Connect with us
Pubblicità

Trento

Famiglie in difficoltà: cosa fa il Servizio Attività sociali

Gli interventi di sostegno economico sono erogati a favore dei cittadini residenti nei Comuni rientranti nella gestione associata dei servizi socio assistenziali: Trento, Aldeno, Cimone e Garniga Terme, che compongono il Territorio Val d'Adige.

Pubblicato

-

Gli interventi di sostegno economico sono erogati a favore dei cittadini residenti nei Comuni rientranti nella gestione associata dei servizi socio assistenziali: Trento, Aldeno, Cimone e Garniga Terme, che compongono il Territorio Val d'Adige.

L'intervento di anticipazione dell’assegno di mantenimento è assicurato dal Comune dal 1° settembre 2008, sulla base della normativa provinciale in materia. La domanda può essere presentata dal genitore o dal soggetto affidatario, purché non convivente con il genitore obbligato al mantenimento, a condizione che: sia residente nel Comune di Trentoo comunque nel Territorio Val d'Adige, appartenga al nucleo familiare del minore e la sua condizione economica e patrimoniale, quella del minore destinatario e di eventuali altri figli minori sianoentro il limite di 0,19 dell'indicatore di condizione economica familiare (Icef) stabilito dalla Provincia autonoma di Trento.

Condizioni per l’erogazione anticipata sono l’esistenza di un provvedimento del tribunale che stabilisce l’importo e le modalità di contribuzione al mantenimento da parte del genitore obbligato, l’atto di precetto ritualmente notificato e non ottemperato da parte del genitore inadempiente, la minore età del figlio destinatario dell’assegno.

Pubblicità
Pubblicità

All'atto della concessione, il richiedente rilascia una dichiarazione di surroga, con la quale viene trasferito alla Provincia il diritto di credito nei confronti del genitore obbligato al mantenimento, in misura pari alle somme anticipate al beneficiario, con obbligo di comunicazione al genitore obbligato.

Negli ultimi quattro anni i nuclei familiari che hanno beneficiato di questo sussidio sono quasi raddoppiati: erano 101 nel 2012 ( per 101 minori), 123 nel 2013 (per 170 minori), 158 nel 214 (per 231 minori) e sono stati 176 nel 2015 (per 218 minori).

Analogamente, nello stesso periodo sono aumentate le somme erogate, passando da 316.060 euro nel 2012 a 397.866 euro nel 2013, 502.694 nel 2014 per arrivare alla somma di 581.313 euro nel 2015.

L'importo che il Comune può erogare dipende dall'importo stabilito dal giudice per il mantenimento del figlio o dei figli minori e da un tetto massimo, fissato in base al numero di minori interessati. Per il 2016 l'importo massimo è pari a 316,05 euro per un minore, 496,20 per due, 644,74 per tre fino ad arrivare a 777,48 nel caso di presenza nel nucleo familiare di quattro minori.

L'intervento economico straordinario è una forma di sostegno che risponde a situazioni di emergenza eccezionale. Consiste in un'erogazione monetaria finalizzata a far fronte a una spesa indifferibile che il nucleo non è in grado di sostenere con le proprie risorse e quindi a prevenire e contrastare situazioni di emarginazione.

Pubblicità
Pubblicità

A seguito delle nuove regole stabilite dalla Provincia nel corso del 2013, questo intervento può essere concesso allo stesso nucleo familiare per un massimo di due volte nell'arco di dodici mesi.

Possono presentare domanda di accesso all'intervento straordinario i nuclei familiari residenti nel Territorio Val d'Adige al momento della domanda con un indicatore Icef inferiore allo 0,19. L'erogazione monetaria può essere sostituita con forme alternative di aiuto, come buoni viveri o il pagamento diretto di affitti o di utenze.

Da quando sono stati introdotti i nuovi criteri, di questo intervento hanno beneficiato 335 nuclei familiari nel 2014 e 338 nel 2015.Le somme erogate dal Comune sono state 285 mila euro nel 2014 e 301 mila euro nel 2015.

Il reddito di garanzia sociale è una forma di sostegno economico che consiste in un'erogazione monetaria finalizzata ad integrare una condizione economica del nucleo familiare insufficiente rispetto ai bisogni generali della vita. L'intervento può essere di competenza della Provincia o degli enti locali, nel caso di Trento del Territorio della Val d’Adige.

Hanno diritto di presentare domanda i nuclei familiari che abbiano almeno un componente con residenza di più di tre anni continuativi in un comune della Provincia di Trento e un Icef inferiore allo 0,13, considerando tutti i componenti del nucleo. Un ulteriore requisito di accesso è l'assenza, all'interno del nucleo, di componenti che hanno reso dichiarazioni mendaci sui requisiti di residenza e dell'Icef.

L'intervento di competenza degli enti locali viene richiesto dai nuclei familiari che non hanno i requisiti per l’automatismo, che attiva l'intervento di competenza provinciale, o che hanno usufruito dei rinnovi previsti dall'automatismo e presentano problematiche sociali complesse, ulteriori rispetto a quelle economiche, per le quali è necessaria la predisposizione di un progetto sociale.

Anche in questo caso l'erogazione monetaria può essere sostituita con forme alternative di aiuto, come buoni viveri o il pagamento diretto di affitti. Dal 2015, inoltre, sono stati adottati criteri più oggettivi per individuare i nuclei che presentano problematiche sociali complesse, che si sono tradotti in una maggiore selettività.

Va anche considerato che il beneficio non viene rinnovato automaticamente, ma è sempre subordinato alla valutazione sociale, passaggio necessario in una fase di contrazione di risorse.

