. Il miglioramento delle condizioni climatiche, infatti, ha dato nuovo slancio all’immigrazione clandestina dalle coste libiche. L’Africa è una polveriera pronta ad esplodere: basti pensare che sono ben 3.100 i migranti raccolti negli ultimi tre giorni dalle navi italiane nelle acque internazionali al largo della Libia.

Non c’è bacchetta magica in grado di invertire un flusso migratorio che è ormai epocale. Ora più che mai c’è bisogno di una strategia europea complessiva, che coinvolga autorità europee, nazionali e regionali in uno sforzo condiviso. Senza uno scatto di reni collettivo, il progetto di integrazione europea rischia di affondare nelle acque del Mediterraneo.

Herbert Dorfmann, Europarlamentare eletto nel collegio del Trentino Alto-Adige

Pubblicità
Pubblicità

  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

  • Spotify crea playlist personalizzate per i propri animali domestici: l’obiettivo è alleviare stress e ansia
    A casa durante le pulizie o sotto la doccia, in palestra mentre ci si allena e si fatica, ed in macchina alla radio con i brani preferiti: la musica sembra accompagnare e addolcire da sempre le giornate, diventando spesso colonna sonora di momenti importanti ed indimenticabili della nostra vita. In molti casi, le canzoni a […]
  • “Glamping”: la nuova alternativa glamour e chic al campeggio
    La natura con la sua bellezza ha la straordinaria capacità di avere una forte reazione ed un effetto diretto sulle nostre emozioni invitando ogni anno molti viaggiatori a viverla appieno per migliorare i propri momenti di pausa dalla vita frenetica, attraverso una semplice passeggiata all ombra delle fronde di un bosco o meglio, trascorrendo un’intera […]
  • Profumi funzionali: in arrivo nuove fragranze per diminuire lo stress ed aumentare il benessere
    I ricordi e le emozioni sono unite da un profondo e stretto legame con l‘olfatto che lo rendono come il gusto, uno dei sensi più potenti e straordinari arrivando ad influenzare molte volte anche i nostri comportamenti. L’olfatto è quel senso che non solo riesce a collegare i ricordi, gli attimi e addirittura i sapori […]
  • Svizzera: dal 2020 il tragitto casa – lavoro viene considerato orario d’ufficio
    In metropolitana, in autobus o in treno: tutti i giorni durante il tragitto che da casa porta al lavoro si risponde a numerose telefonate, si inviano e ricevono sollecitazioni, informazioni o delucidazioni sia via mail che attraverso social riguardo gli impegni lavorativi della giornata e della settimana. Dal primo gennaio 2020, in Svizzera, il tragitto […]
  • “Cortex Cast”: il gesso del futuro direttamente dalla stampante 3D
    Il gesso è da sempre stato l’irritante, ingombrante e pesante compagno di molte convalescenze, accompagnando e terrorizzando per settimane milioni di persone in tutto il mondo. Molto presto tutto questo potrebbe diventare soltanto ricordo molto lontano; a rimpiazzare con notevole onore il vecchio gesso sarebbe “Cortex Cast”: un esoscheletro stampato in 3D, composto da nylon […]
  • Formaggella della Solidarietà: il Caseificio Val di Fiemme ed il successo del volontariato d’impresa
    Le aziende hanno diversi sistemi e modi per creare valore, ma soltanto uno riesce a generare opportunità ed importanza contribuendo con successo al benessere del territorio e della società: Il volontariato sociale d’impresa. Il Caseificio della Val di Fiemme è entrato e si è distinto in questo importante mondo, creando e dedicando ad ogni anno […]
  • Affitti troppo alti: Berlino impone con legge un tetto massimo ai prezzi
    In tutta Italia, le cifre da capogiro degli appartamenti in affitto colpiscono direttamente ragazzi, studenti universitari ed intere famiglie che, costretti a scontrarsi con le difficoltà lavorative e la mancanza di un capitale iniziale per acquistare una casa di proprietà, devono a ripiegare sull’appartamento in affitto. Nonostante le cifre improponibili, il profondo cambiamento della società […]
  • Bhutan: l’incredibile fascino del Paese più felice del mondo
    Incastonato tra le rocce dell’immensa catena montuosa Himalayana, tra Cina e India, la natura lascia spazio al piccolo ma affascinate Stato monarchico del Bhutan. Nonostante sia uno dei paesi più poveri dell’Asia, qui si registra il tasso di felicità più elevato di tutto il continente e l’ottavo nella classifica mondiale. Infatti, oltre agli incredibili paesaggi, […]
  • Mobili fonoassorbenti per eliminare i rumori da casa e dagli uffici
    Il rumore del traffico esterno, il calpestio proveniente dal piano superiore, la televisione del vicino a volume troppo alto: questi sono solo alcuni dei rumori che possono infastidire l’ambiente domestico. Il mercato offre moltissimi sistemi per ottimizzare, migliorare e molte volte eliminare il problema: dai blocchi di muratura, applicati sopratutto nelle nuove costruzioni, ai feltri […]

Categorie

di tendenza