Connect with us
Pubblicità

Italia ed estero

Turchia, assalto alla redazione di Zaman: È la fine della democrazia

Il sultano Erdogan mette a tacere il suo più acerrimo nemico e lo fa con un colpo basso che dimostra un disprezzo viscerale per le regole della democrazia.

Pubblicato

-

Il sultano Erdogan mette a tacere il suo più acerrimo nemico e lo fa con un colpo basso che dimostra un disprezzo viscerale per le regole della democrazia.

Nella notte di ieri (4 marzo, ndr) si è consumato si un orrendo spettacolo a Istanbul: usando cannoni ad acqua e gas lacrimogeni, la polizia ha fatto irruzione nella sede del quotidiano Zaman, in seguito alla decisione di un tribunale di commissariare il gruppo editoriale che controlla il giornale d'opposizione più diffuso in Turchia.

Con la forza, la polizia si è fatta spazio tra i manifestanti, che si erano radunati al di fuori della sede del giornale per protestare, disperdendoli, e ha poi fatto irruzione nell’edificio, rompendo il cancello, per cacciare i dipendenti del quotidiano e scortare all’interno i manager nominati dal tribunale.

Pubblicità
Pubblicità

L’accusa rivolta al gruppo editoriale ha il sapore della paranoia che contraddistingue ogni regime dittatoriale: “propaganda terroristica” a favore di un presunto “Stato parallelo” si legge nella nota del tribunale. Stato parallelo che sarebbe sostenuto dal nemico giurato del presidente Erdogan, e cioè l’imam Fethullah Gülen, fondatore e leader del movimento islamista Hizmet, da anni in auto-esilio negli Stati Uniti.

Lo scontro tra Erdogan e Zaman ha radici lontane ed è in buona parte riconducibile alla diatriba tra Erdogan e Gülen. I due una volta erano alleati e Zaman era una delle voci più autorevoli a sostegno dell’Akp, il partito di Erdogan. Una volta però che il sodalizio tra i due ha cominciato a vacillare, in seguito alle elezioni del 2011, che confermarono Erdogan primo ministro, Zeman cominciò a farsi critico nei confronti delle decisioni di Erdogan, fino a imporsi come principale giornale di opposizione del Paese.

Un megafono per l’opposizione la cui tiratura sfiora il milione di copie di diffusione e che è stampato in 11 Paesi, distribuito in 35 e pubblicato in 10 lingue diverse.

Pubblicità
Pubblicità

Nel 2013 il governo di Erdogan è stato travolto da uno scandalo di corruzione che ha colpito ministri e burocrati dell’Akp, con gravi ripercussioni per lo stesso Erdogan. Da allora lo scontro con Gülen è divenuto frontale, con quest’ultimo accusato di aver esercitato pressioni sugli organi di giustizia per montare lo scandalo.

Cominciò così la resa dei conti. Il 14 dicembre 2014, due dozzine di giornalisti vicini a Gülen furono arrestati, tra i quali anche l’ex direttore di Zaman, Ekrem Dumanli. Dumanli e altri setter reporter furono però rilasciati sette giorni più tardi, per mancanza di prove.

Il governo turco ha sequestrato una delle ultime voci critiche della Turchia… È la fine della democrazia”, ha commentato ieri Emre Soncan, uno dei giornalisti di Zaman. Il direttore della testata, Abdulhamit Bilici, ha invece dichiarato: “La democrazia continerà e la voce dei media liberi non sarà zittita, anche se dovremo scrivere sui muri. Non credo sia possibile mettere a tacere la stampa nell'era digitale”.

Stamattina i giornalisti di Zaman sono stati fatti rientrare in redazione dalla polizia turca, dopo un controllo di identità per ciascuno di loro. “Ecco come noi giornalisti dovremmo fare il nostro lavoro. Sotto il controllo delle forze speciali e con la polizia dentro gli uffici”, ha twittato acido Abdullah Bozkurt, uno dei più noti editorialisti del quotidiano.

L’assalto alla redazione di Zaman rappresenta un fatto gravissimo, che i leader europei non possono ignorare, a due giorni dal summit in cui Ankara e vari capi di stato e di governo Ue saranno chiamati a negoziare la gestione della crisi dei migranti.

Se l’Unione europea dovesse chiudere un occhio sulla vicenda di Zaman, in cambio di un buon accordo sui profughi, si renderebbe complice dello stesso Erdogan, dando prova di ipocrisia rispetto ai valori che ha iscritto nero su bianco nei trattati e che si è impegnata a difendere nelle sue relazioni con il resto del mondo. 

 

Pubblicità
Pubblicità
Pubblicità
Pubblicità

  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Affitto con riscatto, un’ottima opportunità per acquistare casa
    Una possibile alternativa per acquistare casa potrebbe essere l’affitto con riscatto. Negli ultimi anni, la mancanza di liquidità, le garanzie delle banche sempre più stringenti e gli alti tassi di intesse, incidono negativamente sull’acquisto di... The post Affitto con riscatto, un’ottima opportunità per acquistare casa appeared first on Benessere Economico.
  • Attivata la seconda sessione di contributi a fondo perduto per Associazioni sportive, come funziona
    Dopo i danni subiti dalle associazioni sportive a causa delle restrizioni dovute all’emergenza covid, il Dipartimento per lo Sport della Presidenza del CdM ha destinato un fondo di 50 milioni per Ssd e Asd. Contributi... The post Attivata la seconda sessione di contributi a fondo perduto per Associazioni sportive, come funziona appeared first on Benessere […]
  • Reddito di libertà, attivata la procedura per l’invio delle domande
    Dopo l’annuncio di qualche mese fa, il reddito di libertà ora è pronto per essere erogato a tutte le donne in difficoltà e vittime di violenza. Reddito di libertà, cos’è La misura che prevede un... The post Reddito di libertà, attivata la procedura per l’invio delle domande appeared first on Benessere Economico.
  • Bonus idrico pronto, ma sito offline: le domande al via dal 2022
    Manca poco all’arrivo del Bonus idrico che permette di ricevere un rimborso di 1000 euro per chi sostituisce rubinetti di bagno e cucina. Ad oggi anche se sembra tutto pronto per l’avvio della nuova agevolazione,... The post Bonus idrico pronto, ma sito offline: le domande al via dal 2022 appeared first on Benessere Economico.
  • Il futuro corre verso un’economia circolare: nuovi modelli di rigenerazione e sviluppo
    Il futuro dell’economia, dovrà evolversi tenendo conto della missione che ormai accomuna tutti gli stati del mondo, la sostenibilità. Di fatto, per avvicinarsi verso un’economia circolare che riduca la produzione dei rifiuti, garantisca uno sviluppo... The post Il futuro corre verso un’economia circolare: nuovi modelli di rigenerazione e sviluppo appeared first on Benessere Economico.
  • Boom di adesioni per il Bonus Terme, cosa possono fare gli esclusi
    Dopo le difficoltà iniziali, il Bonus terme ha riscontrato un a grande affluenza, tanto da esaurire i fondi nel giro di poche ore. Un boom di adesioni che però ha lasciato milioni di italiani esclusi... The post Boom di adesioni per il Bonus Terme, cosa possono fare gli esclusi appeared first on Benessere Economico.

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

  • Pubblicità
    Pubblicità

Necrologi

Categorie

di tendenza