Connect with us
Pubblicità

Trento

Tar di Bologna: sentenza a favore di un ragazzo con DSA.

Bocciato in prima liceo perché per i professori non studiava abbastanza. Invece era dislessico. E gli stessi insegnanti, dice ora una sentenza del Tar di Bologna, che ha riammesso lo studente alla classe successiva, non hanno considerato questa sua patologia ampiamente segnalata e certificata. La sentenza è eclatante ed è destinata a far discutere, rispetto ai percorsi accidentati che vive tra i banchi chi soffre di disturbi specifici dell'apprendimento, i cosiddetti "DSA".

Pubblicato

-

Bocciato in prima liceo perché per i professori non studiava abbastanza. Invece era dislessico. E gli stessi insegnanti, dice ora una sentenza del Tar di Bologna, che ha riammesso lo studente alla classe successiva, non hanno considerato questa sua patologia ampiamente segnalata e certificata. La sentenza è eclatante ed è destinata a far discutere, rispetto ai percorsi accidentati che vive tra i banchi chi soffre di disturbi specifici dell'apprendimento, i cosiddetti "DSA".

Il caso è denunciato dalla famiglia che, dopo la bocciatura al Sabin nel giugno scorso, ha iscritto il figlio in un liceo paritario. Lo studente ha ricominciato dalla prima, per poi passare in seconda a dicembre, quando è arrivata la sentenza del Tar, che non è stata impugnata dall'Avvocatura dello Stato.

Pubblicità
Pubblicità

«Una scelta che non avrei voluto fare, perché ho sempre creduto nella scuola pubblica, ma voglio così denunciare l'impreparazione che c'è sui Dsa, gli ostacoli incontrati, le sofferenze e le ingiustizie come la bocciatura, che hanno annientato l'autostima di mio figlio – spiega la mamma -. Tra l'altro, nel nostro caso, la diagnosi è arrivata tardi, nonostante siamo stati sempre presenti e disponibili ad approfondire il perché di quelle solite frasi: è intelligente, ma potrebbe fare di più, è svogliato». 

I giudici, ripercorrendo la vicenda, ricordano le misure "dispensative" prescritte dalla legge per chi è dislessico, disortografico e discalculico, come in questo caso: la "sintesi vocale", che trasforma un compito di lettura in un compito di ascolto, il registratore per prendere appunti, l'uso della calcolatrice, programmi di videoscrittura con correttore ortografico. Per concludere: la scuola, «pur in possesso di una diagnosi di disturbi specifici dell'apprendimento già nel dicembre 2014 e nonostante abbia predisposto apposito piano didattico personalizzato, non ha poi dato concreta attuazione ad esso». 

La bocciatura è stata decisa sulla base dei voti, in particolare i "quattro" in inglese e in italiano. «Ma dallo stesso verbale del consiglio di classe che all'unanimità ha deciso di non ammettere l'alunno alla classe successiva – scrivono i giudici – traspare che i problemi di "gravi difficoltà" nella rielaborazione ed esposizione dei contenuti delle varie materie "sono stati considerati come la conseguenza di carenze applicative e negligenze del discente, mentre i comportamenti del ragazzo non sono stati valutati alla luce del fatto che aveva una certificazione Dsa". Inoltre, si legge, nelle materie di indirizzo la sufficienza era piena». 

«La bocciatura va motivata in riferimento alle caratteristiche dello studente, questo non è stato fatto. E nelle materie in cui il ragazzo era più in difficoltà, come italiano e inglese, questo è stato ancora più disatteso», commentano i legali Claudio Paolini e Alessandra Martalò. «Una sentenza importante per Bologna, in altre parti d'Italia i giudici si sono già espressi in tal senso. Un messaggio per le altre famiglie: è possibile fare qualcosa. Riscontriamo che spesso nelle scuole c'è una scarsa formazione in materia di Dsa». Il caso è seguito dall'associazione di volontariato Relessica.

Gli avvocati, e la stessa associazione, sono chiari: la dislessia, come la disortografia, disgrafia e discalculia, non sono malattie né disabilità.

«La scuola ha rispettato il piano personalizzato, il consiglio di classe ha ritenuto che lo studente non avesse le conoscenze necessarie per la promozione – replica la preside del liceo -. Comunque, quando avrò l'atto, cercherò di capire dove abbiamo sbagliato. Le sentenze servono anche a migliorare».