Di questo intervento hanno beneficiato 176 cittadini nel 2012, 187 nel 2013, 205 nel 2014 e 156 nel 2015. Le somme erogate dal Comune sono state 452 mila euro nel 2012, 490 mila euro nel 2013, 490 mila euro nel 2014 e 461 mila euro nel 2015.

Esistono altri due interventi che non richiedono una presa in carico da parte del servizio sociale, ma solo la presenza di determinati requisiti. L'assegno per il nucleo familiareviene erogato, per un valore massimo di 1.836,90 euro, a sostegno delle famiglie con almeno tre figli minori in base a parametri ministeriali definiti annualmente e legati all'indicatore della situazione economica equivalente (Isee), il cui valore non deve superare gli 8.555,99 euro annui. Nel 2015 i nuclei beneficiari dell'intervento sono stati 345.

L'assegno di maternità è un sostegno economico di 1.694,45 euro per madri di neonati, che hanno un reddito inferiore al valore Isee di 16.954,95 euro. Nel 2015 sono stati effettuati 149 interventi.

Considerato l'aumento delle richieste di intervento, in occasione dell'approvazione del bilancio il Comune ha deciso di incrementare per il 2016 gli stanziamenti previsti per l'assistenza economica con una ulteriore somma di 100 mila euro.

Pubblicità
Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

  • Pubblicità
    Pubblicità

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

  • Coronavirus: molto richiesti i saturimetri, a qualcuno servono davvero
    Dall’inizio dell’allarme coronavirus la corsa ai principali dispositivi di protezione individuale sembrava inizialmente limitarsi alle mascherine ed ai gel disinfettanti per le mani, diventati poi introvabili sia nelle farmacie che sui portali online, ma ultimamente il fenomeno parrebbe essersi allargato anche a strumenti prettamente sanitari come il saturimetro. Infatti, il particolare dispositivo a pinzetta facilmente […]
  • Coronavirus: L’Italia spegne i motori e i delfini tornano nei porti italiani
    La recente emergenza sanitaria ha reso l’Italia, Paese noto per la sua vivacità e il suo calore una penisola pressoché deserta obbligando negozi, centri commerciali e molte aziende a bloccarsi per intere settimane e costringendo milioni di italiani a guardare l’arrivo della primavera unicamente dalla finestra della propria abitazione. All’ombra di tutto questo, Madre Natura […]
  • Coronavirus: dalla Cina arrivano i caschi termoscanner per la polizia
    Da qualche mese, partendo dalla Cina e allargandosi come una macchia d’olio fino all’Italia, il mondo intero si è trovato improvvisamente a combattere una guerra contro un nemico veloce ed invisibile che non sta risparmiando niente e nessuno, colpendo non solo persone ma l’economia di interi Paesi, costringendo l’unione e l’impegno di tutte le forze […]
  • Coronavirus: 3 fasi per sanificare correttamente casa
    Candeggina, gel disinfettanti, alcol e spray si stanno rivelando i migliori alleati, nonché le armi più utilizzate in questo periodo per riuscire a combattere l’invisibile nemico che da settimane sta costringendo a casa milioni di italiani. Oltre alle ormai note raccomandazione di igiene emanate dal Governo, ai dispositivi di protezione individuale come le introvabili mascherine […]
  • Cascata “rosso sangue” in Antartide, uno spettacolo della natura
    Sono passato 109 anni dal primo avvistamento di questo macabro fenomeno situato nei pressi del lago (ovviamente ghiacciato) di Bonney, in Antartide. Nonostante questa cascata dal colore ramato fosse stata avvistata per la prima volta nel 1911 dal geologo Griffith Taylor durante una spedizione, soltanto qualche anno fa alcuni studiosi sono riusciti a risalire all’origine […]
  • Cenare sotto il mare: “Under” il primo ristorante sott’acqua d’Europa
    Attraversando i quattro angoli del mondo, sono molte sono le eccentricità dal punto di vista architettonico che si incontrano, ma pochi hanno lo stile e l’originalità del primo ristorante subacqueo di Baly, lungo le coste della Norvegia, candidato a diventare uno dei più spettacolari progetti architettonici mai concepiti in fondo al mare. “Under”si presenta come […]
  • Viaggiare rimanendo a casa: dall’arte ai paesaggi, vedere il mondo con i tour virtuali
    La veloce diffusione del Coronavirus in Italia e in Europa ha costretto milioni di persone a casa, obbligandoli ad annullare progetti e piani precedentemente programmati o a posticipare prenotazioni di viaggi a data da destinarsi. Ad oggi, la fine della quarantena sembra un giorno troppo lontano e la voglia di lasciare i confini della propria […]
  • Coronavirus: sanificare le mascherine per riutilizzarle in mancanza di nuove
    Da molti giorni l’Italia sta vivendo l’ormai nota emergenza Coronavirus che, oltre al periodo di quarantena forzata richiede l’utilizzo in caso di spostamenti, di particolari presidi di protezione individuale come il disinfettante per le mani o le tipiche mascherine. Mascherine che, dall’inizio dell’allarme hanno subito un aumento vertiginoso della domanda rendendole non solo introvabili, ma […]
  • Italia: Paese “green” e leader delle rinnovabili
    Troppo spesso, l’Italia è abituata ad occupare gli ultimi posti nelle classifiche europee, alimentando i pregiudizi sul Bel Paese che in alcuni settori, quando vuole, sembra essere incredibilmente ed indubbiamente qualificato. Infatti, secondo il rapporto condotto dall’Istituto Superiore per la Protezione e la Ricerca Ambientale ( ISPRA) seguito poi da un’analisi dell’Agenzia Nazionale per l’Energia, […]

Categorie

di tendenza