Pubblicità
Pubblicità

Questo articolo riprende, con lievi modifiche, un testo di Ilaria Venturi apparso su La Repubblica del 27.02.2016

{facebookpopup2}

Pubblicità
Pubblicità
Pubblicità
Pubblicità

  • Pubblicità
    Pubblicità
Val di Non – Sole – Paganella21 minuti fa

Si schianta nella notte alle porte di Denno

Arte e Cultura1 ora fa

Al via i “Laboratori del Gusto” per coniugare cibo e paesaggio

Val di Non – Sole – Paganella1 ora fa

Un’auto imbocca una strada ghiacciata e si incastra tra la rampa e il guardrail: recuperata dai Vigili del Fuoco di Denno

Rovereto e Vallagarina2 ore fa

Scomparsi mentre andavano a casa dei famigliari: ritrovati nella notte 11enne e 12enne di Rovereto

economia e finanza2 ore fa

Pubblicità intelligente e a basso costo con le shopper personalizzate

Val di Non – Sole – Paganella4 ore fa

Ernesto Seppi è il nuovo Presidente del Consorzio Melinda

Viaggi Estero4 ore fa

Le 5 migliori gare di trail running negli USA

Italia ed estero4 ore fa

Avversione e paura verso i migranti: l’Italia è al quarto posto nel mondo

Valsugana e Primiero5 ore fa

Carzano: a fuoco una legnaia nelle vicinanze delle abitazione. Rapido intervento dei vigili del fuoco

Giudicarie e Rendena5 ore fa

Perde il controllo della vettura e sbatte contro la parete della galleria, ferito un anziano

Valsugana e Primiero6 ore fa

Morto sabato sera don Giuseppe Beber originario di Pergine Valsugana

Food & Wine6 ore fa

Cucina, ricette: gennaio tutto vegetale per una ripartenza leggera

Fiemme, Fassa e Cembra17 ore fa

Vola con la macchina in un dirupo per 200 metri, gravissimo 88 enne di Predazzo

Fiemme, Fassa e Cembra17 ore fa

La storia di Michela: «La mia vita come un arcobaleno e un sogno da raggiungere»

Trento19 ore fa

Coronavirus: contagi in calo e ricoveri stabili nelle ultime 24 ore in Trentino

Trento2 settimane fa

Nel 2021 su «La Voce del Trentino» lette oltre 30 milioni di pagine da 8 milioni di lettori

Trento1 settimana fa

Coronavirus: una vittima e 972 nuovi contagi nelle ultime 24 ore

Trento2 settimane fa

Coronavirus: nuovo record di contagi nelle ultime 24 ore. Sempre stabili i ricoveri

Trento2 settimane fa

Coronavirus: 2.372 contagi e due morti nelle ultime 24 ore in Trentino

Trento2 settimane fa

Coronavirus: due morti e 2.290 contagi nelle ultime 24 ore. Calano sensibilmente i ricoveri

Trento2 settimane fa

Coronavirus: due vittime e 807 nuovi contagi nelle ultime 24 ore in Trentino

Trento2 settimane fa

Coronavirus: 408 nuovi casi e nessun decesso nelle ultime 24 ore in Trentino

Trento2 settimane fa

Coronavirus: record di contagi in Trentino nelle ultime 24 ore. Morta una donna di 55 anni

Trento2 settimane fa

Coronavirus: 1.307 nuovi contagi in Trentino nelle ultime 24 ore. Superato il milione di vaccinazioni

Trento3 settimane fa

Coronavirus: 1 decesso e 938 contagi nelle ultime 24 ore. Calano i ricoveri in terapia intensiva

Trento3 settimane fa

Coronavirus: 894 contagi nelle ultime 24 ore in Trentino. C’è anche una vittima. Stabili i ricoveri

Trento3 settimane fa

Coronavirus: altri 3 morti nelle ultime 24 ore in Trentino

Trento3 settimane fa

Fugatti: «Lupi grave problema di sicurezza, attendiamo l’approvazione del piano di gestione guida costruito per il Trentino»

Trento3 settimane fa

Coronavirus: nessun decesso e 139 contagi nelle ultime 24 ore in Trentino

Trento3 settimane fa

Coronavirus: 3 vittime e 502 contagi nelle ultime 24 ore in Trentino

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

  • Pubblicità
    Pubblicità

Unico&Bello

Orient Express la Dolce Vita: in Italia un nuovo modo di vivere il Paese

A breve in Italia arriverà un nuovo modo di vivere e conoscere il Paese, in carrozze di lusso ispirate al design degli anni ‘60/’70. L’Italia si presenta al…

Vaia Cube e Vaia Focus: nuova vita agli alberi abbattuti da Vaia

Sono numerose le aziende ed i privati che hanno deciso, negli ultimi anni, di donare nuova vita e dignità ai 42 milioni di alberi abbattuti dalla tempesta Vaia…

2050: come ci arriviamo? Mobilità sostenibile, più pulita, più veloce, più sicura e per tutti

Dal 22 dicembre 2021 al MUSE – Museo delle Scienze di Trento, la mostra “2050: COME CI ARRIVIAMO? Mobilità sostenibile, più pulita, più veloce, più sicura e per…

L’Altopiano Tibetano e Nepal in due splendide mostre fotografiche virtuali

L’Altopiano Tibetano noto per alcuni dei pascoli più grandi al mondo, non consente lo sviluppo di una vera e propria attività agricola. Anche per questo le popolazioni dell’Altopiano…

Necrologi

Categorie

di tendenza